MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail

IN PRIMO PIANO....

Redazione di Met
Musica dal grande schermo, le grandi colonne sonore in versione sinfonica
Martedì 7, mercoledì 8 e giovedì 9 luglio 2020 – ore 21
Cortile di Michelozzo - Palazzo Medici Riccardi – via Cavour 3 – Firenze
ORCHESTRA DA CAMERA FIORENTINA
Direttore GIUSEPPE LANZETTA
Pianoforte FERNANDO RAMSÉS PEÑA DÍAZ
Tromba RAFFAELE CHIELI
Musiche di N. Piovani, E. Morricone, L. Bacalov, N. Rota, E. Morricone

Tre serate per lasciarsi cullare dalle più amate colonne sonore del cinema: da “La vita è bella” a “Nuovo Cinema Paradiso”, da “C'era una volta in America” a “Il gattopardo”. E ancora, “Il Padrino”, “La leggenda del pianista sull'Oceano”, “Amarcord”, “Otto e mezzo”…

Da martedì 7 a giovedì 9 luglio, i concerti dell’Orchestra da Camera Fiorentina nel cortile di Palazzo Medici Riccardi, a Firenze, continuano con “Musica dal grande schermo”, omaggio alla settima arte e alle sue melodie.

I biglietti – 20/15 euro – sono disponibili nei punti Box Office Toscana e, nei giorni dei concerti, a Palazzo Medici Riccardi dalle ore 10,30. In alternativa si possono acquistare online su www.ticketone.it. Sono previste riduzioni per studenti (muniti di tesserino), over 65 (muniti di documento), titolari della “Firenze Card” del Comune di Firenze e soci Unicoop Firenze.

“Musica dal grande schermo” è una cavalcata attraverso celebri partiture che Nicola Piovani (vincitore del premio Oscar per la miglior colonna sonora), Ennio Morricone e Nino Rota hanno regalato al cinema.

Sul podio dell’Orchestra da Camera Fiorentina sale il maestro Giuseppe Lanzetta (che cura anche gli arrangiamenti), solisti Fernando Ramsés Peña Díaz al pianoforte e Raffaele Chieli alla tromba.

Pianista, compositore e arrangiatore, Fernando Ramsés Peña Díaz si è diplomato in pianoforte classico con il massimo dei voti all’Università di Colima in Messico ed è a un passo dalla laurea in pianoforte jazz al conservatorio Santa Cecilia di Roma.
La sua carriera, iniziata in tenera età, è costellata di premi e riconoscimenti. Vanta numerose esperienze internazionali e le sue musiche sono eseguite in Stati Uniti, Italia, Finlandia e Messico.

Non è da meno il curriculum di Raffaele Chieli: allievo di Marco Pierobon, ha suonato, tra gli altri, con la Southbank Sinfonia di Londra, con l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, con l’Orchestra Sinfonica di Milano G. Verdi. Prima tromba dell’Orchestra da Camera Fiorentina, svolge attività concertistica in Italia e all’estero.

Tutti i concerti dell’Orchestra da Camera Fiorentina si svolgono nel pieno rispetto delle misure di sicurezza per l’emergenza Coronavirus.

Programma completo www.orchestrafiorentina.it. Per informazioni e prenotazioni si può contattare la segreteria dell’Orchestra da Camera Fiorentina, tel. 055.783374 – 3391632869.

La 40esima stagione dell’Orchestra da Camera Fiorentina è realizzata con il sostegno di Ministero dei beni e delle attività culturali, Regione Toscana, Città Metropolitana di Firenze, Comune di Firenze, Fondazione CR Firenze, Intesa Sanpaolo e Leggiero Real Estate.

Programma martedì 7, mercoledì 8 e giovedì 9 luglio 2020
N. Piovani La vita è bella
E. Morricone Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto
C'era una volta in America
Nuovo Cinema Paradiso
Gabriel's oboe
Il pianista sull'oceano
L. Bacalov Il Postino
N. Rota Ballabili da Il Gattopardo e Il Padrino
Omaggio a Federico Fellini (Lo sceicco bianco, Amarcord, La Srada, 8 e ½)
E. Morricone Western Suite

PROSSIMI APPUNTAMENTI

Sabato 11 luglio 2020 – ore 21
AUDITORIUM SANTO STEFANO AL PONTE - via Por S. Maria – Firenze
I SOLISTI DELL’ORCHESTRA DA CAMERA FIORENTINA
Flauto Angela Camerini
Clarinetto Francesco Darmanin
Arpa Annalisa Desantis
Violini Damiano Tognetti e Daria Nacheva
Viola Leonardo Bartali
Violoncello Leonardo Ascione
Oboe Davide Guerrieri
W.A. Mozart Quartetto in fa maggiore per oboe e archi, K1 370
W.A. Mozart Quartetto per flauto ed archi n. 1 in re maggiore, K 285
W.A. Mozart Quintetto in la maggiore per clarinetto, K. 581 "Stadler"

Mercoledì 29 e giovedì 30 luglio 2020 – ore 21
CORTILE DI MICHELOZZO - PALAZZO MEDICI RICCARDI – via Cavour – Firenze
Omaggio ad Astor Piazzolla
ORCHESTRA DA CAMERA FIORENTINA
Direttore GIUSEPPE LANZETTA
Fisarmonica e Bandoneon MARIO STEFANO PIETRODARCHI
E. Morricone Medley
A. Piazzolla Adios Nonino
A. Piazzolla Milonga del Angel
A. Piazzolla La muerte del Angel
N. Rota Medley
R. Molinelli Poi qualcuno
A. Piazzolla Violentango
A. Piazzolla Jorge Adios
A. Piazzolla Libertango

Orchestra da Camera Fiorentina
XXXX Stagione

Informazioni e prenotazioni
www.orchestrafiorentina.it - info@ orchestrafiorentina.it - Segreteria Orchestra tel. 055-783374

Biglietti
Biglietti 20/15 euro
Biglietto ridotto a 15 euro per studenti (muniti di tesserino) e over 65 (muniti di documento), titolari della “Firenze Card” del Comune di Firenze e soci Unicoop Firenze.

Prevendite
Box Office - via delle Vecchie Carceri, 1 (Firenze) - tel. 055 210804. Orario: mar/sab 10/19.30 - Lun 15.30/19.30 – www.ticketone.it. Prevendita anche presso il Museo di Orsanmichele e all’Auditorium di Stefano al Ponte nei giorni dei concerti, dalle 10,30 alle 21.
04/07/2020 12:34 Redazione di Met
Regione Toscana
Coronavirus e sovraffollamento, Rossi firma una nuova ordinanza: positivi inviati in albergo
In Toscana nelle ultime 2 settimane sono stati registrati 3 cluster familiari a Cortona (AR), Pian di Scò (AR) e Impruneta (FI): sono 18 persone straniere, provenienti da Paesi extra Schengen per cui vige l'obbligo della quarantena, che rappresentano più del 40% dei nuovi casi registrati. Nella maggior parte dei casi si tratta di casi prodotti dal sovraffollamento familiare. Per scongiurare il moltiplicarsi di questo tipo di focolai domestici e gestire al meglio i casi di contagio intrafamiliare, considerato che in questi casi l'isolamento dei positivi è determinante, il presidente Enrico Rossi ha firmato oggi una nuova ordinanza intitolata "Ulteriori misure di contenimento del contagio in ambito familiare e abitativo".

Nel testo si dà ai sindaci il mandato di adottare provvedimenti per trasferire le persone che risultino positive negli alberghi sanitari, fino ad oggi era possibile solo su base volontaria, eliminando così una delle principali cause di trasmissione del virus. I sindaci possono procedere grazie all'adozione delle ordinanze contingibili e urgenti a tutela della salute pubblica in caso di emergenze sanitarie o di igiene pubblica, a carattere esclusivamente locale, previste dall'articolo 50 del Testo unico degli enti locali (D.lgs. 18 agosto 2000, n.267). In caso di inosservanza le sanzioni vanno da 500 a 5000 euro.

Per tutti i contatti stretti delle persone colpite, familiari e non, saranno attivati controlli a tappeto, isolando e allontanando da casa via via tutti coloro che risulteranno positivi. Aumenteranno anche i test molecolari e sierologici per le persone di queste comunità, caratterizzate anche da alta mobilità all'interno del territorio regionale e ricche di momenti di incontro collettivi. Si tratta di persone per cui, anche a causa delle difficoltà linguistiche, è difficile essere informate sull’andamento epidemiologico generale. Si invitano quindi i Comuni ad attivare iniziative di comunicazione, nelle lingue parlate dalle principali comunità presenti in Toscana, con le principali precauzioni da prendere per evitare il contagio.
04/07/2020 22:12 Regione Toscana
Regione Toscana
Coronavirus: 9 nuovi casi, nessun decesso
In Toscana sono 10.285 i casi di positività al Coronavirus, 9 in più rispetto a ieri. I nuovi casi sono lo 0,1% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono dello 0,03% e raggiungono quota 8.841 (l'86% dei casi totali). I test eseguiti hanno raggiunto quota 352.549, 2.804 in più rispetto a ieri. Gli attualmente positivi sono oggi 330, +1,9% rispetto a ieri. Oggi non si registrano nuovi decessi.

