MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail

IN PRIMO PIANO....

Comune di Firenze
Cristiani, ebrei e musulmani in preghiera a Palazzo Vecchio
Chiamati a raccolta dal sindaco di Firenze, cristiani, ebrei e musulmani si ritrovano insieme in preghiera sull’Arengario di Palazzo Vecchio. A rappresentare le comunità religiose l’Arcivescovo Cardinale Giuseppe Betori, il Rabbino Gad Fernando Piperno, e l’Imam Izzedin Elzir. Oltre al sindaco Dario Nardella sarà presente l’assessore ai rapporti con le confessioni religiose Alessandro Martini.

Il momento di preghiera si terrà domani venerdì 3 aprile alle 18.15. Dato che, per le misure relative all’emergenza sanitaria Covid-19, non è possibile la partecipazione diretta dei cittadini, la cerimonia sarà trasmessa in diretta su Rtv38 (canale 15 digitale terrestre) e Radio Toscana (fm 104.7). Tutte le emittenti televisive, radiofoniche e le varie testate giornalistiche potranno riprendere e trasmettere liberamente l’evento. (mf)
02/04/2020 15:09 Comune di Firenze
Asl Toscana Centro
Al via il servizio di consegna a domicilio dei farmaci ospedalieri delle farmacie di Santa Maria Annunziata e Serristori
Partirà nei prossimi giorni il servizio di consegna a domicilio dei farmaci ospedalieri che venivano abitualmente ritirati presso la farmacia ospedaliera del Santa Maria Annunziata di Bagno a Ripoli e del Serristori di Figline Valdarno. Il servizio sarà svolto 1-2 giorni a settimana per comune ed è rivolto ai comuni di Bagno a Ripoli, Figline e Incisa, Rignano, Reggello, Greve, Impruneta, San Casciano, Barberino Tavarnelle, Pontassieve, Pelago, Rufina, Fiesole e Firenze. La consegna a domicilio viene effettuata dal Centro Intercomunale di Protezione civile Arno sud est attraverso le associazioni di volontariato locale.

Per attivare il servizio relativo alla farmacia Santa Maria Annunziata basterà inviare una email a prenotafarmaci.sma@uslcentro.toscana.it mentre per la farmacia del Serristori, basterà scrivere a prenotafarmaci.serristori@uslcentro.toscana.it e indicare in entrambi i casi nome e cognome, codice fiscale, nome del farmaco o dei farmaci richiesti, indirizzo di residenza a cui dovranno essere consegnati i farmaci e numero di telefono per eventuali contatti. Si ricorda che sono attivi anche i numeri di risposta telefonica per la farmacia Santa Maria Annunziata allo 055 6936394 dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 11, per quella del Serristori allo 055/9508242 il lunedì, martedì, giovedì e venerdì dalle 10 alle 11.

Le richieste dovranno riguardare esclusivamente farmaci ritirati abitualmente presso le due farmacie e la cui scorta personale sia in esaurimento a breve. Le consegne saranno scaglionate in base alle scadenze della scorta.
03/04/2020 12:40 Asl Toscana Centro
Città Metropolitana di Firenze
Firenze dai giorni dell'emergenza al futuro, città che aspetta e crea l'abbraccio
La Città Metropolitana di Firenze con un cuore pulsante, che attende e lavora con fantasia, che aspetta l'ora in cui i cittadini potranno finalmente abbracciarsi. Un volo nella città che sa fermarsi e ascoltare nel silenzio le voci delle vittime dell'epidemia e con esse prepararsi al futuro. Dalle immagini del Sindaco Dario Nardella che ricorda le vittime in piazza della Signoria alla Città del Fiore che si raccoglie come può fino all'abbraccio finale, il video 'Il cuore di Firenze', realizzato da Domenico Costanzo, è accompagnato da un testo tratto dal romanzo 'Allergia' della scrittrice fiorentina Luisa Puttini Hall (ed. Moby Dick, 2013)

Su https://youtu.be/1Y6NA2CUW20 il video utilizzabile da social e media
03/04/2020 11:22 Città Metropolitana di Firenze
Comune di Calenzano
Contagi fermi a Calenzano. Il Sindaco Prestini “L'impegno dei cittadini dà i suoi risultati. Non molliamo”
A Calenzano i contagi sono fermi dal 29 marzo. Un dato incoraggiante ma che non ci porta fuori dall’emergenza. Il Sindaco Riccardo Prestini ringrazia i cittadini per l’impegno e il senso civico dimostrato: “Non molliamo adesso. La fase è ancora molto delicata. È fondamentale resistere e restare in casa”.

“Da quattro giorni a Calenzano non registriamo contagi – ha detto il Sindaco Riccardo Prestini -. È il segno che le misure di contenimento adottate dal Governo stanno funzionando, ma non vuole assolutamente dire che siamo fuori dall’emergenza: restate a casa. I cittadini di Calenzano hanno dimostrato un grande senso civico e rispetto delle regole. Solo con l’impegno di tutti possiamo uscire prima e meglio da questa situazione”.

Dall’inizio dell’epidemia a Calenzano si contano in totale 22 contagi e due decessi per Covid-19. Ricordiamo ai cittadini che è possibile uscire solo in caso di effettive e non rinviabili necessità e mantenendo le distanze di sicurezza.

“Uscire adesso senza un valido motivo è una scelta egoistica – ha concluso il Sindaco –. Non vanifichiamo quanto è stato fatto in queste settimane, che è costato tanto impegno e tanti sacrifici, anche in termini di vite umane”.

La Polizia Municipale e le Forze dell’Ordine intensificheranno i controlli nel fine settimana, quando è previsto bel tempo e temperature in rialzo. Nel corso della settimana la Polizia Municipale ha controllato oltre 150 persone che si trovavano fuori. Dieci le sanzioni elevate, in particolare per podisti che si trovavano al parco di Travalle, pur non abitando nelle vicinanze, e cittadini la cui autocertificazione è risultata falsa. Controllate anche oltre 100 attività, tra negozi e imprese, tutte risultate regolari.

In seguito ad alcune segnalazioni ricevute, comunichiamo che rimangono aperti sul territorio i cantieri stradali non rinviabili, all’interno dei quali si lavora nel rispetto delle procedure di sicurezza, individuate dal protocollo di intesa tra Governo e sindacati del 14 marzo. Questo prevede in particolare il rispetto della distanza di almeno un metro, mentre l’utilizzo di dispositivi di sicurezza, come per esempio mascherine e guanti, è obbligatorio solo nel caso in cui non è possibile garantire tale distanza.
03/04/2020 13:29 Comune di Calenzano
Città Metropolitana di Firenze
I videomessaggi dei Sindaci della Città Metropolitana di Firenze
In questo periodo di emergenza sanitaria, i Sindaci del territorio della Città Metropolitana di Firenze sono vicini a cittadini e cittadine con molteplici iniziative. Ecco alcuni loro videomessaggi in un mosaico: Stefano Passiatore, Dicomano; Sandro Fallani, Scandicci; Monica Marini, Pontassieve; Lorenzo Falchi, Sesto Fiorentino; Francesco Casini, Bagno a Ripoli; Federico Ignesti, Scarperia; Emiliano Fossi, Campi Bisenzio; Dario Nardella, Firenze; Daniele Lorenzini, Rignano sull'Arno; Brenda Barnini, Empoli; Anna Ravoni, Fiesole; Alessio Spinelli, Fucecchio.

Su https://youtu.be/Y5b3ec2aGFgc il video del canale Florence Tv utilizzabile da social e media
02/04/2020 18:11 Città Metropolitana di Firenze
Comune di Scarperia e San Piero
ScarperiaSanPiero. Cordoglio per la morte del dott. Iannucci
Sorpresa e sgomento sono le emozioni che stamani, venerdì 3 aprile, hanno colto l’intera comunità di Scarperia e San Piero alla notizia della prematura scomparsa del medico di base Dott. Iannucci Giandomenico. “Ci stringiamo commossi attorno alla famiglia del dottor Giandomenico Iannucci ricordandolo come persona gioviale, affabile, sempre sorridente e disponibile con i suoi pazienti.

