MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail

IN PRIMO PIANO....

Redazione di Met
Toscana in area Arancione, Speranza ha firmato l'ordinanza
Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato tre nuove Ordinanze sulla base dei dati della Cabina di Regia (DM 30 aprile 2020) che si è tenuta il 4 dicembre.

Le Ordinanze saranno in vigore dal 6 dicembre prossimo.

La prima Ordinanza rinnova le misure restrittive vigenti relative alla Regione Abruzzo, che resta in area rossa, e alle Regioni Basilicata, Calabria, Lombardia e Piemonte, che restano in area arancione.

Con la seconda Ordinanza le Regioni Campania, Toscana, Valle D’Aosta e la Provincia Autonoma di Bolzano passano dall’area rossa all’area arancione.

La terza Ordinanza dispone il passaggio delle Regioni Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Marche, Puglia e Umbria dall’area arancione a quella gialla.

Complessivamente, quindi, la ripartizione delle Regioni e Province Autonome nelle aree gialla, arancione e rossa dal 6 dicembre sarà:

area gialla: Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Provincia autonoma di Trento, Puglia, Sardegna, Sicilia, Umbria, Veneto
area arancione: Basilicata, Calabria, Campania, Lombardia, Piemonte, Provincia Autonoma di Bolzano, Toscana, Valle d’Aosta
area rossa: Abruzzo
04/12/2020 20:23 Redazione di Met
Comune di Firenze
Inverno Fiorentino, un mese di eventi digitali
Concerti di musica classica, jazz e performance di liutai fiorentini, letture, spettacoli teatrali, ‘favole al telefono’ per ricordare Gianni Rodari, danza moderna. Questi alcuni dei generi che comporranno il cartellone dell’Inverno Fiorentino, nuova rassegna ideata dall’assessore alla cultura Tommaso Sacchi per compensare un’estate ridotta a causa della pandemia e spostata completamente online per le restrizioni sanitarie. Domenica scorsa si è chiuso il bando e ieri la commissione ha decretato i 79 soggetti vincitori. In totale sono stati distribuiti 150 mila euro.

“Si tratta - sottolinea Sacchi - di un progetto molto innovativo e Firenze è il primo Comune in Italia ad assegnare contributi alla produzione digitale. Pur in una fase difficilissima per la cultura, vogliamo lanciare un segnale concreto di speranza per le tante associazioni e i tanti operatori che sono una ricchezza imprescindibile di questa città. Grazie a loro avremo un mese di eventi digitali che non fermeranno le attività culturali e accompagneranno i cittadini con eventi di qualità”.

Alle associazioni e enti no profit poteva essere riconosciuto un contributo economico massimo di 1.500 euro per ogni evento digitale proposto, fino ad un contributo massimo di 5.000 in caso di realizzazione di più di 3 eventi, che comunque non può essere superiore all’80% delle spese che saranno sostenute e documentate per l’intera attività. I progetti maggiormente premiati economicamente sono stati quelli contraddistinti da originalità e sono di alta qualità artistico-culturale.

I risultati della seconda parte dell’Avviso, quello finalizzato al riconoscimento di sostegni economici a soggetti senza scopo di lucro che gestiscono sale teatrali e di spettacolo fiorentine attualmente chiuse al pubblico verranno resi noti la prossima settimana. (edl)

I progetti vincitori sono consultabili sul sito http://musefirenze.it/muse/ nella sezione Presentazione Progetti
05/12/2020 13:45 Comune di Firenze
Regione Toscana
Coronavirus, 769 nuovi casi, età media 49 anni. 41 decessi
In Toscana sono 107.644 i casi di positività al Coronavirus, 769 in più rispetto a ieri. I nuovi casi sono lo 0,7% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono del 4,9% e raggiungono quota 74.261 (69% dei casi totali). I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 1.633.330, 13.229 in più rispetto a ieri, di cui il 5,8% positivo. Sono invece 4.063 i soggetti testati oggi (escludendo i tamponi di controllo), di cui il 18,9% è risultato positivo. A questi si aggiungono i 2.776 tamponi antigenici rapidi eseguiti oggi. Gli attualmente positivi sono oggi 30.544, -8,2% rispetto a ieri. I ricoverati sono 1.634 (47 in meno rispetto a ieri), di cui 261 in terapia intensiva (2 in meno). Purtroppo, oggi si registrano 41 nuovi decessi: 21 uomini e 20 donne con un'età media di 82,4 anni.

Questi i dati - accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale - relativi all'andamento dell'epidemia in regione.

L'età media dei 769 casi odierni è di 49 anni circa (l’11% ha meno di 20 anni, il 23% tra 20 e 39 anni, il 33% tra 40 e 59 anni, il 22% tra 60 e 79 anni, l’11% ha 80 anni o più).

Si ricorda che a partire dal 24/06/2020, il Ministero della Salute ha modificato il sistema di rilevazione dei dati sulla diffusione del Covid-19. I casi positivi non sono più indicati secondo la provincia di notifica bensì in base alla provincia di residenza o domicilio.

Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri. Sono 30.100 i casi complessivi ad oggi a Firenze (194 in più rispetto a ieri), 9.525 a Prato (106 in più), 9.483 a Pistoia (78 in più), 6.781 a Massa (33 in più), 10.860 a Lucca (84 in più), 14.971 a Pisa (109 in più), 7.531 a Livorno (58 in più), 9.715 ad Arezzo (46 in più), 4.368 a Siena (33 in più), 3.755 a Grosseto (28 in più). Sono 555 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni.

Sono 395 i casi riscontrati oggi nell'Asl Centro, 267 nella Nord Ovest, 107 nella Sud est.

La Toscana si trova al 9° posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 2.886 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 2.798 x100.000, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Prato con 3.696 casi x100.000 abitanti, Pisa con 3.573, Massa Carrara con 3.480, la più bassa Siena con 1.635.
Complessivamente, 28.910 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (2.688 in meno rispetto a ieri, meno 8,5%).
Sono 32.839 (1.031 in meno rispetto a ieri, meno 3%) le persone, anch'esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate (ASL Centro 10.911, Nord Ovest 15.689, Sud Est 6.239).
Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti COVID oggi sono complessivamente 1.634 (47 in meno rispetto a ieri, meno 2,8%), 261 in terapia intensiva (2 in meno rispetto a ieri, meno 0,8%).
Le persone complessivamente guarite sono 74.261 (3.463 in più rispetto a ieri, più 4,9%): 468 persone clinicamente guarite (14 in più rispetto a ieri, più 3,1%), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all'infezione e 73.793 (3.449 in più rispetto a ieri, più 4,9%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con tampone negativo.

Purtroppo, oggi si registrano 41 nuovi decessi: 21 uomini e 20 donne con un'età media di 82,4 anni.

Relativamente alla provincia di residenza, le persone decedute sono: 15 a Firenze, 5 a Prato, 7 a Pistoia, 1 a Massa Carrara, 2 a Lucca, 5 a Pisa, 3 a Livorno, 2 a Arezzo, 1 a Siena.

Sono 2.839 i deceduti dall'inizio dell'epidemia cosi ripartiti: 1.026 a Firenze, 196 a Prato, 220 a Pistoia, 320 a Massa Carrara, 266 a Lucca, 303 a Pisa, 199 a Livorno, 136 ad Arezzo, 85 a Siena, 63 a Grosseto, 25 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione.

Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 76,1 x100.000 residenti contro il 97,5 x100.000 della media italiana (11° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (164,2 x100.000), Firenze (101,4 x100.000) e Prato (76,1 x100.000), il più basso a Grosseto (28,4 x100.000).