Questi i dati - accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale - relativi all'andamento dell'epidemia in regione.

Si ricorda che a partire dal 24/06/2020, il Ministero della Salute ha modificato il sistema di rilevazione dei dati sulla diffusione del Covid-19. I casi positivi non sono più indicati secondo la provincia di notifica bensì in base alla provincia di residenza o domicilio.

Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri. Sono 3.206 i casi complessivi ad oggi a Firenze (6 in più rispetto a ieri), 536 a Prato (2 in più), 748 a Pistoia, 1.052 a Massa, 1.351 a Lucca, 932 a Pisa, 479 a Livorno, 680 ad Arezzo, 429 a Siena, 401 a Grosseto (1 in più). Sono 471 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni.

8 in più quindi i casi riscontrati oggi nell'Asl Centro, 0 nella Nord Ovest, 1 nella Sud est.

La Toscana si conferma al 10° posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 276 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 400 x100.000, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Massa Carrara con 540 casi x100.000 abitanti, Lucca con 348, Firenze con 317, la più bassa Livorno con 143.

Complessivamente, 316 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (più 5 rispetto a ieri, più 1,6%).

Sono 1.063 (meno 170 rispetto a ieri, meno 13,8%) le persone, anch'esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate (ASL Centro 403, Nord Ovest 598, Sud Est 62).

Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti COVID oggi sono complessivamente 14, 1 in più di ieri (più 7,7%), di cui 2 in terapia intensiva (stabili rispetto a ieri).

Le persone complessivamente guarite salgono a 8.841 (più 3 rispetto a ieri, più 0,03%): 226 persone “clinicamente guarite” (più 2 rispetto a ieri, più 0,9%), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all'infezione e 8.615 (più 1 rispetto a ieri, più 0,01%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con doppio tampone negativo.

Oggi non si registrano nuovi decessi.

Restano quindi 1.114 i deceduti dall'inizio dell'epidemia cosi ripartiti: 407 a Firenze, 52 a Prato, 81 a Pistoia, 170 a Massa Carrara, 141 a Lucca, 89 a Pisa, 61 a Livorno, 48 ad Arezzo, 33 a Siena, 24 a Grosseto, 8 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione.

Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 29,9 x100.000 residenti contro il 57,7 x100.000 della media italiana (11° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (87,2 x100.000), Firenze (40,2 x100.000) e Lucca (36,4 x100.000), il più basso a Grosseto (10,8 x100.000).
05/07/2020 20:21 Regione Toscana
Città Metropolitana di Firenze
Viabilità, interventi della Metrocittà sulle strade dell'Empolese Valdelsa
In questi giorni l'ufficio Viabilità della Città Metropolitana ha avviato i lavori di sfalcio sulle banchine delle strade provinciali di competenza nella zona dell'Empolese Valdelsa. "Il programma - spiega Giacomo Cucini, Sindaco di Certaldo e consigliere della Metrocittà delegato alla Viabilità in questa parte del territorio - prevede una serie di interventi che saranno effettuati lungo tre mesi. Dunque un impegno strutturato in modo da recare il minimo disagio e portare invece a una maggiore sicurezza per tutti".
Sono iniziati anche i lavori di manutenzione per pavimentazioni, segnaletica e riparazione delle barriere stradali di alcune strade provinciali nei comuni di Fucecchio, Cerreto Guidi, Vinci, Empoli e Montespertoli.

Appena saranno siglati i decreti di finanziamento rispettivamente da parte della Regione e del Ministero dei Trasporti, partiranno anche gli interventi di manutenzione straordinaria sulla Sr 436 (Variante di San Pierino) e sulle Sp 46 e 79 nei territori dei comuni di Montaione e Certaldo.

Tra i prossimi obiettivi della Metrocittà anche attivare risorse per finanziare interventi sulle Sp 76 e 26.
A breve in progettazione i lavori per la messa in sicurezza della frana sulla Sp 79.

04/07/2020 15:22 Città Metropolitana di Firenze
Comune di Firenze
Giardino dedicato a Bianca Bianchi
È una delle 21 donne che furono elette all’Assemblea Costituente. A Bianca Bianchi (1914-2000), insegnante, scrittrice, vicesindaca del Comune di Firenze e assessora alle questioni legali e affari generali dal 1970 al 1975, è stato dedicato un giardino all’interno di piazza della Costituzione.
La cerimonia questa mattina alla presenza della vicesindaca e assessora alla toponomastica Cristina Giachi ed Elettra Lorini, ex sindaca di Vicchio.
"Donna straordinaria, una protagonista del secolo passato - ha sottolineato la vicesindaca Giachi - ci piace pensare che oggi sia tra i modelli ai quali ci si può ispirare".


http://www.enciclopediadelledonne.it/biografie/bianca-bianchi/:

Bianca Bianchi era nata a Vicchio, in provincia di Firenze, in una famiglia di modeste condizioni: il padre, Adolfo, fabbro e segretario della locale sezione socialista, morì quando lei aveva sette anni e allora la madre, insieme con lei e con la figlia maggiore, si trasferì a Rufina presso l’abitazione dei suoi genitori. Fu proprio il nonno, un contadino antifascista, a stimolare Bianca con discussioni letterarie e religiose e a darle i primi rudimenti di politica. La giovane rivelò ben presto un grande interesse per lo studio e – grazie all’appoggio del nonno e nonostante la contrarietà della madre – si trasferì a Firenze per frequentare la scuola magistrale prima e la Facoltà di Magistero poi.
Nel 1939 si laureò con ottimi voti in Filosofia e Pedagogia con il professor Ernesto Codignola, con una tesi sul problema religioso in Giovanni Gentile che fu pubblicata l’anno successivo. Insegnò in diversi istituti superiori di varie città ma i suoi metodi, ispirati alla libertà e al dialogo, erano in contrasto con i principi della scuola fascista. Entrata più volte in conflitto con i suoi dirigenti, abbandonò con grande fierezza l’insegnamento in Italia, accettando nel 1941 un incarico in Bulgaria.
Rientrata in patria nel 1942, dopo la caduta del fascismo e la firma dell’armistizio, partecipò, su invito del professor Codignola, alle riunioni del Partito d’Azione, contribuendo attivamente alla Resistenza; ma, dopo la Liberazione, lasciò il partito azionista, giudicandolo troppo elitario, per aderire allo Psiup – Partito socialista italiano di unità proletaria, nato nel 1943 dalla fusione del Psi con il Movimento di Unità Proletaria – e si impegnò a tempo pieno nella politica. Durante la campagna elettorale acquisì da subito molti consensi tra la base, anche grazie alle sue abilità oratorie, al punto che le fu proposto di presentarsi come capolista alle elezioni per l’Assemblea Costituente. Ciò però suscitò non poche reazioni. In particolare i vecchi militanti, sventolandole sotto gli occhi la “tessera ingiallita dell’antimarcia” (“come se l’anzianità fosse sinonimo di intelligenza”), le rimproveravano, di fatto, la giovinezza: vedevano in lei “lo strumento giusto per accrescere voti e attirare le donne fuori dall’indifferenza. Servivo insomma ai fini della propaganda elettorale, ma in cuor loro speravano che non venissi eletta”. E, a ulteriore dimostrazione di quanto sia stato difficile il suo rapporto con il partito, a distanza di anni Bianchi racconterà che ai tempi della Costituente le fu chiesto “di firmare una lettera di dimissioni preparata in antecedenza”.
Come capolista fu indicato Sandro Pertini, ma Bianca ottenne il doppio delle sue preferenze. Nel novembre del 1946 venne poi eletta al Consiglio comunale di Firenze, anche qui con il maggior numero di preferenze.
All’interno dell’Assemblea Costituente ricoprì, insieme a Teresa Mattei, la carica di Segretaria di Presidenza. Le cronache si occuparono subito di lei, non per parlare del suo impegno e del suo lavoro, ma del suo abbigliamento e dei suoi capelli biondi. In occasione della seconda seduta della Costituente, il 26 giugno 1946, su un quotidiano nazionale veniva così descritta:
"vestiva un abito color vinaccia e i capelli lucenti che la onorevole porta fluenti e sciolti sulle spalle le conferivano un aspetto d’angelo. Vista sull’alto banco della presidenza dove salì con i più giovani colleghi a costituire l’ufficio provvisorio, ingentiliva l’austerità di quegli scanni.
E commenta il giornalista Jader Jacobelli, che seguì i lavori della Costituente per la rubrica Oggi a Montecitorio: “La chiamavano tutti “la Biondissima”, come se fosse una vamp, e non una delle deputate più preparate che siano passate da Montecitorio”.
Intervenire in aula non le fu affatto facile; anzi le richiese grande coraggio e tenacia, come lei stessa racconta in un suo libro. Era un diritto che le fu contestato in nome di regole politiche non scritte e, evidentemente, perché donna (“penso a nonno Angiolo, a quanta verità mi disse quando stavo per intraprendere questo lavoro: “tu sei una donna”). Inizialmente Bianca non capisce cosa stia succedendo, “poi, metto insieme il mosaico di parole e di sguardi e: Dio, ce l’hanno con me. Sono io l’accusata. Non vogliono che parli sulle dichiarazioni del Governo. Chi mi ha autorizzato? Ho avuto forse l’incarico dal partito? Non so che ogni intervento in aula deve essere discusso e approvato dagli organi direttivi? […]. Non si può parlare quando si vuole […]. Posso essere brava a fare un comizio ma, che diamine, parlare alla Camera è un’altra cosa […]. La più accanita contro di me è Lina Merlin: ma guarda, penso, una donna contro un’altra donna, dovrebbe sostenermi, aiutarmi. Sono ferita nell’amor proprio e decido di non permettere nessun boicottaggio su di me. […] è diventata una sfida. Ingoio saliva amara, la pelle mi brucia addosso come fosse stata frustata, ma resto in silenzio. Non siamo i rappresentanti di coloro che ci hanno dato il voto? Per loro parlerò”.
Decisa a non mollare, affronta Saragat, che però la tranquillizza: “Tu parlerai perché ti farò parlare io, ricordalo, sono il presidente. Ti chiamerò alla tribuna martedì pomeriggio. Preparati bene”. Il 22 luglio 1946, quando le viene data la parola, ha un momento di panico, ma poi inizia a parlare
“con calma e saggezza come si addice a un’aula parlamentare, quasi che una sapienza antica guidi il pensiero che non ha più paura. Quando finisco il presidente si alza, viene verso di me, mi stringe la mano e si congratula: l’assemblea si leva in piedi con un applauso prolungato. I miei colleghi di partito mi accolgono sorridenti”.
Il giorno dopo un giornale intitolerà A Montecitorio nasce una prima attrice giovane.
Al Congresso del partito del 1947 decise di seguire la minoranza di Saragat, a cui la legava anche una profonda amicizia, nel Partito Socialista dei Lavoratori Italiani – divenuto poi Psdi (Partito Socialista Democratico italiano) – nelle cui liste venne candidata, ed eletta, nella prima Legislatura nel 1948. Numerose furono le proposte di legge che presentò: da quelle sulla scuola – in particolare contro le sovvenzioni statali alla scuola privata, sospettata di concedere con troppa facilità diplomi e titoli, con una gestione “mercantile”, alle quali propose di sostituire la parificazione, che offriva migliori garanzie attraverso regolari concorsi per il reclutamento degli insegnanti – a quelle sulle pensioni, sull’occupazione e sulla ricerca di paternità. Ma il tema che più le stava a cuore era quello del “riconoscimento dei figli naturali” – come dimostra anche il libro che ha scritto sull’argomento, I figli di nessuno, ricco di dati e di argomentazioni – di cui parlerà anche al Congresso Internazionale delle Donne ad Amsterdam, destando scalpore e sdegno quando racconterà che in Italia sui documenti del figlio naturale, perfino sulla pagella scolastica, veniva riportata la dizione di figlio di NN (Nomen Nescio). Al suo ritorno, iniziò a lavorare a un progetto di legge, in cui si prevedeva l’allargamento della ricerca della paternità, il riconoscimento obbligatorio da parte della madre, migliore assistenza alle madri nubili, superamento di ogni discriminazione giuridica o sociale tra bambini nati dentro o fuori dal matrimonio: proposta che venne respinta, rivelando le notevoli resistenze che ancora c’erano a questo riguardo; bisognerà attendere il 1955 perché una legge abolisse dai documenti anagrafici la menzione della nascita illegittima.
Dopo quella prima legislatura, Bianca Bianchi non fu più rieletta e riprese con entusiasmo il suo impegno per la scuola – fondando anche a Montesenario la “Scuola d’Europa”, centro educativo di sperimentazione didattica, strutturato secondo il metodo Pestalozzi, che accoglieva ragazzi delle scuole elementari e medie provenienti da tutta l’Italia centro-settentrionale – e la sua attività di scrittrice. Rientrò in politica quasi venti anni dopo, eletta consigliera comunale e poi vicesindaco e Assessora alle questioni legali e affari generali a Firenze, dove si spense il 9 luglio del 2000.
04/07/2020 08:52 Comune di Firenze
Comune di Firenze
Edilizia scolastica, lavori a Firenze per oltre 15 milioni di euro

