MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail


Diocesi di Prato
Il vescovo Nerbini ha impartito la benedizione con la Sacra Cintola alla Città di Prato
Quella di Pasqua è la prima ostensione canonica dell’anno. Sul pulpito il sindaco e il Prefetto
La Sacra Cintola domina la piazza vuota in questa inedita Pasqua segnata dal coronavirus. Dal pulpito di Donatello il vescovo Giovanni Nerbini ha impartito la benedizione su tutti i pratesi con la preziosa reliquia mariana simbolo religioso e civile della città. Accanto a lui il sindaco Matteo Biffoni. Esattamente come è avvenuto lo scorso 19 marzo, quando si è tenuta l’ostensione straordinaria del Sacro Cingolo sulla piazza vuota per chiedere l’intercessione della Madonna e la sua protezione in questa emergenza sanitaria. Con loro questa volta c’era anche il prefetto Rosalba Scialla, nominata pochi giorni fa alla guida della prefettura di Pavia e tornata a Prato per l’occasione.

Quella di Pasqua è la prima ostensione canonica dell’anno. Ma in questo 2020 è stata la seconda dopo quella straordinaria nel giorno di San Giuseppe. Come nella volta precedente il rito è stato quello della tradizione anche se svolto in maniera semplificata: a porte chiuse e con una sola «mostra» all’interno e all’esterno della cattedrale rispetto alle tre previste dal cerimoniale.

Il Vescovo, accompagnato dal Sindaco e dal Prefetto, è salito sul pulpito e guardando piazza del Duomo vuota e silenziosa ha impartito la benedizione con la Sacra Cintola.

Per riassumere significativamente il momento che stiamo vivendo come testimoni dell’ostensione sono stati chiamati i rappresentanti delle istituzioni coinvolte in questa delicata emergenza e due cittadini provenienti dal mondo del lavoro, settore provato dalle restrizioni stabilite dal Governo per far fronte al rischio contagio. Nella Cappella del Sacro Cingolo hanno assistito al rito il vicario del Questore Mario Barbato, il responsabile della Protezione civile del Comune di Prato Sergio Brachi, l’imprenditore tessile Iacopo Scuccimarra, uno dei titolari della rifinizione Cambi Luigi, e Ioan Pavel, disoccupato del settore edile di origine rumena.

Presenti alla cerimonia il parroco canonico Luciano Pelagatti, il vice parroco don Gino Calamai e il diacono Guglielmo Spanò, che ha avuto il compito di estrarre la Sacra Cintola dal cofano dell’altare, aperto con le tre chiavi: due di proprietà del Comune e una di pertinenza del Vescovo. Il rito è stato documentato e sottoscritto nel rogito curato dal cerimoniere comunale Maurizio Lindi.

Il canto del Te Deum, l’inno delle grandi solennità, ha concluso la celebrazione.

Ricordiamo che le cinque ostensioni annuali del Sacro Cingolo, la cintura che la tradizione vuole sia appartenuta alla Madonna, si tengono a Pasqua, primo maggio, 15 agosto per l’Assunta, 8 settembre (Natività di Maria) e il giorno di Natale.
12/04/2020 19:41
Diocesi di Prato

[ foto ] 

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V