MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail

IN PRIMO PIANO....

Città Metropolitana di Firenze
Meteo Metrocittà Firenze. Codice arancio per maltempo
La Sala di Protezione civile della Città Metropolitana di Firenze segnala che per domenica 22 settembre è previsto un codice arancio per rischio idrogeologico e idraulico nel reticolo minore e temporali forti su tutto il territorio della Città Metropolitana.
Possibili forti temporali associati a colpi di vento e grandinate. Previsti cumulati medi significativi, massimi elevati, in particolare sull'Appennino. In occasione dei fenomeni più intensi si ricorda di prestare la massima attenzione nello svolgere attività all'aperto e nella guida.
21/09/2019 14:46 Città Metropolitana di Firenze
Redazione di Met
Inaugurata la 31ma Biennale Internazionale dell’Antiquariato di Firenze
Cerimonia ufficiale in Palazzo Vecchio e taglio del nastro del Sindaco Dario Nardella e del Segretario generale Fabrizio Moretti a Palazzo Corsini per l'apertura ufficiale della XXXI edizione della BIAF Biennale Internazionale dell'Antiquariato di Firenze che resterà visibile al pubblico fino a domenica 29 settembre.
Il Sindaco Nardella ha ribadito l'importanza per la città di questa manifestazione che sta crescendo di edizione in edizione "La BIAF è un fattore di propulsione che irradia benefici ad vari livelli sulla città, da quello turistico a quello degli artigiani, ma anche quello della beneficenza. Durante la cena di ieri sera ospitata a Palazzo Vecchio sono stati raccolti oltre 100.000 euro che andranno a favore del progetto ENGERA ONLUS, una associazione fondata e costituita da medici e volontari impegnati nell'assistenza socio-sanitaria in Etiopia".

Grande soddisfazione di Fabrizio Moretti per le prime due giornate di preview dedicate a collezionisti, direttori di musei e stampa, tutti concordi sulla bellezza e alta qualità degli oggetti presentati in mostra dai 77 antiquari, alcuni veri e propri capolavori museali che hanno passato l'attento vaglio del vetting composto da oltre trenta esperti e storici dell'arte dei vari settori: pittura, scultura, mobili e arti decorative. "Sono veramente contento di vedere in mostra tantissime persone che arrivano da ogni parte del mondo: dagli Stati Uniti, dalla Germania e dalla Francia soprattutto. Direttori di musei e curatori, mercanti internazionali. Posso affermare che siamo ormai senza dubbio la più grande mostra mercato dell'arte italiana che si tiene nel centro di una città come Firenze, in un palazzo unico come Palazzo Corsini con una terrazza spettacolare che si affaccia sull'Arno. Due elementi che ci invidiano e che rendono questo appuntamento unico."

Tra gli ospiti di queste giornate Davide Gasparotto del Getty Museum, la delegazione della Frick Collection, lo storico dell'arte Philippe Costamagna, Jeremy Warren della Wallace Collection, la direttrice della Galleria Borghese Anna Coliva,, Eike Smith degli Uffizi, Arturo Galansino di Palazzo Strozzi e moltissimi collezionisti i cui nomi gli antiquari tengono gelosamente riservati ma che hanno già fatto molti acquisti. Diversi i bollini rossi presenti negli stand con grande soddisfazione di tutti.

Programma completo della BIAF, della FLORENCE ART WEEK ed elenco di tutti gli espositori sono on line al sito: www.biaf.it

Informazioni utili

Dal 22 al 29 settembre 2019 - Apertura al pubblico
Da domenica 22 settembre a domenica 29 settembre orario continuato dalle 10,30 alle 20,00
Giovedì 26 settembre orario continuato dalle ore 10,30 alle 19,00

Biglietti:
Intero: 15,00 € incluso il catalogo ufficiale della Mostra
Gruppi organizzati (minimo 12 persone): 10 € con prenotazione obbligatoria
Categorie convenzionate (MCL, ARCI, TCI, FAI): 10 €
Gratuito: bambini di età inferiore ai 6 anni, visitatori con disabilità e accompagnatori, soci Associazione Antiquari d'Italia, possessori VIP card Biennale.
21/09/2019 22:18 Redazione di Met
Regione Toscana
Nido sicuro, in Toscana è attiva la app che avverte i genitori se i figli non sono all'asilo
Un'altra tragedia, questa volta a Catania. Il padre pensava di averlo accompagnato al nido ed invece, per effetto di quella che in termini medici si chiama "amnesia dissociativa transitoria", lo aveva lasciato in macchina per oltre cinque ore. Così ha perso la vita ieri, giovedì 19 settembre, il piccolo Leonardo, 2 anni, dimenticato in auto sotto il sole cocente.

"Queste sono le notizie che non vorremmo mai sentire, che non vorremmo mai commentare", ha detto l'assessore ad Istruzione, formazione e lavoro della Regione Toscana, Cristina Grieco, che ci tiene a ricordare che nonostante la norma che impone l'uso di seggiolini salva-bebè in Italia non sia ancora operativa perché manca il regolamento attuativo, la Regione Toscana ha adottato una importante misura a garanzia della sicurezza dei bambini.

"Mossi dal ripetersi di tragedie come questa, la nostra Regione ha introdotto dallo scorso mese di gennaio l'obbligo per tutti gli asili nido di dotarsi di un sistema per comunicare ai genitori le assenze non giustificate", ha precisato l'assessore Grieco. "Abbiamo inoltre realizzato un app che da agosto è in distribuzione gratuita presso tutti i nidi pubblici e privati della Toscana al fine proprio di gestire queste comunicazioni. E il Consiglio regionale ha finanziato l'acquisto di tablet, in distribuzione presso i nidi, su cui installare questa applicazione".

L'app ralizzata in Toscana si chiama Nido Sicuro e il suo funzionamento è molto semplice. Deve solo essere scaricata dal nido e dai genitori i quali, quotidianamente, devono segnalare l'assenza del bambino o l'avvenuto accompagnamento al nido.

"Se cinque minuti dopo l'usuale orario di ingresso del bambino non viene inserita dal genitore l'informazione sulla presenza o sull'assenza del bambino", ha continuato l'assessore regionale, "parte automaticamente un allarme indirizzato ai recapiti di riferimento che si spegne solo dopo l'avvenuta risposta".
La Grieco, augurandosi che i drammi come quelli di Catania, che in passato sono dolorosamente accaduti anche in Toscana, possano diminuire fino a non accadere più, ha infine concluso: "Nido Sicuro è una pratica di civiltà, introdotta appunto dalla Regione, che costituisce un elemento di ulteriore qualità e sicurezza per i nostri asili e soprattutto per i genitori".
22/09/2019 09:29 Regione Toscana
Autostrade per l'Italia
A1, chiusura del tratto tra la Località "La Quercia" e la "Località Aglio", verso Firenze
Sulla A1 Milano-Napoli Panoramica, per programmati lavori di ordinaria manutenzione degli impianti nelle gallerie, dalle 8:00 alle 18:00 di martedì 24 settembre, sarà chiuso il tratto compreso tra l'allacciamento con la A1 Direttissima Località "La Quercia" e "Località Aglio", verso Firenze.
Saranno contestualmente chiuse le stazioni autostradali di Rioveggio, Pian del Voglio e Roncobilaccio, in entrata verso Firenze e in uscita per chi proviene da Bologna.
Inoltre, dalle 7:00 alle 18:00 di martedì 24 settembre, sarà chiusa l'area di servizio "Roncobilaccio ovest", situata all'interno del suddetto tratto.
Pertanto, chi è diretto verso Firenze, dovrà percorrere la A1 Direttissima.
In alternativa alla stazione di Rioveggio, chi viaggia verso Firenze, potrà utilizzare la stazione autostradale di Sasso Marconi.
Per gli spostamenti locali diretti verso Pian del Voglio e Roncobilaccio, si consiglia di percorrere la A1 Direttissima e uscire alla stazione autostradale di Badia.

Costanti aggiornamenti sulla situazione della viabilità e sui percorsi alternativi sono diramati tramite i collegamenti "My Way" in onda su Sky Meteo24 (canale 501 Sky), su Sky TG24 (canali 100 e 500 Sky e canale 50 del digitale terrestre), su La7 e La7d (canale 7 e 29 del digitale terrestre), sulla App My Way scaricabile gratuitamente dagli store di Android e Apple. Sul sito autostrade.it, su RTL 102.5, su Isoradio 103.3 FM, attraverso i pannelli a messaggio variabile e sul network TV Infomoving in area di servizio. Per ulteriori informazioni si consiglia di chiamare il call center Autostrade al numero 840.04.21.21, attivo 24 ore su 24.
21/09/2019 22:58 Autostrade per l'Italia
Toscana Aeroporti Firenze e Pisa
Un lancio di paracadutismo in 3D sui cieli di Firenze
Volare sopra la culla del Rinascimento ammirando da un’insolita prospettiva la cupola del Brunelleschi, Piazza della Signoria, Ponte Vecchio e i tratti di una città unica e nota in tutto il mondo per le proprie bellezze artistiche e architettoniche.

Un’esperienza che diventerà realtà, seppur virtuale, nell’area arrivi dell’aeroporto Amerigo Vespucci dove passeggeri, persone in attesa e semplici curiosi o appassionati del volo potranno sperimentare gratuitamente un lancio di paracadutismo in 3D sui cieli di Firenze.

Grazie alla collaborazione tra Toscana Aeroporti e Skydive Dream, fino al 4 ottobre, in un corner dedicato della sala arrivi saranno infatti presenti i visori 360° VR che consentiranno di testare gratuitamente la realtà virtuale dei lanci in paracadute con una simulazione estremamente reale dei lanci tandem.