L’impegno dell’amministrazione sulla scuola non va in vacanza. Gli interventi previsti sul patrimonio edilizio scolastico durante l’estate ammontano infatti a oltre 15 milioni di euro. Dal completamento dell’auditorium della scuola Guicciardini a interventi di adeguamento sismico e antincendio fino alle manutenzioni straordinarie edili e quelle relative all’impiantistica: sono molti e dislocati in tutti i quartieri della città.

“Mai come adesso è urgente far sì che i nostri bambini e ragazzi possano trovare al loro rientro a scuole strutture efficienti, e sicure. – spiega l’assessore comunale all’Educazione Sara Funaro – Investiamo oltre 15 milioni di euro nella cura degli istituti, una cifra importante che dimostra l’attenzione dell’amministrazione su questo fronte e che riguarda plessi distribuiti in tutta la città. Due nuove strutture, ovvero il completamento dell’auditorium della scuola Guicciardini e una tensostruttura polivalente a supporto del nuovo biennio dell’I.S.I.S Leonardo Da Vinci, interventi antisismici, antincendio, manutenzioni straordinarie e ordinarie: è fondamentale garantire sempre elevati standard di sicurezza. In questo senso è importante anche la continua e attenta valutazione sulla staticità sismica degli edifici scolastici effettuata grazie alla convenzione con l’Università degli Studi di Firenze e Pisa. Contemporaneamente abbiamo svolto incontri con tutti i quartieri e dirigenti scolastici per programmare e partire in velocità con gli interventi di edilizia leggera e gli acquisti degli arredi per la ripartenza a settembre che saranno finanziati con l’avviso PON del ministero”.

“Con grande attenzione stiamo seguendo in sinergia con l’assessorato il piano per la ripresa dell'attività della scuola. - fanno presente i presidenti dei 5 quartieri - Come Quartieri siamo al servizio per curare oltre che il sistema generale anche quelle particolari soluzioni da realizzare scuola per scuola per consentire in modo sicuro e ordinato la ripresa dell'attività scolastica a settembre”.

Due gli interventi di realizzazione “ex novo”: il completamento dell’auditorium della scuola Guicciardini per un investimento di 2 milioni e 500 mila euro e la realizzazione di una tensostruttura polivalente adibita a palestra e sala riunioni a supporto del nuovo biennio dell'I.S.I.S. Leonardo Da Vinci per 130 mila euro. Rispetto a quest’ultimo intervento, ripartono le procedure per il contratto dopo la pronuncia del Tar a favore del Comune, i lavori inizieranno al più presto.

Ammontano a un milione e 200 mila euro gli interventi di adeguamento sismico. Nell’ambito del programma pluriennale di verifica degli edifici strategici e rilevanti che l’amministrazione sta portando avanti, è stato attivato uno studio teorico/sperimentale sul comportamento complessivo di tutti gli edifici ad uso scolastico attraverso una convenzione le Università di Firenze e Pisa. In particolare, sono in fase di esecuzione i lavori di adeguamento sismico della prima scuola, la primaria Torrigiani-Ferrucci per 400 mila euro e durante l’estate sarà oggetto di intervento anche l’asilo nido Cucù per 450 mila euro.

Proseguono gli interventi di adeguamento antincendio delle strutture scolastiche, sia per quanto riguarda le scuole che gli asili nido per oltre 4 milioni e 500 mila euro di investimenti.

Previsti durante l’estate, inoltre, vari e diversificati interventi negli edifici scolastici di tutti i quartieri per una cifra complessiva di oltre 6 milioni di euro, finalizzati al mantenimento in efficienza degli stessi, alla messa in sicurezza ed ai consolidamenti, al miglioramento delle condizioni di comfort e vivibilità, all’ installazione dell’aria condizionata nei nidi, alla ristrutturazione dei servizi igienici ed alla rifunzionalizzazione degli spazi. In particolare, negli istituti del quartiere 1 sono previsti lavori per oltre 1 milione e 400 mila euro, tra cui il restauro della facciata della scuola media Machiavelli in via del Drago d’oro, in corso, per 500 mila euro di spesa. Nei quartieri 2 e 3 interventi per oltre 1 milione di euro tra cui il restauro delle facciate e il completamento della revisione delle coperture alla scuola elementare Carducci in fase di ultimazione per un investimento di 500 mila euro. Lavori per 413 mila euro relativi a istituti del quartiere 4 e a oltre 3 milioni e 200 mila euro per quanto riguarda il quartiere 5.

Infine, un altro capitolo di interventi riguarda le manutenzioni straordinarie, il mantenimento in efficienza e l’adeguamento degli impianti, per investimenti di oltre 650 mila euro. (sa.ca.)

04/07/2020 12:46 Comune di Firenze
Comune di Pistoia
A Pistoia il nuovo Parco Frutteto San Jacopo
Un parco da ammirare, vivere e, perché no, mangiare un frutto appena colto da un albero. È il nuovo Parco Frutteto San Jacopo, realizzato dal Comune di Pistoia nell’area a verde attigua all’Ospedale San Jacopo.