Il prezzo che stanno pagando i medici in tutta Italia è altissimo, e soprattutto i medici di famiglia, dimostrando quanto il loro ruolo rappresenti davvero quello più prossimo ai cittadini. Ci mancherà il suo lavoro e la sua professionalità, ci mancherà la sua umanità”. Questo il messaggio di cordoglio del sindaco Federico Ignesti e di tutta l’Amministrazione Comunale.
03/04/2020 11:25 Comune di Scarperia e San Piero
Regione Toscana
Psicologia clinica, per operatori sanitari, pazienti Covid-19 e familiari
Per gli operatori è disponibile lo sportello psicologico, prevalentemente telefonico, aperto tutti i giorni in ogni presidio ospedaliero aziendale. Il contatto con l’operatore successivamente è sempre telefonico. A seguito del triage telefonico, lo psicologo concorderà con l’operatore un eventuale colloquio finalizzato ad allentare tensione e ansia.

Anche i pazienti ricoverati per Covid, quando le condizioni cliniche lo consentono, possono essere contattati telefonicamente. Il servizio verrà implementato e rimodulato tenendo conto delle nuove esigenze e del contesto in continuo mutamento.

www.uslcentro.toscana.it
03/04/2020 13:15 Regione Toscana
Città Metropolitana di Firenze
La Firenze metropolitana e solidale a sostegno degli ospedali e delle fragilità - Video
I giorni dell’isolamento del coronavirus saranno ricordati anche per la catena di gesti di solidarietà, nati negli ospedali, negozi, laboratori, associazioni ma anche dalla cittadinanza. Florence Tv, la web tv della Città Metropolitana di Firenze, vuole raccontare il lato solidario di Firenze, con tutte le informazioni per donare agli ospedali e per richiedere supporto psicologico e logistico. Una mappa della solidarietà aggiornata può essere consultata sul sito Covid19 Italia Help (https://www.covid19italia.help/) che raccoglie le iniziative di ogni tipo, in tutta Italia e a Firenze.

Raccolte fondi per gli ospedali
Per fare una donazione all’ospedale di Careggi tramite bonifico online si possono seguire le indicazioni riportate sul sito dell’azienda ospedaliera (https://www.aou-careggi.toscana.it/internet/index.php?option=com_content&view=article&id=5713&catid=92&Itemid=909&lang=it)
I comuni della Città Metropolitana si sono già mobilitati con raccolte fondi a favore degli ospedali. Come il comune di Lastra a Signa che ha lanciato una campagna a favore dell’Ospedale di San Giovanni di Dio, presidio sanitario di riferimento per il territorio. In una settimana sono stati raccolti 7.940,00 euro e sono già stati acquistati 600 camici. Come donare su: http://met.cittametropolitana.fi.it/news.aspx?n=310599
A Sesto Fiorentino, l’Associazione Nazionale Carabinieri, La Racchetta e la Misericordia di Sesto Fiorentino si sono unite per raccogliere fondi destinati alle attività di assistenza.
Tutte le informazioni per le donazioni: http://met.cittametropolitana.fi.it/news.aspx?n=310561

Donazioni effettuate
Tra le tante iniziative benefiche, ne raccontiamo alcune. Sono oltre 650mila euro le donazioni raccolte grazie alla campagna “Sostieni gli ospedali toscani” promossa dalla Regione tramite l’Ente di supporto tecnico amministrativo regionale. Saranno ordinati 12 ventilatori polmonari da destinarsi agli ospedali toscani e 50.000 mascherine FFP2 per gli operatori sanitari. Anche in questo caso si può continuare a donare: https://www.estar.toscana.it/ns-cittadini/ns-notizie/6967-campagna-donazioni-coronavirus-sostieni-gli-ospedali-toscani
A Bagno a Ripoli sono stati donati oltre centomila euro all’ospedale “Santa Maria Annunziata” da parte della cittadinanza e delle aziende, per l’acquisto di respiratori, termoscanner, tute protettive. In arrivo anche videocamere e tablet per mettere i pazienti in contatto con le famiglie, durante l’isolamento. Per contribuire: http://met.provincia.fi.it/news.aspx?n=310538
Per quanto riguarda le mascherine continua la consegna da parte della regione ai presidi sanitari della Toscana con una media di oltre 220 mila al giorno. Nel mese di marzo sono state consegnate oltre 1.100.000 mascherine e 32.000 protezioni facciali.
Invece per i respiratori, ne sono appena arrivati 42 dalla Cina destinati agli ospedali della Città Metropolitana., grazie a Fondazione Crf.

Sportello psicologico
Durante l’emergenza sanitaria, i fattori di stress sono molti: lo stare sempre in casa, l’ansia per il futuro, la paura del contagio, le difficoltà sul lavoro, le incertezze legate alla malattia. Il Sistema di protezione Civile regionale si è attivato con il Sistema sanitario della Regione Toscana per garantire un supporto psicologico erogato da psicologi e psicologhe professionisti, di associazioni di volontariato. I numeri da chiamare: 800909685 e da cellulare 0554382530 (dalle 9-19 ogni giorno).
Anche la Misericordia di Firenze ha attivato un servizio di ascolto e orientamento per le persone in difficoltà. Per ricevere aiuto da parte di uno psicologo professionista volontario si deve telefonare allo 055212222, dal lunedì al sabato, in orario 10 – 20.

Assistenza alle persone anziane e fragili
Il Comune di Firenze, oltre alla rete di “Firenze spesa dove come”, ha attivato uno specifico servizio di consegna a domicilio di spesa e farmaci per over 65 e persone immunodepresse chiamando al numero 0553282200 dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 16.30. (https://www.comune.fi.it/comunicati-stampa/coronavirus-da-lunedi-nuovo-servizio-di-consegna-domiciliare-gratuita-di-farmaci)
Auser Firenze offre un servizio di recapito spesa e medicinali agli anziani soli della zona di Gavinana. Per informazioni contattare il 3392559661(https://www.auserfirenze.com/informazioni-per-consegna-a-domicilio-della-spesa-e-farmaci-in-aggiornamento-2/)
Il servizio di spesa e farmaci a domicilio è stato attivato in maniera capillare nella Città Metropolitana di Firenze, i contatti sono reperibili sulle pagine dei Comuni.

Violenza domestica
Il Centro Antiviolenza Artemisia garantisce l’ apertura e la risposta telefonica dalle 10 alle 17 dal lunedì al venerdì e prosegue i servizi previsti sia per le nuove segnalazioni che per le situazioni già seguite. Artemisia risponde allo 055601375. Si può contattare anche il numero nazionale antiviolenza 1522. (mp)

Su https://youtu.be/eA99zph70VQ il video di Florence Tv utilizzabile da social e media


02/04/2020 17:58 Città Metropolitana di Firenze
Regione Toscana
Coronavirus, psiconcologia: attivo il supporto telefonico
Il primo è un servizio telefonico rivolto sia ai pazienti oncologici sia a quelli già in assistenza e ai loro familiari, minori compresi, sia a coloro che desiderano prendere contatto per la prima volta. Attivato per andare incontro a chi vorrebbe accedere ai servizi della psiconcologia ma ha paura di aggravare la propria condizione clinica, il servizio è curato dalla struttura d Psiconcologia della Ausl Toscana centro diretta da Lucia Caligiani. L’obiettivo è duplice: garantire una continuità di sostegno ai pazienti oncologici e ridurre al minimo l’accesso sia alla sede della struttura di Psiconcologia presso l’ospedale Santa Maria Annunziata sia presso gli altri presidi ospedalieri. Il servizio è attivo dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 18, chiamando il numero telefonico 055 6936628.

Il numero è disponibile anche per chi ha necessità di usufruire del Servizio ALBA (Assistenza al Lutto Bambini e Adolescenti). Gli psiconcologi naturalmente sono a disposizione per gestire urgenze presenti in sede. Viene infatti mantenuta l’attività dei Day Hospital oncologici sia per pazienti che per il personale. La Psiconcologia è attiva in tutti i presidi ospedalieri (Santa Maria Annunziata, San Giovanni di Dio, Serristori, Santa Maria Nuova, ospedale Mugello, San Giuseppe di Empoli, S.S. Cosma e Damiano di Pescia, San Jacopo di Pistoia, Santo Stefano di Prato) in cui è presente il Dipartimento Oncologico della Ausl Toscana centro.
03/04/2020 13:17 Regione Toscana
Ufficio Stampa Associato del Chianti
Il Chianti tornerà presto a risplendere: un messaggio di luce e speranza prodotto dai sei Comuni dell’Ambito Turistico Chianti
“Il Chianti tornerà presto a risplendere. Distanti ma uniti ce la faremo!”. Le frasi scorrono insieme alle immagini di grande impatto emozionale che rievocano le comunità del Chianti mentre lavorano, producono, valorizzano, accolgono, si divertono e danno valore alla qualità del loro tempo. Con grandi sacrifici, amore per la vita e senso di responsabilità. Una terra vitale, dinamica, creativa, rilanciata con maggior vigore, ora che la fase dell’emergenza sanitaria da Covid-19 costringe cittadini e lavoratori a non uscire di casa, da sei sindaci di area fiorentina e senese che lavorano in rete, uniti nell'Ambito Turistico del Chianti. Sono i Comuni di Barberino Tavarnelle, Castellina in Chianti, Greve in Chianti, Castelnuovo Berardenga, San Casciano in Val di Pesa, Radda in Chianti.

