MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail


Comune di San Casciano
Chiantissimo. Contenitore di Arte Contemporanea 2022: la seconda edizione a cura di Davide Sarchioni
Dal 5 giugno al 30 settembre 2022 nei comuni di San Casciano Val di Pesa, Barberino Tavarnelle e Greve in Chianti
L’arte contemporanea che rilegge e incide sul paesaggio culturale, percorre lunghe distanze in forma itinerante e offre nuove visioni e angolazioni sulla realtà, mette radici nel Chianti. L’arte del presente, materica e digitale, stabilisce inediti punti di contatto, legami intellettuali e sensoriali, con i monumenti, gli edifici e gli spazi pubblici dei comuni di San Casciano in Val di Pesa, Barberino Tavarnelle e Greve in Chianti, generando nuovi linguaggi e site specific.

E’ il territorio collinare più noto al mondo, terra di vino, olio, abitato nel corso dei secoli da intellettuali, scrittori, artisti, navigatori, ad accogliere la creatività e ad aprire le porte all’arte contemporanea in un dialogo senza precedenti con chi lo vive, lo abita, lo visita.

Dal prossimo week-end, dal 5 giugno al 30 settembre 2022, con un’anteprima il 3 e il 4 giugno, torna in un’edizione più ricca, estesa, in movimento, il contenitore d’arte contemporanea Chiantissimo. Un progetto d'arte contemporanea che quest’anno da San Casciano in Val di Pesa, comune capofila, allunga lo sguardo sui comuni chiantigiani di Greve in Chianti e Barberino Tavarnelle. L’iniziativa, partita lo scorso anno con l’obiettivo di contrastare gli effetti negativi della pandemia, rilanciare e promuovere le risorse artistiche esistenti e crearne di nuove, ripropone in una formula ancora più seducente l’arte contemporanea, la cultura pubblica come volano turistico-economico, linguaggio artistico destinato al coinvolgimento del pubblico, opportunità espressiva affidata ad un gruppo selezionato di autori contemporanei.

L'apertura di Chiantissimo al pubblico che si terrà domenica 5 giugno è anticipata da una tripla preview, in programma venerdì 3 giugno alle ore 11.30 in piazza Pierozzi a San Casciano in Val di Pesa, venerdì 3 giugno alle ore 18 alla Cappella di San Michele Arcangelo a Semifonte e sabato 4 giugno alle ore 11.30 in piazza Matteotti a Greve in Chianti.

Ad ideare e organizzare Chiantissimo l’associazione TerraMedia APS che, in sinergia con le amministrazioni comunali, scommette ancora una volta sul progetto dopo il successo dello scorso anno, attestato da oltre un migliaio di presenze nei mesi estivi. La curatela è firmata da Davide Sarchioni, storico dell’arte di rilievo internazionale, affiancato dalle competenze e dalla professionalità dell’operatrice culturale Fiammetta Poggi. Chiantissimo è promosso e patrocinato dal Comune di San Casciano Val di Pesa, dal Comune di Greve in Chianti, dal Comune di Barberino Tavarnelle, dalla Città Metropolitana di Firenze, in collaborazione con la Pro Loco di San Casciano ed è realizzato grazie al sostegno di ChiantiBanca.

Chiantissimo, luogo e spazio culturale da vivere e condividere in relazione con l’ambiente, la storia e le radici identitarie di una delle aree più pregiate su scala mondiale, si presenta come un viaggio articolato a tre tappe, questo uno degli elementi di novità dell’anno, distribuiti nei mesi di giugno, luglio e settembre, caratterizzato dalla collocazione graduale di nuove opere e progetti artistici.

Nella prima tappa, che si protrarrà fino ai primi di luglio, sono 6 complessivamente gli artisti che interverranno nei tre comuni del Chianti. Tre di loro realizzano interventi di arte pubblica in quanto autori e autrici di site specific per il territorio. Si tratta di Gabriella Ciancimino, Flavio Favelli e Numero Cromatico i cui segni artistici sono stati elaborati per San Casciano Val di Pesa. Vincenzo Marsiglia a San Casciano, Valentina Palazzari a Barberino Tavarnelle e Thomas Lange a Greve in Chianti firmano percorsi espositivi accolti dagli spazi culturali esistenti. “Abbiamo lavorato con alcuni degli esponenti più rappresentativi del panorama artistico internazionale, differenti per generazione, linguaggi e provenienza – dichiara il curatore Davide Sarchioni – li abbiamo invitati a confrontarsi con i luoghi chiave di un territorio iconico e celebre in tutto il mondo, trasformato in Contenitore di Arte Contemporanea, la nostra finalità è quella di attivare nuove sollecitazioni visive e innescare dialoghi inediti tra storia, architettura e paesaggio”.