Si ricorda che tutti i dati saranno visibili dalle ore 18.30 sul sito dell'Agenzia Regionale di Sanità a questo indirizzo: www.ars.toscana.it/covid19


05/12/2020 14:09 Regione Toscana
Comune di Firenze
Buoni spesa, da lunedì sarà on line a Firenze l’avviso per richiederli
Tornano i buoni spesa, misura di solidarietà per i fiorentini che, anche in questa seconda ondata del Covid-19, hanno risentito maggiormente della crisi economica causata dalla pandemia. Da lunedì, 7 dicembre, a partire dalle 12 sarà attivo sulla Rete civica del Comune (nella scheda servizio dedicata ai buoni spesa) il servizio on line per richiedere i buoni, che, a differenza della scorsa primavera, saranno erogati in due forme, a scelta del richiedente: cartacea ed elettronica, da utilizzare, in quest’ultimo caso, tramite la App di Edenred Italia srl. I buoni potranno essere spesi presso gli esercizi commerciali aderenti al circuito Edenred Italia il cui elenco sarà disponibile sulla Rete civica del Comune. Il caricamento dei buoni sulla App avverrà automaticamente e in tempi molto rapidi. La distribuzione dei buoni spesa cartacei, invece, avverrà su appuntamento e inizierà dal 15 dicembre prossimo presso uno sportello dedicato nei Quartieri di residenza o presso la sede della Direzione Servizi sociali (in viale de Amicis, 21), a seconda che chi faccia richiesta sia residente o meno. I cittadini che ne hanno diritto riceveranno buoni nominali del valore di 10 euro. L’ammontare complessivo dei buoni per nucleo familiare residente sarà stabilito in base alla composizione del nucleo stesso: i buoni spesa hanno un valore che va da un minimo di 150 euro per il nucleo monoparentale fino a 500 euro circa per le famiglie più numerose. Il valore varierà in base al numero di figli e alla presenza di minori con meno di tre anni. I nuclei familiari non residenti saranno sottoposti a una valutazione dei requisiti da parte della Direzione Servizi sociali e saranno assegnati loro 80 euro o 150 euro. I buoni spesa sono gestiti anche questa volta dall’assessorato al Welfare tramite la Direzione Servizi sociali in seguito allo stanziamento da parte del governo di 2milioni di euro (di cui 1milione e 700mila euro utilizzati per l’acquisto da parte dell’amministrazione comunale dei buoni spesa e 300mila euro per i pacchi alimentari, distribuiti più avanti secondo modalità che saranno comunicate a breve). Queste risorse sono destinate al ‘soccorso alimentare’ degli italiani a causa della crisi per il Covid-19 . “Da lunedì i fiorentini più in difficoltà, sia famiglie che singole persone, potranno presentare on line la domanda per richiedere i buoni spesa - ha detto l’assessore a Welfare Sara Funaro -. Grazie alle risorse del governo abbiamo deciso di erogare di nuovo questa misura di sostegno alimentare perché è consistente il numero di fiorentini che hanno risentito della crisi economica generata dalla pandemia, che per molti ha comportato una riduzione del reddito a disposizione e addirittura perdita del lavoro e conseguente difficoltà anche nel fare la spesa”. “I buoni spesa e i pacchi alimentari sono un modo per aiutare le persone più fragili ed essere loro vicini - ha spiegato l’assessore -. Nessuno deve sentirsi solo e abbandonato. L’amministrazione comunale non lascia indietro nessuno e per raggiungere questo importante obiettivo siamo al lavoro insieme ai presidenti di Quartiere che ringrazio per la collaborazione e la disponibilità”. A proposito della modalità di erogazione dei buoni spesa l’assessore Sara Funaro fa un appello ai cittadini più smart a richiedere i buoni in formato elettronico e a scaricare la App di Edenred Italia srl: “Consiglio di scaricare l’applicazione perché così i buoni saranno erogati più velocemente, dal momento che saranno caricati direttamente sulla App. Inoltre, i buoni elettronici hanno altri due vantaggi: consentono di risparmiare la carta dei buoni cartacei e il tempo che servirebbe per andare a ritirarli allo Sportello al cittadino del Quartiere di residenza”. “I buoni spesa sono un importante strumento di sostegno in questa fase così critica per molte famiglie fiorentine - hanno detto i presidenti dei cinque Quartieri -, che ha dimostrato di funzionare bene nello scorso lockdown. Come Quartieri siamo come sempre in prima linea, mettendo a disposizione le nostre sedi civiche per la distribuzione dei buoni cartacei, su appuntamento, a coloro che non vorranno o non potranno ricorrere alla App”. REQUISITI PER LA RICHIESTA DEI BUONI SPESA. Potranno fare domanda per i buoni spesa i nuclei familiari residenti a Firenze al momento della richiesta, quelli non residenti, ma con regolare permanenza sul territorio del Comune di Firenze e quelli in attesa di iscrizione all’anagrafe dei residenti. I residenti a Firenze dovranno avere un Isee ordinario in corso di validità di importo inferiore a 6mila euro per cittadini in condizioni di povertà; un Isee corrente in corso di validità di importo inferiore a 20mila euro oppure un Isee ordinario in corso di validità di importo inferiore a 20mila euro. In quest’ultimo caso, il richiedente, per dimostrare gli effetti economici derivanti dal Covid-19, dovrà dichiarare di trovarsi in una delle seguenti condizioni lavorative, allegando apposita documentazione: lavoratore dipendente a tempo indeterminato, che ha subito in data successiva al 31 gennaio 2020 la risoluzione del rapporto di lavoro o la sospensione o riduzione dell’attività lavorativa; lavoratore dipendente a tempo determinato, ovvero impiegato con tipologie contrattuali flessibili che ha subito in data successiva al 31 gennaio 2020 la risoluzione del rapporto di lavoro o la sospensione o la riduzione dell’attività lavorativa; lavoratore dipendente con contratto intermittente o a chiamata che ha subito in data successiva al 31 gennaio 2020 la consistente riduzione della propria attività; lavoratore autonomo titolare di partita Iva che ha subito, in data successiva al 31 gennaio 2020 la cessazione o una riduzione, nel periodo 1° giugno 2020 - 30 novembre 2020, del 25% del fatturato derivante dalla propria attività, in rapporto al fatturato dello stesso periodo dell’anno 2019. Data l’urgenza della misura e dello stato di emergenza sanitaria, in via straordinaria, le attestazioni Isee 2020 saranno considerate valide fino al 31 gennaio 2021, ai fini della presentazione di istanze per la concessione di buoni spesa. I richiedenti i buoni spesa che non sono residenti nel Comune di Firenze saranno sottoposti a una valutazione dei requisiti necessari per l’assegnazione da parte della Direzione Servizi sociali. MODALITA’ DI RICHIESTA. La procedura per la richiesta dei buoni spesa sarà esclusivamente on line. Non saranno ammesse richieste cartacee o presentate per e-mail, call center oppure presentandosi fisicamente in qualcuno degli uffici del Comune di Firenze. Il richiedente dovrà accedere al servizio on line (SOL) disponibile sulla scheda servizio dedicata. Il servizio sarà accessibile sia dai cittadini che non dispongono di una identità digitale che dai cittadini in possesso di credenziali dei sistemi SPID, CIE, CNS e 055055. I richiedenti che presenteranno la domanda senza avere le credenziali di identità digitale sono tenuti ad allegare anche un documento di riconoscimento valido (dovrà essere fronte/retro). È possibile presentare richiesta per avere i buoni spesa una sola volta per ciascun nucleo familiare; la richiesta non sarà replicabile da nessuno dei membri dello stesso nucleo. Il richiedente dovrà seguire la procedura on line (SOL) che risulterà diversa per i cittadini residenti e quelli non residenti: i cittadini residenti dovranno dichiarare lo status economico in cui si trovano e allegare, in caso di Isee ordinario di importo inferiore a 20mila euro, la documentazione comprovante una delle situazioni lavorative sopra descritte; gli altri cittadini, non residenti con regolare permanenza sul territorio del Comune di Firenze e in attesa di iscrizione all’anagrafe dei residenti, saranno sottoposti a una valutazione da parte della Direzione Servizi sociali del Comune. MODALITA’ DI RITIRO E VALIDITA’. I buoni spesa saranno erogati in un’unica soluzione e potranno essere in forma elettronica o cartacea. Il richiedete dovrà indicare, all’interno della procedura on line, obbligatoriamente e in via esclusiva e definitiva, la modalità in cui vorrà riceverli. I cittadini residenti a Firenze potranno ritirare i buoni cartacei presso uno sportello dedicato del Quartiere di residenza, mentre i non residenti potranno ritirarli presso la sede della Direzione Servizi sociali. I ritiri dei buoni cartacei avverranno solo su appuntamento. Al termine dell’istruttoria o della valutazione da parte della Direzione Servizi sociali, il Comune invierà alla mail indicata dal richiedente, una comunicazione contenente l’accoglimento dell’istanza o il suo rigetto. In caso di accoglimento la mail conterrà l’indicazione del numero di buoni cui ha diritto il richiedente e il link a un’agenda on line di prenotazione per il ritiro dei buoni nel caso di richiesta di buoni cartacei. Senza prenotazione sull’agenda elettronica, al fine di non creare assembramenti nei locali dedicati al ritiro, non è possibile ritirare i buoni spesa. Sarà cura del fornitore dei buoni spesa elettronici, Edenred Italia srl, (contattabile al numero verde dedicato ai beneficiari dei buoni 800 085 558) comunicare via mail al richiedente, entro due giorni lavorativi dalla ricezione della notifica dell’accoglimento della richiesta, l’avvenuto accredito dei buoni e le indicazioni relative all’applicazione web con cui utilizzarli, nel caso di richiesta di buoni elettronici o digitali. GESTIONE DELLE RICHIESTE. I buoni spesa verranno erogati fino all’esaurimento delle risorse. Nel caso venga presentato un numero di richieste superiori alle risorse finanziarie necessarie al loro soddisfacimento, le domande saranno evase in ordine di arrivo fino a esaurimento dei fondi disponibili. (fp)
05/12/2020 13:41 Comune di Firenze
Unione dei Comuni Circondario Empolese Valdelsa
Riaprono al pubblico tutte le biblioteche della Rete Rea.Net
Il nuovo DPCM del 3 dicembre 2020 dispone l’apertura di biblioteche e archivi con "servizi offerti su prenotazione".