“Abbiamo prodotto un video che ispira e desidera fortemente la rinascita del nostro bellissimo territorio – dichiarano Paolo Sottani, Roberto Ciappi, David Baroncelli, Fabrizio Nepi, Pier Paolo Mugnaini e Marcello Bonechi - lo abbiamo fatto come Ambito Turistico del Chianti grazie al talento di un'equipe di giovani chiantigiani dello studio di comunicazione Swolly, specializzato in Branding e Visual design. I professionisti hanno messo a disposizione gratuitamente il loro lavoro per il territorio che amano e in cui risiedono. Ringraziamo Daniele, Davide e Francesco e tutti coloro che, emozionati da queste immagini, continueranno a fare la loro parte, restando a casa, rispettando le regole”. “Insieme torneremo a vivere – rimarcano i sindaci nel loro messaggio di speranza e luce per il futuro – a valorizzare, promuovere, lavorare, conoscere, imparare, produrre e viaggiare insieme ai nostri sogni, come solo nel Chianti si riesce a fare”. Il video è disponibile sui canali social istituzionali, pagine Facebook dei sei Comuni e profili dei sindaci.

Il link: https://vimeo.com/402882091.
02/04/2020 13:50 Ufficio Stampa Associato del Chianti
Asl Toscana Centro - Prato
La comunità si mobilita per supportare l’ospedale di Prato: donati 2500 test rapidi, 500 camici monouso e 500 mascherine
E’ una catena di solidarietà verso l’ospedale Santo Stefano che ogni giorno riceve tanti gesti di generosità da parte della comunità pratese. Tanti hanno donato fino dai primi giorni di emergenza sanitaria e tanti hanno raccolto l’invito alla solidarietà del Consigliere Regionale Nicola Ciolini.

Sono arrivati 2.500 test rapidi per rilevare l’eventuale contagio da Coronavirus, donati da imprenditori cinesi che saranno destinati al personale sanitario.

Non è mancata la generosità di Associazioni, Aziende, farmacie, imprenditori di Prato e cittadini grazie ai quali sono arrivati 500 camici monouso, 20 chilogrammi di gel igienizzante e 500 mascherine.

La comunità si è mobilitata per sostenere gli operatori sanitari che affrontano in prima linea questa emergenza. Sono davvero tante le iniziative per fargli sentire, ogni giorno, vicinanza e conforto. L'Associazione Adesso Prato e Pastifici Pratesi hanno recapitato, nel rispetto di tutte le norme di sicurezza anche pasti caldi pronti e pasta fresca: ravioli e spaghetti alla chitarra. Un lungo elenco di tanti contributi importanti per supportare l’ospedale di Prato che ringrazia tutta la comunità.


03/04/2020 11:27 Asl Toscana Centro - Prato
Fondazione Palazzo Strozzi
Palazzo Strozzi. L'arte a casa: speciali attività creative per bambini, ragazzi e famiglie
A Palazzo Strozzi è centrale il coinvolgimento attivo dei nostri pubblici attraverso attività e progetti legati alle opere d’arte che esponiamo. In questo momento particolare dobbiamo però rimanere a casa per proteggere noi stessi e gli altri e non è possibile sfruttare quel rapporto diretto con il lavoro degli artisti presentato in occasione delle nostre mostre. Per questo proponiamo L’ARTE A CASA, una serie di proposte e iniziative per bambini, ragazzi e famiglie attraverso attività originali da svolgere a casa in autonomia, con materiali facili da trovare.

Le mostre di Palazzo Strozzi sono sempre accompagnate da un Kit Famiglie, uno strumento pensato per condividere l’esperienza della visita in mostra in modo divertente e creativo. Per il progetto IN CONTATTO abbiamo ideato una speciale versione del Kit: un percorso di attività, ispirate alla mostra Tomás Saraceno. Aria, che possono essere svolte a casa da bambini e adulti insieme. Le opere di Saraceno fanno riflettere sul futuro e sulla coesistenza, due concetti che ci sembrano ancora più importanti in un momento come questo per ripensare al mondo che ci circonda e al nostro rapporto con gli altri esseri che lo popolano.
Il Kit contiene cinque proposte, da fare tutte d’un fiato o un po’ per volta, magari una per giorno (Scarica il Kit: https://www.palazzostrozzi.org/wp-content/uploads/2020/02/Palazzo-Strozzi_-KitACasa-ok.pdf)

In queste settimane anche l’attività delle scuole è cambiata radicalmente e, con questa, le nostre proposte per alunni, studenti e insegnanti. Abbiamo sviluppato quattro attività, pensate inizialmente per le classi, e poi adattate per essere svolte a casa in autonomia o in compagnia della propria famiglia.
I materiali con le indicazioni per svolgerli, sono tuttavia una risorsa anche per quei genitori che vogliono intraprendere, in questo periodo di isolamento, un rapporto attivo di riflessione, divertimento e condivisione con i figli.

Ecco i link per scaricarli:
Il filo che lega tutti noi (adatto per bambini 4-8 anni)
https://www.palazzostrozzi.org/wp-content/uploads/2020/03/il_filo_che_lega_tutti_noi.pdf
La forma del futuro (adatto per bambini 9-11 anni)
https://www.palazzostrozzi.org/wp-content/uploads/2020/03/la_forma_del_futuro.pdf
Disegno cosmico (adatto per bambini 12-14 anni)
https://www.palazzostrozzi.org/wp-content/uploads/2020/03/disegno_cosmico.pdf
L’oracolo (adatto per bambini dai 15 anni in poi)
https://www.palazzostrozzi.org/wp-content/uploads/2020/03/l_oracolo.pdf

ORA PROVA,CON LA TUA FAMIGLIA, AD IMMAGINARE I MONDI POSSIBILI DI TOMÀS SARACENO

Cosa serve:
fogli, matite o pennarelli
una circonferenza (un compasso, un bicchiere o una pentola)
Ricorda che siamo abituati a pensare al nostro modo di vivere con i piedi ben piantati a terra.

Ma come potrebbe essere vivere sospesi per aria?
L'artista Tomás Saraceno ha ideato alcune opere proprio immaginando un futuro dove ci sono Giardini volanti e Città nuvola.

Adesso provate anche voi a creare un nuovo mondo fantastico: può essere sospeso in aria, sottoterra, in acqua o dovunque volete.
Immaginate: ci sono alberi? E animali? Come ci si sposta? Che cosa si mangia su questo mondo?

Provate a descrivere questo pianeta e a disegnarlo.
Per creare una circonferenza potete utilizzare un compasso ma va bene anche un bicchiere, o una pentola se volete farlo più grande.

CONDIVIDI I TUOI MONDI POSSIBILI
Quando avete finito fotografate i mondi che avete creato e condividerli su Instagram o Facebook usando #Tomássaraceno #mondipossibili e taggando l’account @PalazzoStrozzi
03/04/2020 13:02 Fondazione Palazzo Strozzi
Comune di Firenze
Firenze. Secondo questionario di indagine sul Coronavirus
L’Amministrazione Comunale ha predisposto un secondo questionario per conoscere come i fiorentini stanno vivendo l'emergenza sanitaria legata al Covid-19. Un'occasione di ascolto e di confronto sulla gestione della vita quotidiana.
Il periodo di rilevazione del questionario, composto da 16 domande, è stato 24-29 marzo.

Il questionario era completamente anonimo e i risultati sono diffusi in forma aggregata. I dati saranno trattati nel rispetto del Regolamento (UE) 2016/679 (RGPD).