“L’aeroporto è la principale porta d’ingresso alla città e alla Toscana, specialmente per i visitatori stranieri. Con questa iniziativa - sottolinea Toscana Aeroporti – vogliamo dare un contributo alla modernizzazione del turismo a Firenze, sperimentando una modalità esperienziale particolarmente innovativa e già diffusa in alcune città estere”.
22/09/2019 10:01 Toscana Aeroporti Firenze e Pisa
Città Metropolitana di Firenze
Allerta meteo, chiuso il Parco di Pratolino
Causa allerta meteo con Codice Arancione il Parco di Pratolino oggi sarà chiuso al pubblico. La manifestazione "Il richiamo di Lovecraft" e tutte le attività previste per la giornata sono pertanto annullate. La Città Metropolitana si scusa per il disagio con i visitatori.
22/09/2019 10:31 Città Metropolitana di Firenze
Comune di Firenze
Nuovo asfalto piazzale Campioni del ’56, la riqualificazione di via Palazzuolo, lavori per un nuovo allaccio alla rete idrica in via di Ripoli
Nuovo asfalto sul piazzale Campioni del ’56 e in viale Paoli e in alcune strade del Quartiere 4. Ma anche la riqualificazione di via Palazzuolo e lavori per un nuovo allaccio alla rete idrica in via di Ripoli e alla fognatura in via Bandinelli. Sono solo alcuni dei lavori che prenderanno il via la prossima settimana sulle strade cittadine con provvedimenti di circolazione.
Per quanto riguarda i rifacimenti stradali, lunedì 23 settembre inizieranno le asfaltatura a tratti a seguito di interventi sui sottoservizi (fibra ottica) in alcune strade del Quartiere 4. Fino al 27 settembre saranno in vigore divieti di transito e sosta in via dei Sabatelli (da via dell’Altamura a via Pio Fedi), via Passaglia (da via Giovanni Segantini a via dei Sabatelli), via Modigliani (carreggiata a numerazione interna tra via Torcicoda e via Modigliani altezza numero civico 186/1). Sempre da lunedì sono in programma i lavori di asfaltatura in via Pistoiese nel tratto senza sfondo (accessibile dalla viabilità principale all’altezza del numero civico 433 parallela alla rotatoria). Fino al 25 settembre il tratto senza sfondo sarà chiuso in corrispondenza dei numeri civici 433-433/l.
Intanto proseguono gli interventi di riqualificazione in via Palazzuolo. Adesso si sposta nell’area dell’intersezione con via Maso Finiguerra e via dell’Albero. Previsti restringimenti di carreggiata nelle strade interessate e la chiusura di via dell’Albero (mercoledì 25 e giovedì 26 settembre). Termine previsto 29 settembre. In corso anche le asfaltature in piazzale Campioni del ’56 - Primo scudetto della Fiorentina e viale Paoli: da mercoledì 25 settembre al 1° ottobre previsti divieti di transito nel piazzale e nel viale (esclusa viabilità principale da viale Nervi in direzione di viale Cialdini).
Ecco gli altri lavori.
Via Bandinelli: per lavori relativi a un nuovo allaccio alla rete fognaria all’altezza del numero civico 113 da lunedì 23 settembre la strada sarà chiusa da via Bertoldo di Giovanni e via Mortuli. Termine previsto 4 ottobre.
Via Guardavia: per un intervento con scala aerea da lunedì 23 settembre la strada sarà chiusa da via di Soffiano a via di Scandicci. Previsti anche divieti di sosta. I provvedimenti saranno in vigore fino al 4 ottobre.
Borgo La Noce: per lavori edili da lunedì 23 settembre all’altezza del numero civico 6 scatterà un divieto di transito (da piazza San Lorenzo a piazza del Mercato Centrale). Il provvedimento sarà in vigore fino al 21 dicembre.
Sdrucciolo dei Pitti: inizieranno lunedì 23 settembre alcuni lavori edili che prevedono l’istituzione di alcuni provvedimenti. Il dettaglio divieti di transito e sosta nel tratto via Maggio-via Toscanella mentre nel tratto via Toscanella-piazza Pitti scatterà un vigore un senso unico verso piazza Pitti. Il provvedimenti saranno in vigore nei giorni di lunedì e giovedì in orario 12-14.
Via di Santo Spirito: per un trasloco martedì 24 settembre, dalle 5 alle 10, prevista la chiusura del tratto da via dei Geppi a via dei Coverelli.
Via di Ripoli: per un nuovo allaccio alla rete idrica fronte numero civico 248 da mercoledì 25 settembre sarà chiuso il tratto piazza Badia di Ripoli-via Spagna. Prevista anche l’istituzione del senso unico in via Spagna nel tratto dal numero civico 7 a via di Ripoli verso via di Ripoli. L’intervento si concluderà il 2 ottobre.
Piazza del Mercato Nuovo: per alcuni interventi di manutenzione di una gronda da mercoledì 25 a giovedì 27 settembre in orario 1-7 scatterà la chiusura del tratto via di Lamona e via Por Santa Maria.
Via dell’Ortone-Borgo La Croce: mercoledì 25 settembre è in programma la sistemazione di un canale di gronda. Dalle 9 alle 19 Borgo La Croce sarà chiuso da via dei Macci a via della Mattonaia e via dell’Ortone nel tratto piazza Ghiberti-Borgo la Croce.
Borgo Tegolaio: venerdì 27 settembre sarà effettuato un trasloco. Dalle 7 alle 12 sarà in vigore un divieto di transito da via Michelozzi e via Mazzetta mentre via Michelozzi diventerà a senso unico verso via Maggio. (mf)
22/09/2019 10:23 Comune di Firenze
Regione Toscana
Il bosco difesa dalle calamità naturali
La prima difesa della montagna avviene nei boschi: così recita il titolo del convegno (Prima defensio fit in silvis - Il bosco e la montagna a difesa dalle calamità naturali) che si svolgerà mercoledì 25 settembre alle ore 10 nella sala Capitolare dell'Abbazia di Vallombrosa alla presenza del ministro dell'ambiente Sergio Costa, degli assessori regionali ad agricoltura e ambiente Marco Remaschi e Federica Fratoni, l'assessore ligure ad ambiente e parchi Giacomo Raul Giampedrone, con la partecipazione di professori, ricercatori, esperti e tecnici di settore.

I temi e gli obiettivi del convegno sono stati presentati oggi a Firenze in una conferenza stampa alla quale erano presenti, insieme all'assessore Remaschi, il segretario generale dell'Autorità di Bacino distrettuale dell'Appennino settentrionale Massimo Lucchesi e il comandante Regione Carabinieri Forestale Toscana Maurizio Folliero. La presentazione è avvenuta presso la sede dell'Autorità di Bacino (via dei Servi 15).

Il convegno prenderà le mosse dall'avvio operativo delle nuove Autorità distrettuali e dall'aggiornamento degli strumenti di pianificazione di bacino, da cui deriva una nuova strategia di difesa del suolo finalizzata alla sistemazione, conservazione e recupero dell'ambiente, del suolo e delle acque nei bacini idrografici, da attuare anche attraverso la gestione e valorizzazione del bosco e della montagna.

Il convegno ha la finalità di avviare un dialogo tra gli operatori pubblici e il mondo scientifico su temi da sempre di grande interesse. In particolare sarà approfondito il ruolo del bosco negli eventi di eventi alluvionali improvvisi (i cosiddetti flash flood) che sempre più frequentemente si verificano nel nostro territorio.

Non da ultimo, partendo da casi specifici come l'incendio sul Monte Serra in provincia di Pisa, il convegno sarà l'occasione per l'avvio di un confronto con le Regioni per definire appositi indirizzi che individuino le azioni più opportune da intraprendere per le aree colpite da incendio, finalizzate ad un ripristino delle condizioni ante disastro, e per verificare il loro impatto sugli obiettivi della pianificazione distrettuale.
22/09/2019 09:39 Regione Toscana
Università di Firenze
Stabilizzare il clima globale è anche un buon investimento economico
E’ un docente [mb1] dell’Università di Firenze l’unico autore italiano di un articolo su Science che si rivolge ai leader mondiali per un impegno urgente contro il cambiamento climatico, in concomitanza con la nuova mobilitazione mondiale a difesa dell’ambiente Friday for Future (“The human imperative of stabilizing global climate change at 1.5°C” DOI: 10.1126/science.aaw6974). Si tratta di Marco Bindi (foto in allegato), docente del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agrarie, Alimentari Ambientali e Forestali, che ha collaborato con [mb2] un team internazionale di scienziati coordinato dall’Università di Queensland in Australia.

L’articolo è il risultato delle attività delle ricerche scientifiche svolte nell’ambito dello special report Global Warming 1.5°C dell’Intergovernmental panel climate change delle Nazioni Unite ed evidenzia il fatto che investire nella risoluzione dei cambiamenti climatici sia anche un buon business: agire per ridurre i cambiamenti climatici costerà molto meno dei danni altrimenti inflitti dai cambiamenti climatici a persone, infrastrutture ed ecosistemi.

L’articolo quantifica così i rischi che scaturiscono dal surriscaldamento globale, ma rileva anche i vantaggi per foreste, biodiversità, coltivazioni se si limitasse l’innalzamento delle temperature globali a un grado e mezzo, evitando di arrivare a due gradi. Proprio in questo filone si inserisce il contributo di Marco Bindi che si è occupato di valutare le proiezioni del rischio per i sistemi agricoli. “L’area del Mediterraneo sarà fortemente esposta a siccità e a deficit di precipitazioni con ovvie conseguenze sulla produzione primaria di alimenti -osserva il docente fiorentino – ci saranno comunque notevoli benefici con il contenimento del riscaldamento globale di un grado e mezzo”.
22/09/2019 10:05 Università di Firenze
Comune di Firenze
Operazione “rastrelliere pulite”, lunedì a Firenze la seconda puntata degli interventi nel Quartiere 2

Lunedì 23 settembre è in programma la seconda puntata dell’operazione “rastrelliere pulite” nel Quartiere 2. Gli interventi di pulizia e piccola manutenzione delle rastrelliere cittadine, organizzate dall’assessorato alla Mobilità in collaborazione con l’assessorato all’Ambiente e il coinvolgimento operativo di Polizia Municipale, personale di Avr e di Alia, interesseranno le rastrelliere di via Castelfidardo (altezza numeri civici 1, 13 e 10r), via Mamiani (altezza numero civico 28), via Marconi (altezza numero civico 36), via Maroncelli (altezza numero civico 19), piazza Nobili (fronte numeri civici 13-15), piazza Antonelli (fronte numero civico 1a), via Baldesi (altezza numero civico 2).
Si invitano i cittadini a spostare le biciclette: in caso di rimozione di un mezzo funzionante, il proprietario può recarsi per il recupero alla depositeria di via Allende dove gli viene contestato un verbale da 43 euro.
Dopo il Quartiere 2 sarà la volta del Quartiere 3 (ottobre) e poi, uno per mese, il Quartiere 4, il Quartiere 5 e il Quartiere 1 (con due operazioni distinte sulla zona extracentro e su quella centrale). (mf)
22/09/2019 10:22 Comune di Firenze
Comune di Greve in Chianti
Taglio del nastro per la nuova piazza di San Polo in Chianti
San Polo in Chianti ha la sua bella piazza nel cuore sociale e formativo del paese e ad accoglierla questo pomeriggio è stata una festa di comunità partecipata da numerose famiglie. Durante il taglio del nastro il sindaco Paolo Sottani, affiancato dal presidente del Consiglio comunale Stefano Romiti e dall’ex assessore Gionni Pruneti, ha presentato il completamento dell’arredo urbano della piazza della frazione. Un investimento che ha richiesto una spesa complessiva pari a 120mila euro.