Dopo un attento lavoro di coordinamento sia tra le Reti documentarie toscane sia tra le tredici biblioteche che compongono la nostra Rete REA.net, è stata decisa una strategia uniforme per la riapertura, con regole condivise tra tutti i Comuni dell’Empolese Valdelsa e del Medio Valdarno. Amministratori e bibliotecari sono quindi felici di poter riaprire, in sicurezza, le porte delle biblioteche a tutti i cittadini.

APERTURA E SERVIZI ATTIVI SU PRENOTAZIONE – Le biblioteche delle Rete REA.net riapriranno tutte al pubblico tra lunedì 7 e mercoledì 9 dicembre.

Nel rispetto delle misure di sicurezza anticontagio vigenti, saranno attivi i servizi di prestito, restituzione, consultazione e utilizzo delle sale studio.

Il servizio di prestito a domicilio rimane presente con le stesse modalità in tutte le biblioteche che già lo avevano attivato.

Tutti i servizi, come indicato dal DPCM, saranno su prenotazione.

Ogni biblioteca organizzerà il sistema di prenotazione con gli strumenti e le modalità ritenuti più opportuni. Per tutti i dettagli sugli orari di apertura e modalità di prenotazione è possibile consultare il portale della Rete REA.net http://reanet.empolese-valdelsa.it/ e i canali di comunicazione di ogni singola amministrazione comunale.

Le scadenze di tutti i documenti presi in prestito nelle biblioteche della Rete saranno prorogate fino al 7 gennaio 2021, quindi non è necessario affrettarsi per la riconsegna!

Per ulteriori informazioni potete scrivere a segreteriareanet@comune.empoli.fi.it o telefonare dal lunedì al venerdì al numero 0571757948.
05/12/2020 13:00 Unione dei Comuni Circondario Empolese Valdelsa
Comune di Empoli
Da lunedì 7 dicembre riapre al pubblico la biblioteca comunale di Empoli
Ai sensi del DPCM del 3 dicembre 2020, da lunedì 7 dicembre la biblioteca comunale “Renato Fucini” di Empoli torna ad accogliere gli utenti all’interno dei proprio locali.

Nel rispetto di tutte le misure di contenimento dell’emergenza epidemica dettagliate in seguito, saranno attivi i servizi di prestito, restituzione e consultazione in sede e l’utilizzo delle postazioni studio della sala maggiore. Tutti i servizi all’interno della biblioteca, come da DPCM, saranno esclusivamente su prenotazione. Rimane attivo il prestito a domicilio.


ORARIO DI APERTURA
La biblioteca sarà aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 19; il sabato dalle 9 alle 13.


MODALITA DI ACCESSO
Anche in questa nuova fase è richiesta a tutti la massima collaborazione nel rispetto delle regole volte a per garantire la massima sicurezza agli utenti e al personale in servizio. L’utente è tenuto a indossare la mascherina (obbligatoria sopra a 6 anni di età) per tutto il tempo di permanenza in biblioteca. La mascherina NON è fornita dalla biblioteca.


L’ingresso in biblioteca avverrà dopo la misurazione della temperatura corporea attraverso apposito termoscanner. Non sarà consentito l’accesso a persone con temperatura corporea maggiore uguale a 37,5°C o altri sintomi influenzali. È necessario disinfettarsi le mani con il gel igienizzante messo a disposizione dalla biblioteca e rispettare sempre la distanza di sicurezza.


SERVIZI ATTIVI E MODALITA DI PRENOTAZIONE
Da lunedì sarà quindi possibile tornare a prendere in prestito libri, audiolibri, dvd e riviste direttamente in biblioteca. Saranno di nuovo attivi anche i servizi di restituzione, consultazione in sede e utilizzo delle postazioni studio della sala maggiore e della sezione ragazzi. La sala pc rimane al momento chiusa.

Le scadenze dei documenti già in prestito sono state prorogate fino al 7 gennaio 2021, quindi non è necessario affrettarsi per la riconsegna.

L’accesso agli scaffali e la consultazione dei materiali della biblioteca sono liberi, purché prima e dopo la fruizione sia effettuata una minuziosa pulizia delle mani con acqua e sapone o con il gel igienizzante messo a disposizione dalla biblioteca.

Come consuetudine ormai da maggio, tutti i libri che rientrano dal prestito osserveranno la quarantena di 7 giorni.



PRENOTAZIONE
La novità più importante di questa nuova fase di apertura è l’obbligo di prenotazione per usufruire dei servizi di prestito, restituzione e consultazione. Come per le postazioni studio, le prenotazioni avverranno tramite l’utilizzo del software Affluences: l’app mobile Affluences è gratuita, priva di pubblicità ed è liberamente scaricabile da App Store e Google Play. Per prenotare senza l’utilizzo della App l’utente può andare direttamente sul sito www.affluences.com . L’unico dato richiesto per effettuare la prenotazione è un indirizzo mail valido.


Prenotare è velocissimo:

-nella home della app o del sito www.affluences.com è sufficiente digitare “biblioteca empoli” e cliccare su “cerca”

-nella nuova pagina selezionare “prenota” e scegliere il servizio desiderato in base al giorno e all’orario; cliccare ancora su “prenota”

-digitare il proprio indirizzo mail, spuntare le condizioni di utilizzo e cliccare su “prenota”.

Per confermare la prenotazione riceverete una mail all’indirizzo indicato.

In alternativa è possibile telefonare allo 0571757840 e concordare l’appuntamento con il bibliotecario di turno.