Il parco nasce dall’idea del reparto giardini dei cantieri comunali di accogliere e mettere a disposizione di tutti il lascito di Giovanni Tesi, appassionato di botanica e di alberi da frutto che, nell’arco della sua vita ha selezionato e collezionato sapientemente semi e frutti, con una vera e propria ricerca di archeologia botanica.

Specie rare, antiche e di importazione, ma anche la ricerca delle stesse varietà di frutti in terreni diversi tra loro, come la Garfagnana, la Lunigiana e la collina pistoiese.

1,5 ettari di terreno coltivato con 322 piante (disposte in filari tra cui camminare e godere di un percorso naturalistico al riparo dallo stress cittadino), di 200 varietà di frutto differenti (con tempi di maturazione, sapori e profumi diversi tra loro), 6 specie (peri, meli, susini, ciliegi, gelsi e viti).

C’è il susino Strozzapreti, di San Quirico, a cui sono legate leggende e tradizioni popolari; la mela Decio, molto antica, già conosciuta ai tempi dei romani e di probabile origine veneta; la pera Campana Rugginosa Precoce, di Femminamorta, originaria delle regioni transcaucasiche e molto conosciuta dalle civiltà del mondo antico.

Il primo esempio, probabilmente a livello nazionale, di un parco frutteto di questo genere, totalmente accessibile a tutti e a fruizione completamente gratuita con consumo sul posto.
All’opera ha preso parte anche la Romiti Vivai di Pietro e Figli, una delle aziende vivaistiche tra le più antiche e importanti che operano nel territorio che, con entusiasmo, ha collaborato alla realizzazione del parco, mettendo a disposizione macchinari e personale.

«Anche Pistoia avrà un parco frutteto e sarà unico nel suo genere – commenta il sindaco Alessandro Tomasi –. La città acquisisce così un’area a verde tutta nuova, culla di una collezione di alberi da frutto di varietà rare e antiche, a tutela della biodiversità e nel rispetto totale dell’ambiente grazie all’utilizzo di prodotti per la lotta biologica. Un ringraziamento particolare a tutti coloro che hanno preso parte alla realizzazione di questo progetto, dagli operai del reparto giardini del cantiere comunale che hanno svolto un lavoro eccellente, alla Romiti Vivai che ha fornito un fondamentale contributo fornendo personale qualificato e macchinari per l’opera di espiantazione e ripiantumazione degli alberi, Legambiente Pistoia e l’Azienda Usl Toscana Centro per la sinergia e il supporto fornitici e ringrazio la famiglia Tesi per aver donato al Comune di Pistoia la preziosa raccolta del padre Giovanni».

A difesa dalle principali malattie delle piante si utilizzano prodotti consentiti nell’agricoltura biologica. La piantagione è servita da un impianto di irrigazione che rifornisce ogni singola pianta.

Il progetto è stato sviluppato in collaborazione con l’Azienda Usl Toscana Centro anche allo scopo di fornire uno spazio verde agli operatori sanitari e ai frequentatori dell’Ospedale San Jacopo. Un parco in cui godersi una pausa e immergersi in questo percorso naturalistico con l’opportunità di poter assaggiare un frutto appena colto.

E questo è solo l’inizio. Sono infatti in arrivo altre specie rare e autoctone di alberi da frutto che saranno piantati qui come fichi, loti e altre varietà speciali di viti che si aggiungeranno alla caratteristica Uva Lugliatica Sant’Anna di Lipsia, meglio conosciuta come San Jacopa, già piantumata. Il Parco Frutteto vuole essere un parco alla portata di tutti, e, chiunque, dal cittadino all’agronomo esperto, potrà contribuire a incrementare la collezione di alberi da frutto.

Il Parco Frutteto San Jacopo è stato realizzato dal Comune di Pistoia in collaborazione con Azienda Usl Toscana Centro, Romiti Vivai di Pietro e Figli, Legambiente Pistoia.
04/07/2020 12:20 Comune di Pistoia
Regione Toscana
Campi estivi con pernottamento, 250 mila euro dalla Regione per le attività
Duecentocinquanta mila euro sono stati stanziati dalla Regione nell’ambito di un avviso pubblico per la concessione di contributi finalizzati alla realizzazione di attività nei campi estivi con pernottamento, per promuovere il benessere psico-fisico e sociale di bambine e bambini, e di ragazze e ragazzi, tra i 6 e i 18 anni, per l’anno 2020. E’ quanto è stato deliberato dalla Giunta, nel corso dell’ultima seduta, su proposta dell’assessore al diritto alla salute, Stefania Saccardi.

“L'emergenza sanitaria e sociale, causata dagli effetti della diffusione del Covid e dei provvedimenti di protezione e isolamento, adottati a livello nazionale, hanno inciso fortemente sulle condizioni di benessere dei nostri bambini e dei nostri ragazzi, e in particolare di quelli con disabilità - spiega Saccardi -. Abbiamo, quindi, ritenuto opportuno sostenere le attività dei campi estivi con pernottamento, realizzate da enti senza scopo di lucro, con l’obiettivo di promuovere il benessere psico-fisico dei nostri giovani e giovanissimi e, nello stesso tempo, anche la loro socializzazione, integrazione ed educazione a corretti stili di vita, non venendo meno a quelli che sono sempre stati i nostri indirizzi programmatici”.

La delibera disciplina, dunque, gli elementi essenziali e i criteri necessari all’adozione di uno specifico avviso pubblico per la concessione di tali risorse, definendo le finalità e le tipologie degli interventi che potranno essere ammessi ai contributi, quanto i soggetti che potranno beneficiarne (associazioni, organizzazioni ed enti religiosi privati e senza scopo di lucro, con sede operativa all’interno del territorio toscano), le risorse finanziarie e le spese ammissibili per vitto, alloggio, trasporti, attività (ludiche, sportive, culturali, educative, civiche), rimborso spese dei volontari e compensi del personale impiegato nella realizzazione del soggiorno residenziale.

Le domande dovranno essere presentate entro le ore 23:59 del quindicesimo giorno successivo alla data di pubblicazione dell’avviso sul Burt.

La presentazione della domanda di contributo dovrà avvenire esclusivamente per via telematica, accedendo all’applicativo reso disponibile sul portale regionale all’indirizzo http://www.regione.toscana.it/sociale.
04/07/2020 12:18 Regione Toscana
Toscana Aeroporti Firenze e Pisa
EasyJet riattiva i collegamenti con l’aeroporto di Pisa
EasyJet riattiva i collegamenti con l’aeroporto di Pisa ripristinando tutte le rotte che erano state momentaneamente fermate per fronteggiare l’emergenza Covid-19.

A partire da oggi riprenderanno infatti in maniera graduale i collegamenti di linea diretti con gli aeroporti di Londra Luton e Londra Gatwick, Manchester, Parigi Orly e Berlino Schönefeld da e per l’aeroporto di Pisa.

Quello tra easyJet e l’aeroporto di Pisa è un legame di lunga data che quest’anno celebra i 15 anni di attività. easyJet rappresenta oggi la seconda compagnia aerea in termini di traffico presso il Galileo Galilei con oltre 630.000 passeggeri trasportati nel 2019 e ben 6,8 milioni tra il 2005 e il 2019.

“È con grande soddisfazione e orgoglio che annunciamo la ripresa dei voli da parte di un partner così importante per l’aeroporto di Pisa come easyJet. Il ritorno della compagnia anglosassone testimonia lo straordinario appeal della Toscana e rappresenta un ulteriore importante tassello per favorire la ripresa del traffico aereo presso il Galilei”, ha affermato il Presidente di Toscana Aeroporti Marco Carrai.

“La Toscana è per noi un mercato e una destinazione importante e siamo felici di poter tornare a contribuire alla connettività del territorio e supportare il sistema turistico attraverso i nostri collegamenti internazionali con l’Europa e il Regno Unito”, ha commentato Lorenzo Lagorio, country manager easyJet Italia.
04/07/2020 16:21 Toscana Aeroporti Firenze e Pisa
Comune di Empoli
Colonna Leopoldina, ancora un mesetto e il ‘simbolo’ di Santa Maria sarà recuperata
Procedono i lavori di restauro della colonna leopoldina a Santa Maria. Il manufatto risale alla metà dell’800 e domina il bivio fra Via Livornese e Via Lucchese.

Da qualche settimana l’amministrazione comunale di Empoli ha avviato i lavori per il suo recupero anche grazie alla mobilitazione di tutto un quartiere che ha voluto raccogliere fondi per riportare a nuova vita la colonna che rappresenta un simbolo per un’intera frazione.

Il denaro raccolto dalla cittadinanza di Santa Maria, oltre 10.000 euro, vede risorse importanti anche dell’amministrazione comunale che, con la supervisione della Soprintendenza di Firenze, si è occupata della progettazione, dell’affidamento e della realizzazione dei lavori. Il progetto esecutivo ha un budget totale di 27.000 euro. L’intervento è stato affidato alla ditta Fedeli Restauri di Firenze, specializzata in queste tipologie di lavori.

In questi giorni è terminato con successo, come si può apprezzare dalle immagini, il primo intervento che ha riguardato le parti in ghisa.