“Come per le opere di riqualificazione della scuola media Giovanni da Verrazzano e piazza Landi a Strada in Chianti – ha commentato il primo cittadino – anche per la nuova piazza di San Polo abbiamo scommesso sulla qualità e sul calore del cotto, utilizzando questo materiale così durevole, resistente ed evocativo delle nostre tradizioni per realizzare il rivestimento”. L’opera pubblica ha convertito di fatto un’area senza una specifica finalità, lungo la Strada Provinciale da Brollo a Poggio alla Croce, in una vera e propria piazza, intesa come spazio aperto alla comunità dove sarà possibile realizzare iniziative ed eventi culturali, ricreativi e sportivi di interesse collettivo.

I festeggiamenti proseguono domani, domenica 22 settembre, con i giochi e le attività ludiche per i più piccoli. “Pazza piazza” invita tutti a partecipare alle ore 15.30. Le iscrizioni partiranno sul posto alle ore 14.30. Il supertombolone, previsto alle ore 17.30, è l’evento che chiude in bellezza la due giorni di festa aperta alla comunità. Lo street food sarà in funzione dalle ore 15 alle ore 21.

21/09/2019 21:51 Comune di Greve in Chianti
Musei Statali
Il Nano Morgante del Bronzino ritorna a Palazzo Pitti
Il Nano Morgante, ritratto realizzato dal Bronzino del più celebre dei cinque buffoni che vissero alla corte di Cosimo I de' Medici, torna a Palazzo Pitti, nella reggia dove questo leggendario personaggio – al secolo Braccio di Bartolo – trascorse la maggior parte della sua vita. Dipinta su entrambi i lati, la tela raffigura il nano come “uccellatore”, cioè cacciatore di uccelli, giacché non gli era consentita la caccia ad animali di taglia più grande, attività riservata ai personaggi di rango più elevato. Il personaggio è ritratto rispettivamente di fronte e da tergo in due momenti successivi dell’azione: davanti lo si vede prima della caccia, mentre tiene al laccio una civetta usata come esca per attirare una ghiandaia che vola nell’aria, dietro viene mostrato quando impugna con la destra il risultato della sua impresa, voltandosi verso lo spettatore. In questo modo Bronzino, all’epoca coinvolto nella querelle sul “paragone” (ovvero la contesa del primato tra pittura e scultura) rispondeva con i fatti a chi sosteneva il vantaggio della statuaria perché essa offriva più punti di vista.
Il ritratto è ora esposto nella Sala di Apollo in Galleria Palatina. Questa opera assai fragile è stata dotata di una nuova teca, con vetro antiriflesso di ultima generazione e sistema di assorbimento degli urti, e trova in questa sede definitiva una collocazione più sicura. Infatti, nel corridoio al primo piano degli Uffizi dove era stata sistemata dal 2013 al 2016 - in dialogo con la galleria di ritratti dello stesso artista - le vibrazioni del pavimento al centro del corridoio, dove essa stava nella traiettoria dei flussi dei visitatori, costituivano un pericolo per la sua conservazione.

Braccio di Bartolo, chiamato con ironia paradossale Morgante, come il gigante protagonista dell'omonimo poema di Luigi Pulci, era un personaggio molto popolare al tempo di Cosimo I, noto ed apprezzato per la sua lingua tagliente e arguta, citato addirittura nelle Vite del Vasari e divenuto, nel tempo, soggetto di capolavori oggi celebrati. Oltre al doppio ritratto di Bronzino, sono da ricordare anche la scultura in marmo di Valerio Cioli per la fontana del Bacchino nel Giardino di Boboli, che lo ritrae a cavalcioni di una tartaruga, nonché quella in bronzo del Giambologna per la piccola fontana nel giardino pensile sopra la loggia dei Lanzi e oggi esposta al Bargello, dove lo si vede a cavallo di mostro marino. Giambologna ribadisce poi il ruolo di Morgante nella vita di Cosimo I ritraendolo anche alla base del monumento equestre del Granduca in Piazza della Signoria, mentre prende parte – disturbando, com’era da aspettarsi nel suo ruolo - alla cerimonia di incoronazione del suo signore.

Nell’Ottocento il dipinto di Bronzino venne sottoposto ad un pesante intervento di restauro che trasformò il nano nientemeno che nel dio Bacco, forse considerando la nudità della figura più consona a un personaggio mitologico: così una corona di foglie di vite fu aggiunta a cingergli il capo, bacino e genitali vennero nascosti da un’altra ghirlanda di pampini e grappoli, e la civetta ridipinta diventò un calice di vino.
Queste aggiunte furono rimosse solo nel 2010, durante una delicata operazione di ripristino che restituì finalmente all’opera l’aspetto originario, e al Nano Morgante la sua dignità di abile cacciatore di uccelli, celebrata dalle fonti storiche.

“Le cronache ci tramandano che Braccio di Bartolo aveva una personalità complessa e arguta, carismatica e a volte anche litigiosa – spiega il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt – Fu uno dei protagonisti della vita sociale e politica della corte, molto caro a Cosimo I, di cui si festeggia quest’anno il cinquecentenario della nascita. L’installazione a Palazzo Pitti del suo ritratto dipinto da Bronzino (che di quella corte fu indiscutibilmente il massimo pittore) è dunque un’occasione insieme museografica e celebrativa. Ed è oltretutto un’operazione che salvaguarda un’opera tanto fragile dai rischi di distacco della pellicola pittorica”.


SCHEDA TECNICA DEL DIPINTO
Agnolo di Cosimo detto Bronzino (Italia, Firenze 1503 – 1572) "Ritratto del Nano Morgante"
olio su tela
149 x 98 cm (Altezza x Larghezza)
1553 circa
21/09/2019 23:01 Musei Statali
Comune di Fucecchio
'Puliamo il Mondo' a Fucecchio: arrivano i volontari, se ne vanno gli spacciatori
L’obiettivo di pulire il mondo è forse fin troppo ambizioso ma intanto i volontari che a Fucecchio hanno aderito all’iniziativa di Legambiente un risultato significativo lo hanno già ottenuto: la loro presenza questa mattina nei boschi delle Cerbaie ha costretto gli spacciatori di droga, che qui si nascondono in attesa dei clienti, ad andarsene in fretta lasciando sul posto le tracce del loro passaggio. Batterie da auto, cibo e oggetti vari che trasformavano in bivacchi alcuni angoli delle colline tra le frazioni di Torre, Querce e Pinete.

Che gli spacciatori fossero stati in quei luoghi fino a poco prima è testimoniato dalle bucce di frutta appena consumata. Sul luogo della scoperta c’era l’assessore all’ambiente del Comune di Fucecchio, Valentina Russoniello, insieme ai volontari del Club Alpino Italiano, una delle tante associazioni (Gruppo Scout, Banca del Tempo, Io Amo Fucecchio, Eco Cerbaie, Comitato Civico Via Francigena, Contrada Porta Raimonda) che hanno aderito alla due giorni promossa da Legambiente e dal Comune di Fucecchio.

Sono stati chiamati sul posto i carabinieri della stazione di Fucecchio che sono prontamente intervenuti con una pattuglia individuando anche altri bivacchi abbandonati dagli spacciatori. Questa aree, così come altre all’interno del territorio comunale, sono state oggetto dell’intervento di pulizia dei volontari questa mattina (a Fucecchio proseguirà anche domani) ma l’iniziativa ha assunto un valore ancora più grande.

“Quello di allontanare gli spacciatori – spiega il sindaco di Fucecchio, Alessio Spinelli – era uno degli obiettivi che ci eravamo posti. Non a caso avevamo invitato le associazioni che hanno aderito a ‘Puliamo il Mondo’ ad occuparsi proprie di queste zone. Sono aree attenzionate con frequenza dalla forze dell’ordine ma il contributo che può dare la società civile e l’amministrazione comunale con una presenza costante grazie a iniziative e eventi è molto importante. La nostra presenza sarà sempre più frequente: stiamo già preparando un’altra iniziativa ad ottobre insieme all’associazione Cavalcanti del Padule. Lo slogan sarà ‘Riprendiamoci le Cerbaie’. E ce le riprenderemo.”
21/09/2019 22:30 Comune di Fucecchio
Città Metropolitana di Firenze
Lavori, senso unico alternato e chiusura sulla Sr 429
Per potere effettuare lavori per il completamento del quinto lotto della Variante alla Sr 429 “Di Val d'Elsa” l'Ufficio Viabilità della Città Metropolitana di Firenze ha stabilito un senso unico alternato regolato da impianto semaforico mobile e/o movieri, oltre alla localizzata limitazione di velocità a 30 km/h, per il restringimento della carreggiata, sulla Sp 108 “Granaiolo-Castelnuovo-Orlo” dal km 0+000 al km 0+300 circa e sulla Sr 429 “Di Val d'Elsa” dal km 66+500 al km 66+700 circa, nel comune di Castelfiorentino, da lunedì 23 settembre al 14 ottobre 2019 con orario 00.00/24.00.
Per consentire lo svolgimento di una gara ciclistica a Dogana, su richiesta della Società Ciclistica Castelfiorentino la Metrocittà ha deciso anche anche la chiusura al transito veicolare della Srt 429 dal km 24+580 (rotatoria Dogana) al km 27+000 (rotatoria Castelnuovo) per il giorno 28 settembre 2019 dalle ore 14 alle ore 18.
21/09/2019 14:33 Città Metropolitana di Firenze
Arcidiocesi di Firenze
Prevenzione abusi sui minori. l'Arcidiocesi di Firenze partecipa alla Seconda Conferenza Europea
L'Arcidiocesi di Firenze prosegue attivamente e concretamente nell'impegno per sradicare la piaga degli abusi sui minori, che purtroppo colpisce anche il mondo ecclesiale.

Dopo aver organizzato la prima Conferenza Europea a Firenze (aprile 2017) sulla “Formazione del clero e prevenzione degli abusi sui minori”, tre rappresentanti dell'Arcidiocesi sono impegnati a Zagabria nella Seconda Conferenza Europea sul tema: “Formazione e prevenzione – il potere come servizio” (19-21 settembre 2019) organizzata dalla Conferenza episcopale croata, nella sede dell’Università Cattolica Croata.



21/09/2019 20:20 Arcidiocesi di Firenze
Comune di Calenzano
Ultimo giorno della Festa dell’Ambiente a Celenzano
Ultimo giorno, domani domenica 22 settembre, della Festa dell’Ambiente di Calenzano, che ci ha accompagnato per tutta la settimana. Dalle 9 alle 19 nel centro cittadino, organizzati dall’ATC, si terranno mercatini, laboratori e mostra degli animali. In caso di maltempo ci si sposta allo St.Art, in via Garibaldi 7.