Gli appuntamenti sono differenziati tra banco prestito principale (sezione adulti) e sezione ragazzi. Si raccomanda il rispetto dell’orario di prenotazione per evitare di creare file o assembramenti e si ricorda di disdire l’appuntamento se impossibilitati a rispettare la prenotazione.

Consigliamo agli utenti, quando possibile, di prenotare i materiali desiderati tramite il sito https://reanet.comperio.it/ , tramite mail: biblioteca@comune.empoli.fi.it , per telefono al numero 0571757840 o scrivendo un messaggio privato su Facebook alla pagina @fuciniempoli.

POSTAZIONI STUDIO
Per studiare in sala maggiore rimangono invariate le modalità di prenotazione tramite il software Affluences. Sarà possibile prenotarsi da sette giorni ad un’ora prima; i turni prenotabili sono di 4 ore, per un massimo di 24 ore settimanali, con orario 9-13 e 14-18 (con possibilità di trattenersi fino alle 18:50).

La mancata utilizzazione della prenotazione comporterà l’esclusione dal servizio di prenotazione per 15 giorni lavorativi.

Per le postazioni studio della sezione ragazzi, riservate a bambini e ragazzi fino a 14 anni, è sufficiente prenotare chiamando il numero 0571757873.

Ricordiamo che la postazione di studio è personale, non è interscambiabile con altra occupata o libera e NON può essere ceduta ad altri; questo per motivi di salute e di identificazione dei presenti in biblioteca per eventuali segnalazioni di contagio.

Vi aspettiamo in biblioteca in tutta sicurezza!

Per tutte le informazioni consultate il sito http://reanet.empolese-valdelsa.it/index.php/biblioteche-rea-net/empoli o la nostra pagina Facebook @fuciniempoli.

È possibile contattare la biblioteca scrivendo una mail a biblioteca@comune.empoli.fi.it , telefonando allo 0571757840 nell’orario di apertura o mandando un messaggio su Messenger alla pagina Facebook @fuciniempoli.
05/12/2020 13:10 Comune di Empoli
Comune di Pistoia
Pistoia, al via da lunedì la distribuzione dei buoni spesa per le persone in difficoltà
Da lunedì 7 dicembre, l’Amministrazione comunale di Pistoia inizierà la distribuzione dei buoni spesa a quei nuclei familiari che risultino essere più esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza epidemiologica da Covid-19 e tra quelli in stato di bisogno. Il Governo, infatti, ha nuovamente assegnato al Comune di Pistoia 502.012 euro, destinati ai cittadini pistoiesi per l’acquisto di generi alimentari e beni di prima necessità, con priorità per le persone in difficoltà a causa dall’emergenza sanitaria in corso e prive di altro sostegno pubblico.

Tali risorse saranno utilizzate, dunque, dal Comune per reperire buoni spesa da consegnare a coloro che ne hanno diritto per l’acquisto di generi alimentari e di beni di prima necessità o per trasferimenti a enti del terzo settore, i quali provvederanno ad acquistare e distribuire tali beni a coloro che non abbiano la possibilità di recarsi di persona a effettuare gli acquisti.

«Durante la prima ondata la maggior parte dei buoni spesa sono stati distribuiti a persone sconosciute ai nostri servizi sociali – evidenzia il sindaco Alessandro Tomasi –. Questo è purtroppo il chiaro segnale di quanto l'emergenza Covid abbia messo a dura prova quella fascia di persone che finora riuscivano a vivere del proprio lavoro. Questa distribuzione è una risposta minima di fronte a una situazione emergenziale, che si somma alle misure già messe in campo dal Comune, per quanto di nostra competenza e limitatamente alle nostre possibilità. I buoni spesa sono un piccolo aiuto ma importante se limitati ad una situazione di straordinarietà. Chiaramente servono misure strutturali per sostenere davvero imprese e attività colpite dall'emergenza. Come Comune abbiamo organizzato al meglio anche questa seconda distribuzione di aiuti».

Possono accedere al beneficio i cittadini residenti nel Comune di Pistoia; per ogni nucleo familiare la domanda può essere presentata da un solo componente e una volta soltanto. Saranno valutate prioritariamente le domande dei cittadini che non percepiscono al momento altri benefici di importo significativo per il sostegno al reddito familiare.

Sul sito web del Comune (www.comune.pistoia.it), nella home-page e nell'area tematica “Politiche sociali”, sono pubblicati i numeri di telefono da contattare per presentare la domanda.

«Questa seconda ondata di contagi – sottolinea Anna Maria Celesti, assessore alle Politiche di inclusione sociale – ha aggravato ulteriormente lo stato di emergenza tutt'ora in corso, non solo dal punto di vista sanitario, ma anche dal punto di vista economico, con importanti ricadute in ambito sociale. Queste ultime hanno coinvolto anche nella nostra città non solo le fasce di popolazione che già vivevano in condizioni di povertà, ma anche persone e intere famiglie che all'improvviso stanno affrontando incertezze e difficoltà gravi e inaspettate, facendo aumentare il rischio di una loro marginalità sociale. I buoni spesa che saranno distribuiti nelle prossime settimane rappresentano una prima risposta a una serie articolata e molteplice di bisogni che l'emergenza ha messo in risalto. Nei prossimi mesi sono in arrivo ulteriori risorse che andranno a dare risposte sotto il profilo del sostegno all'abitare e dell'assistenza domiciliare sociale».

Il provvedimento del Governo affida all’ufficio dei servizi sociali di ciascun Comune il compito di individuare la platea di beneficiari e del relativo contributo, appunto proprio tra quei nuclei familiari che risultino essere più esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza epidemiologica da Codiv 19 e tra quelli in stato di bisogno, per soddisfare le necessità più urgenti ed essenziali, con priorità per coloro che non sono già assegnatari di un sostegno pubblico.



CONTATTI TELEFONICI

Chiunque abbia necessità di usufruire di un aiuto per l’acquisto di generi alimentari e beni di prima necessità deve telefonare, dal 7 dicembre 2020 al 16 gennaio 2021, ai seguenti numeri, negli orari indicati:

347 0713170 - 338 4705259 - 338 4705252 - 338 4705312: nei giorni di lunedì, martedì, mercoledì e venerdì, dalle 9 alle 13;

338 4705476: il lunedì, martedì, mercoledì, giovedì e venerdì, dalle 9 alle 13;

338 4705494: il martedì e giovedì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 17.

La domanda verrà gestita da operatori comunali che forniranno tutte le indicazioni necessarie e tratteranno con la massima riservatezza i dati personali.
05/12/2020 13:13 Comune di Pistoia
Anci Toscana
A 72 Comuni toscani piccoli e montani arrivano 6,2 milioni
È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale l'atteso Decreto che ripartisce tra i Comuni delle aree interne e montane del paese 210 milioni di euro in tre anni per il sostegno alle attività produttive economiche, artigianali e commerciali dei territori. Le risorse relative al 2020 dovranno essere spese entro il prossimo 31 dicembre.

In particolare, per la Toscana si tratta di 6,2 milioni di euro per 72 piccoli Comuni. Le risorse, previste dal DL Rilancio, sono state stanziate con un decreto della presidenza del Consiglio, che dispone complessivamente di 210 milioni di euro per 3.101 Comuni, ovvero quelli più marginali e meno popolosi, che necessitano di un maggior sostegno all'economia locale anche a seguito dell'emergenza sanitaria da Covid19.

Qui la tabella con la ripartizione dei fondi per la Toscana, Comune per Comune. Anci Toscana è a disposizione per affiancare i Comuni per offrire supporto e assistenza.

