MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail


Regione Toscana
Diritto allo studio: Consiglio approva bilancio consuntivo dell’Azienda regionale
Con 21 voti a favore, 14 contrari e un voto di astensione. Il dibattito in Aula
Il Consiglio regionale della Toscana ha approvato a maggioranza il bilancio consuntivo 2021 dell’Azienda regionale per il diritto allo studio universitario (Ardsu). L’atto è stato approvato con 21 voti a favore (Partito democratico), 14 voti contrari (Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia, Gruppo misto-Toscana domani) e un voto di astensione (Movimento 5 stelle).

Nell’illustrazione all’Aula, la presidente della commissione Istruzione e cultura, Cristina Giachi (Pd), ha spiegato che “l’utile di esercizio è pari a 2milioni e 73mila euro, con un valore totale della produzione di 105milioni 958mila euro. L’esame – ha proseguito Giachi – ha rivelato alcuni trend che ci aspettavamo nel post pandemia: il valore della produzione per quanto riguarda il servizio mensa rimane ancora molto al di sotto del pre-pandemia. Un dato che ci ha preoccupato è il ridotto numero di vincitori delle borse-alloggio, anche a fronte di un leggero aumento dei posti letto. Già avevamo osservato lo scorso anno come fosse preoccupante una diminuzione delle domande di accesso per il diritto allo studio. Stiamo approfondendo con l’azienda per capire se queste flessioni possano essere indicative di un minor accesso alla formazione universitaria e di un impoverimento delle famiglie, il che richiederebbe interventi a sostegno”. Sul tavolo, ha aggiunto la presidente, c’è anche la questione della mensa Bandini di Siena, “che al momento è chiusa e ha bisogno di un intervento di ristrutturazione, per il quale è necessaria la collaborazione dell’amministrazione comunale di Siena. Serve una dichiarazione di necessità e urgenza, siamo in attesa per ripristinare la mensa e riaprirla a favore degli studenti di Siena. Si tratta di un delicato investimento di oltre 4milioni di euro al momento bloccato”.

“Su Siena – ha dichiarato Elena Rosignoli (Pd) in apertura del dibattito – è emersa un’altra problematica legata al trasporto pubblico locale: l’Azienda ha fatto convenzioni con Firenze e Pisa per gli studenti, è invece mancata la partecipazione dell’amministrazione comunale senese”.

Il consigliere Gabriele Veneri ha espresso le ragioni del voto contrario di Fratelli d’Italia: “La gestione è nel complesso insoddisfacente. sia del servizio mensa, che del servizio alloggi. L’incidenza dei costi cresce di anno in anno in maniera incontrollata, senza i necessari correttivi. Si evidenzia la mancata capacità di effettuare gli interventi previsti dal piano investimenti. I lavori per i certificati di prevenzione incendi verranno effettuati solamente adesso: sono da anni all’attenzione dell’azienda, creeranno disagi per gli studenti e non si prevedono misure per contenere l’impatto”. Gli studenti degli atenei toscani, ha sottolineato Veneri, “esprimono ogni anno parere negativo al bilancio dell’azienda. Dovremmo tenere in considerazione il loro giudizio. I contributi della Regione non risulteranno più sufficienti. Nel 2021 – ha concluso il consigliere – c’è stata una piccola rivoluzione nell’azienda, viste le nomine del nuovo presidente e del nuovo direttore generale. Anche i nuovi membri riconoscono carenze gestione precedente. Speriamo nuova governance sappia attuare i correttivi e le misure necessarie”.

“Ho telefonato all’amministrazione senese, credo che ci stiano lavorando sul trasporto a Siena”, ha dichiarato la consigliera Luciana Bartolini (Lega). “Con questi problemi di adeguamenti per certificati di protezione antincendio – ha aggiunto – si creeranno disagi per l’effettuazione lavori. Bisognerebbe valorizzare le strutture residenziali più efficienti e abbandonare quelle più piccole e meno efficienti. Ancora non sappiamo quali”. La consigliera ha annunciato il voto contrario della Lega.

“Conosco la realtà di Siena – ha detto Anna Paris (Pd) –. Riguardo agli studenti che potrebbero non avere l’alloggio a seguito degli interventi di ristrutturazione, sono stati già stipulati contratti di affitto e trovati i posti”. Sulla mensa Bandini: “L’azienda è in attesa di sapere le mosse del Comune, che solo può intimare ai proprietari dei due appartamenti di permettere l’esecuzione dei lavori”.

“Nel gap italiano rispetto all’Europa, una delle responsabilità maggiori riguarda il diritto allo studio per alloggi e mensa”, ha dichiarato Diego Petrucci (Fratelli d’Italia), richiamando “la responsabilità di una cattivissima, pessima, in alcuni casi assente politica portata avanti in questi anni in Toscana”. Una politica che “ha incentivato gli affitti in nero, ha devastato il tessuto sociale delle città universitarie. Il rapporto tra studentati e iscritti alle Università è da terzo mondo. In questo quadro, non si può pensare di scaricare tutto sul Comune di Siena per la situazione della mensa Bandini”.

“Quando si parla di questi temi, si analizzano semplicemente i numeri. Nessuno parla degli studenti”, ha detto il capogruppo di Forza Italia, Marco Stella. “Per sapere cosa pensano gli studenti basta leggersi gli indici: non c’è un indice che ci dice che le cose vanno bene. Manutenzione camere 5, servizio lavanderia 4, procedure di mobilità 5, qualità degli alimenti 5. Questo ci dicono gli studenti. L’azienda parla di preoccupazione per l’imbuto lavorativo, mentre non c’è alcun collegamento con il mondo del lavoro”.
09/11/2022 18:15
Regione Toscana

[ foto ] 

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V