Nelle vie e nelle piazze del centro ci saranno il mercato bilogico e di filiera corta, il mercatino dell’ingegno e quello del riuso e del baratto. Sulle terrazze si terranno i laboratori: la terrazza della scienza, con laboratori di educazione ambientale per bambini e adulti e la bottega di Geppetto, laboratorio di costruzione con legno recuperato a cura di Fantulin. Merenda offerta dalla sezione soci Coop Sesto Fiorentino-Calenzano. Tutti questi eventi si terranno allo St.Art in caso di maltempo.

Dalle 10 alle 17 nei giardini di piazza della Resistenza ci sarà un’esposizione di animali da cortile, pecore, capre, asini, volatili, colombi viaggiatori, con la collaborazione degli allevatori di Calenzano e di Antonio Vannuccini.

Alle 18 nella sala convegni, al quarto piano di piazza Gramsci 11, si parlerà di pipistrelli, con la proiezione di un video/documentario e, a seguire, una passeggiata per rilevarne la presenza nelle zone circostanti.
21/09/2019 22:34 Comune di Calenzano
Comune di Greve in Chianti
Françoise Sullivan, l'artista che esplorò l'Avanguardia. Una mostra ne ripercorre il talento eclettico nella splendida Macina di San Cresci
Il Chianti dedica un omaggio inedito all'artista poliedrica Françoise Sullivan, ballerina, coreografa, artista visiva, firmataria del Manifesto Refus Global (1948), che nella storia dell'arte contemporanea in Canada, suo paese di origine, ha giocato un ruolo centrale. La mostra espone un gruppo di opere ispirate ai numerosi viaggi compiuti in Italia e dal 22 al 30 settembre sarà visitabile negli spazi della Macina di San Cresci nella Pieve di San Cresci a Greve in Chianti.

La giornata inaugurale dell’evento, prodotto dalla Galerie de l'UQAM in collaborazione con La Macina di San Cresci, con il patrocinio del Comune, prevede due diversi momenti: la mattina di domenica 22 alle ore 11 nella sala consiliare del Palazzo comunale dove il sindaco Paolo Sottani consegnerà un attestato di ringraziamento all'artista 96nne. La sera alle ore 18, nella sala espositiva della Pieve di San Cresci, apre i battenti la mostra "Opere dall'Italia" di Francoise Sullivan, curata da Louise Déry. Seguirà un aperitivo.

Dagli anni '40, Françoise Sullivan, nata a Montreal, in Quebec ha creato un'opera vibrante e voluminosa di notevole versatilità e inventiva costantemente rinnovata. Ispirata dalle grandi tradizioni mitologiche dell'Europa e dei nativi nordamericani, appassionata di arte e poesia e influenzata dal tempo trascorso a New York, in Italia, in Irlanda e in Grecia. Sullivan non ha mai smesso, nella sua sconfinata curiosità, di sperimentare forma e colore, gesto e movimento, figurazione e astrazione, non solo nella scultura, nella performance, nella danza e nella fotografia, ma soprattutto nella pittura.

La mostra e l’incontro con Gianfranco Sanguinetti
Durante gli anni '70, Françoise Sullivan visitò l'Italia in diverse occasioni per immergersi nei movimenti artistici che si stavano sviluppando attorno all'Arte Povera. A Roma, ha incontrato diverse figure di spicco nel mondo dell'arte come Jannis Kounellis, Mario Diacono, Emilio Prini, Germano Celant e Graziella Lonardi. Soprattutto nell'estate del 1972, rimase in Toscana con i suoi figli, dove incontrò regolarmente Gianfranco Sanguinetti, un teorico rivoluzionario e membro della sezione italiana situazionista internazionale. Accanto a lui e in diverse occasioni, ha incontrato Guy Debord, fondatore del movimento situazionista e autore di La società dello spettacolo. In Françoise Sullivan. Opere dall'Italia, Sullivan visita ancora una volta i siti in cui si sono svolti questi incontri, un periodo meno noto della lunga carriera dell'artista. Qui mette in mostra opere create in Toscana e a Roma o ispirate a questi momenti che incarnano una vera svolta e danno slancio alla sua visione artistica.

Un'abbondante produzione di spettacoli, coreografie, scritti, fotografie e dipinti segna la carriera dell'artista e le ha permesso di conquistare un posto nell’Olimpo dei più grandi artisti del Canada. Le traiettorie di Sullivan, così radiose, illuminano sia la nostra storia recente che il momento presente. Lei che continua a lavorare nel suo studio ogni giorno e continua a pensare (e pensare a se stessa) dentro e attraverso l'arte, ci invita a impegnarci nella relazione vitale tra l'opera d'arte, la memoria e il mondo che ci circonda. Il 22 e 23 settembre sancirà inoltre l’incontro pubblica tra Sullivan e il famoso autore Gianfranco Sanguinetti.

L'artista
Françoise Sullivan, ballerina, coreografa e artista visiva, è stata uno dei membri fondatori del gruppo Automatiste e firmataria del manifesto Refus global (Total Refusal) nel 1948. A partire dagli anni '60, il suo lavoro è diventato più diversificato passando alla fotografia, scultura, installazione e performance art.Tuttavia è la pittura che ha occupato il suo interesse più intensamente nel corso degli anni, pittura cui continua a dedicare un’energia impressionante ancora oggi. Ci sono molte ragioni per cui Françoise Sullivan è una figura significativa nella storia dell'arte in Québec e in Canada, come risulta dalla gamma di onorificenze che ha ricevuto, tra cui il Prix Paul-Émile Borduas, l'Ordre de Montréal, l'Ordre national du Québec, the Order of Canada, a Governor General's Award, ecc. I suoi lavori sono stati presentati in mostre personali al Musée d'art contemporain de Montréal (1981-82; 2018-19), Musée national des beaux-arts du Québec (1993), il Montreal Museum of Fine Arts (2003) e la Galerie de l'UQAM (1998; 2018), nonché in numerose mostre collettive in Canada, Europa e Stati Uniti. Per trent'anni, a partire dal 1977, Sullivan ha insegnato arti visive alla Concordia University di Montréal. È nata e vive ancora a Montréal, dove è rappresentata dalla Galerie Simon Blais.

La curatrice
Louise Déry ha conseguito un dottorato di ricerca in storia dell'arte, è direttore della Galerie de l'UQAM (Università del Québec a Montréal) e professore associato presso il Dipartimento di Storia dell'Arte, UQAM. Precedentemente curatrice del Musée national des beaux-arts du Québec, del Québec City e del Montreal Museum of Fine Arts, nonché direttrice del Musée régional de Rimouski, ha curato numerosi progetti con artisti come Giuseppe Penone, Rober Racine, Sarkis, Nancy Spero, Dominique Blain, Françoise Sullivan, Michael Snow, Donatella Landi, Raphaëlle de Groot e Aude Moreau, tra gli altri. Curatrice di una trentina di mostre all'estero, tra cui una dozzina in Italia, dove ha collaborato con Sala Uno, La Nube di Oort e RAMradioartemobile, è stata curatrice del Padiglione del Canada alla Biennale di Venezia nel 2007, con una Mostra di David Altmejd. Alla Biennale di Venezia 2013 e 2015, ha curato performance di Raphaëlle de Groot e Jean-Pierre Aubé. Déry ha ricevuto il primo Hnatyshyn Foundation Award for Curatorial Excellence (2007) e il Governor General's Awards in Visual and Media Arts (2014). È anche membro della Royal Society of Canada e Chevalier dell'Ordre des Arts et des Lettres, Francia.

La Macina di San Cresci
La Macina di San Cresci, fondata nel 2001, è un’associazione culturale e residenza per artisti, dedicata alla creazione, presentazione e documentazione dell'arte contemporanea in tutte le sue forme. E’ Membro di Res Artis, la più grande rete esistente di programmi di residenza per artisti. La missione della Macina è di incoraggiare la mobilità degli artisti interessati ad esplorare le loro idee in uno studio ben arredato lontano da casa; sviluppare uno scambio culturale a livello locale, nazionale e internazionale attraverso il coinvolgimento e la partecipazione di istituzioni straniere, sia pubbliche che private; agire come un laboratorio sperimentale in cui artisti-insegnanti e giovani artisti possono lavorare insieme. La Macina di San Cresci collabora attivamente con Università di Firenze, Regione Toscana, Comune di Greve in Chianti e Tuscany Film Commission alla realizzazione di progetti artistici e culturali.

www.chianticom.com


Mostra Françoise Sullivan. Opere dall'Italia

Date: 22-30 settembre 2019 (per prenotare le visite si consiglia di contattare La Macina di San Cresci)

Inaugurazione: domenica 22 settembre, ore 18

Luogo: La Macina di San Cresci, Greve in Chianti, Italia tel. 055 8544793

Prodotto da Galerie de l'UQAM in collaborazione con La Macina di San Cresci
21/09/2019 22:54 Comune di Greve in Chianti
Comune di Empoli
Piazza della Vittoria, lunedì 23 settembre divieto di transito veicolare, pedonale e sosta dal tardo pomeriggio alla notte
Per permettere i lavori che si svolgeranno dalle 18.30 di lunedì 23 alle 6 di martedì 24 settembre, per i quali è necessario l'utilizzo di una piattaforma aerea e che sono legati a un intervento sull'edificio dove opera la banca Monte dei Paschi di Siena, la polizia municipale dell'Unione dei Comuni ha predisposto un'ordinanza (la n. 1056 del 2019) in cui si prevede il divieto di transito (sia veicolare che pedonale) e sosta sul tratto di Piazza della Vittoria fra Via T. da Battifolle e Via del Giglio, nonché la svolta obbligatoria a sinistra per i veicoli che provengono da Via T. da Battifolle.
Come detto le operazioni inizieranno dalle 18.30 di lunedì 23 settembre e non permetteranno il transito veicolare su piazza della Vittoria direzione primo tratto di via Roma e secondo la ditta che opererà si concluderanno nella notte.