Si tratta di contributi a fondo perduto per la gestione, la ristrutturazione o l’ammodernamento delle aziende, spalmati sulle annualità 2020, 2021 e 2022. Un provvedimento importante, che nella direzione di quanto sostenuto da tempo dall’ANCI per orientare le politiche a favore dei piccoli Comuni, montani, collinari o comunque in situazioni “svantaggiate”, per uno sviluppo delle economie locali che oltre a valorizzare i territori, consentono di mantenere e creare nuove opportunità di lavoro arginando lo spopolamento e favorendo così la crescita demografica. Complessivamente, in Italia i Comuni beneficiari sono 3.101 e coinvolgono 4.171.667 abitanti

Nello specifico, si legge nel decreto, “le azioni di sostegno economico possono ricomprendere l’erogazione di contributi a fondo perduto per le spese di gestione; iniziative che agevolino la ristrutturazione, l'ammodernamento, l'ampliamento per innovazione di prodotto e di processo di attività artigianali e commerciali, incluse le innovazioni tecnologiche indotte dalla digitalizzazione dei processi di marketing on line e di vendita a distanza, attraverso l’attribuzione alle imprese di contributi in conto capitale ovvero l’erogazione di contributi a fondo perduto per l’acquisto di macchinari, impianti, arredi e attrezzature varie, per investimenti immateriali, per opere murarie e impiantistiche necessarie per l’installazione e il collegamento dei macchinari e dei nuovi impianti produttivi acquisiti”.
Il contributo è stato determinato tenendo conto della perifericità e della minore dimensione demografica articolata in due fasce: fino a 3mila abitanti e fino a 5mila abitanti. I criteri, definiti dal governo e di cui Anci ha comunque richiesto la revisione, servono per determinare il grado di perifericità di un Comune, che è conseguenza della presenza o meno sul territorio dei servizi essenziali e della rapidità di accesso tramite il sistema viario locale.

Il testo del decreto sul sito di Anci: https://ancitoscana.it/images/coronavirus/2020124_GuAreeInterne.pdf
05/12/2020 12:56 Anci Toscana
Comune di Barberino Tavarnelle
Il postino letterario di Barberino Tavarnelle in viaggio ogni settimana a distribuire sogni e letture
Adelina, ultraottantenne, legge, anzi divora le ultime novità firmate da penne portentose della letteratura contemporanea o da alcuni dei più noti protagonisti del panorama culturale classico. E come lei tanti sono i bibliofili di Barberino Tavarnelle che ogni settimana aspettano il postino letterario, Riccardo Bartolini, dipendente del Comune che puntualmente il mercoledì e il venerdì si presenta, suona il campanello e lascia i pacchi desiderati contenenti testi di saggistica, narrativa, gialli, romanzi, novelle e racconti per bambini. Grazie al servizio di consegna dei libri a domicilio, coordinato dal bibliotecario Marco Rosi, decine di volumi, provenienti dal ricco patrimonio di oltre 40mila documenti delle biblioteche comunali, sono in viaggio, attraverso i borghi, le piazze, i centri urbani, le aree di campagna del Chianti e della Valdelsa. Destinazione: casa. Quella dei cittadini, appassionati di ogni età, adulti, bambini, anziani, che nell'amico libro trovano un'occasione per crescere, arricchirsi e sentirsi meno soli.

Per affrontare l’emergenza sanitaria e psicologica il Comune porta le biblioteche “Alda Merini” ed “Ernesto Balducci” a casa dei cittadini con il bibliobus #Io leggo da casa, il servizio di prestito a domicilio, già attivato durante il lockdown della scorsa primavera. Il successo di questa iniziativa investe sulla funzione sociale del libro. E ritorna in questa complessa situazione sanitaria connotata, in base alle disposizioni governative, dalla chiusura temporanea di spazi culturali, compresi biblioteche e musei, eccezion fatta per i servizi di prestito e restituzione dei libri che sono stati ripristinati.

“Su richiesta delle famiglie – dichiara l’assessore alla Cultura Giacomo Trentanovi - stiamo consegnando tanti libri a domicilio, siamo stati tra i primi a livello regionale ad attivare il servizio con l'obiettivo di dare una risposta alle persone più fragili, anziani, diversamente abili, persone che hanno difficoltà negli spostamenti. Siamo felici che il servizio sia fruito dai cittadini di ogni frazione, da Vico d'Elsa a Sambuca”. Il procedimento del prestito a domicilio, gratuito, si svolge in sicurezza. I libri che si consegnano a domicilio seguono uno specifico protocollo di sanificazione: vengono messi in quarantena tra un prestito e l’altro, in ambienti opportunamente igienizzati.

“La lettura di un buon libro – aggiunge il sindaco David Baroncelli – cos'è se non un efficace antidoto alla noia, alla depressione e alla sensazione di isolamento che si percepisce e dilaga in questo difficile momento di semilockdown". A proposito di passione per la lettura grande successo ha riscosso anche la recente iniziativa, lanciata dal Comune, che ha riempito le pagine Facebook istituzionali con gli Spotbook virtuali, consigli di letture on line a cura dei cittadini e dei circoli di lettura attivi sul territorio.

Le biblioteche comunali di Barberino e Tavarnelle continuano ad erogare servizi gratuiti accessibili h24 tramite medialibrary e consultazione on line del patrimonio documentale disponibile tutto l'anno.

Modalità di accesso al prestito a domicilio

Per usufruire del servizio occorre consultare i cataloghi disponibili on line sul sito del Comune www.barberinotavarnelle.it. Il servizio deve essere prenotato e concordato per la consegna: occorre contattare le biblioteche comunali ai numeri 055 8077100 / 055 8050885 o scrivendo un’email a bibliotecatavarnelle@barberinotavarnelle.it. I libri verranno lasciati davanti alla porta dell'abitazione all'interno di una busta, utilizzando tutte le apposite misure igienico sanitarie.
05/12/2020 09:22 Comune di Barberino Tavarnelle
Regione Toscana
Formazione adulti disoccupati, la Regione stanzia ulteriori 1,145 milioni di euro
La Regione, su proposta dell’assessora regionale alla formazione e al lavoro Alessandra Nardini, ha deciso di finanziare con uno stanziamento di ulteriori 1,145 milioni di euro, altri interventi di formazione, rivolti ad adulti disoccupati e con bassa scolarità.

“Con queste risorse – spiega l’assessora Nardini - vogliamo aumentare sui territori la risposta alle necessità formative nei settori economici non coperti dai primi settanta progetti che abbiamo finanziato. Gli interventi sono rivolti a persone adulte con bassa scolarità, per offrire loro maggiori possibilità di accesso al mondo del lavoro. Grazie anche al coinvolgimento delle imprese e dei Centri per l’istruzione degli adulti (Cpia), vogliamo fare in modo che queste persone disoccupate possano acquisire competenze-chiave, necessarie per poter trovare presto un lavoro”.

Con lo stanziamento appena deliberato si pensa di riuscire a finanziare altri 10 progetti tra quelli in graduatoria. Spaziano in vari settori economici come la meccanica, il turismo, la ristorazione, la trasformazione agroalimentare e l’assistenza socio-sanitaria.

I 7,4 milioni di euro stanziati finora sono stati sufficienti a finanziare 70 progetti sui 280 ammessi a valutazione. Il criterio seguito è stato quello della migliore qualità progettuale, della qualità dei soggetti attuatori, della rispondenza al fabbisogno delle aziende e del contesto territoriale, della rispondenza alle priorità individuate dall’avviso, mentre i settori economici oggetto della formazione proposta, spaziano in relazione alla vocazione territoriale ed alle risultanze delle indagini sul mercato del Lavoro e dati occupazionali forniti dall’Istituto di statistica (Istat), da quello per la formazione (Isfol), e da quello per la programmazione economica regionale (Irpet) così come dai rapporti economici annuali delle Camere di Commercio.