Chiantissimo, artisti e luoghi

Quanto ai lavori che rientrano nella sessione site specific per San Casciano Val di Pesa, Gabriella Ciancimino ha realizzato un walldrawing all'interno della Biblioteca Comunale, Flavio Favelli presenterà un grande “cartello” inserito nell'area del Parcheggio Stianti; Numero Cromatico propone un intervento urbano nel centro storico che coinvolge la Piazza dell'Orologio e le vie attigue. E ancora, nell’ambito della sessione espositiva, a San Casciano, Vincenzo Marsiglia eseguirà una performance digitale all'interno del Teatro Niccolini. A Greve in Chianti, il Museo di San Francesco ospita un intervento di Thomas Lange, presentato come dialogo con la collezione permanente di arte antica. A Barberino Tavarnelle, Valentina Palazzari si inserisce all'interno della suggestiva Cappella di San Michele Arcangelo a Semifonte.

Nella seconda tappa, che si snoderà a partire dal mese di luglio, gli interventi andranno a rileggere in chiave artistica alcuni dei luoghi emblema del Chianti e nello specifico la Torre del Chianti a San Casciano in Val di Pesa, la pieve romanica di Sant’Appiano e l’Antiquarium di Barberino Tavarnelle con la partecipazione di un nuovo gruppo di artisti.

La terza tappa, in programma alla fine di settembre, è costituita dalla prima edizione di Chiantissimo Prize, che individuerà l'opera, tra quelle presenti nel contenitore d’arte 2022, maggiormente in sintonia con le caratteristiche del sito in cui è stata collocata. L’opera, che sarà decretata vincitrice del premio dopo essere stata valutata da una commissione di esperti, entrerà a far parte della nascente collezione d’arte contemporanea del Comune di San Casciano in Val di Pesa.

“Il Chianti, con le pagine di vita dinamica e autentica che ogni giorno scrivono le comunità residenti e le risorse che lo identificano, sotto il profilo naturalistico e storico-architettonico – dichiarano i sindaci Roberto Ciappi, Paolo Sottani e David Baroncelli - offre un patrimonio culturale mai fermo e uguale a se stesso in cui è possibile incastonare visioni e riflessioni sempre nuove, immergersi in un’esperienza profonda che si nutre delle sollecitazioni espressive contemporanee”. “Gli artisti di Chiantissimo 2022 – continuano i sindaci - sono chiamati ad elaborare progetti specifici legati ai siti e ai luoghi esplorati e conosciuti precedentemente creando una nuova idea di paesaggio culturale che nasce dall’incontro tra ambiente e arte, tra natura e rivisitazione espressiva da mettere in rete in forma materiale e immateriale con il tessuto sociale e ambientale del Chianti”. E’ così che il paesaggio si presenta come una superficie incisa, una mappa o un testo, attraverso cui è possibile leggere le peculiari implicazioni storiche, politiche e sociali del territorio.

“I progetti realizzati - spiega il curatore Davide Sarchioni - andranno a modificare ulteriormente il “paesaggio culturale” del Chianti connotandolo di nuovi segni significanti che si inseriscono dialetticamente nei contesti per cui sono stati concepiti, implementando al contempo la collezione di arte pubblica già presente”. Le opere preesistenti che qualificano il Chianti sono i capolavori di Mauro Staccioli, Roberto Barni, Mario Merz, Igor Mitoraj, Perino & Vele e di tanti altri, a testimonianza del forte legame tra il Chianti e l'Arte Contemporanea.

Oltre alle opere in situ, Chiantissimo propone un itinerario di opere scelte degli artisti invitati, dal titolo “Chiantissimo 2022. Il Paesaggio culturale”, che saranno esposte lungo il corso delle tre Tappe in diversi luoghi e contesti di particolare rilevanza storica-artistica e paesaggistica disseminati tra San Casciano Val di Pesa, Greve in Chianti e Barberino Tavarnelle. E’ disponibile sugli strumenti web e canali social la mappa con le indicazioni degli itinerari artistici per scoprire le opere di Chiantissimo, corredata di aggiornamenti sui vari appuntamenti che via via si svolgeranno sul territorio.

Info: chiantissimo@terramediaproject.it - www.chiantissimo.it
03/06/2022 11:53
Comune di San Casciano

[ foto ] 

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V