MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail


Comune di Castelfiorentino
Il Giglio, un’opera artistica per dire “Benvenuti a Castelfiorentino”
L'opera, realizzata da Bruna Scali e Silvano Salvadori, è stata collocata alla rotatoria di Via Profeti
Una felice sintesi tra la valorizzazione dell’identità territoriale e una visibilità a trecentosessanta gradi, come si conviene alla fisionomia di una rotatoria. E’ questo il nuovo “Giglio” (un’opera di acciaio inox di due metri e mezzo di altezza) inaugurato alla Rotonda sulla Circonvallazione Ovest (Via Machiavelli/via Profeti), realizzato da Bruna Scali e Silvano Salvadori nell’ambito di un concorso promosso dal Comune di Castelfiorentino e finalizzato a diffondere modalità innovative di decoro e arredo urbano.

Presenti all’inaugurazione il Sindaco, il Vicesindaco, il dott. Alberto Maria Pollastrini, i rappresentanti delle contrade del Palio, infine gli autori Bruna Scali e Silvano Salvadori, i quali hanno voluto richiamare attraverso quest’opera l’orgoglio dei castellani per la loro “identità civica” (attestata dal simbolo del Giglio, testimone peraltro dello stretto legame con Firenze), e di proporla come una sorta di biglietto di “benvenuto” o di “arrivederci” per quanti arrivano o transitano dal territorio comunale di Castelfiorentino.

Elementi distintivi dell’opera sono, in particolare, la sua conformazione quadrifacciale, che la rende ben visibile da qualsiasi punto della rotatoria, e i materiali utilizzati, che evocano alcune caratteristiche del passato industriale di Castelfiorentino: il vetro, cui è collegata anche l’importante tradizione di lavoro delle fiascaie; l’acciaio, che richiama alla memoria collettiva l’industria del “Ferruzzino”; infine il cotto, in omaggio alla diffusa presenza fino agli anni Settanta di fornaci per la produzione di laterizi.

Il Giglio è formato da due dischi di acciaio inox che si intersecano fra loro, su ciascuno dei quali è inciso con il laser un mezzo giglio, in modo da renderlo sempre visibile, sia di prospetto che in angolo. Ogni disco è supportato da un telaio portante su cui sono fissate quattro lastre in vetro rosso temperato, scostate dall’acciaio in modo da conferire, in base all’insolazione, effetti di tridimensionalità. Il tutto è ancorato da una complessa struttura ad incastro ben ancorata al suolo, che viene coperta da una semisfera in cotto.

Hanno collaborato alla realizzazione dell’opera l’arch. Antonio Tamburini, CIF Lattoneria di Calogero Agnello (Empoli). Vetri: Bini vetri, Empoli; Cotto Chiti, Ferrone Impruneta; Lavorazione inox: S.C. Costruzioni Meccaniche srl, Empoli; Lavoro edile: Kurti Luhan; Centina in legno: Beppe Calvetti e studenti del corso di formazione professionale “Coeso”.
09/09/2022 14:57
Comune di Castelfiorentino

[ foto ] 

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V