Buono anche il livello di partecipazione e diffusione, con 292 progetti presentati su tutto il territorio toscano, 107 agenzie formative coinvolte e la partecipazione di tutti i Cpia toscani coinvolti, insieme ad un altissimo numero di istituzioni pubbliche, organizzazioni, associazioni di categoria rappresentative del comparto economico di ricaduta della formazione proposta.
05/12/2020 13:29 Regione Toscana
Comune di Montespertoli
Montespertoli: al C.I.A.F. cresce l’ascolto
A seguito della riapertura C.I.A.F.: Centro Infanzia, Adolescenza e Famiglia, avvenuta lo scorso 19 novembre 2020, è ripresa l’attività dello Sportello di Ascolto Psicologico, un servizio di ascolto gratuito e riservato, dedicato alle famiglie di Montespertoli volto ad accogliere le esigenze dei cittadini e fornire sostegno a situazioni contingenti che l’utente desidera discutere.

Il Servizio è organizzato tramite colloqui individuali con lo psicologo dello sportello che, nel caso in cui le problematiche portate in consultazione non siano di sua diretta competenza, potrà indirizzare l’utente verso forme più appropriate di aiuto, pensando anche a percorsi specifici di accompagnamento verso altri servizi territoriali.

Fin dalla recente riapertura si è registrato un costante aumento delle richieste di colloquio che hanno inevitabilmente fatto crescere i tempi di attesa per un appuntamento.

Ciò è evidentemente sintomo di un innalzamento del malessere generale, collettivo ed individuale, ascrivibile anche al permanere ed all’aggravarsi dell’emergenza sanitaria dovuta al Coronavirus.

Per tale ragione l’Amministrazione comunale ha voluto rafforzare tale servizio, destinandovi ulteriori risorse economiche, al fine di aumentare le ore di attività dello sportello, lasciando inalterata invece la cadenza settimanale.


"In tempi così difficili in cui le relazioni, anche con gli affetti più stretti, ci vengono limitate se non impedite, sentiamo ancora più forte, in quanto Pubblica Amministrazione posta al servizio della collettività, l’esigenza di potenziare l’attività di un luogo in cui poter assicurare al cittadino sostegno ed accoglienza." dichiara l'Assessore al Sociale, Daniela Di Lorenzo.

Pertanto, dal 1 Dicembre 2020 al 31 Luglio 2021, presso la sede del Ciaf in Via Sonnino 13, il servizio continuerà ad essere attivo 2 volte la settimana e dietro appuntamento, ma con passaggio da 4 a 6 ore settimanali di apertura, secondo le seguenti fasce orarie:

- martedì dalle 9.30 alle 12.30
- giovedì dalle 16.30 alle 19.30

Per informazioni o domande si può contattare il numero 3333325728 oppure scrivendo alla pagina facebook https://www.facebook.com/ciafmontespertoli
05/12/2020 13:15 Comune di Montespertoli
Città Metropolitana di Firenze
Scossa di terremoto a Castellina in Chianti
La Sala di Protezione civile della Città Metropolitana di Firenze segnala che stamani, alle ore 7.53, la rete di monitoraggio dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) ha registrato una scossa di terremoto di magnitudo 3.1, con epicentro a Castellina in Chianti. L'evento è stato avvertito dalla popolazione ma non si registrano chiamate per segnalare danni a persone o cose. Le sale operative ed i Comuni stanno seguendo la situazione.
05/12/2020 11:14 Città Metropolitana di Firenze
Redazione di Met
Domenica 6 dicembre 4/a giornata del festival River to River nella sala virtuale “Più Compagnia” del cinema La Compagnia di Firenze
La complessità dei sentimenti, indagata in due lungometraggi, il primo sulle vite parallele di due sconosciuti durante i casting di un reality show in “Without Strings” di Atanu Ghosh, il secondo nell’inusuale storia d’amore epistolare nata grazie a un cestino del pranzo in “Lunchbox” di Ritesh Batra con il grande attore Irrfan Khan, recentemente scomparso, sono al centro della quarta giornata del20/mo River to River Florence Indian Film Festival, l’unico festival in Italia che promuove la cultura e il cinema indiano di qualità, fruibile online fino all'8 dicembre su “Più Compagnia”, sala virtuale del cinema La Compagnia di Firenze, in collaborazione con mymovies.it.

Per gli appassionati di viaggi ma non solo, domenica 6 dicembre, il River to River propone un percorso simbolico attraverso le vaste montagne dell’Himalaya, con proiezioni ad hoc che accompagnano lo spettatore attraverso le zone più sconosciute e remote del subcontinente, grazie al corto “Indian Himalaya”di Matteo Aghemo (ore 11.00) fino ad arrivare a un remoto monastero di montagna per consegnare una antica statua di bronzo di Buddha, protagonista del documentario “Buddha of the Chadar” di Sean Whitaker (alle ore 11.15). Alle ore 12.00, lo scrittore e viaggiatore Pierpaolo Di Nardo e il giornalista e indologo Marco Restelli saranno protagonisti dell’incontro (chiamato Chai Time) di approfondimento In viaggio verso l'Himalaya su uno dei luoghi che ispira viaggiatori di tutto il mondo e leggende ancestrali. Il pubblico potrà prendere parte all’incontro sul link:https://www.youtube.com/watch?v=fr2tW3zYnmQ.

Alle 18.00 si terrà l’incontro con il regista di “Manmarziyaan” Anurag Kashyap, già ospite di River to River nel 2012 e largamente riconosciuto come uno dei registi indiani più influenti degli ultimi tempi, anche produttore, sceneggiatore e attore in oltre ottanta film. Il pubblico potrà partecipare e dialogare virtualmente con Kashyapal seguente link: https://www.youtube.com/watch?v=o9K_DX1GVgk.

Alle 19.30 il “Chai Time” sarà invece con la regista Arati Kadav e con Zenish Mehta, responsabile degli effetti speciali di Cargo, il film ambientato nello spazio (link all’incontro https://www.youtube.com/watch?v=dDnAGPo4sdM).

Alle ore 16.00in programma il primo appuntamento dell’omaggio al grande attore Irrfan Khan, ospite del festival nel 2014 e venuto a mancare nell'aprile del 2020, con la proiezione di “Lunchbox” del regista Ritesh Batra, dialogo amoroso tra la casalinga Ila e Sajaan attraverso il cibo contenuto nel lunchbox, che ogni giorno viene consegnato erroneamente all'uomo in ufficio. Il film sarà visibile online fino alla fine del festival.

Alle ore 20.30, invece, ecco “Without Strings”:Kajal e Sraboni s’incontrano per la prima volta alle audizioni per un reality show e parlano delle loro vite in crisi. I giorni passano e i due sono destinati ad incontrarsi di nuovo: sarà evidente che nessuno dei due ha detto il vero, e che la loro vita è molto diversa da quello che hanno raccontato.

Infine, alle ore 19.00, gli episodi 5 e 6 della seconda stagione di “Four More Shots Please!”, definita dai critici “il Sex and the city indiano” e nominato agli Emmy 2020, sulle vite di quattro amiche di Mumbai le cui esperienze aiutano a superare i cliché culturali e sociali dell’India.

Il River to River Florence Indian Film Festival si svolge con il Patrocinio dell’Ambasciata dell’India, sotto l’egida di Fondazione Sistema Toscana, ed è realizzato con il contributo di Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Direzione Cinema e Audiovisivo, Regione Toscana, Comune di Firenze, Ente Cassa di Risparmio di Firenze. Il festival si avvale del sostegno degli sponsor Salvatore Ferragamo, Instyle, Unione Induista Italiana e Galleria di Lux; dei partner tecnici Hotel Roma, Fondazione Studio Marangoni, Mad - Murate Art District, Amblè, Cescot Firenze, Libreria Tatatà, e Pocket Films. La ventesima edizione del River to River Florence Indian Film Festival si avvale dei Media Partner Firenze Spettacolo e RDF.

Segui il festival sui social con l’hashtag #R2RFIFF

Facebook /rivertoriverfiff – Twitter ; Instagram @river2riverfiff - Youtube /RiverToRiverFIFFestival.

