MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail


Comune di Empoli
“Seus, buona pratica che deve diventare patrimonio di tutta l’Azienda”
Da Empoli l’avanguardia sociosanitaria all’emergenza sociale. La Toscana ora guarda al modello Valdarno inferiore e Valdelsa
Sala piena al Palazzo delle Esposizioni a Empoli questa mattina per “Seus verso il modello regionale”, il convegno organizzato dalla Conferenza dei Sindaci della Asl Toscana centro e da Anci Toscana per un confronto sul Servizio di Emergenza Urgenza Sociale (Seus) dedicato h24 per 365 giorni alle problematiche sociali complesse di natura emergenziale. Il Seus utilizza l’esperienza positiva che si è maturata in circa otto anni nella zona di Empoli Valdarno Inferiore e Valdelsa e che si è poi allargata alle altre zone, a partire dal dicembre 2017, ovvero la Valdinievole, la Fiorentina nord ovest, la Fiorentina sud est, Pistoia e Prato.

“E’ una buona pratica che abbiamo potuto importare nel 2018 in altre cinque zone dell’Azienda - ha sottolineato il direttore sanitario della Asl Toscana centro, Emanuele Gori – Mi auguro che nel 2019 si possano “arruolare” anche le zone Firenze e Mugello che in questo momento mancano alla sperimentazione. E’ un servizio che dà ulteriore sviluppo alla rete di assistenza territoriale dentro la quale l’Azienda sa bene quanto sia importante non creare troppa distanza fra l’ospedale e il territorio. Un plauso alla zona del Valdarno inferiore – ha concluso Gori - che da otto anni sperimenta il progetto e ci ha permesso di esportarlo. L’obiettivo ora è farlo diventare patrimonio comune di tutta l’Azienda”.

Dall’assessorato regionale al diritto alla salute, si è parlato di Seus come di un esempio di integrazione socio sanitaria che s’inserisce a pieno titolo nel modello organizzativo su cui la Regione Toscana punta da anni. L’augurio dunque da parte della Regione è che questa avanguardia che fa della Ausl Toscana centro una delle esperienze più importanti a livello italiano nel campo dei modelli organizzativi di pronto intervento sociale, venga estesa a tutte le altre Aziende sanitarie.

Promosso e coordinato dal punto di vista tecnico-scientifico dal Dipartimento del Servizio Sociale dell’Azienda Usl Toscana centro, Seus è stato sostenuto e finanziato dalle Società della Salute e dalle amministrazioni comunali aderenti.

La metà degli utenti del Seus non conosciuti dai Servizi Sociali territoriali

Dai primi dati rilevati emerge che il 48%, quasi la metà quindi degli utenti che si rivolgono ai Servizi sociali territoriali, non sono conosciuti dai Servizi sociali, persone dunque che prima o poi avrebbero fatto ricorso o a una struttura di emergenza come i Pronto Soccorso o che si sarebbero rivolte alle forze dell’ordine. In questo senso i dati rafforzano il valore di prevenzione che il Seus rappresenta.

Gli altri dati che emergono sono il numero più alto di italiani (439) rispetto agli stranieri (370) che hanno fatto ricorso al servizio e per analisi di genere il numero maggiore di donne (520) sugli uomini (348). Quanto agli interventi effettuati sulle persone nel 2018 nei territori dell’Azienda, a fronte di 941 persone prese in carico sono stati complessivamente 991 gli interventi effettuati: considerata la complessità dei bisogni che vengono espressi da alcune categorie di cittadini, più interventi sono stati realizzati anche sulla stessa persona. Le schede aperte, cioè i processi di soccorso attivati, sono state 697.

Le problematiche sociali più ricorrenti

Figura con la denominazione di Criticità e abbandoni, la problematica sociale più ricorrente (361 persone segnalate). Si tratta, cioè, di situazioni di grave disagio personale che riguardano adulti senza rete familiare o sostegno sociale, con anche problematiche correlate a disagio psichico o dipendenze. Seguono i Minori esposti a rischio di maltrattamenti e abusi (209 persone segnalate), il Codice Rosa (182 persone segnalate), la Non autosufficienza (161 persone segnalate).

Dai dati a disposizione, risulta anche che le problematiche legate alla Povertà (193 persone segnalate) si collocherebbero al terzo posto. Ma va segnalato che questo dipende dal fatto che il dato si riferisce quasi esclusivamente alla sola zona di Empoli. Infatti quello della povertà risulta essere il fenomeno più significativo nell’esperienza dei servizi sociali, e quindi necessita di un approccio estremamente graduale e di un contesto organizzativamente maturo; ad oggi, quindi, il Seus ha potuto, in via sperimentale, affrontarlo in maniera più completa solo in tale zona, per poi prevedere un successivo ampliamento di tali interventi anche nelle altre zone aderenti.
18/04/2019 15:56
Comune di Empoli

[ foto ] 

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V