MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail


Regione Toscana
Omeopatia: l’ambulatorio per le donne in gravidanza sarà aperto a Camerata
L’assessore regionale Stefania Saccardi ha risposto a un’interrogazione presentata dal consigliere Paolo Sarti (Sì-Toscana a Sinistra)
L’ambulatorio di omeopatia per le donne in gravidanza, inizialmente previsto a Ponte a Niccheri, non sarà aperto in quel plesso, ma afferirà invece a Camerata, dove è già attivo un centro per le medicine complementari. Lo ha spiegato l’assessore regionale alla Sanità Stefania Saccardi, rispondendo questa mattina in Aula a un’interrogazione presentata dal consigliere di Sì-Toscana a sinistra Paolo Sarti.

Il consigliere infatti, in merito alle cure omeopatiche e in particolare all’apertura di un ambulatorio di omeopatia per donne in gravidanza presso l’ospedale di S. Maria Annunziata, ha interrogato la Giunta per sapere con quali criteri possa essere stata autorizzata l’apertura dell’ambulatorio e se “non si ritenga opportuno sospendere in finanziamenti nel servizio pubblico a preparati e pratiche omeopatiche, che al momento non hanno nessuna dimostrazione di efficacia e quindi di garanzia per i pazienti”.



L’interrogazione definisce “non corretto” l’impiego di risorse finanziarie pubbliche per rimborsare anche solo parzialmente servizi e prodotti omeopatici.

L’assessore ha spiegato che la Asl ha verificato che esiste un buon numero di donne che in gravidanza preferisce ricorrere all’omeopatia per sintomi lievi, e che comunque le prestazioni di medicina complementare sono pagate dai pazienti. Tuttavia “si è successivamente ritenuto di far afferire l’ambulatorio non a Ponte a Niccheri, ma a Camerata, dove è già attivo, con successo, un centro di medicine complementari”.

Il consigliere Sarti ha replicato che “in un momento di vacche magre la sanità toscana deve garantire i servizi essenziali, e non c’è alcuna prova dell’efficacia dell’omeopatia, a differenza di altri tipi di medicina complementare la cui validità è stata comprovata scientificamente”.
13/02/2019 12:54
Regione Toscana

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V