Di seguito il link dell'ordinanza: http://albo.empolese-valdelsa.it/web/circondario-empolese-valdelsa/albo-pretorio?p_p_id=jcitygovalbopubblicazioni_WAR_jcitygovalbiportlet&p_p_lifecycle=2&p_p_state=normal&p_p_mode=view&p_p_resource_id=downloadAllegato&p_p_cacheability=cacheLevelPage&p_p_col_id=column-1&p_p_col_count=1&_jcitygovalbopubblicazioni_WAR_jcitygovalbiportlet_id=96723&_jcitygovalbopubblicazioni_WAR_jcitygovalbiportlet_downloadSigned=true&_jcitygovalbopubblicazioni_WAR_jcitygovalbiportlet_action=mostraDettaglio&_jcitygovalbopubblicazioni_WAR_jcitygovalbiportlet_fromAction=recuperaDettaglio .
21/09/2019 23:05 Comune di Empoli
Comune di Greve in Chianti
Un nuovo manto erboso per lo stadio comunale di Greve in Chianti
I primi atleti a giocare sul nuovo manto erboso dello stadio comunale di Greve in Chianti saranno i calciatori della Asd Grevigiana che domani, domenica 22 settembre, disputeranno la loro prima partita casalinga contro l’Incisa Ideal Club. Questo pomeriggio, invece, con un giorno di anticipo rispetto alla data fissata, per via delle previsioni meteo in graduale peggioramento, si è tenuto il taglio del nastro con il sindaco Paolo Sottani, gli assessori Paolo Stecchi e Lorenzo Lotti insieme alle squadre dei più piccoli che hanno battezzato il campo in divisa sportiva.

Nel corso dell’inaugurazione è stato illustrato l’investimento che ha permesso di riportare ad un alto livello di qualità il manto erboso del campo sportivo. Ammonta a 40mila euro complessivi il costo dell’intervento messo in atto dalla giunta Sottani con l’obiettivo di realizzare la prima parte del rifacimento del manto, opera pubblica che non aveva interessato l’impianto dagli anni ’70. L’opera è stata conclusa in meno di un anno e per il suo completamento si era resa necessaria un’ordinanza del sindaco Sottani che vietava l’uso dell’impianto fino ad oggi per consentire la ricrescita dell’erba. “Sono molto soddisfatto dell’intervento – dice il sindaco Sottani - che ha visto collaborare l’esperienza di competenze specifiche dell’impresa Green Grass, la disponibilità di tutto l’ufficio tecnico, dal responsabile fino al personale del cantiere e l’impegno dei volontari della società sportiva Grevigiana. E’ stato un vero e proprio lavoro di squadra senza il quale non avremmo potuto ottenere un risultato così importante. Un mio particolare ringraziamento va al presidente del Consiglio comunale Stefano Romiti che, da assessore, aveva seguito tutte le fasi dell’opera”.

L’amministrazione comunale ha lavorato per incrementare il livello di qualità del terreno per il quale il campo era rinomato e riconosciuto anche dalla FIGC come uno dei migliori in erba dell'area fiorentina. Ha rivestito un ruolo di rilievo per la rigenerazione del manto erboso la realizzazione dell'irrigazione automatica in base ad un progetto condiviso dall’amministrazione comunale e l'impresa esecutrice. “La ditta ci ha supportato non solo nella realizzazione dell’opera - continua - ma anche attraverso un’attività di formazione rivolta ai volontari della società sportiva, aspetto indispensabile per la buona conservazione del terreno di gioco”. In una fase successiva seguirà un ulteriore investimento per la realizzazione di un pozzo e di una cisterna di accumulo dell'acqua in grado di garantire disponibilità idrica soprattutto durante il periodo estivo. L'impianto sarà essenziale per il mantenimento del manto erboso.
21/09/2019 20:12 Comune di Greve in Chianti
Comune di Empoli
Bruna Bargigli, auguri a un’altra Over 100 di Empoli
Bruna Bargigli taglia il traguardo dei cento anni! Dopo ‘ì Bubbola’ ecco un’altra empolese longeva che spenge cento candeline nell’arco di pochi giorni insieme alla sua famiglia e a Fabio Barsottini, vicesindaco del Comune di Empoli, che l’ha omaggiata con una pergamena e una bella orchidea, a nome di tutta l’amministrazione comunale e della giunta.

Bruna, classe 1919, a soli nove anni era già a lavorare in uno scatolificio, dal Maestrelli. Si sposò a venticinque anni, nel 1945, con Dino Ciampi con cui ebbe due figli, Alberto del ‘46 e Tamara del ’48.
Dino è scomparso nel 2002. Bruna ha sempre lavorato da operaia, poi da casalinga dopo essersi sposata, sempre per amore della famiglia.

Avrebbe voluto viaggiare e qualche viaggio è riuiscita a farlo. Il marito è stato per tanti anni operaio in una cooperativa e poi imprenditore in un appalto dell’Enel. Aveva sessanta dipendenti.

Il figlio Alberto ci racconta un aneddoto importante per la storia di questa città: «Piazza XXIV Luglio, il monumento, quei nomi incisi, ecco lì poteva esserci anche quello di mio padre – ci dice -. Nel giorno del rastrellamento tanti dei nostri parenti furono uccisi dai nazifascisti (come ha raccontato recentemente durante il consiglio comunale aperto agli Agostiniani in occasione dell’anniversario della Liberazione Ferdinando Ciampi). Mio padre e mia madre stavano facendo quella che si chiamava la pennichella, quando un tedesco entrando in casa prepotentemente, aprì la porta della camera e non lo vide. Mia madre lo stava nascondendo sotto di lei. Gli salvò la vita – conclude -. Una vita felice e serena e sempre da antifascisti, ma la storia sarebbe lunga».

Dunque mercoledì 18 settembre si è svolta una bella festa a cui hanno partecipato parenti e amici per l’ennesima over 100 empolese.
21/09/2019 10:35 Comune di Empoli
Comune di Barberino Tavarnelle
Il Medioevo cucito addosso. La sartoria Sartor Antiqua veste la sfilata storica di Barberino Val d’Elsa

Da mesi lavorano giorno e sera nell’atelier comune e a casa propria perché ogni aspetto della sfilata storica sia perfetto. E ancora una volta la meraviglia dell’artigianato al femminile, espressa da una decina di cittadine di Barberino, sarte per passione che si riuniscono tutto l’anno intorno alla macchina da cucire, riuscirà a stupire il pubblico della festa medievale. Sono centinaia i costumi realizzati dal gruppo sartoriale guidato da Anna Brancaccio dell'associazione Happy Days Onlus per l’undicesima edizione della manifestazione che coinvolge un’intera comunità nella rievocazione delle origini medievali del castello di Barberino Val d’Elsa. Mani abili che usano ago e filo mentre sfogliano volumi, si documentano e condividono ricerche sugli abiti e sugli accessori dell’epoca per realizzarli in maniera coerente al contesto storico. La creatività, la cura dei dettagli, la bellezza dei tessuti impreziosiscono il corteo, costituito da centinaia di figuranti di ogni età, provenienti dal territorio di Barberino Tavarnelle, che domani andrà in scena per il secondo e ultimo appuntamento della manifestazione. L’iniziativa è promossa dall'Unione comunale del Chianti Fiorentino, organizzata da Happy days Onlus con il contributo della Banca di Cambiano.

Domani l’Anno Mille prende vita nel castello con la rievocazione storico-teatrale Summus Fons, nascita di un mito: il corteo storico, dalle ore 17:30, attraverserà il centro storico per creare un palcoscenico itinerante. I figuranti partiranno da Porta Senese ed effettueranno alcune soste all'interno del castello per mettere in scena la costruzione della città di Semifonte con l'atto conclusivo previsto alla chiesa di San Bartolomeo. Lo spettacolo nasce da un'idea di Francesco Mattonai in collaborazione con l'associazione Tealtro e La compagnia delle terre d'Elsa mentre il corteo storico, arricchito dalla partecipazione dei cortei storici di Certaldo e San Donato in Poggio, è curato da Sara Innocenti. Una speciale partecipazione è quella del Coro Daltrocanto di Vico d'Elsa, diretto da Keren Davidovitch che intonerà brani ispirati all’epoca medievale. "Sembrerà non solo di compiere un tuffo nel passato ma di entrare in un teatro diffuso, all'aperto dove la parola conta e si alterna con il gesto - commenta l'assessore alla Cultura del Comune di Barberino Tavarnelle Giacomo Trentanovi – un appuntamento che si consolida anno dopo anno grazie al coinvolgimento e alla partecipazione della nostra comunità”.

Il sipario si alza sul castello dove l’intrattenimento e le atmosfere dell’epoca sono ricreate con le attività e gli spettacoli di musici, danzatrici, giocolieri, acrobati, mangiatori di fuoco, mercanti e cuochi. Non mancheranno le animazioni della corte ludica con dimostrazioni e animazioni di tiro con l'arco e i giochi ludici medievali. Saranno aperte anche le zone ristoro dell'Osteria dei senza mutande in piazzetta Spedale dei Pellegrini e in via Vittorio Veneto con la possibilità di degustare le ricette dell'epoca presso i locali della chiesa di San Bartolomeo e del Chianti Classico presso la fattoria Pasolini Dall'Onda Borghese. Nei giardini di piazza Mazzini protagonisti saranno i soldati dell'accampamento medievale. Anche i negozi resteranno aperti. Il servizio navetta gratuito, disponibile domani dalle ore 16 alle ore 20, sarà garantito grazie all'associazione Auser Barberino Tavarnelle. Ingresso libero. Spettacoli fino alle ore 24. Info: Proloco Barberino e Gruppo archeologico Achu - www.unionechiantifiorentino.it.
21/09/2019 21:58 Comune di Barberino Tavarnelle
Comune di Pistoia
Inaugurata la “casa” dell’hockey pistoiese
È stato inaugurato questa mattina l’ “Hockey Stadium comunale Andrea Bruschi” di Montagnana, la “casa” dell’hockey pistoiese frutto della collaborazione tra i Comuni di Pistoia e Marliana e dal contributo di più soggetti.

Si tratta di un impianto polivalente destinato anche al calcio, che sarà utilizzabile dalle altre società sportive del territorio pistoiese.

L’impianto, un’opera da 572mila euro, è stato oggetto di un’apposita convenzione tra il Comune di Pistoia e il Comune di Marliana, che ha permesso di procedere alla realizzazione dello Stadium a pochissima distanza dal confine comunale e di garantire, quindi, uno spazio adeguato ed omologato, finora mancante, per gli allenamenti e le partite di campionato dell’hockey.

La gestione è affidata alla società Hockey club di Pistoia, che questa mattina, prima dell’inaugurazione, ha fatto visita con i suoi rappresentanti al sindaco Alessandro Tomasi insieme ad una delegazione dell’Università di Kuala Lampur, in Malesia, con cui l’Hockey club coltiva una collaborazione in ambito sportivo.