Risultati del secondo questionario
https://www.comune.fi.it/system/files/2020-03/Firenze_Covid19_Report01%2019032020%20ok.pdf

Risultati del primo questionario
https://www.comune.fi.it/system/files/2020-0/Firenze_Covid19_Report01%2019032020%20ok.pdf

Periodo di rilevazione: 16-18 marzo

03/04/2020 08:35 Comune di Firenze
Guardia di Finanza - Comando regionale
GdF. Buoni spesa a favore dei bisognevoli nella Valdelsa
L’emergenza epidemiologica in atto ha determinato nell’Autorità di Governo la
necessità di adottare disposizioni urgenti volte a contrastare la diffusione da
COVID-19 ed a contenerne gli effetti negativi sul tessuto socio-economico
nazionale. La Guardia di Finanza, quale forza di polizia economico-finanziaria a
competenza generale, è stata chiamata ad adeguare il proprio dispositivo di
vigilanza in funzione dell’esigenza di sostenere l’economia sana del Paese e di
attenuare la situazione di sofferenza e di difficoltà manifestata da cittadini, imprese
e professionisti. In tale contesto emergenziale, grazie alla proficua e sempre ottima
collaborazione interistituzionale con i sindaci della Valdelsa senese, sarà al loro
fianco garantendo mirati controlli su un campione di percettori di provvidenze
pubbliche. Dal 3 aprile sarà possibile fare domanda sia online che telefonicamente
per accedere alla misura di sostegno introdotta per aiutare chi si trova in difficoltà
immediate per effetto dell'epidemia in corso – dicono i primi cittadini dei cinque
Comuni - Una misura emergenziale importante in un momento di difficolta e che
nell’immediato può aiutare a fornire risposte concrete a bisogni reali ed urgenti di
quanti per effetto dell’attuale stallo del sistema economico fanno fatica a soddisfare
le necessità primarie proprie e dei propri familiari. Non sarà un beneficio concesso
indiscriminatamente a tutti, sarà necessario comprovare il possesso degli specifici
requisiti per l’accesso fissati nel bando e comunque non mancheranno, come detto,
controlli mirati effettuati della Guardia di Finanza di Siena nei confronti delle
posizioni dubbie. E’ un momento di grande responsabilità. Mai come ora occorre
dare una mano a chi versa in condizioni di disagio rendere questa misura efficace
ed utile. L’attenzione sulle modalità d’impiego delle risorse pubbliche costituisce da
sempre una priorità nell’ambito della mission istituzionale della Guardia di Finanza
quale Polizia economico-finanziaria a tutela delle entrate dell’Unione Europea, dello
Stato e della Regione. Contrastare lo spreco di risorse pubbliche vuol dire garantire
un fisco più equo e proporzionale all’effettiva capacità di ognuno ed in questo
momento significa anche far percepire a chi ha bisogno di poter sempre contare
sulle buone istituzioni del paese.
03/04/2020 09:30 Guardia di Finanza - Comando regionale
Ordine Professioni Infermieristiche Firenze-PT
«Più attenzione sulle strutture del socio-sanitario: RSA, RSD e carceri»
Un invito a riflettere, e ad agire, sulla grave situazione in cui versano i servizi infermieristici all’interno di Rsa, Rsd e carceri in questa fase di emergenza legata alla diffusione del Covid-19. È quanto l’Ordine delle professioni infermieristiche interprovinciale Firenze - Pistoia chiede alla Regione Toscana, in una lettera indirizzata al presidente Enrico Rossi, all’assessore Saccardi e a Barbara Trambusti, responsabile di Settore Politiche per l’Integrazione Socio – Sanitaria della Toscana. Senza provvedimenti adeguati, il rischio è di vedere crescere in modo esponenziale la mortalità nelle strutture e perdere il supporto dei professionisti perché contagiati».

«All’interno di queste strutture è evidente, da un lato, la carenza di personale dal punto di vista quantitativo – spiega il presidente di Opi Firenze - Pistoia Danilo Massai -. Dall’altro, la carenza di competenze nella gestione di casi Covid-19 che presentano difficoltà respiratorie. A questo si aggiunge il fatto che si tratta di luoghi che rendono difficoltosa l’attivazione di un percorso per persone con patologia infettiva. Inoltre, c’è una grave carenza dei Dpi sia preventivi che dei dispositivi appropriati per la gestione dell’assistenza a persona infetta. Difficoltà che si sommano alle problematiche storicamente presenti in queste realtà, per le quali da tempo Opi Firenze - Pistoia denuncia l’esigenza di una revisione».

Per questo l’Ordine delle professioni infermieristiche interprovinciale Firenze Pistoia chiede di prendere in considerazione l’attivazione di una serie di misure per quanto riguarda il personale infermieristico utili al miglioramento della situazione in Rsa, Rsd e carceri. Proposte «necessarie per governare la pandemia all’interno delle strutture – spiega ancora Massai –. Diversamente queste vedranno tante persone soccombere al virus e, nel contempo, perderanno i pochi professionisti ormai rimasti, perché infettati».

Ecco quanto richiesto: effettuare la revisione straordinaria delle ore infermieristiche trasformate in unità professionali per copertura h24; prevedere un Infermiere coordinatore in tutte le strutture; lanciare un bando infermieri a incarico regionale per l’Area Socio Sanitaria dal quale le strutture possano attingere. E ancora concedere un’indennità infermieristica di 500 euro al mese fino al 31/12/2020 e assicurare alloggio gratuito a chi viene da fuori Regione (previa iscrizione all’Ordine della provincia di lavoro). In aggiunta, attivare la formazione ECM Gratuita con accesso a piattaforme convenzionate con l’Ordine professionale; garantire la presenza di dispositivi sicurezza. Infine, valorizzare l’incarico in queste strutture con specifico punteggio all’interno dei prossimi concorsi a tempo indeterminato.
03/04/2020 13:06 Ordine Professioni Infermieristiche Firenze-PT
Comune di Certaldo
Mercantia 2020 non si farà, l’annuncio del Comune di Certaldo
Mercantia 2020 non si farà. Lo annuncia oggi il Sindaco Giacomo Cucini. Una decisione maturata dopo attente valutazioni fatte nelle ultime due settimane ed ufficializzata oggi.
“L’organizzazione di Mercantia 2020 era partita già a settembre – dice il sindaco Giacomo Cucini – ma la situazione emergenziale causata dal Covid-19 ci ha imposto di fare valutazioni che hanno portato, inevitabilmente, a decidere per l’annullamento”.
“I motivi – spiega il sindaco – sono legati alla profonda incertezza che, secondo le autorità sanitarie e governative nazionali, proseguirà nei prossimi mesi. Anche se ci fosse un allentamento delle misure restrittive, un evento corale e di grande assembramento come Mercantia ha bisogno da subito di certezze sulle date per prendere impegni economici che non si possono improvvisare poche settimane prima, e queste certezze non le abbiamo e sappiamo che non le avremo a breve. Inoltre, anche se l’Italia dovesse uscire completamente e nei tempi previsti dall’emergenza, molti artisti e tanti spettatori arrivano dall’estero, dove l’emergenza Covid-19 si sta manifestando in ritardo; ne consegue che difficilmente potremmo contare su artisti e pubblico indispensabili per mantenere il livello che conosciamo. Oltre a questo ma non meno importante è il fatto che dovremo fare i conti con quel che l’emergenza lascerà: ogni energia e risorsa andrà impegnata per sostenere il tessuto sociale ed economico e risollevarci da questa situazione.”
“E’ una decisione dolorosa e difficile – conclude il sindaco – ma ci conforta il fatto che eventi ben più grandi, che pareva impossibile rinviare, come le Olimpiadi, siano state rinviati. E Mercantia è di fatto la nostra “olimpiade”, con 500.000 euro di investimento, 400 artisti da gestire in termini di alloggi, pasti, trasporti, decine di palchi da montare e smontare, mobilità e sicurezza per 50.000 persone tra pubblico gratuito e pagante, e tanti altri aspetti in un paese di 16.000 abitanti ed in un piccolo e delicato borgo medievale. Questo però non vuol dire che non investiremo in intrattenimento e cultura, anzi. Se sarà possibile, cercheremo di recuperare da subito con gli eventi dell’autunno e del Natale. E per il nostro grande appuntamento di spettacolo estivo, cogliamo quest’occasione per rigenerarci: sono certo la difficile esperienza del Coronavirus ci cambierà in meglio e nel 2021 sapremo rinnovarci e mettere in campo una manifestazione completamente nuova”
03/04/2020 12:28 Comune di Certaldo
Non-profit in provincia di Firenze
Non mettiamo in quarantena la solidarietà: e il mercato di Sant'Ambrogio distribuisce le uova di Pasqua per conto di A.T.T.
Il presidente dell’ATT Giuseppe Spinelli: “in aumento la richiesta di cure domiciliari gratuite, ma a causa del Covid sono diminuite le attività di raccolta fondi che ci permettono di andare avanti”. Il presidente del consorzio del Mercato di Sant’Ambrogio Luca Menoni: “volentieri ci mettiamo al servizio di questa bella iniziativa. Siamo sicuri che i fiorentini dimostreranno il loro grande cuore”.