Si è trattato di una pulitura eseguita con micro sabbiatrice e rifinitura manuale con spazzola in setola sintetica per rimuovere lo strato di ossidazione superficiale. Tutte le componenti sono state protette con un prodotto specifico, con anche la stesura di una mano di convertitore di ruggine necessaria a preservare la ghisa dalla naturale ossidazione.

Nei prossimi giorni toccherà alla pietra, con trattamenti vati e stuccatura. Sarà restaurata anche la lapide segnavia esistente (quella con la scritta per Fucecchio e Lucca) e ripristina la targa mancante.
04/07/2020 09:48 Comune di Empoli
Comune di Firenze
Nuovo asfalto sulle rampe del Viadotto Marco Polo e in via dello Scalo, lavori all’illuminazione pubblica in via Vecchia di Pozzolatico
Nuovo asfalto sulle rampe del Viadotto Marco Polo da/per viale Europa, in via dello Scalo e via San Quirichino. Ma anche i lavori per la nuova illuminazione in via Vecchia di Pozzolatico e alla rete idrica in via di San Carlo. Sono solo alcuni degli interventi che prenderanno il via la prossima settimana sulle strade cittadine con l’istituzione di provvedimenti di circolazione.

Per quanto riguarda le asfaltature da lunedì 6 luglio sono in programma i lavori notturni in via dello Scalo con divieto di transito da via dell’Argin Grosso a via dell’Isolotto (orario 21-6). Termine previsto 8 luglio.

Inizieranno invece mercoledì 8 luglio l’asfaltatura delle rampe del Viadotto Marco Polo da e per viale Europa in direzione del casello autostradale. I lavori saranno effettuati in orario notturno (21-6) in due fasi in due notti consecutive. Nella prima fase è prevista la chiusura del tratto del viadotto dall’altezza della rampa di discesa su viale Europa verso il centro città e della rampa; nella seconda invece i lavori interesseranno solo la rampa di salita/discesa su viale Europa (verso Bagno a Ripoli).

Passando ai ripristini a seguito di interventi sui sottoservizi, lunedì 6 e martedì 7 luglio scatterà la chiusura di via della Sala (tra via dei Cattani e via degli Alli-Maccarani) e un restringimento di carreggiata in via degli Alli-Maccarani (da via della Sala per un tratto di una decina di metri). Inizieranno lunedì 6 luglio anche i lavori di asfaltatura in via San Quirichino con la chiusura del tratto via della Grillala-via delle Bagnese. Termine previsto 8 luglio. Anche in via del Ponte alle Mosse sono in programma ripristini a partire da lunedì 6 luglio con la chiusura della corsia preferenziale nel tratto via Lulli-via Bellini. Il provvedimento sarà in vigore fino al 9 luglio in orario 10-16.

Ecco gli altri principali lavori.

Via di San Carlo: da lunedì 6 luglio è in programma un intervento relativo a un nuovo allaccio alla rete idrica. Fino al 9 luglio sarà chiuso il tratto da piazza di Bellosguardo e via di Soffiano.

Via Giusti-via Gino Capponi: per lavori relativi alla rete di telefonia a partire da lunedì 6 luglio in via Giusti saranno istituiti divieti di sosta e di transito nel tratto Borgo Pinti-via Gino Capponi. Previsto anche un restringimento di carreggiata in via Gino Capponi tra via Micheli e via Giusti. L’intervento si concluderà il 24 luglio.

Via Giramonte-Passo dell’Erta-via delle Porte Sante-via del Monte alle Croci-viuzzo di Gattaia: inizieranno lunedì 6 luglio alcuni lavori di regolazione idraulica in via Giramonte altezza numero civico 11/3. Fino all’11 luglio la direttrice composta da Passo dell’Erta (tratto viale Galileo-via Giramonte)-via Giramonte (tratto Passo dell’Erta-via del Monte alle Croci)-viuzzo di Gattaia (da via Giramonte a fine strade) sarà chiusa.

Via della Torre: per lavori relativi a un nuovo impianto di videosorveglianza da lunedì 6 e fino al 15 luglio sarà chiuso il tratto da via del Gignoro a fine strada senza sfondo. Da mercoledì 9 al 20 luglio si aggiungeranno anche di un restringimento di carreggiata e senso unico alternato con movieri in corrispondenza della rotatoria tra via della Torre e via Palazzeschi. Stessi provvedimenti anche nel tratto dall’uscita della rotatoria verso via della Capponcina.

Volta dei Tintori: per un trasloco con scala aerea lunedì 6 luglio scatteranno divieti di sosta e transito in orario 7-19.

Via delle Caldaie: da lunedì 6 luglio prenderanno il via alcuni lavori edili. Il primo giorno sarà effettuato il montaggio del ponteggio con la chiusura in orario 9-19 del tratto via del Campuccio-via Santa Maria. Da martedì 7 e fino al 18 agosto i divieti di transito sono programmati nei giorni di lunedì e giovedì in orario 14-16. Negli altri giorni/orari sarà in vigore un restringimento di carreggiata all’altezza del cantiere (a cavallo del numero civico 32). Per lo smontaggio del ponteggio il 19 agosto scatterà nuovamente la chiusura del tratto via del Cappuccio-via Santa Maria orario 9-19.

Via del Rondinino: per effettuare la movimentazione di elementi prefabbricati in legno lunedì 6 luglio sarà istituito un divieto di transito da via del Guarlone a via Clemente Rebora. Termine previsto 10 luglio.

Via Palazzuolo: per lavori edili con piattaforma aerea da lunedì 6 luglio la strada sarà chiusa da via dei Canacci a via dell’Albero. Previsto anche il cambio di senso in via dell’Albero (in direzione di via Palazzuolo) e in via Palazzuolo nel tratto via Maso Finiguerra-via degli Orti Oricellari verso quest’ultima. I provvedimenti saranno in vigore fino al 10 luglio.

Via delle Oche-via Sant’Elisabetta: per scarico/carico nuove vetrine di un negozio lunedì 6 e martedì 7 luglio in via delle Oche è previsto un divieto di transito (da via Sant’Elisabetta e via dello Studio) mentre in via Sant’Elisabetta scatterà l’inversione del senso di marcia nel tratto via delle Oche-Corso verso quest’ultimo.

Via Vecchia di Pozzolatico-via del Lastrico: inizieranno martedì 7 luglio i lavori di realizzazione dell’impianto di illuminazione pubblica. Fino al 17 agosto via Vecchia di Pozzolatico sarà chiusa da via dei Campi Lunghi a via della Luigiana. Chiusura anche per via del Lastrico da via Vecchia di Pozzolatico a via del Poggio alla Scaglia.

Via dei Serragli-chiasso Cornino: martedì 7 e mercoledì 8 luglio è in programma un trasloco in due fasi. La prima è prevista martedì e prevede la chiusura dalle 6 alle 18 di chiasso Cornino (da via delle Terme a Borgo Santi Apostoli). La seconda scatterà mercoledì con il divieto di transito notturno (da mezzanotte alle 5) di via dei Serragli tra Borgo Stella e via Santa Monaca. Previsti anche il senso unico in via d’Ardiglione (tra Borgo Stella e via Santa Monaca verso quest’ultima) e in via Santa Monaca (tra via d’Ardiglione a via dei Serragli verso quest’ultima).

Via dello Studio: per scarico/carico nuove vetrine di un negozio mercoledì 8 e giovedì 9 luglio sarà in vigore un divieto di transito tra il Corso e via delle Oche.

Via Gioberti-via dell’Orcagna: per lavori edili con piattaforma aerea giovedì 9 luglio in orario 7-18 saranno in vigore divieti di transito e sosta in via dell’Orcagna tra via Gioberti e via Giotto; venerdì 10 luglio nello stesso orario i provvedimenti riguarderanno via Gioberti (tra via dell’Orcagna e via Cimabue).

Per info: http://mobilita.comune.fi.it/muoversi/muoversi/lavori_in_corso.html
04/07/2020 12:47 Comune di Firenze
Comune di Firenze
Permessi ZTL e ZCS di Firenze, da lunedì al via il rilascio on line
Diventano più semplici le procedure per il rilascio dei permessi ZTL, ZCS e Invalidi. Lunedì 6 luglio a partire dalle 11 sarà attivata la nuova piattaforma sul sito www.serviziallastrada.it che consentirà di svolgere gran parte delle pratiche on line. Nella maggioranza dei casi il titolare potrà stampare direttamente l’autorizzazione che sarà dotata di un QR code utilizzabile per i controlli da parte della Polizia Municipale (tra cui tutti i contrassegni ZCS e parte di quelli ZTL, elenco completo a questo link http://www.serviziallastrada.it/images/files/rilascioContrassegniOnline/Modalita_rilascio_contrassegni-Online.pdf).

Per alcune tipologie di contrassegni ZTL, invece, sarà necessario il ritiro agli sportelli su appuntamento ma al termine di procedure effettuate sempre on line (elenco completo a questo link http://www.serviziallastrada.it/images/files/rilascioContrassegniOnline/Modalita_rilascio_prenotazione_contrassegni-ParzialmenteOnline.pdf).