Per maggiori informazioni, aggiornamenti sul programma online, date e cartellone della tre giorni in sala a Firenze, potete visitare il sito www.rivertoriver.it e i social del festival.


ABBONAMENTI

Sarà possibile seguire l’intera programmazione del Festival online con un abbonamento di 9.90 € acquistabile a questo link https://www.mymovies.it/ondemand/river-to-river/. Tutti i contenuti live - tra cui gli incontri con gli ospiti, i registi e le presentazioni dei film - saranno accessibili e sempre disponibili gratuitamente sulla pagina Facebook e sul canale YouTube del festival. È possibile sostenere il festival grazie agli abbonamenti: Sostenitore Piccolo Chai a 20.00 € che, oltre alla programmazione del festival, prevede una foto di ringraziamento dello staff del festival e 1 biglietto per una proiezione durante la tre giorni in sala (valida per il 2020 o 2021) e il Sostenitore Grande Chai a 50.00 € che oltre ai benefit del “piccolo Chai” offre anche una copia del catalogo 2020 del River to River Florence Indian Film Festival.

L’INDIA TRA LE PAGINE

Anche quest'anno la libreria fiorentina Tatatà proporrà un percorso letterario associato ai film in programma al River to River. Venerdì 4 alle ore 17.30, in diretta sui social dalla libreria, i consigli di lettura per i giorni del Festival saranno condivisi con la comunità de I libri di Mompracem; il percorso di lettura proposto sarà disponibile per tutto dicembre sull'e-commerce delle librerie indipendenti Bookdealer.it.

Per maggiori informazioni visitare il sito www.tatata.it


L’INDIA IN CUCINA

Per i più golosi da non perdere, lunedì 7 dicembre, dalle ore 19.00 alle 22.00, la lezione di cucina indiana, presso il CESCOT, Piazza Pier Vettori 8/10 (Firenze). Per maggiori informazioni è possibile chiamare il numero 055.2705205.
05/12/2020 13:03 Redazione di Met
Comune di Firenze
Quattro sedute per il Consiglio comunale di Firenze a dicembre
Il 2020 del Consiglio comunale di Firenze si conclude con quattro sedute, tutte in videoconferenza, ogni lunedì, fino all’ultima del 28 dicembre.

Si comincia lunedì prossimo alle 14,30, orario di inizio del Question Time. A seguire l’avvio dei lavori con la comunicazione del presidente Luca Milani e comunicazioni e domande di attualità di consigliere e consiglieri.

Due le delibere al voto: l’ampliamento della sede della Misericordia di San Pietro Martire a Campo di Marte (riconoscimento sussistenza pubblico interesse e approvazione schema di convenzione) e il riconoscimento di un debito fuori bilancio in seguito ad una sentenza della Corte d’Appello di Firenze.

Nell’ordine del giorno iscritte numerose interrogazioni oltre ad ordini del giorno, mozioni e risoluzioni. (fdr)



Il programma completo dei lavori è consultabile al seguente link: https://www.comune.fi.it/system/files/2020-12/2020-12-07%20-%20ordine.pdf

Diretta sul canale youtube:

https://www.youtube.com/channel/UCXdLhwYzwI9159Ei7TDTn4w
05/12/2020 12:52 Comune di Firenze
Redazione di Met
Tutto Vivaldi con l’Orchestra da Camera Fiorentina
Lunedì 7 dicembre 2020 - ore 19 – diretta streaming sulla pagina Facebook OCF
Auditorium di S. Stefano al Ponte - piazza S. Stefano, 3 – Firenze
ORCHESTRA DA CAMERA FIORENTINA
Direttore: GIUSEPPE LANZETTA
Oboe: DAVIDE GUERRIERI
Musiche di A. Vivaldi, A. Pedrollo, A. Sibelius

Tutto Vivaldi lunedì 7 dicembre, insieme all’Orchestra da Camera Fiorentina diretta da Giuseppe Lanzetta. Appuntamento alle ore 19 sulla pagina Facebook dell’Orchestra, in diretta dall’Auditorium di Santo Stefano al Ponte di Firenze. Solista Davide Guerrieri all’oboe.

Del “prete rosso” ascolteremo il “Concerto in do maggiore per oboe e archi Rv 462”, il “Concerto in sol minore per archi e basso continuo, RV 157” e il “Concerto in la maggiore per archi e basso continuo, RV 158”. Chiuderà il programma un’altra pagina nota del barocco veneziano, quel “Concerto per oboe e archi” di Alessandro Marcello che ha segnato la colonna sonora del film “Anonimo veneziano”.

Davide Guerrieri è stato primo oboe dell’Orchestra Cherubini, fondata e diretta da Riccardo Muti. Collabora, tra le altre, con Orchestra i Pomeriggi Musicali, Orchestra Haydn, Fiharmonija Slovena e Orchestra da Camera Fiorentina. Ha suonato sotto la direzione di Muti, Abbado, Giulini, Kuhn, Rilling, Marshall, Gatti e altri importanti direttori.

Sarà anche l’occasione per ascoltare una preziosa viola realizzata dal liutaio fiorentino Paolo Sorgentone. Dopo lo stop per l’emergenza Covid, il Festival dei concerti della liuteria toscana continua, in versione online, fino al 23 dicembre: in programma 8 serate, tutte in diretta dall’Auditorium di Santo Stefano al Ponte.

Progetto dell’Orchestra da Camera Fiorentina sostenuto da Ministero per i Beni e le Attività culturali e per il Turismo, Regione Toscana, Città Metropolitana di Firenze. Il festival è realizzato grazie anche al contributo in “art bonus” di Intesa Sanpaolo. In collaborazione con Conservatorio di Musica Luigi Cherubini di Firenze, Centro Studi Luigi Dalla Piccola. Direzione artistica a cura di Giuseppe Lanzetta.


Programma concerto
A. Vivaldi Concerti per archi in sol minore e in la maggiore
A. Vivaldi Concerto per Oboe e archi in La Minore Rv 461
A. Pedrollo Concerto per Oboe e archi
A. Sibelius Romanza


Info concerti
Cell. 339 1632869 - www.orchestrafiorentina.it - info@orcafi.it

Direzione artistica
Giuseppe Lanzetta

Progetto
Orchestra da Camera Fiorentina

Con il sostegno di
Ministero per i Beni e le Attività culturali e per il Turismo
Regione Toscana
Città Metropolitana di Firenze

Con il contributo in “art bonus” di
Intesa Sanpaolo

In collaborazione con
Conservatorio di Musica Luigi Cherubini di Firenze
Centro Studi Luigi Dalla Piccola.

Si ringraziano per l'ospitalità
Comune di Firenze
Musei del Bargello
Auditorium di Santo Stefano al Ponte
05/12/2020 13:24 Redazione di Met
Comune di Sesto Fiorentino
Verde pubblico di Sesto, via al piano di manutenzioni da 700mila euro
È partito già da alcuni giorni il piano da 700mila euro per la manutenzione di giardini, alberi e spazi verdi su tutto il territorio comunale di Sesto Fiorentino. Si tratta di una massiccia serie di interventi per la gestione del patrimonio arboreo, in alcuni casi ricorrendo a ditte ad alta specializzazione, con la previsione di nuove piantumazioni, installazione e ripristino di arredi e attrezzature e miglioramenti del verde pubblico.