“Non mettiamo in quarantena la solidarietà”. È con questo slogan che i commercianti del Mercato di Sant’Ambrogio a Firenze si sono messi a disposizione dell’Associazione Tumori Toscana per la distribuzione delle uova di cioccolato, che come ogni anno servono a raccogliere fondi per portare avanti le cure domiciliari gratuite a sostegno dei malati di tumore e delle loro famiglie. Così, facendo la spesa al mercato – uno dei più antichi e amati della città – o anche ordinandole per la consegna a domicilio, si potranno acquistare le uova con sorpresa targate ATT (350 grammi di cioccolato di alta qualità, da scegliere tra fondente o al latte), oppure un sacchettino di coniglietti di cioccolato.

“L’emergenza causata dalla diffusione del Coronavirus ha generato, nelle ultime tre settimane, un notevole aumento delle richieste di cure domiciliari gratuite, ma una drastica riduzione delle donazioni che ci servono a mandare avanti le nostre attività. La causa? La sospensione forzata delle attività di raccolta fondi”, spiega il presidente dell’Associazione Tumori Toscana Giuseppe Spinelli. “Per questo motivo siamo particolarmente grati a Luca Menoni, presidente del consorzio interno Mercato Sant’Ambrogio, e a tutti gli operatori del mercato per il loro generoso gesto a sostegno dei malati di tumore che, soprattutto in questo momento difficile, sono più fragili ed hanno bisogno di essere protetti più del solito, in modo che non si debbano sentire mai soli. Desidero ringraziare anche Federico Gianassi, assessore alle attività produttive del Comune di Firenze, Andrea Vannucci, assessore al Welfare del Comune di Firenze, Sara Funaro, assessore all’educazione e il direttore di Confcommercio Toscana Franco Marinoni, che hanno dato il loro pieno appoggio all'iniziativa”.


“Questo è un periodo difficile per tutti – hanno detto gli assessori Vannucci e Gianassi – ma è ancora più difficile per coloro che sono malati e per le loro famiglie. Per questo ringraziamo l’ATT per l’impegno che mette nel seguire le cure domiciliari dei malati di tumore e ringraziamo gli operatori del Mercato di Sant’Ambrogio che malgrado il periodo di emergenza coronavirus non dimenticano il valore della solidarietà”.


“Ci mettiamo molto volentieri al servizio di questa bella iniziativa”, dice il presidente del consorzio del Mercato di Sant’Ambrogio Luca Menoni, “siamo sicuri che i fiorentini dimostreranno il loro grande cuore. Il nostro mercato è aperto al pubblico, per la parte che riguarda il dettaglio alimentare, e ogni giorno facciamo anche consegne a domicilio a tantissime famiglie. Per questo abbiamo dato la disponibilità, come volontari, ad effettuare per conto dell'ATT questa raccolta di fondi attraverso le uova pasquali e cioccolatini”.


I prodotti sono distribuiti a fronte di un'offerta che sarà interamente destinata a favore dell'Associazione Tumori Toscana, che dal 1999 cura gratuitamente a domicilio, h 24 tutti i giorni dell'anno, i malati di tumore, grazie un’équipe polispecialistica composta da medici, psicologi, infermieri ed operatori sociosanitari.
03/04/2020 13:06 Non-profit in provincia di Firenze
Comune di Empoli
Empoli. Torna il servizio di assistenza socio-educativa a domicilio per studenti con disabilità
Il Comune di Empoli torna di nuovo, dopo i primi giorni di marzo, poco dopo la sospensione dell’attività scolastica per l’emergenza Covid-19, ad attivare il servizio straordinario di assistenza socio-educativa a domicilio per studenti con disabilità che frequentano i servizi educativi per l’infanzia e le scuole di ogni ordine e grado.

Il servizio sarà in funzione da lunedi 6 aprile fino a venerdi 10 aprile.

Si rivolge agli studenti che risultano residenti nel Comune di Empoli e sono già beneficiari del servizio di assistenza socio-educativa scolastica o comunque in possesso di certificazione di cui all'art.3 della L.104/92.

Il servizio si svolgerà presso il domicilio dello studente per la durata di n.3 ore giornaliere da concordare con l'operatore della cooperativa all'interno delle fasce orarie: 8,00-13,00 o 14,00-17,00, dal lunedì al venerdi.

Il servizio è gratuito per gli utenti e pagato dall’amministrazione comunale.

I genitori che intendono richiedere l'attivazione possono contattare direttamente la Coop Geos:

- inviando una mail al seguente indirizzo m.gigli@coopgeos.it specificando nome e cognome del figlio, scuola e classe frequentata e numero telefonico per essere ricontattati,

oppure telefonando al n. 338-3205166 dal lunedi al venerdi ore 8-13 o 14-17; il sabato dalle 8.00 alle 12.00.

Nel caso di numero elevato di richieste potrà essere ridotto a 2 ore giornaliere.
03/04/2020 10:32 Comune di Empoli
Non-profit in provincia di Firenze
Coronavirus, da Aidr e Canon Italia stampanti in dono a ospedali
Un piccolo aiuto, un’azione di solidarietà per sostenere l’attività di operatori sanitari e volontari degli ospedali italiani impegnati nella lotta al coronavirus. È lo spirito con cui l’Associazione Italian Digital Revolution (AIDR) e Canon Italia hanno condiviso l’iniziativa con grande impegno e convinzione, donando stampanti per la gestione documentale a decine di strutture ospedaliere, dalla Calabria alla Lombardia, passando per il Lazio.

“In linea con lo spirito con cui agisce il nostro Osservatorio sanità digitale - sostiene Mauro Nicastri, dell’Agenzia per l’Italia Digitale e presidente Aidr – abbiamo condiviso l’iniziativa di Canon Italia, considerando anche la necessità di soddisfare le esigenze di natura tecnologica. Ci auguriamo che questo gesto possa servire da supporto concreto agli operatori sanitari che, per le diverse esigenze lavorative, hanno necessità di gestire e stampare documenti”.

“Il sostegno di Canon per un’Italia che soffre ma reagisce con prontezza, nasce dall’esigenza di sostenere con un piccolo gesto gli ospedali Covid che si trovano in un momento di grave emergenza sanitaria e difficoltà organizzativa”, fa notare Massimo Macarti,
amministratore delegato di Canon Italia. “Da sempre, siamo guidati nelle nostre azioni dalla filosofia Kyosei che recita - vivere e lavorare insieme per il bene comune - e per tutti noi si tratta di un supporto concreto e quanto mai doveroso, già sperimentato con i Vigili del Fuoco nel recente terremoto che ha interessato il centro Italia. E la stretta collaborazione con Aidr sta dando una bella accelerazione all’idea: ce la faremo, insieme”, conclude.

“Stiamo lavorando senza sosta per ultimare l’allestimento dell’ospedale da campo di Bergamo insieme alla Protezione civile e all’Associazione Nazionale Alpini”, spiega Lorenzo Siracusano, responsabile della Logistica di EMERGENCY. “Siamo molto grati a Canon
per il suo contributo: per noi è importantissimo sapere di poter contare sul suo aiuto e sulla condivisione dei nostri progetti in un momento così impegnativo per tutti”, rimarca.