Contestualmente alle nuove procedure scatterà anche l’apertura degli sportelli presso il Cubo 8 del Parterre solo su appuntamento (dal lunedì al venerdì in orario 8-13) per le casistiche in cui è prevista la presenza dell’utente. Ovvero la consegna di contrassegni prenotati on line (appuntamento da fissare sulla piattaforma), il rilascio dei permessi per i disabili del Comune di Firenze (appuntamento da chiedere telefonando allo 800/339891) e di quelli della ZTL artigiani (previo appuntamento contattando lo 055/40401). Gli utenti già in possesso di credenziali per la fruizione del servizio di acquisto abbonamenti online e tap&park, potranno usare le stesse per l’accesso alla piattaforma.

Sul sito www.serviziallastrada.it sono indicate le modalità da seguire riferite ad ogni singola tipologia di autorizzazione.

Si ricorda che tutte le autorizzazioni rilasciate con scadenza nel periodo compreso tra il 31 gennaio ed il 30 luglio 2020 sono prorogate alla scadenza 31 luglio 2020. (mf)

04/07/2020 12:13 Comune di Firenze
Comune di Fucecchio
"Se la vita è un istante": Giulio Tonioni racconta Fucecchio nel videoclip del suo ultimo singolo

Un sogno coltivato fin da piccolo grazie al quale oggi ha saputo unire in un binomio perfetto il suo paese, Fucecchio, con la sua passione, la musica. Giulio Tonioni, 24 anni, giovane cantautore fucecchiese, nel videoclip del suo ultimo singolo Se la vita è un istante, prodotto a Milano ed uscito lo scorso 15 giugno, ha voluto omaggiare il suo paese. In quella “vita di ragazzo di periferia”, infatti, ripercorre i luoghi della sua infanzia e della sua adolescenza: parco Corsini, il Poggio Salamartano, le scarelle, il museo e la biblioteca, ma anche via Valbugiana, le colline e la campagna che circondano Fucecchio. Un videoclip nato dall'affetto per il suo paese ma con lo sguardo proiettato ai sogni di un giovane artista che ha intrapreso la sua strada senza mai dimenticare le proprie origini.
"Ho voluto realizzare il video interamente a Fucecchio - racconta - fra la via Valbugiana, il centro storico e i panorami che lo circondano, proprio per ricreare una sorta di istantanea del nostro paese ad oggi. Anche se il lavoro mi ha portato lontano ci tengo a preservare le mie origini e a far conoscere la mia musica nei luoghi che mi hanno visto crescere e maturare".
Un curriculum importante quello di Giulio Tonioni, nonostante la giovane età. Nel 2017, a 21 anni, conquista il primo posto al Festival degli Autori con il brano d'esordio Let me be. Poi il trasferimento a Milano dove partecipa al Festival “Io sto con Martina” patrocinato da Bobby Solo, con cui dà vita alla sigla dell’evento. Collabora con autori di fama come Luca Sala, Ermanno Croce ed Il Branco, finchè un incontro discografico milanese rappresenta l'ispirazione per il suo secondo singolo, Trascinami. Intanto approda in Russia dove è semifinalista di “Expectations of Europe” e più tardi scopre il mondo del musical ottenendo una parte in “Magic - il Musical”. Arriva in televisione, su TeleReggio, e scrive il suo ultimo singolo, Se la vita è un istante, presentato alla giuria del Festival di Sanremo 2020. Il brano, uscito sotto etichetta discografica San Luca Sound di Bologna, è già in classifica radiofonica indipendenti ed emergenti e presente sui digital store.
"La città di Fucecchio - commenta l'assessore alla cultura Daniele Cei - conferma la propria vocazione per quanto riguarda la nascita di talenti emergenti nel panorama della musica, dell'arte e della cultura in genere, che cercheremo di valorizzare anche in ambito locale facendoli partecipare a rassegne o festival, come il nostro 'Affabula, l'arte di raccontare storie'. Ringrazio Giulio per aver voluto esprimere la propria storia in musica utilizzando come sfondo la nostra città con un video che ne racconta le bellezze e gli scorci più caratteristici".
Contatti: pagina facebook (Giulio Tonioni), pagina instagram (@giuliotonioniofficial), canale YouTube (Giulio Tonioni).

L'ultimo singolo di Giulio Tonioni: https://youtu.be/dk676pU5XU8
05/07/2020 20:17 Comune di Fucecchio
Comune di Capraia e Limite
Capraia e Limite Pulizia e manutenzione degli argini dell'Arno
Stanno per concludersi i lavori di pulizia e manutenzione degli argini dell'Arno posti di fronte ai centri abitati di Capraia Fiorentina e di Limite sull’Arno.

Il Consorzio 4 Basso Valdarno, che ha competenza per l'area, sta intervenendo nello sfalcio dell’erba, con mezzi meccanici e a mano, sui rilevati arginali e sulle pertinenze del fiume Arno.

Si tratta di operazioni di manutenzione ordinaria, iniziate il 22 giugno, in accordo con il Comune e fondamentali per la prevenzione del rischio idrogeologico.

"La manutenzione attraverso la sfalcio della vegetazione - ha detto il sindaco Alessandro Giunti - è necessaria per garantire la sicurezza idraulica. Aver cura dell'Arno e delle sue sponde è una delle nostre priorità e grazie al continuo dialogo e confronto con il Consorzio gli interventi di pulizia sono puntuali, permettono il decoro dell’ambiente e riducono il rischio idrogeologico grazie a lavori programmati e nel rispetto dell’ecosistema”.

“La sicurezza del territorio passa in primo luogo da una costante manutenzione dei corsi d’acqua - spiega il presidente del Consorzio 4 Basso Valdarno, Maurizio Ventavoli -. In particolare le operazioni programmate di sfalcio e taglio della vegetazione, effettuate sempre nel rispetto dell’habitat e dell’ecosistema fluviale, sono fondamentali per aumentare la sicurezza idraulica anche in vista dei mesi più piovosi dell'anno”.

I lavori proseguiranno poi nei Comuni di Vinci e Cerreto Guidi per ultimarsi entro il 31 luglio.
04/07/2020 12:32 Comune di Capraia e Limite
Musei Statali
La Galleria dell’Accademia di Firenze da martedì 7 luglio estende l’orario di apertura
La Galleria dell’Accademia di Firenze, da martedì 7 luglio, amplia l’orario di visita anche al pomeriggio dei giorni feriali. La decisione è stata presa dal Direttore, Cecilie Hollberg, per rispondere alla sempre più crescente richiesta da parte del pubblico come alla riapertura delle frontiere che porterà, nelle prossime settimane, un ulteriore aumento delle presenze turistiche.

“Ci arrivano mail simpaticissime - racconta con soddisfazione Cecilie Hollberg - di persone che esprimono la loro gratitudine per aver potuto visitare il nostro museo, in piena sicurezza, e soprattutto per la cortese accoglienza da parte del nostro personale. Questo ci fa molto piacere e ci conferma nel servizio che rendiamo.”

Il museo è visitabile tutti i giorni dal martedì alla domenica, dalle 9 alle 18, con ultimo ingresso mezzora prima della chiusura. Il lunedì resta il consueto giorno di chiusura settimanale. Il biglietto è ancora ridotto a 8 euro, invariate le altre riduzioni e gratuità di legge. La prenotazione online o telefonica è facoltativa ma consigliata. (Prenotazione tramite Firenze Musei, tel. +39 055 294883, oppure acquistando il biglietto tramite la piattaforma B-Ticket: http://www.galleriaaccademiafirenze.beniculturali.it/galleria/1/visita/).

Ricordiamo che la Galleria dell’Accademia ha riaperto al pubblico lo scorso 2 giugno, dopo il lungo periodo di chiusura forzata dovuto all’emergenza sanitaria, e da subito numerosi sono stati i visitatori non solo fiorentini. Oltre che dalle altre regioni italiane, arrivano ormai da qualche settimana sempre più turisti dall’estero, soprattutto dai paesi europei come la Germania, l’Olanda la Francia, spesso in macchina.
04/07/2020 09:45 Musei Statali
Comune di Bagno a Ripoli
Zona Fiorentina Sud Est - Dal 1° gennaio si ricostituisce la Società della Salute
Nella giornata di martedì 30 giugno la Conferenza dei Sindaci della Zona Fiorentina Sud Est ha espresso in modo unanime la volontà di ricostituire la Società della Salute. Il passaggio al nuovo modello organizzativo zonale, che di fatto è un consorzio tra Comuni, arriva nel rispetto delle scadenze imposte dalla normativa regionale. Tra i compiti della Società della Salute rientreranno dunque la programmazione, la gestione diretta e l’organizzazione condivisa di tutti i sevizi sociali e di alcuni importanti servizi sanitari.