La realizzazione dell'opera inaugurata stamani, è stata possibile grazie alla collaborazione tra più soggetti. Nel dettaglio, hanno contribuito: la Fondazione Caript con 145mila euro, Coni (Piano sport e periferie) con 100mila euro, Federazione Italiana Hockey con 75mila euro, Regione Toscana con 60mila euro, Comune di Pistoia con 30mila euro, Società hockey club Pistoia con 25 mila euro e Comune di Marliana con 137mila euro.
21/09/2019 22:21 Comune di Pistoia
Comune di Bagno a Ripoli
Bagno a Ripoli - A Bagno a Ripoli il 92% dei cittadini dice sì alla donazione degli organi
A Bagno a Ripoli sono 2.232 i cittadini che alla data del 31 luglio 2019 hanno manifestato la propria volontà alla donazione sul Sistema Informativo Trapianti. Un dato che equivale al 92% dei cittadini che si sono già espressi in merito e che rappresenta uno dei numeri più alti dell’intera Zona Fiorentina Sud Est, secondo solo alla percentuale registrata nel Comune di Barberino Tavarnelle, dove gli assensi sono stati 927 (pari al 94%).
Il trend positivo di adesioni è condiviso da tutti e 12 i Comuni della Zona Fiorentina Sud Est. A livello di Conferenza zonale, infatti, circa l’85% dei cittadini hanno già detto “Sì” alla donazione degli organi. Delle 18.079 persone che si sono espresse finora, 15.219 hanno dato il proprio consenso e solo 2.860 sono state le opposizioni. È possibile dare il proprio parere positivo alla donazione degli organi al momento del rilascio o del rinnovo della propria Carta d’identità, oppure in modo spontaneo presso gli uffici del Comune e dei Distretti sanitari.

A testimonianza di un ampio supporto per la causa in questo territorio, anche quest’anno la cena a sostegno della cultura della donazione, alla sua quarta edizione, è stata un successo. Circa 220 persone, tra cui molti pazienti trapiantati e loro familiari, hanno riempito mercoledì 18 settembre la sala adiacente alla Chiesa della Pentecoste di Bagno a Ripoli, per la serata organizzata dalla Struttura donazioni e trapianti dell'Asl Toscana Centro con il patrocinio del Comune ed il supporto dell’Associazione Giostra delle Stella Palio delle contrade di Bagno a Ripoli. Presenti - tra gli altri - il sindaco Francesco Casini, l’assessore regionale alla salute Stefania Saccardi, la vicesindaca del Comune di Firenze Cristina Giachi, il presidente del Cesvot Federico Gelli, il coordinatore locale aziendale Usl Toscana Centro Alessandro Pacini, il direttore dell’Organizzazione Toscana Trapianti Adriano Peris, il direttore dello Staff della direzione sanitaria aziendale Usl Toscana Centro Roberto Biagini, la Presidente dell’Ordine dei Medici di Firenze ed il prorettore dell’Università degli Studi di Firenze Fabio Marra. Molti i rappresentanti delle Associazioni di volontariato del settore tra cui l’ANED, VITE Onlus, ATTO, AMaRTI, NoPC, AVIS, FRATES, Associazione Nazionale Calcio trapiantati. Numerosi anche gli operatori sanitari medici e infermieri degli Ospedali dell’Azienda Usl Toscana centro coinvolti nei percorsi di procurement e di trapianto.

«I numeri relativi ai donatori di Bagno a Ripoli – commenta il Sindaco Francesco Casini, di recente confermato Presidente della Conferenza dei Sindaci della Zona fiorentina Sud Est – mi riempiono di orgoglio. Dobbiamo andare ancora più avanti, diffondendo un’informazione corretta sul tema e facendo aumentare ancora il numero dei cittadini aderenti.»

«Anche nel campo dei trapianti – afferma l’assessora regionale al diritto alla salute Stefania Saccardi - la nostra regione si colloca a livelli di eccellenza non solo in Italia ma anche nel panorama europeo. Lo sforzo del nostri sistema sanitario è quello di non rendere vano un gesto di generosità immenso come quello della donazione di organi. Il sistema è complesso ma grazie al contributo di tutti - dai donatori ai medici, dai volontari agli infermieri – sono convinta che riusciremo a fare ancora di più e meglio.»

«È importante – dice il dottor Pacini - la condivisione del percorso trapianto in quanto per rendere possibile questa terapia, tutti i cittadini sono coinvolti. Dal gesto di solidarietà di un cittadino, che al termine delle propria vita dona i propri organi e tessuti, si avvia un’organizzazione di livello regionale e nazionale, che mette a dura prova il funzionamento delle strutture sanitarie, coinvolgendo in poche ore centinaia tra operatori sanitari, associazioni di volontariato e istituzioni, che permetterà di arrivare a trapiantare diversi pazienti in lista di attesa. L’Azienda USL Toscana centro è impegnata a migliorare, nell’ambito dei suoi 13 Ospedali, tutti i percorsi di Nel procurement di organi, tessuti e cellule, che sono già molto buoni a livello regionale. Nel 2018 sono stati individuati oltre 85 donatori di organi e tessuti che hanno permesso di trapiantare oltre 150 pazienti in lista di attesa. L’Azienda USL Toscana centro è impegnata, inoltre, considerando gli oltre 1000 pazienti residenti trapiantati, a sviluppare un servizio di supporto ai loro percorsi di follow up, per migliorarne l’efficacia e sostenerne l’adesione da parte dei pazienti, che ha riscosso molto successo, sia tra gli specialisti di organo coinvolti, sia tra i pazienti fino ad ora arruolati.»

  • ***********
Bagno a Ripoli, 19 settembre 2019
20/09/2019 18:06 Ufficio stampa Comune di Bagno a Ripoli
Comune di Vinci
“Io, Leonardo”, il film di Sky con Luca Argentero in anteprima a Vinci
Ancora un altro grande evento a Vinci legato a Leonardo, nell'anno delle celebrazioni per il quinto centenario della sua morte. Mercoledì 25 settembre, infatti, l'attesissimo film prodotto da Sky Arte “Io, Leonardo” - con protagonista Luca Argentero nei panni del grande Maestro e in uscita nelle sale di tutta Italia il 2 ottobre - sarà proiettato in anteprima presso il Teatro di Vinci (via Pierino da Vinci, 35).

La pellicola si inserisce nel solco del nuovo filone di “cinema d'arte” prodotto da Sky, a metà strada tra film e documentario. Il regista è il messicano Jesus Garcer Lambert, che ha già firmato per Sky il film “Caravaggio - l'Anima e il Sangue”, mentre come già detto il protagonista sarà Luca Argentero, con la voce narrante di Pannofino che guiderà gli spettatori nei momenti più importanti e profondi della vita del grande artista e scienziato vinciano. Nel cast presenti anche Angela Fontana nei panni Cecilia Gallerani e Massimo De Lorenzo che interpreta Ludovico il Moro.

Sarà un racconto incredibile e originale alla scoperta dell’uomo Leonardo, attraverso un viaggio coinvolgente nella vita del Genio del Rinascimento, cercando di andare oltre gli stereotipi con cui solitamente viene narrato.



Lambert affronta la storia di un Leonardo inedito, in cui la vera protagonista è la sua mente, e lo fa mantenendo sempre una ricostruzione fedelissima della sua vita. I dialoghi sono presi dai suoi scritti autografi presenti nel Trattato della Pittura redatto dal suo discepolo Giovanni Francesco Melzi.

La serata prevede una prima proiezione riservata alle autorità e agli addetti ai lavori e poi, per volontà del Comune di Vinci, una seconda proiezione alle ore 22 aperta a tutti i cittadini residenti nel Comune di Vinci.

L'iniziativa è stata resa possibile grazie al fondamentale supporto della Fondazione Piaggio, che da anni è partner del Comune di Vinci e del Museo Leonardiano nella realizzazione di eventi di promozione culturale, e alla collaborazione di Sky.

“Ospitare l'anteprima del film ‘Io Leonardo’ è per noi un grande privilegio e un evento molto importante per il Comune e per i nostri concittadini - fa sapere il vicesindaco con delega alla Cultura, Sara Iallorenzi - Ottenere l'autorizzazione all'anteprima non era affatto scontato e semplice, per questo voglio ringraziare Sky Arte e la Fondazione Piaggio per la disponibilità e la collaborazione. È un altro grande evento che l'Amministrazione comunale è riuscita a portare a Vinci in questo 2019, un anno che rimarrà indelebile nella memoria di tutti noi e che, grazie all'impegno e al grande lavoro svolto dal Comune, ha reso la nostra città protagonista a livello nazionale e internazionale”.

L'ingresso è gratuito fino a esaurimento posti, per cui è obbligatoria la prenotazione recandosi presso l'Ufficio turistico di Vinci, in via Montalbano 1, aperto tutti i giorni dalle 10 alle 18, oppure telefonando allo 0571 933285.
22/09/2019 09:56 Comune di Vinci
Regione Toscana
Sicurezza, Bugli: "Meno porte blindate e quartieri più vivi e vivibili"
Città più sicure grazie a politiche integrate che prevengano il degrado e rendano più vivi e vivibili strade e quartieri. L'assessore alla presidenza della Regione Vittorio Bugli è intervenuto alla Giornata di polizia locale e sicurezza urbana a Riccione illustrando i progetti di sicurezza integrata in attuazione in Toscana. Bugli ha sottolineato che contrastare degrado e criminalità, e di conseguenza rendere le città più sicure, necessita di presidi ma anche di studi, di analisi e soprattutto di politiche integrate. In questo senso la Toscana si è dotata di un Libro bianco che contiene le linee guida sulla sicurezza dei cittadini alla luce di un concetto più ampio che guarda anche alla vivibilità dei centri urbani, alla tutela del decoro, alla corretta fruizione degli spazi comuni.

"Più azioni positive e meno azioni negative. E' questa l'equazione su cui puntiamo - ha sottolineato Bugli - quando parliamo di sicurezza integrata. Vale a dire interventi che, coinvolgendo anche i cittadini, preparino un ambiente che prima di tutto previene la criminalità, e poi la contrasta. E' chiaro che ordine pubblico e sicurezza sono materia dello Stato. A livello locale possiamo pertanto fare cose diverse. Anche nella proposta di legge sulla sicurezza urbana e sulla polizia locale, che stiamo per approvare in giunta, cerchiamo di chiarire questa equazione, mettendo insieme sicurezza integrata e lotta al degrado. Noi diciamo: compriamo una porta blindata in meno ma scendiamo nel quartiere e viviamolo. Sosteniamo il ritorno delle attività commerciali, aggregative e culturali nelle zone urbane degradate. A questo approccio siamo arrivati dopo varie sperimentazioni sui territori e finora c'è stato un ottimo risultato: la fisionomia dei luoghi si è riaccesa e abbiamo visto un miglioramento del tessuto sociale oltre che della sicurezza".

