MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail


Redazione di Met
Presentato oggi “FRIENDESK – Foster Reception for Inclusive Educational Needs: Development of Educational Support for Kids”, il primo partenariato strategico comunitario che ha per obiettivo i bambini e famiglie

Finanziato con 362 mila euro, vede come capofila la Fism Toscana e riguarderà oltre 430 alunni
Un progetto Erasmus per aprire le porte dell’Europa all’infanzia. Parte oggi da Firenze “FRIENDESK – Foster Reception for Inclusive Educational Needs: Development of Educational Support for Kids”, il progetto finanziato da Erasmus plus - Azione chiave 2 – Settore Scuola con circa 362 mila euro, che vede impegnati la Fism – Federazione Italiana Scuole Materne della Regione Toscana, come capofila, e altri sette partner comunitari, fra cui l’Università di Firenze, e che pone al centro della propria azione i bambini.

Presentato oggi al Cenacolo delle Mantellate di Firenze, da Leonardo Alessi, presidente di Fism Toscana, Cristina Grieco, assessore all’Istruzione e alla Formazione professionale della Regione Toscana, Sara Funaro, assessore all’Educazione, Università e Ricerca del Comune di Firenze, e Sara Pagliai, coordinatrice Agenzia Nazionale Erasmus+Indire, il progetto “FRIENDESK” si propone di ridurre l'esclusione sociale che colpisce la prima infanzia, attraverso l'implementazione di un innovativo modello ECEC (Early Childhood Education and Care), ed è il primo Erasmus + realizzato in Toscana che ha come obiettivo i bambini da 0 a 6 anni che vivono in contesti emarginati.

“La questione educativa – ha spiegato Leonardo Alessi, presidente di Fism Toscana – è centrale per il futuro dell’Europa e di fronte a questa emergenza è fondamentale una condivisione di obiettivi e buone pratiche fra diversi paesi che consenta di riannodare i fili del nostro tessuto sociale. Siamo contenti di poter avviare questa nuova esperienza condivisa, che affronta povertà educativa e coesione sociale, i nodi centrali della mission della la Fism, realtà che in Toscana raggruppa oltre 300 scuole paritarie”.

“Questo progetto – ha riconosciuto Cristina Grieco, assessore all’Istruzione e alla Formazione professionale della Regione Toscana – porta risorse europee sul nostro territorio ed è un’occasione di crescita condivisa. Scambi e collaborazioni ci permettono di affrontare meglio il tema della povertà educativa, che è fondamentale anche per l’agenda della Regione, perché se vogliamo affrontare il problema della crescita delle disuguaglianze, dobbiamo intervenire sin dai primi anni di vita”.

“E’ fondamentale, in questo periodo storico – ha ricordato Sara Funaro, assessore all’Educazione, Università e Ricerca del Comune di Firenze – lavorare sull’offerta educativa e sul sostegno alle fragilità, sperimentando percorsi multidisciplinari come quelli rappresentati dallo “Sportello famiglie”, con una particolare attenzione alla fascia 0-6, che ci permettano di prevenire e di andare oltre la logica meramente assistenziale”.



IL PROGETTO

Combattere, quindi, la “povertà educativa”, un fenomeno che può discendere da molteplici situazioni, legate principalmente al contesto familiare, con il rischio di processi di ereditarietà, a background migratori o a difficoltà economiche del nucleo familiare, intervenendo su queste fragilità per garantire una possibilità di sviluppo adeguato a bambini e bambine degli asili nido e delle scuole dell’infanzia coinvolte e un supporto adeguato alla comunità educante nel rispondere a queste difficoltà.

L’obiettivo primario è quello di creare e testare un sistema integrato, in cui gli insegnanti e gli esperti coinvolti nei sistemi ECEC possano lavorare insieme, per fornire alle famiglie dei bambini un servizio efficace ed inclusivo.

Il progetto coinvolgerà circa 430 bambini e bambine di 5 asili nido e altrettante scuole dell’infanzia paritarie toscane, raggiungendo complessivamente 400 famiglie, oltre a dirigenti, coordinatori e insegnanti degli istituti interessati.

Per trovare risposte ai loro specifici bisogni, i bambini con le loro famiglie potranno usufruire di una serie di servizi integrati, riuniti nell’ambito di uno “Sportello Famiglie”, secondo il modello hub&spokes (letteralmente “mozzi e raggi”, con un sistema che collega un hub centrale a più centri periferici diffusi sul territorio, ottimizzando le risposte), sviluppato dall’Università di Firenze.

In linea con i bisogni individuati, i servizi saranno: consulenza, orientamento, accoglienza, mediazione linguistica, consulenza psicologica, confronto con il personale docente.

Il progetto avrà la durata di 30 mesi, da settembre 2019 a febbraio 2022, e gli obiettivi sono:

un'analisi di contesto e benchmarking, focalizzato sulle migliori pratiche nei paesi europei partner sui principali motivi di esclusione sociale che colpiscono le famiglie con bambini di età compresa tra 0 e 6 anni;

un'attività transnazionale per insegnanti ed esperti che lavorano nell'ambito dei sistemi ECEC;

un periodo di sperimentazione del Modello Friendesk, consistente in spazi fisici ospitati da scuole e finalizzato a fornire ai genitori un supporto costante e un servizio di orientamento, in collegamento con i vari servizi del territorio.

una piattaforma Web integrata, utile per fornire contenuti di formazione agli esperti ECEC.

Il progetto cercherà di coinvolgere le autorità pubbliche, al fine di creare linee guida che migliorino il modo in cui affrontare la povertà infantile e l'esclusione sociale, attraverso misure come il sostegno alle famiglie, l’assistenza all'infanzia, la promozione di sistemi educativi per l’infanzia di qualità.



PARTNERSHIP EUROPEA

Il progetto europeo “FRIENDESK - Foster Reception for Inclusive Educational Needs: Development of Educational Support for Kids” è un partenariato strategico, approvato sul Bando Erasmus+ 2019 con il punteggio di 93/100, che cui la Fism si è aggiudicata un finanziamento pari a 361.715 Euro.

Un risultato eccellente, se si pensa che le candidature ricevute a livello nazionale sono state 161 e i progetti approvati solo 31, ottenuto anche col supporto della società

di progettazione europea Euro Project Lab.

Il progetto riunisce 8 organizzazioni partner con una lunga esperienza nel campo sociale, dell’inclusione ed educazione dei bambini, che sono:

Capofila

FISM – Federazione Italiana Scuole Materne della Regione Toscana, https://www.fismservizi.it/

Partner europei:

Università degli Studi di Firenze – Dipartimento di Formazione, Lingue, Intercultura, Letterature e Psicologia (ForLILPsi) - Italia https://www.forlilpsi.unifi.it/

Wusmed - World University Services of the Mediterranean – Spagna https://wusmed.org/

Blue Room Innovation – Spagna https://www.blueroominnovation.com/en/

Kmop - Kentro Merimnas Oikogeneias Kai Paidiou – Grecia https://www.kmop.gr/

Regional Directorate for Primary & Secondary Education of Thessaly – Grecia https://thess.pde.sch.gr/jn/index.php

Associazione Europanet – Romania https://europanet.ro

Know I Can Association – Bulgaria http://knowandcan.com/en/
18/10/2019 16:25
Redazione di Met

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V