La nuova Società della Salute si costituirà ufficialmente il 1° gennaio 2021. Ne faranno parte i 14 Comuni dell’area (Bagno a Ripoli, Barberino Tavarnelle, Fiesole, Figline Incisa Valdarno, Greve in Chianti, Impruneta, Londa, Pelago, Pontassieve, Reggello, Rignano sull’Arno, Rufina, San Casciano in Val di Pesa, San Godenzo) più l’Azienda Sanitaria Locale Toscana Centro.
Il nuovo soggetto nasce infatti come gestore diretto di attività fondamentali in ambito socio-sanitario: per prime passeranno direttamente alla Società della Salute le attività già gestite a livello dell’intera zona (o attraverso la convenzione sociosanitaria, o attraverso progetti di zona guidati da un capofila) seguite poi, progressivamente, dalle altre attività.
La Società della Salute avrà una sua struttura organizzativa, che tuttavia sarà a costo zero per i cittadini. Infatti né il Presidente, né i componenti della Giunta esecutiva, né i membri dell’Assemblea dei soci godranno di indennità o rimborsi spese, in quanto svolgeranno tali ruoli nell'ambito dell'esercizio dei rispettivi mandati.

“Abbiamo maturato questa decisione – dichiara il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini, presidente della Conferenza dei Sindaci della Zona Fiorentina Sud Est – confermando un indirizzo già tracciato nei mesi scorsi. È un percorso che ha visto impegnati sindaci e amministratori dei nostri Comuni verso la gestione diretta in forma di consorzio del sistema sanitario della Zona. La recente emergenza Covid-19 ha dimostrato che occorre imprimere una svolta nel potenziamento dei sistema socio-sanitario del territorio e lavorare in modo ancora più unito tra i Comuni”.

L’obiettivo della nuova struttura, aggiunge Casini, “sarà quindi prima di tutto il rafforzamento della nostra sanità territoriale. La nuova SdS avrà infatti funzioni gestionali di tutti i sevizi sociali e di alcuni importanti servizi sanitari che interessano tutta la zona, potenzierà la capacità di progettazione e la qualità dei servizi, che saranno sempre più a misura di cittadino”.
04/07/2020 10:34 Ufficio stampa Comune di Bagno a Ripoli
Comune di Empoli
Biblioteca comunale di Empoli, attività in presenza, online e dal 14 luglio: "L'ora del racconto... al parco”
Che la Biblioteca comunale Renato Fucini di Empoli non si fermi mai è un dato oggettivo, confermato, anche in questo tempo di emergenza sanitaria. Ai bibliotecari stanno a cuore tutti gli utenti della casa della cultura cittadina e riescono sempre a proporre iniziative per ogni tempo e tutte le età.

Con la riapertura della maggior parte delle attività in presenza e l'arrivo della bella stagione, il programma online della biblioteca viene cosi ridotto, a vantaggio dei nuovi progetti che partiranno a breve.


IL NUOVO PROGETTO ESTIVO, LEGGERE FUORI - Il ‘primo’ che prenderà avvio dal 14 luglio 2020 e che ci accompagnerà per tutta l’estate è “L’Ora del Racconto… al Parco”: un cartellone di appuntamenti che si svilupperanno al fresco dei parchi pubblici cittadini sia del centro che delle frazioni.

Presto sarà reso noto il calendario con date, tappe e orari. Gli utenti della biblioteca avranno la possibilità di leggere fuori e incontrare libri e i bibliotecari. Ci saranno letture animate e punti prestito nei parchi pubblici ma anche nei giardini della stessa biblioteca.



PROGRAMMA DELLE ATTIVITA' ONLINE



  1. RISVEGLI POETICI: ogni mattina, alle 9, la bibliotecaria Cristina Chelli dedica ai nostri utenti una poesia e un pensiero per cominciare la giornata con spunti di riflessione e introspezione. Dal lunedì al sabato.



  1. UNA PILLOLA AL GIORNO... TOGLIE LA NOIA DI TORNO!

A partire da lunedì 6 luglio, ogni pomeriggio alle 15 troverete sulla pagina Facebook della Fucini notizie, curiosità, spunti di lettura e ghiotte occasioni di divertimento e approfondimento dal mondo della cultura.



PROGRAMMA DEHGLI APPUNTAMENTI IN PRESENZA



PER BAMBINI

  1. L'ORA DEL RACCONTO

Martedì 07 luglio, ore 17

L'ora del racconto torna nella sua Torre, dove i bambini potranno nuovamente immergersi in un'atmosfera coinvolgente e dedicata all'ascolto di bellissime storie. La bibliotecaria Antonella Toso vi aspetta, in piccoli gruppi, fino ad un massimo di 10 partecipanti (genitori e accompagnatori esclusi!). In caso di lista di attesa, l'appuntamento sarà replicato alle 18.



  1. L'ORA CREATIVA

Giovedì 09 luglio, ore 17

Torna l'Ora del gioco e della creatività. Giochi di lettura e un divertente laboratorio interattivo curato dalla bibliotecaria Antonella Toso. L'attività è rivolta ai bambini da 5 a 9 anni, divisi in piccoli gruppi di massimo 5 partecipanti ciascuno (accompagnatori esclusi). In caso di lista di attesa, l'appuntamento sarà replicato alle 18.


PER ADULTI

#SFERRUZZA SFERRUZZA - Il gruppo delle "sferruzzanti" torna finalmente in biblioteca! Se durante i mesi di lockdown vi siete appassionati ai video del lavoro a maglia e uncinetto, non perdetevi il primo incontro in presenza mercoledì 8 luglio a partire dalle 17. Vi aspettano con ferri, gomitoli e tanta fantasia nell'accogliente e ombreggiato Chiostro degli Agostiniani. L'incontro è su prenotazione (biblioteca@comune.empoli.fi.it ; tel. 0571/757840).
04/07/2020 09:43 Comune di Empoli
Comune di Sesto Fiorentino
Sesto Fiorentino, il kit del “porta a porta” in distribuzione nell’ultimo lotto interessato
Dopo la sospensione obbligatoria dovuta al Covid-19 è ripartita in questi giorni, con la consegna in cassetta delle lettere informative ad oltre 6500 utenti sestesi, il quinto e ultimo atto di trasformazione del servizio di raccolta rifiuti porta a porta nel comune di Sesto Fiorentino che interessa 179 strade o tratti di strada comunali.
I 6542 utenti di Colonnata, Camporella, Doccia, Quinto Alto, Cercina e area collinare di Monte Morello riceveranno infatti nelle prossime settimane la visita a domicilio degli incaricati di Alia Servizi Ambientali che consegneranno gratuitamente il kit di raccolta (bidoncini e sacchi) oltre al materiale informativo ed i calendari.
A coloro che risulteranno assenti, sarà lasciato un avviso per ritirare successivamente il kit. Organico, carta e cartone, imballaggi e rifiuto residuo avranno ognuno il proprio bidoncino o sacchetto per l’esposizione secondo calendario: il vetro continuerà ad essere raccolto da solo tramite apposite campane stradali, ad eccezione della zona collinare dove sarà anch’esso raccolto porta a porta.
Per informare l’utenza, applicando tutte le misure di contenimento del contagio previste dalle disposizioni nazionali, le assemblee pubbliche saranno sostituite da due dirette Facebook fissate per i prossimi 14 e 16 luglio. Nel mese di settembre saranno allestiti anche appositi punti informativi temporanei.
La partenza del servizio è prevista per il 28 settembre 2020: a quel punto, sulla totalità del territorio sestese e per ogni tipologia di utenze, la raccolta rifiuti sarà porta a porta, un sistema che garantisce il massimo avvio di materiali di qualità ai processi di riciclo e compostaggio.

I dati: aprile 2020 da record (quasi 80% di differenziata), -34% di indifferenziato a fine trasformazione
Già oggi nei quattro settori dove il sistema è attivo la collaborazione dei cittadini sta dando risultati che pongono Sesto Fiorentino ad un livello regionale altissimo di raccolta differenziata. Già oggi, in seguito all’attivazione del IV lotto avvenuta a gennaio 2020, la parte differenziata è stabilmente attestata intorno al 75%. Nel mese di gennaio la raccolta differenziata ha segnato il 77,19%, a febbraio e marzo si è confermata stabilmente oltre il 75%, ad aprile ha toccato la percentuale record del 79,20% per assestarsi, a maggio, di poco sotto il 75% (74,36%).
Rispetto agli stessi mesi del 2019, a gennaio la raccolta differenziata è cresciuta dell’8,46%, con un calo della parte non differenziata di oltre il 26% e una riduzione del 2,21% della produzione complessiva di rifiuti; quest’ultimo dato a febbraio ha toccato addirittura il -6,82% rispetto al febbraio 2019 per poi scendere bruscamente nei mesi di marzo, aprile e maggio (rispettivamente -20,19%, -31,93% e -19,29%) a causa del periodo di chiusura.
Il passaggio al porta a porta sta consentendo di ridurre di circa 200 tonnellate al mese la produzione di rifiuti indifferenziati, con la prospettiva, a trasformazione ultimata, di arrivare a 9000 tonnellate all’anno contro le 13700 del 2018, ultimo anno con la raccolta nei cassonetti stradali, con una contrazione complessiva di 4700 tonnellate (-34%) di rifiuti indifferenziati avviati a smaltimento.
04/07/2020 12:23 Comune di Sesto Fiorentino
Carabinieri-Comando provinciale di Firenze
Furto di superalcolici al supermercato “Esselunga” del Galluzzo
.Nel corso della serata del 2 u.s., i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Firenze sono intervenuti in via Senese, presso il supermercato “Esselunga”, ed hanno tratto in arresto in flagranza di reato B.B., dello Sri Lanka, classe ’79, in Italia senza fissa dimora, già noto alle Forze dell’Ordine. L’uomo, una volta all’interno dell’esercizio commerciale, dopo essersi impossessato di numerose bottiglie di alcoolici, per valore complessivo di 232 euro, occultandole all’interno di due borse, tentava di allontanarsi, venendo però bloccato dall’addetto alla sorveglianza e dai Carabinieri nel frattempo attivati. Dagli accertamenti effettuati, lo stesso veniva anche trovato in possesso di un cellulare sottratto ad un dipendente del negozio ed un taglierino lungo 17 cm. La refurtiva è stata consegnata al proprietario mentre il taglierino è stato sequestrato. L’arrestato, giudicato con il rito direttissimo, gli è stata imposta la misura del divieto di dimora.
04/07/2020 12:40 Carabinieri-Comando provinciale di Firenze
Comune di Pistoia
Apre a Pistoia la nuova farmacia comunale n.2: lunedì il taglio del nastro
Sarà inaugurata lunedì 6 luglio, alle 17.30, in via Manzoni 10, la nuova farmacia comunale n. 2. di Pistoia, in una zona facilmente accessibile, in ingresso alla città. Il taglio del nastro a pochi giorni dall’apertura, avvenuta martedì 30 giugno, vedrà la partecipazione del sindaco Alessandro Tomasi, dell’amministratore unico Alessio Poli e delle autorità cittadine.