Per poter ricevere la fornitura di stampanti pensata in base ai posti letto ricavati negli ospedali da campo, fino ad esaurimento scorte, le strutture ospedaliere che non sono stati ancora raggiunte, potranno contattare l’Associazione all’indirizzo e-mail
emergenzacoronavirus@aidr.it indicando: l’azienda ospedaliera, un nominativo di riferimento, indirizzo e relativi contatti (indirizzo mail e telefono).
03/04/2020 09:48 Non-profit in provincia di Firenze
Indire
Dalla scuola agli ospedali: Indire stampa in 3D visori protettivi per medici e infermieri
Creare con la stampante 3D visori protettivi per i medici e gli infermieri impegnati nell’emergenza Covid-19. È quanto sta accadendo in questi giorni all’Indire, Istituto nazionale di Documentazione Innovazione e Ricerca Educativa, dove un gruppo di ricercatori del progetto Maker@Scuola sta stampando dispositivi protettivi destinati ad alcuni presìdi medici e ospedali della Toscana.

“Tutto è partito dal contatto che il nostro gruppo di ricerca ha avuto all’interno di 3D Print Covid 19, un gruppo su Facebook – spiega Lorenzo Guasti, ricercatore di Indire – che mette in comunicazione maker di varie parti d’Italia. Noi ci inseriamo in un movimento nazionale per far fronte a una richiesta crescente di questi dispositivi da parte di molti medici, che segnalano problemi di approvvigionamento legati all’emergenza Coronavirus. C’è un bisogno sempre maggiore di integrare le loro forniture con ulteriori dispositivi protettivi e ci stiamo muovendo in questo senso. Abbiamo appena iniziato – conclude Guasti - e vogliamo solo dare un piccolo contributo basato sulle nostre competenze e sul lavoro che ogni giorno portiamo avanti nelle sperimentazioni didattiche a scuola e nell’ambito della ricerca scientifica. Lo spirito è quello dei maker: condividere conoscenza e mettersi a disposizione della comunità”.



Si tratta di numeri in rapida crescita. Finora sono stati stampati e consegnati venti visori protettivi alla Misericordia di Sesto Fiorentino (FI) e sono in produzione trenta prototipi all’Ospedale di Pistoia. Inoltre, l’Istituto è in contatto con la Cooperativa Humanitas di Prato e l’Ospedale di Ponte a Niccheri per ulteriori forniture. Nei prossimi giorni sono pronti ad essere realizzati altri 50 pezzi.



Il gruppo Maker@Scuola di Indire è impegnato nel monitoraggio delle più interessanti esperienze in ambito educativo legate al movimento dei “Maker”, della didattica laboratoriale e dell’uso delle stampanti 3D nelle scuole. Nel progetto per la creazione dei visori protettivi è coinvolto il gruppo di ricerca composto da Lorenzo Guasti, Luca Bassani, Alessandro Ferrini, Lorenzo Calistri e Gabriele Pieraccini.
03/04/2020 12:01 Indire
Unione dei Comuni Circondario Empolese Valdelsa
I sindaci dell’Unione ad Anva-Confesercenti: «Niente mercati fino al 13 aprile, proseguiamo con le restrizioni»
Dopo la richiesta ufficiale da parte di Anva Confesercenti di riaprire i mercati settimanali e rionali, limitatamente ai banchi di generi alimentari, il sindaco di Empoli Brenda Barnini, con delega allo Sviluppo Economico per l’Unione dei Comuni Empolese Valdelsa, ha risposto alle proposte dell’associazione di categoria per conto di tutti gli undici sindaci.

«Pur comprendendo le legittime richieste dell’associazione Anva Confesercenti, l’opinione condivisa dai sindaci del’Empolese Valdelsa è quella che il provvedimento di estensione delle misure di restrizione del Governo, con durata fino al 13 aprile, debba suggerirci di continuare nella strategia del contenimento massimo delle occasioni di contatto tra le persone.

In questo contesto consentire ad esempio nel prossimo giovedì 9 marzo, che per l’appunto ricade nella settimana prepasquale, l’allestimento di 60 banchi alimentari, nell’area sportiva di Empoli, vorrebbe dire creare con certezza un’occasione di assembramento mettendo a rischio la salute di tutti.

Pertanto invitiamo gli ambulanti di generi alimentari che operano sul nostro territorio dell’Empolese Valdelsa ad attenersi alle medesime regole che sono state in vigore fino ad oggi almeno fino al prossimo 13 aprile.

Gli ambulanti di generi alimentari hanno comunque la possibilità di svolgere servizio di consegne a domicilio come altri artigiani che producono generi alimentari.
Gli stessi ambulanti di generi alimentari verranno sollevati dal pagamento dell'imposta per il suolo pubblico anche oltre il periodo di stop forzato.
Inoltre ogni Comune dell’Unione Empolese Valdelsa potrà valuterà con le associazioni di categoria nuove occasioni di mercati straordinari, da organizzare quando l’emergenza sanitaria nazionale sarà passata, per recuperare il più possibile il mancato introito di questo periodo.

Siamo consapevoli dei disagi vissuti da ogni singola attività, ma tutto questo è dovuto a una situazione di emergenza ormai planetaria, che ci vede purtroppo di fronte a un evento di portata storica».
03/04/2020 12:42 Unione dei Comuni Circondario Empolese Valdelsa
Asl Toscana Centro - Prato
Prato. Sospesa l’ attività di vaccinazione dal 6 al 30 aprile
L’attività di vaccinazione a seguito dell’emergenza sanitaria Covid-19 è stata riorganizzata. Nel periodo dal 6 al 30 aprile sono annullati tutti gli appuntamenti già prenotati per vaccinazione in tutte le sedi dell’area pratese. Lo sportello per le vaccinazioni resterà chiuso al pubblico.

Sono garantite le vaccinazioni a:

Baambini con età inferiore a due anni

Categorie a rischio previste dalla normativa vigente in materia

Donne in gravidanza

In questo periodo, le persone che rientrano nelle categorie indicate , possono telefonare al numero dedicato 0574 805318 dal lunedì al giovedì dalle ore 9 alle ore 11 per programmare un nuovo appuntamento.
03/04/2020 09:46 Asl Toscana Centro - Prato
Ordine degli Architetti di Firenze
Architetti. Edilizia, “congelare autorizzazioni, ordinanze e tassa di occupazione del suolo pubblico”
Congelare le autorizzazioni di occupazione del suolo pubblico nel periodo di sospensione dei cantieri edili, iniziato il 25 marzo e fino alla data di revoca, e non conteggiare questo periodo di obbligatoria sospensione ai fini del calcolo della tassa di occupazione del suolo pubblico.

Sono le richieste avanzate dalla Consulta Interprofessionale della Città Metropolitana di Firenze (composta da Ordine degli Ingegneri di Firenze, Ordine degli Architetti di Firenze, Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali di Firenze, Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati di Firenze, Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati di Firenze, Collegio dei Periti Agrari e dei Periti Agrari Laureati delle Province di Siena, Arezzo e Firenze, Ordine dei Geologi della Toscana), che hanno scritto a sindaci e assessori dei Comuni della Città Metropolitana di Firenze e al presidente di Anci Toscana Matteo Biffoni.

Riguardo alle autorizzazioni e alle tasse per l'occupazione di suolo pubblico in presenza di cantieri edili sospesi, la Consulta Interprofessionale chiede "disposizioni chiare e possibilmente omogenee su questa materia, segnalando la necessita` che il periodo di sospensione dei cantieri edili, iniziato il 25 marzo e fino alla data di revoca, sia considerato neutro ai fini dei termini di validita` delle Autorizzazioni di occupazione suolo pubblico in essere e delle Ordinanze connesse, ai sensi del Codice della Strada. Ovviamente si richiede che tale periodo di obbligatoria sospensione dei cantieri non venga conteggiato ai fini del calcolo della tassa di occupazione suolo pubblico".

La richiesta è dunque quella di far slittare la validità delle autorizzazioni per un periodo corrispondente a quello della sospensione obbligatoria, oltre che di non conteggiare questo periodo nel calcolo della tassa di occupazione suolo pubblico.