Vari i fronti di intervento già attuati sul fronte della sicurezza integrata. In tre anni la Regione ha distribuito contributi per quasi 3,3 milioni per finanziare sistemi di videosorveglianza a livello locale. Ne hanno beneficiato 228 Comuni e 18 Unioni, 172 progetti in tutto. Un nuovo bando per 477 mila euro è già stato predisposto. Con i PIU, i progetti di innovazione urbana, la Regione ha finanziato con i fondi Fesr 2014-2020 anche otto diversi interventi di riqualificazione urbana per altrettanti Comuni, con un contributo di quasi 44 milioni.

Ci sono poi i progetti speciali sulla sicurezza: cinque finanziati con quasi seicentomila euro alla fine del 2016 (Livorno, Prato, Pisa, Firenze, Lucca) a cui si sono aggiunti poi l'Osmannoro (tra Firenze, Sesto e Campi Bisenzio), Montecatini Terme, Arezzo, Grosseto per l'appunto, Rosignano Marittimo e Poggibonsi. Ad oggi il finanziamento regionale vale un milione e 96 mila euro: undici progetti in tutto, con il proseguimento dell'esperienza all'Osmannoro già confermata nei mesi scorsi. Si tratta di esperienze di presidio e controllo di vicinato; iniziative per ‘aggredire' lo "sballo" notturno e rendere la movida vivibile; progetti di rivitalizzazione di centri storici e quartieri degradati con una diversa progettazione urbanistica ma anche attraverso animazione culturale e artistica. Lo scorso luglio la giunta poi ha dato il via libera ad un ulteriore bando da 800 mila euro per finanziare azioni integrate finalizzate a promuovere una rinnovata socialità dei quartieri più fragili.

Proprio in queste settimane stanno inoltre partendo i progetti dei vigili di prossimità, finanziati per tre anni in quindici Comuni (il finanziamento complessivo è di 9 milioni). L'idea era stata lanciata dalla Regione all'inizio dell'anno, accanto appunto alla richiesta all'allora Governo di un innalzamento della dotazione delle forze dell'ordine, che a giugno risultava ancora insufficiente in Toscana, costretta peraltro a fare i conti con pensionamenti anticipati. D'accordo con l'Anci, l'associazione dei Comuni, è stata data precedenza ai territori dove più alto era l'indice di delittuosità rispetto agli abitanti ‘equivalenti', ovvero considerando non solo i residenti ma anche pendolari, studenti, turisti e chiunque in città e in quei comuni si sposti durante il giorno. I vigili di prossimit&agra ve;, riconoscibili da un logo cucito sulla manica sinistra delle divise, hanno il compito di stare nelle strade, nel quartieri, parlare e ascoltare le persone e i commercianti, e svolgere così anche un ruolo di deterrenza del crimine.

Bugli, concludendo il suo intervento alla Giornata organizzata dal Forum italiano per la sicurezza e dalla Conferenza delle Regioni, ha sottolineato la necessità di un vero e proprio piano sulla sicurezza urbana a livello locale che sia condiviso: "E' necessario adeguare gli impianti normativi perché le Regioni non possono essere considerate un bancomat. Noi siamo disponibili a dare risorse per la sicurezza ma vogliamo decidere insieme ai sindaci quali politiche attuare per poi confrontarle con lo Stato".
22/09/2019 09:36 Regione Toscana
Musei Statali
Agli Uffizi la festa per i 200 anni degli USA a Firenze
Agli Uffizi due giorni nel segno della storia e della bellezza, con dialoghi e dibattiti per celebrare l'amicizia tra Firenze e gli Usa in occasione del bicentenario dalla fondazione del Consolato generale americano nel capoluogo toscano. È 'Gli Stati Uniti e Firenze (1815-1915): modelli artistici, ispirazioni suggestioni', rassegna organizzata dagli Uffizi ed in programma il 23 ed il 24 settembre: a prendere parte ai suoi eventi, nell'auditorium Vasari al piano terra della Galleria delle Statue e delle Pitture, saranno docenti universitari, storici dell'arte, specialisti e ricercatori del settore museale di svariate nazionalità (a partire da quelle italiana e statunitense). Ad aprire i lavori, lunedì mattina, saranno il console generale a Firenze Benjamin V. Wohaluer ed il direttore degli Uffizi Eike Schmidt.
"Gli Stati Uniti dell'America non sono soltanto il paese di provenienza del gruppo più grande dei nostri visitatori stranieri di oggi – ricorda Schmidt - è dalla fondazione della Nazione nordamericana nel 1776 che i cittadini statunitensi vengono a visitarci fedelmente ogni anno. All’inizio si trattava di artisti in viaggio, e durante l'Ottocento in tanti si stabilivano a Firenze e in Toscana. Con questo convegno accendiamo i riflettori sul primo secolo delle relazioni artistiche tra l'Italia e gli Usa".
21/09/2019 22:26 Musei Statali
Comune di Firenze
Plastic free, cominciata a Firenze la consegna delle borracce agli studenti di prima elementare
E’ cominciata, e proseguirà anche nei prossimi giorni, la consegna delle borracce ai 2500 studenti delle prime elementari delle 55 scuole primarie cittadine. La distribuzione delle borracce è iniziata ieri dalla scuola primaria Petrarca nel Quartiere 4 dove l’assessore all’educazione Sara Funaro e il presidente del Q4 Mirko Dormentoni hanno consegnato le borracce ai 32 bambini delle prime classi spiegando l’importanza del plastic free”. “Più acqua del rubinetto – ha spiegato l’assessore Funaro - vuol dire infatti anche meno plastica e quindi rispetto per l’ambiente e per il nostro futuro. Inoltre come Comune faremo anche una serie di progetti ambientali legati anche all’interno delle Chiavi della Città”.

La consegna delle borracce proseguirà anche nei prossimi giorni e in ogni scuola ci sarà un rappresentante dell’amministrazione che spiegherà l’importanza del plastic free e del risparmio della plastica. Ci sarà il sindaco Dario Nardella, gli assessori della giunta, ma anche il presidente del consiglio comunale, i presidenti dei 5 Quartieri e delle Commissioni educazione di Comune e Quartieri: andranno scuola per scuola a incontrare gli studenti più piccoli.

"Oltre ad aver portato un dono concreto - ha ricordato il presidente del Quartiere 4 Mirko Dormentoni - abbiamo lanciato un semplice, ma importante messaggio ambientale e culturale ai bambini di una delle scuole più antiche di Firenze".

Anche il presidente di Publiacqua Lorenzo Perra andrà nelle scuole: “Regaleremo boracce a tutti i bambini anche per i prossimi 5 anni – ha detto il presidente di Publiacqua – questo è il primo passo di una serie di iniziative di Publiacqua per la riduzione del consumo della plastica e per le politiche ambientali”.

L’assessore Funaro, insieme al presidente del Q4 Mirko Dormentoni, ha inoltre partecipato anche all’inaugurazione del nuovo spazio ludico-motorio della scuola Petrarca, rinnovato durante l’estate e adesso pronto per essere uno spazio importante per gli studenti della scuola. (sp)

22/09/2019 10:26 Comune di Firenze
Comune di Scandicci
Le Bagnese ha il bancomat
Martedì 24 settembre 2019 alle 18 in via Fattori inaugurazione del nuovo bancomat de Le Bagnese, aperto grazie ad un investimento di ChiantiBanca. Il nuovo sportello torna in funzione alla presenza del Sindaco Sandro Fallani, che la scorsa primavera aveva fatto un appello al sistema bancario perché si trovasse soluzione al problema della mancanza di bancomat nel quartiere di San Giusto Le Bagnese, dopo la chiusura di due sportelli bancari. “Ringraziamo adesso chi si è fatto carico del problema da noi segnalato, trovando una soluzione definitiva - dice il Sindaco Sandro Fallani - la chiusura di questo tipo di servizio era causa di gravi disagi per la cittadinanza, in particolare per le persone con maggiori problemi a muoversi tra cui gli anziani e altre fasce deboli della popolazione”. Il nuovo Bancomat ha come bacino una popolazione di quasi 10 mila abitanti, se consideriamo anche la zona di San Giusto e altre aree limitrofe tutte sprovviste di questo servizio. “Siamo presenti nel territorio da 30 anni – dicono i responsabili di ChiantiBanca – abbiamo deciso di rispondere all’appello del Sindaco e di risolvere il problema segnalato, che era realmente sentito dalla cittadinanza. Pur non avendo una filiale nel quartiere, ChiantiBanca ha due sportelli a Scandicci e ha deciso di aprire un bancomat a Le Bagnese e di far fronte concretamente alla mancanza di questo servizio”.
22/09/2019 09:50 Comune di Scandicci
Comune di Firenze
Ato Toscana Centro, l’assessore Del Re nominata presidente dell’assemblea
L’assessore all’Ambiente Cecilia Del Re è stata nominata venerdì presidente dell’assemblea Ato Toscana Centro. La votazione si è tenuta nel corso dell’assemblea dei comuni presso la sede della Regione Toscana in Palazzo Panciatichi. L’assemblea è composta da tutti i sindaci o loro assessori delegati e svolge funzioni di indirizzo e alta amministrazione dell’Autorità servizio rifiuti.

“È stato eletto oggi il Consiglio direttivo Ato Toscana Centro – ha detto l’assessore all’Ambiente Cecilia Del Re – che, insieme a tutta l’assemblea dei comuni dell’Ato Toscana Centro, si impegnerà per affrontare al meglio la sfida dei rifiuti. Una sfida che ci vede impegnati oggi e ci vedrà impegnati nei prossimi anni, anche alla luce della variante al piano dei rifiuti che l’assessore regionale all’Ambiente Federica Fratoni ha illustrato oggi in assemblea”.

L’assemblea si era aperta con l’audizione dell’assessore regionale all’Ambiente Federica Fratoni. Oltre alla nomina di presidente e vicepresidente, si è proceduto all’elezione del nuovo Consiglio direttivo. (sc)

22/09/2019 10:28 Comune di Firenze
Comune di Firenze
Comunicazione dell'assessore Funaro sull'inizio dell'anno scolastico nel consiglio comunale di Firenze di lunedì
Il Consiglio comunale di Firenze è convocato per lunedì prossimo, 23 settembre, nel Salone dei Duecento.

La seduta, che sarà come di consueto preceduta dall'ora dedicata al question time (con inizio alle 14,15), si aprirà con comunicazioni e domande di attualità di consigliere e consiglieri. Al termine, la comunicazione dell'assessore Sara Funaro sull'inizio dell'anno scolastico.