Far.com, dopo aver chiuso un bilancio con oltre 900.000 euro di utile e nonostante il rallentamento dei lavori dovuti all’emergenza sanitaria per il Covid 19, porta a termine un altro grande progetto di investimento per la città di Pistoia: il trasferimento della farmacia comunale n. 2 in località il Fagiolo, in via Manzoni 10, angolo via Guicciardini.

La nuova farmacia ha una superficie di oltre 450 metri quadrati, resterà aperta h12 (dalle 8.30 alle 20.30) ed è stata dotata di una tecnologia all’avanguardia che consentirà il rafforzamento e lo sviluppo di nuovi servizi accessibili a tutta la cittadinanza. Entro la fine dell’estate è prevista anche l’apertura dell’istituto medico privato Centro Polispecialistico Manzoni, situato al primo piano della stessa struttura, che ospiterà sei studi medici, destinati alla specialistica ambulatoriale: oculista, ortopedia, cardiologia, dermatologia, ortopedia e molto altro. A completare questo presidio sanitario sono gli ulteriori due ambulatori al piano terra, destinati a ospitare i medici di medicina generale.

Si tratta di un investimento di oltre 600.000 euro, completamente autofinanziato, che ha visto la ristrutturazione completa del piano terra e del primo piano di un immobile di oltre 700 metri quadrati, completamente riqualificata, dove un robot automatizzato consente di gestire un magazzino di 18.000 prodotti, lasciando ai farmacisti più tempo da dedicare all’assistenza dei cittadini che verranno accompagnati nei percorsi di cura e assistenza offerti in sinergia con il Servizio Sanitario Nazionale. Un modello di farmacia dei servizi che traduce nel concreto le migliori soluzioni pensate per garantire una assistenza sempre più all’avanguardia.

Anche le casse saranno automatiche, per una maggiore velocità e sicurezza nel servizio, mentre un termoscanner per la misurazione automatica tramite telecamera della temperatura dei clienti, con segnalazione in tempo reale di eventuale anomalia al farmacista, garantirà l’accesso in sicurezza di tutti, nel rispetto della privacy e senza rallentamenti.

Tra i principali servizi offerti dalla farmacia pubblica n.2: prenotazione delle visite specialistiche CUP, attivazione delle tessere sanitarie, ECG, Holter pressorio, Holter cardiaco, autotest diagnostici (colesterolo, trigliceridi, glicemia profilo lipidico, profilo glicemico, misurazione della pressione) per proseguire con controllo del peso, foratura lobi, ma anche giornate a tema per la prevenzione (MOC - densitometria ossea, venoscreen arti inferiori, nutrizione e udito), visite senologiche, dermatologiche, pediatriche e di prevenzione all’ictus, fino all’assistenza psicologica e nutrizionale e, non ultimi, numerosi progetti di sensibilizzazione ai problemi sociali.

Non solo, la farmacia garantirà, come la farmacia h24 di viale Adua, la consegna a domicilio dei farmaci per tutto il periodo di emergenza sanitaria e, in modo permanente, la consegna e il montaggio dei presidi sanitari per le persone non autosufficienti, in modalità del tutto gratuita.

Anche l’inaugurazione è stata pensata per contribuire al sostegno del territorio: a tutti i partecipanti sarà offerto un piccolo regalo, una pianta in vaso di erbe officinali. Nei prossimi mesi, infatti, le farmacie comunali, in un nuovo percorso di collaborazione con il settore vivaistico, sosterranno la diffusione dell’utilizzo delle piante e delle filiere biologiche, sia nella coltivazione che nella preparazione dei prodotti erboristici e fitoiatrici, per una migliore qualità della vita e protezione dell’ambiente, che valorizzi contestualmente le eccellenze di Pistoia, un aiuto anche alla ripresa economica locale.

Chi visiterà il nuovo complesso, lunedì pomeriggio dalle 17.30, potrà accedere in massima sicurezza. Verrà garantito il parcheggio in prossimità della struttura, mentre nell’area antistante la farmacia saranno allestite delle strutture ombreggianti e offerto un piccolo ristoro nel rispetto delle distanze di sicurezza. Anche gli allestimenti per l’evento saranno forniti da aziende locali, ulteriore contributo al valore imprenditoriale del territorio.
04/07/2020 12:27 Comune di Pistoia
Comune di Firenze
Incidente in via del Guarlone, un autobus dell’Ataf urta veicoli in sosta, cassonetti della spazzatura e un palo della luce
Incidente stradale questa mattina in via del Guarlone, che resta ancora chiusa al transito. Intorno alle 12 un autobus dell’Ataf ha urtato diversi veicoli in sosta, dei cassonetti della spazzatura, un palo dell'illuminazione e ha abbattuto una recinzione privata. L’autista ha perso il controllo del mezzo perché probabilmente colto da un malore. Sul posto è intervenuta la Polizia municipale per i rilievi e la viabilità. Il conducente del mezzo è stato trasportato all’ospedale di Santa Maria Annunziata e le sue condizioni di salute non sembrano gravi. Incolumi i tre passeggeri che erano a bordo. (fp)
04/07/2020 16:18 Comune di Firenze
Regione Toscana
Disabilità, 400 mila euro dalla Regione per l'autonomia e la mobilità personale
Sono in fase di distribuzione, proprio in questi giorni, 400 mila euro di contributi a 94 persone che ne hanno fatto richiesta, partecipando a due bandi del Centro regionale per l’accessibilità, grazie alla Legge regionale 81 del 2017. Si tratta di contributi che, in alcuni casi, hanno superato il tetto massimo di 7 mila euro a persona, con una media di oltre 4 mila euro per ogni contributo erogato.

Queste risorse economiche, che la Regione ha stanziato tramite appositi bandi e che sono già in fase di erogazione, sono finalizzate a sostenere l'autonomia e la mobilità personale per l'acquisto di un’autovettura, la modifica dei comandi al volante o anche per l'adattamento dell'auto per il trasporto di carrozzine.

“Si tratta di un ulteriore contributo a favore di una maggiore autonomia delle persone con disabilità nell’ambito di una più vasta politica di promozione e sostegno alla vita indipendente - commenta l’assessore al diritto alla salute, al welfare e all’integrazione socio-sanitaria, Stefania Saccardi -. Da anni la Regione investe in questo settore del sociale a tutela delle persone più fragili e dei loro diritti. Visti il forte apprezzamento riscontrato e l'importanza di tale sostegno, ci auguriamo che anche in futuro ci sia la massima attenzione su queste problematiche”.
05/07/2020 11:25 Regione Toscana
Comune di Firenze
Lunedì 6 luglio consiglio comunale di Firenze dedicato agli atti dei consiglieri
Il Consiglio comunale si riunirà lunedì prossimo, 6 luglio, in Sala d’Arme a Palazzo Vecchio. Lo spostamento di sede è stato deciso per permettere la totale agibilità del Salone dei Cinquecento ai visitatori del museo.

Inizio alle 14,30 con il Question Time per circa un’ora. A seguire, la seduta si aprirà con la comunicazione del presidente Luca Milani e le comunicazioni e domande di attualità di consigliere e consiglieri.

L’ordine dei lavori prevede poi l’esame di numerosi atti, tra interrogazioni, ordini del giorno, mozioni e risoluzioni. (fdr)

Il dettaglio dei lavori è consultabile qui: https://www.comune.fi.it/system/files/2020-07/2020-07-06%20-%20ordine.pdf

Sarà possibile seguire la seduta sul canale youtube del Consiglio comunale all’indirizzo: https://www.youtube.com/channel/UCXdLhwYzwI9159Ei7TDTn4w
04/07/2020 09:52 Comune di Firenze
 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V