"Come Ordini professionali di area tecnica siamo impegnati, sia sul piano nazionale che regionale, ad avanzare proposte per l'emergenza ma sopratutto per favorire la ripresa ed il rilancio economico, ben consapevoli del grave impatto di questa vicenda sulla tenuta del nostro sistema economico e sociale", è riportato ancora nella nota inviata agli amministratori.
03/04/2020 10:45 Ordine degli Architetti di Firenze
Ufficio stampa Comune di Marradi
Marradi: Comune acquista 1000 mascherine, in corso distribuzione gratuita
Il Comune di Marradi ha acquistato una fornitura di 1000 mascherine chirurgiche per effettuare una distribuzione ampia tra la popolazione. In poche ore il numero telefonico dedicato è stato subissato di richieste, tanto che velocemente ne è stato attivato un altro. Tramite volontari della Protezione civile si stanno consegnando da 2 a 5 mascherine in base alle necessità e ai componenti del nucleo familiare. Nel frattempo il Comune si è mosso per reperire un'ulteriore fornitura.
La distribuzione è gratuita, ma è comunque possibile fare un'offerta libera, e il ricavato servirà ad abbellire i parchi giochi comunali. Come spiega il sindaco Triberti: “Quando sarà completamente conclusa l'emergenza e potremo tornare a una vita più normale vogliamo che i nostri bambini trovino spazi pubblici ancora più belli dove giocare. E' un dovere che abbiamo nei loro confronti - continua -, i più piccoli soprattutto patiscono questo difficile momento. Pensiamo al dopo e a loro con questo regalo. Intanto però rinnovo l'invito a stare a casa, anche con i bambini”.
03/04/2020 11:34 Ufficio stampa Comune di Marradi
Asl Toscana Centro - Pistoia
I bambini del coro pistoiese i "Grilli Cantanti" non partecipano al concorso nazionale e donano la quota di iscrizione per sostenere la pediatria del San Jacopo
Non hanno potuto partecipare al concorso nazionale che si doveva svolgere in questi giorni a Sestri Levante (Liguria) i bambini del coro "Grilli Cantanti", della scuola primaria Civini Arrighi e, insieme alla loro maestra e direttrice del coro, Lucia Innocenti Caramelli, hanno devoluto la quota d'iscrizione per aiutare il reparto pediatrico dell'ospedale San Jacopo di Pistoia.

Il concorso canoro è stato annullato e gli organizzatori hanno restituito il denaro alle famiglie che è stato utilizzato per acquistare i dispositivi di protezione individuale (camici, mascherine e guanti) per gli operatori del reparto di Pediatria diretto dal dottor Rino Agostiniani.

La dottoressa Lucilla Di Renzo, direttore sanitario del presidio ospedaliero a nome di tutti gli operatori, ringrazia i piccoli donatori, l'insegnate e le famiglie.
03/04/2020 11:43 Asl Toscana Centro - Pistoia
Inail
Inail. Covid-19: rinviate tutte le fasi del bando Isi 2019
Sospensione dal 23 febbraio al 15 aprile dei termini amministrativi previsti nei bandi Isi precedenti.
Considerata la grave emergenza epidemiologica in atto e le disposizioni governative adottate per prevenirne ed arginarne l'espansione, le misure di sostegno alle famiglie e alle imprese, oltre che le richieste pervenute dai soggetti destinatari dell’Avviso
pubblico e dalle parti sociali, viene sospesa la prossima apertura alla procedura di partecipazione al bando ISI 2019.

L’aggiornamento del calendario delle scadenze per il periodo di apertura della suddetta procedura sarà pubblicato sul portale www.inail.it nell’apposita sezione dedicata all’Avviso ISI 2019, entro il 31 maggio 2020, con evidenza delle nuove date (successive alla suddetta data limite per la pubblicazione).

Tuttavia, nell’eventualità in cui, a tale data, non dovessero sussistere le condizioni minime, tali da garantire un’ampia partecipazione alla procedura Isi 2019, si provvederà con la riprogrammazione del suddetto calendario.
In ogni caso, restano invariate le modalità di presentazione e invio della domanda on line già previste dagli articoli 13 e 14 del bando, infatti le imprese e gli enti avranno a disposizione una procedura informatica che consentirà loro, attraverso un percorso guidato, di inserire la domanda di finanziamento con le modalità già indicate
negli Avvisi regionali.
03/04/2020 11:13 Inail
Comune di Impruneta
Pronte le prime mascherine in tessuto per la comunità di Impruneta: consegne a domicilio organizzate da sabato 11 aprile
L'azienda produttrice del marchio My Vintage Academy, che ha deciso in collaborazione con l'Amministrazione Comunale di produrre e donare agli imprunetini 15.000 mascherine in tessuto, ha già portato a termine la produzione del primo lotto.

Ricordiamo che le mascherine - in tessuto di diversi colori, lavabili ad alte temperature e riutilizzabili sterilizzandole - sono pensate per fronteggiare le difficoltà di reperimento sul mercato di altri presidi che, soprattutto i dispositivi FFP2 E FFP3, devono essere lasciati a disposizione principalmente del personale che lavora nei servizi sanitari e negli ospedali.
Non sono mascherine protettive da Covid-19 (dispositivi medici chirurgici o tnt traspirabile), ma utili ad ridurre il rischio che, attraverso saliva o muco nasale, ogni singolo cittadino sia di pericolo all'altro. Si consiglia, seppur ricordandone l'utilizzo monouso, a chi fosse già in possesso di presidi medici chirurgici di continuare ad utilizzare questi per la loro maggiore protettività.

Inoltre, la dotazione di mascherine si inquadra sempre e comunque nel contesto delle regole precauzionali introdotte in ragione dell'emergenza Covid-19 a livello nazionale:
- indossare le mascherine è un'ulteriore precauzione che non sostituisce le altre forme di protezione prescritte perciò è comunque richiesto di rispettare le disposizioni in tema di distanziamento sociale;
- prima di indossarle lavare le mani con un disinfettante a base di alcol o con acqua e sapone;
- nel coprire la bocca e il naso, assicurarsi che non vi siano spazi tra il viso e la mascherina;
- evitare di toccare la mascherina mentre la si utilizza e, se necessario farlo, pulire prima le mani con un detergente a base di alcool o acqua e sapone;
- per togliere la mascherina: rimuoverla da dietro (senza toccare la parte anteriore);
- le mascherine sono filtranti ma non sono presidi medici;
- possono essere utilizzate nei limitati casi consentiti di uscita dalla propria abitazione, quali ad esempio l'approvvigionamento di generi alimentari, come forma di reciproca cortesia all'interno di una comunità che affronta un'emergenza sanitaria;
- le modalità di lavaggio e sterilizzazione sono a discrezione dei cittadini che ne fanno uso ma si consiglia di farlo dopo l'uso quotidiano.

La distribuzione delle mascherine "My Vintage Academy" sarà graduale ed uniforme sul territorio e rispetterà alcune priorità:
- da ieri sono in distribuite alle categorie più esposte, quindi agli addetti alla distribuzione di alimenti e beni essenziali - come per esempio il personale dei supermercati e i commercianti delle attività aperte - e anche a tutti i volontari che si occupano della consegna a domicilio di spesa e medicinali, attraverso le Associazioni che ne fanno da punto di gestione, oltre ad altre categorie impegnate nell'emergenza e a contatto con il pubblico;
- da sabato 11 aprile comincerà la distribuzione alle famiglie, solo per i componenti dai 18 anni in su, fino a sabato 17 aprile;
- successivamente, con modalità che comunicheremo, verranno consegnate le mascherine anche per i minorenni.

Il Comune di Impruneta coordinerà la distribuzione tramite il suo personale e grazie al decisivo supporto delle associazioni di volontariato del territorio.
La metodologia di consegna prevede la distribuzione a ogni numero civico di un numero di scatole, contenenti una mascherina singola, corrispondente ai maggiorenni residenti nello stabile risultanti nelle liste anagrafiche. Quindi, in caso di condomini, verrà lasciato un unico quantitativo che verrà poi autonomamente diviso tra i componenti delle famiglie residenti, rammentando a tutti che in questo momento particolare si invita alla collaborazione e alla diligenza.
Si pregano i condomini di accordarsi preventivamente sul nominativo della persona che farà da riferimento alla consegna.

Le persone incaricate della consegna, in linea generale, dovranno tenere lo stesso comportamento seguito per la consegna a domicilio della spesa o dei medicinali, lasciando quindi sulla soglia quanto dovuto e suonando il campanello, prendendo il nominativo della persona che risponderà al campanello (uno per condominio) e cancellando dalla lista tutti i residenti per i quali è stata lasciata la mascherina stessa.

