MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail


Regione Toscana
Scuola: gli auguri di Giani agli studenti toscani per il nuovo anno scolastico
Il presidente del Consiglio regionale ha partecipato all’inaugurazione dell’edificio che ospita la primaria Mazzini di Rufina, adeguata alla normativa antisismica, e ha espresso l’auspicio che “l’asilo nido diventi gratuito, che si aumenti la pratica dell’attività motoria nelle scuole primarie e si introduca un’ora di storia locale nelle scuole medie inferiori e superiori”
Un sincero augurio di buon anno scolastico a tutti gli studenti della Toscana che oggi hanno cominciato a frequentare la scuola o sono ritornati sui banchi per proseguire il loro percorso di studio è stato espresso dal presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani a margine di alcuni impegni istituzionali nel palazzo del Pegaso. “Stamattina – ha detto - ho avuto l’opportunità di farlo di persona agli studenti della scuola primaria Giuseppe Mazzini di Rufina,dove su invito del sindaco ho partecipato all’inaugurazione del plesso scolastico ristrutturato e adeguato alla normativa antisismica”.

Secondo il presidente Giani, “la scuola è centrale nella società moderna e nella società che noi vogliamo e in questo senso l’adeguamento dell’edilizia scolastica, affinché la didattica possa essere svolta nel modo migliore, è un elemento irrinunciabile”. Giani, anzi, auspica che si vada oltre la situazione attuale. “Sono convinto – ha spiegato - che dobbiamo prepararci per far sì che nei prossimi mesi e nei prossimi anni, in Toscana, l’educazione del primissimo momento di vita, che si svolge negli asili nido, possa diventare gratuita, così come lo è il sistema educativo che dalle scuole materne porta fino alla conclusione delle scuole medie. In questo c’è il riconoscimento del ruolo di centralità della famiglia, perché per invertire il decremento demografico dobbiamo mettere le famiglie nella condizione di avere servizi rispondenti alle loro necessità e di sentirsi così stimolate a fare figli”.

Infine, il presidente dell’Assemblea regionale si è detto convinto che ci siano altri aspetti da incentivare sempre di più, “ad esempio l’attività motoria nelle scuole primarie e, contemporaneamente, nelle scuole medie inferiori e superiori l’introduzione di un’ora dedicata alla storia locale, per rendere chiaro ai ragazzi il valore dell’identità che li riconosce nel Comune o nel territorio in cui vivono”.
16/09/2019 15:47
Regione Toscana

[ foto ] 

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V