Interventi su verde e alberi
Una prima tranche di lavori, già in esecuzione, riguarda i giardini di Villa San Lorenzo, dove si è intervenuti sul doppio filare di pini, prima, e poi sull’area verde antistante. Nello stesso giardino è prevista per i prossimi giorni la partenza dei lavori sull’area giochi progettata nell’ambito dell’edizione 2020 di Bilanciamoci Insieme.
Un secondo pacchetto di interventi, già avviati, riguarderà invece esclusivamente gli alberi in diverse parti della città. Ad essere interessati da spalcature e potature saranno i pini di via Monti, le alberature ad alto fusto del giardino di via degli Scarpettini, i pioppi lungo la Gora di Quinto, gli alberi di via Pozzi, via del Risorgimento e via Sciascia; sono previste inoltre potature per le siepi e gli arbusti in via dell’Olmo, via Di Vittorio, via Fogazzaro, via Verga, via Biancalani, piazza del Mercato, via Corsi Salviati, via La Pira, via Leopardi, piazza Palermo, via Napoli. All’inizio della settimana che si è appena conclusa sono partiti gli interventi di potatura e spalcatura degli alberi di piazza Ghiberti, piazza della Costituzione e nel giardino della scuola Brogi; per il verde dei giardini delle scuole è stato anche previsto un affidamento ad hoc da 30mila euro.
Un terzo pacchetto di interventi di prossima partenza riguarderà le alberature di viale Pratese, piazza Mahbes, viale Ariosto, via Parini, via D’Azeglio, via di Rimaggio, via Ponchielli e via Toscanini; ad essere manutenute, complessivamente, saranno 292 piante. Ulteriori interventi riguarderanno gli alberi di via dell’Osmannoro, via Gramsci fino al confine comunale e via Manara.

Nuove piantumazioni
I nuovi alberi piantati in questa fase saranno 71, 27 dei quali in sostituzione di piante abbattute per motivi fitosanitari. Le strade e le piazze interessate saranno via Lucchese, piazza De Amicis, piazza San Francesco, viale Pratese, viale I Maggio, via Parri, via Pozzi, via Scarpettini, la rotatoria di viale I Maggio, via Gramsci, via Caduti nei Lager, via del Risorgimento.
Al fine di migliorare il decoro e la sicurezza, un intervento specifico riguarderà la duna a verde adiacente la rotonda tra viale Pasolini e via dell’Osmannoro, dove sarà trattato e parzialmente estirpato il canneto, mentre sul lato opposto sarà realizzato un parapetto con la piantumazione di quattro lecci.

Interventi su arredi, aree gioco e aree cani
Un investimento di oltre 130mila euro riguarderà arredi e attrezzature di spazi verdi, aree gioco e aree cani. In particolare saranno sostituite o riparate oltre 140 panchine e le staccionate dell’area cani di via Napoli, dell’area cani del giardino Bardo Corsi Salviati e dell’area cani di viale Togliatti, oltre a quelle dei diardini dell’Anello, di via del Cuoco, di via Moravia e dell’area della Montagnola.
Per quanto riguarda le aree gioco, accanto ai lavori ai giardini di Villa San Lorenzo, piazza Ghiberti, piazza della Costituzione e piazza Mahbes nell’ambito di Bilanciamoci 2020, tutti in partenza, sono previsti interventi in piazza IV Novembre, col rifacimento del tappeto, in piazza della Costituzione (sistemazione e miglioramento di porte e reti del campo polivalente), in via dei Ciompi, in via Scardassieri e nei giardini della Ragnaia.

Ass. Bicchi: “Verde una risorsa da gestire con le soluzioni migliori”
“La gestione del verde in città, soprattutto per quello che riguarda gli alberi, è complessa e richiede attenzione e competenza - afferma l’assessore all’ambiente Silvia Bicchi - Le alberature sono una grande risorsa per un territorio urbano e per averne cura abbiamo cercato di individuare le migliori soluzioni e professionalità, indispensabili per una buona gestione in contesti grande stress come quello cittadino. Gli spazi verdi rappresentano un importante luogo di socializzazione e il verde in città deve essere considerato come una presenza viva e non un semplice arredo urbano; per questo con gli uffici tecnici, ai quali va il nostro più profondo ringraziamento, abbiamo iniziato un lavoro complesso da alcune settimane e che ci vedrà impegnati nei prossimi mesi”.
05/12/2020 13:37 Comune di Sesto Fiorentino
Comune di Firenze
Natale, il 7 dicembre l’accensione degli alberi visibile online
Al via l’accensione degli alberi di Natale e delle luminarie in città. L’appuntamento è il 7 dicembre alle 18.30, quest’anno eccezionalmente online a causa della pandemia.
“Firenze non spegne le sue luci e non rinuncia agli alberi per un Natale di speranza - sottolinea il sindaco Dario Nardella - ma occorre continuare a tenere comportamenti prudenti ed evitare assembramenti. Per questo la tradizionale cerimonia dell’accensione sarà visibile in streaming”.
Il momento dell’accensione degli alberi sarà trasmesso sui canali social del sindaco e della Città di Firenze e sul canale Youtube di Florence Tv. (edl)

05/12/2020 12:51 Comune di Firenze
Comune di Pistoia
Riqualificazione del mercato di Pistoia: pubblicato il bando per la rottamazione di posti
E' stato pubblicato stamani, sabato 5 dicembre, sul sito internet del Comune (https://www.comune.pistoia.it/aree-tematiche/commercio) il bando per la rottamazione di posteggi del mercato storico di Pistoia nell'ottica di una sua valorizzazione e riqualificazione.

L'avviso prevede la possibilità di accedere alla rottamazione per coloro che occupano i posteggi in piazza del Duomo e nelle vie limitrofe e in piazza dello Spirito Santo, secondo la configurazione precedente alla revisione attuata per il Covid-19.

Ogni posteggio rottamato potrà ricevere dall'Ente un contributo di 3.500 euro per i posteggi del mercoledì e 4.500 euro per quelli del sabato. Tale differenza è motivata dal fatto che il mercato del sabato registra più affluenza e pertanto la redditività è maggiore. Inoltre il sabato è anche il giorno in cui, in vari periodi dell'anno, si concentrano spettacoli o altri tipi di manifestazione che necessitano di spazi occupati dai banchi e comportano quindi loro parziali spostamenti.

«L'obiettivo dell'Amministrazione – spiega l'assessore allo sviluppo economico Gianna Risaliti - è riqualificare e valorizzare le aree mercatali previste nel Piano del commercio. Questo nuovo bando per la rottamazione è la continuazione di quanto già fatto nel corso del 2019, a conferma della scelta già compiuta dall'Amministrazione comunale di arrivare a una migliore fruibilità del mercato cittadino».

Gli interessati devono presentare la domanda al Comune solo tramite pec, posta elettronica certificata, all'indirizzo comune.pistoia@postacert.toscana.it entro sabato 12 dicembre, utilizzando il modello predisposto e i relativi allegati.

Il bando e la domanda possono essere reperiti sul sito istituzionale, nella sezione 'Commercio' (https://www.comune.pistoia.it/aree-tematiche/commercio).

Per ulteriori informazioni e chiarimenti scrivere all'indirizzo annona@comune.pistoia.it.
05/12/2020 13:35 Comune di Pistoia
Questura di Firenze
Anziano rimane senza riscaldamento in casa e chiama la Polizia di Stato
In questo difficile periodo storico, per molti caratterizzato da isolamenti forzati nelle proprie case, non sono mancate le richieste di soccorso sulle linee d’emergenza da parte soprattutto di persone anziane.

Ieri mattina, ad esempio, gli agenti delle volanti hanno soccorso una donna di 81 anni nella sua abitazione all’Isolotto dove l’anziana, caduta a terra, non riusciva a rialzarsi.

Intorno alla mezzanotte, invece, un 84enne infreddolito dalle rigide temperature di questi giorni, ha chiamato la Polizia di Stato dalla sua abitazione a Coverciano: il suo impianto di riscaldamento era fuori uso e i termosifoni non si accendevano.

La Sala Operativa della Questura di Firenze ha preso immediatamente in carico la segnalazione inviando una volante in soccorso all’anziano, solo in casa.

Gli agenti si sono improvvisati idraulici e in poco tempo hanno rimesso in funzione la caldaia dell’appartamento che era andata in blocco.
05/12/2020 12:53 Questura di Firenze
 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V