La consegna dunque deve avvenire con le seguenti modalità:
- consegna in prossimità del cancello o del portone di accesso del condominio/casa;
- vietato l'accesso alle abitazioni o ai locali dei destinatari;
- vietato intrattenersi con i destinatari delle mascherine;
- l'addetto alla consegna indosserà mascherina e guanti.

L'impegno è davvero massimo da parte di tutti: dalla produzione all'inscatolamento singolo, dall'organizzazione delle squadre addette alla distribuzione alla suddivisione per via e numero civico, dall'analisi delle liste anagrafiche del comune alla rendicontazione della distribuzione e controllo di mancate consegne.
E se la mascherina non arriva il primo giorno... un po' di pazienza e la distribuzione arriverà anche nella vostra zona: nessuno verrà lasciato indietro!

"E' stata ed è davvero un'operazione complessa, ma la porteremo in fondo con risultati ottimi per tutta la nostra comunità. - dichiara il Vice Sindaco Matteo Aramini - Ricordo che non si tratta della soluzione al Coronavirus, ma semplicemente di uno strumento di protezione utile per le attività ordinarie e di stretta utilità, quindi non vi è la necessità di accalcarsi alla consegna. Soltanto se tutti rispettano le regole ce la faremo, la strada è ancora in salita, ma quando tutto finirà ci guarderemo indietro e con grande orgoglio potremo dirlo di esserne usciti insieme".


03/04/2020 09:56 Comune di Impruneta
Ufficio Stampa Associato del Chianti
UnioneComunaleChianti. Da sabato 4 aprile la consegna delle mascherine nelle piazze dei Comuni, un dispositivo per nucleo familiare
Prendono il via da domani, sabato 4 aprile, le prime forniture gratuite di mascherine nei territori del Chianti Fiorentino. La modalità scelta dai Comuni di Greve in Chianti, San Casciano e Barberino Tavarnelle è quella della consegna dalle piazze dei centri abitati e delle frazioni. Le amministrazioni comunali conferiranno le dotazioni di sicurezza, una per nucleo familiare, attraverso la collaborazione delle associazioni locali.

Nel caso di Greve in Chianti la consegna delle mascherine avverrà anche su prenotazione. Il Comune ha messo a disposizione un numero di telefono, corrispondente al recapito delll'ufficio Servizi sociali 055 8545270, cui ci si potrà rivolgere tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 11. “Domani partiamo da piazza Matteotti – fa sapere il sindaco Sottani – ma provvederemo alla consegna a domicilio per quelle situazioni che fanno registrare particolari necessità, il nostro territorio è ampio ed esteso, caratterizzato da zone collinari e montane, per i cittadini che risiedono in aree molto distanti dal capoluogo o impossibilitati a spostarsi ci attiveremo per far recapitare il dispositivo di protezione direttamente a casa”.

Pronti alla distribuzione, domani sabato 4 aprile, anche i Comuni di San Casciano e Barberino Tavarnelle che provvedono alla donazione delle mascherine dalle proprie piazze chiedendo ai cittadini di rispettare le distanze di sicurezza, allo scopo di evitare assembramenti, come previsto dalle prescrizioni del Decreto ministeriale.

A San Casciano i volontari saranno a disposizione nelle frazioni di Mercatale e Montefiridolfi, dalle ore 10 alle ore 12 dalle ore 16 alle ore 18, in piazza Vittorio Veneto (Mercatale) e nella piazza di Montefiridolfi.

A Barberino Tavarnelle le mascherine saranno consegnate da domani nelle piazze di tutto il territorio partendo da Vico d'Elsa, Zambra, Pastine, Tignano, Monsanto, Linari e Sant'Appiano e via via in tutto il territorio comunale.

“Iniziamo a rispondere alle esigenze dei cittadini con la consegna di migliaia di mascherine nei nostri territori - dichiarano i sindaci Paolo Sottani, Roberto Ciappi e David Baroncelli - ogni ausilio contiene un dispositivo di protezione da utilizzare fuori casa per evitare contatti e cercare di ridurre il rischio di contrarre infezioni”.
03/04/2020 11:19 Ufficio Stampa Associato del Chianti
Comune di Rignano sull'Arno
Iniziata la consegna delle mascherine ai cittadini di Rignano
Il Comune di Rignano sull'Arno informa che è iniziata la distribuzione delle 9.000 mascherine a tutti i residenti nel nostro territorio dopo la consegna di ieri.

Alcune cose da sapere:
- la Protezione Civile sta curando la consegna tramite la VAB Rignano sull'Arno - Antincendi Boschivi - Protezione Civile e l'Associazione Nazionale dei Carabinieri (nelle immagini allegate con le relative divise);
- la distribuzione riguarda TUTTO il territorio comunale;
- per ogni cittadino sarà distribuita una mascherina assieme a una lettera firmata dal Sindaco con le istruzioni;
- chi consegna le mascherine NON entrerà nelle abitazioni private, ma aspetterà fuori alla porta condominiale e/o della casa;
- non verrà richiesto alcun pagamento né niente sarà dovuto a chi distribuisce il materiale;
- chi non sarà trovato in casa al momento della consegna, troverà nella cassetta delle lettere un avviso con i contatti da chiamare per la riconsegna.

03/04/2020 11:07 Comune di Rignano sull'Arno
Asl Toscana Centro - Pistoia
Respirare con un fiore. Le comunità di Pescia e Collodi e le aziende del florovivaismo donano tute antibatteriche all'ospedale di Pescia
Tute antibatteriche per l'ospedale per il S.S Cosma e Damiano grazie alla rete di solidarietà attivata dalla popolazione dei comuni di Pescia e Collodi; infatti, le tute sono state acquistate con le offerte dei cittadini, raccolte dagli esercenti che hanno aderito all'esposizione di mazzi di fiori, messi a disposizione dalle aziende vivaistiche. Quest'ultime, in particolare, stanno purtroppo affrontando un periodo di fermo per la situazione di emergenza in corso.

Un sentito ringraziamento per l'importante fornitura da parte del Direttore del presidio dottoressa Sara Melani e del Direttore della struttura di Anestesia e Rianimazione, dottor Luca Rosso, a tutti coloro che hanno aderito a questa generosa iniziativa rivolta a sostenere il l'ospedale in questo difficile momento.
03/04/2020 12:15 Asl Toscana Centro - Pistoia
Guardia di Finanza - Comando regionale
GdF Prato. Mascherine, rincari esagerati. Denunciato un commerciante per manovre speculative
La Guardia di Finanza di Prato già da alcune settimane ha avviato una serie di controlli finalizzati a contrastare e reprimere il fenomeno dei rincari ingiustificati dei prezzi di vendita dei dispositivi di protezione e degli altri articoli particolarmente ricercati in questo periodo di pandemia.

A tal fine i Finanzieri hanno acquisito - presso vari esercizi commerciali della provincia - dati, fatture ed altra pertinente documentazione al fine di rilevare - con scrupolo e precisione - i prezzi praticati al pubblico e le percentuali di ricarico applicate sui costi di approvvigionamento di mascherine protettive e di presidi medico-chirurgici disinfettanti, oltre che ulteriori elementi e circostanze utili alle investigazioni.

Da tale attività ispettiva, tuttora in corso, sono già emerse le prime evidenti incongruenze.
È stato accertato, in particolare, che un esercente della provincia nello scorso mese di gennaio ha acquistato circa 28.000 mascherine, che ha poi rivenduto applicando una percentuale di ricarico che oscilla tra oltre il 600% - per le FFp3 - ad addirittura quasi il 1.200% - per le FFp1.
Il commerciante in argomento, peraltro, pur operando da molti anni, non è risultato avere mai precedentemente effettuato acquisti di tali articoli.
Sulla scorta degli accertamenti fin qui eseguiti, i Finanzieri del Gruppo di Prato hanno trasmesso alla locale Procura della Repubblica un’informativa di reato, ipotizzando che il comportamento posto in essere possa costituire una manovra speculativa su prodotti considerati, in questo momento storico, di prima necessità, configurando così la fattispecie illecita espressamente prevista e punita dal Codice penale.
Le Fiamme Gialle nel frattempo proseguono gli accertamenti avviati, pronti ad intraprendere analoghe iniziative - qualora ciò si renda necessario - nei confronti di ulteriori soggetti economici della provincia di Prato.

03/04/2020 12:06 Guardia di Finanza - Comando regionale
 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V