L'ordine dei lavori prosegue con il voto su due delibere. La prima riguarda il progetto per la realizzazione di un centro di socializzazione per anziani al Torrino di Santa Rosa. La seconda la variante di medio termine al regolamento urbanistico.

Iscritte all'ordine del giorno anche interrogazioni, ordini del giorno, mozioni e risoluzioni. (fdr)

Il dettaglio dei lavori è consultabile al link

https://www.comune.fi.it/system/files/2019-09/2019-09-23-ordine.pdf

Diretta sul canale youtube

https://www.youtube.com/channel/UCXdLhwYzwI9159Ei7TDTn4w

22/09/2019 10:24 Comune di Firenze
Comune di San Casciano
Percorsi virtuosi e reti di collaborazione tra Comune di San Casciano, Oxfam Italia e Centro Siproimi
Demba Kasse, 30 anni, di origine senegalese, vive una vita autonoma in un territorio, quello di San Casciano Val di Pesa, che mostra rispetto dei suoi diritti di lavoratore. Presta le sue braccia in agricoltura ed è felicissimo di aver firmato da poco un contratto con un’azienda locale. Un obiettivo che il richiedente asilo ha raggiunto dopo essersi qualificato e aver concluso un percorso formativo e professionalizzante, grazie alla rete di collaborazione tra Oxfam Italia, Centro Siproimi e Comune di San Casciano per la gestione del sistema di accoglienza e integrazione lavorativa. “Ora vivo per conto mio, pago l’affitto – dice - e sono contento di aver trovato un mio spazio di realizzazione nel campo dell’agricoltura, il lavoro integra nel tessuto sociale, dà sicurezza e speranza per il futuro”. E’ il caso virtuoso di un percorso di indipendenza a favore di un rifugiato/richiedente asilo che nasce dalla volontà di fare rete e combattere lo sfruttamento lavorativo e il fenomeno, sempre più diffuso in Italia, del caporalato attraverso i modelli di inclusione sociale e le buone prassi di accoglienza.

Il tema è stato posto al centro dell’attenzione pubblica dall’iniziativa promossa nella sala dell’auditorium ChiantiBanca dal Comune, Oxfam Italia e il Sistema Centrale Siproimi. L’inclusione sociale, la trasparenza, la qualità professionale, l’impegno dei cittadini, delle associazioni e degli imprenditori agricoli sono gli strumenti capaci di depotenziare quella che è diventata una vera e propria piaga sociale: il lavoro irregolare correlato nella maggior parte dei casi al fenomeno della criminalità organizzata. Alla tavola rotonda di San Casciano “Diritti, lavoro integrazione, buone prassi di accoglienza e di inclusione lavorativa”, hanno partecipato amministratori pubblici, docenti universitari, legali, rappresentanti delle organizzazioni sindacali, esperti di risorse umane nel settore agricolo e alcuni richiedenti asilo e rifugiati del progetto Siproimi di San Casciano che hanno testimoniato la loro esperienza positiva come quella di Demba.

Tanti gli interventi dei relatori tra cui l’importante contributo dell’onorevole Susanna Cenni, vicepresidente della Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati, che ha fatto il punto dell'avanzamento legislativo, volto a promuovere filiere etiche e prevenire lo sfruttamento. L’onorevole ha focalizzato l’attenzione sul prezioso ruolo dei consumatori, come attori protagonisti nella scelta consapevole dei prodotti, e ha illustrato i contenuti del disegno di legge in discussione in Parlamento, formulato con l’obiettivo di regolamentare le aste per la vendita dei prodotti al minimo ribasso e il relativo disciplinamento del sottocosto. A parlare di sicurezza e corsi professionalizzanti per i cittadini stranieri che lavorano nel settore agricolo è stato Bernardo Del Lugo, responsabile risorse umane dell’azienda agricola Marchesi Antinori. “La qualità del lavoro è garantita dalla professionalità – ha aggiunto – è fondamentale formare i ragazzi e avviarli alla professione con un percorso formativo che si traduca in un’opportunità economica e sociale per loro e in un’esperienza virtuosa per l’azienda. Sono previsti degli incentivi per le imprese che intraprendono queste strade”. Sono stati preziosi anche i contributi di Marina Lauri, responsabile settore agricoltura e forestazione Anci Toscana, che ha evidenziato il ruolo degli Enti Locali nel contrasto al lavoro nero in ambito agricolo-forestale, Alessandro Capriccioli, consigliere regionale Regione Lazio, presente al convegno con un collegamento skipe, sulla nuova legge contro il caporalato della Regione Lazio, Simona Lelli, segreteria CGIL FLAI Toscana che ha parlato dello sfruttamento del lavoro e del caporalato nell’agricoltura toscana e Emilio Santoro che si è soffermato sull’esperienza del centro di ricerca interuniversitario Altro Diritto.

“Lo sfruttamento lavorativo – ha espresso con chiarezza il sindaco Roberto Ciappi - si supera con la costruzione di una rete di cooperazione tra istituzioni, organizzazioni non profit, soggetti privati. Occorre attivarsi insieme per stimolare la valorizzazione delle risorse dei braccianti, il loro senso di appartenenza alla comunità e la loro autonomia”.

“Integrazione e opportunità di formazione professionale devono andari di pari passo – ha concluso il direttore dei Programmi di Oxfam in Italia, Alessandro Bechini – un circolo virtuoso che, soprattutto attraverso il sistema Sipromi non solo può consentire un inserimento positivo delle persone in accoglienza nella nostra società, ma allo stesso tempo può divenire cruciale perché possano sfuggire allo sfruttamento lavorativo in agricoltura, così come in altri settori. E’ un lavoro che, come Oxfam, portiamo avanti ogni giorno”.
21/09/2019 23:20 Comune di San Casciano
Comune di Empoli
Quattro nuovi nomi nel gruppo dirigenziale del Comune di Empoli: sono operativi Annunziati, Buti, Scardigli e Bertini
Novità nell'organigramma dirigenziale del Comune di Empoli.

Ci sono quattro nuove entrate, quattro professionisti che hanno assunto il ruolo di dirigente in settori strategici per tutte le amministrazioni comunali.

Si tratta di tre donne e un uomo.

Quest’ultimo è Alessandro Annunziati, già Commissario Regionale ad acta per il completamento della SRR 429 e che ricopre tutt’ora questo incarico.
Il suo ingresso a ruolo risale allo scorso 1 settembre.

L’ingegnere Annunziati dirige il Settore Edilizia Ambiente Urbanistica e SUAP (Sportello Unico Attività Produttive).

Nel suo curriculum va segnalato il periodo in Regione Toscana, dal 2014 a 2019, come responsabile per l’innovazione della SGC FiPiLi.

Precedentemente, dal 2000 al 2014, è stato dirigente di lavori pubblici ambiente patrimonio protezione civile e poi anche urbanistica e SUAP a San Miniato.

Dal 99 al 2000 alla Difesa del Suolo in Regione, dal 98 al 99 alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con un ruolo al servizio nazionale dighe. E poi ancora dal 94 al 98 al Genio civile sempre in regione. Annunziati è fiorentino e risiede in Valdelsa.

Altra novità è la dottoressa Cristina Buti, laureata in Economia e Commercio all’Università di Pisa nel 1996. Dopo aver conseguito l’abilitazione professionale all’esercizio di dottore commercialista, ha lavorato nel 1998 nei Comuni di Altopascio e Fucecchio, quindi è entrata a ruolo nel Comune di Santa Maria a Monte, dove risiede, dirigendo il Servizio Tributi fino al 2003. Dal 2004 al 2006, sempre a Santa Maria Monte, ha diretto il Settore Finanziario dell'ente; quindi dal 2007 ha assunto il ruolo di dirigente al Comune di Fucecchio nel Settore dei Servizi Finanziari e Tributi, Gare e Contratti e Personale. Questo fino allo scorso maggio, quando, dopo una consolidata esperienza dirigenziale in tema di finanza pubblica, per mobilità ha assunto lo stesso ruolo nel Comune di Empoli.

Una novità, che però non è una novità per il Comune di Empoli, è l’ingegner Roberta Scardigli, già progettista e direttore di lavori di importanti opere pubbliche empolesi come la bretella di Via Piovola o la nuova Circonvallazione Sud, ma anche di parcheggi e rotatorie che sono state realizzate negli ultimi anni in città.

Laureata in Ingegneria Civile all’Università di Pisa nel 2004, dal 2005 è iscritta all’ordine degli ingegneri. Poco dopo ha vinto un concorso in Comune a Empoli, dove è nata e risiede con la famiglia. Fin da subito si è occupata di viabilità, mobilità e progettazione. Ha assunto il ruolo di Pozione Organizzativa del settore Lavori Pubblici e prima ancora era stata responsabile del servizio Progettazione Infrastrutture e Mobilità.

Ha conseguito l’attestato di Project Management e negli anni ha acquisito sempre più esperienza nel campo della realizzazione e gestione di opere pubbliche, è abilitata a svolgere il ruolo di coordinatore della sicurezza nei vari cantieri cittadini.
Da agosto scorso è dirigente del settore Lavori Pubblici e Patrimonio, che comprende anche il servizio manutenzioni.

Ultima arrivata, con decreto del sindaco Brenda Barnini firmato appena ieri, giovedì 19 settembre, è Sandra Bertini. Anche lei non è volto nuovo in quanto si è occupata della nascita della Centrale Unica di Committenza dell’Unione dei Comuni Empolese Valdelsa, che ha diretto proprio negli uffici del palazzo comunale di Via del Papa. Adesso è stata nominata dirigente del settore Servizi alla persona, quindi si occuperà di Cultura, Giovani e Sport, di biblioteca, del settore Educativo all'Infanzia, Scuola e Refezione. Bertini si è laureata in Giusprudenza a Pisa, ha l’abilitazione all’esercizio dell’attività forense, ha conseguito un Master di II° livello alla scuola di specializzazione della pubblica amministrazione a Bologna e recentemente anche lei ha ottenuto l’attestato di Project Management. Ha iniziato a lavorare al Comune di San Miniato, paese dove risiede, nel 2002 vincendo un concorso e lavorando nella segreteria e occupandosi di contratti. Nel 2010 il passaggio al Comune di Castelfiorentino partecipando a una selezione per posizione organizzativa e anche qui ha trattato la materia di contratti, appalti e settore legale. Quindi l’esperienza della ‘C.U.C.’ dell’Unione, settore che ha ricevuto la certificazione Iso 9001. Adesso, come detto, l’incarico di dirigente a Empoli.
21/09/2019 23:08 Comune di Empoli
 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V