MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail


Comune di Scandicci
Scandicci. Il Libro della Vita, in Auditorium Natali con “Da Cimabue a Morandi” di Longhi
Domenica 11 marzo 2018
Antonio Natali Lo storico dell’arte Antonio Natali, per lungo tempo Direttore degli Uffizi, domenica 11 marzo 2018 alle 11 nell’Auditorium del Centro Rogers di Scandicci (piazza Resistenza, fermata tramvia Resistenza) parla di “Da Cimabue a Morandi” di Roberto Longhi, per il ciclo di incontri Il libro della Vita; la rassegna è alla sua quarta edizione, è curata da Raffaele Palumbo e organizzata dal Comune di Scandicci con la Biblioteca di Scandicci e i patrocini della Regione Toscana e della Città Metropolitana di Firenze. L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti.

La domenica mattina alle 11, nell’Auditorium in piazza della Resistenza, un personaggio del mondo della cultura italiano incontra il pubblico per raccontare, in 50 minuti, in che modo e in quale occasione un libro, abbia influenzato la sua vita in maniera definitiva. Il Libro della Vita è una rassegna dove non si vende né si promuove niente. Centrale è la dinamica del dono. Il pretesto per far innamorare il pubblico di un testo. Una sorta di piccola grande scuola di lettura, straordinariamente eterogenea per linguaggi, temi, libri, personaggi, stili. L'affabulazione e la divulgazione sono sempre di livello alto, mentre il codice espressivo è comprensibile a tutti. Il Libro della vita ha confermato anche per questa edizione il favore di un pubblico ampio ed eterogeneo, che affolla le sale dell’Auditorium la domenica mattina.

ANTONIO NATALI è stato direttore della Galleria degli Uffizi dal 2006 al 2015. Ha scritto di pittura e scultura del XV e XVI secolo, e monografie su Michelozzo, Andrea del Sarto, Rosso Fiorentino e Pontormo. Ha curato molte fra le più importanti mostre d’arte del Quattrocento e del Cinquecento a Firenze: L’Officina della maniera, allestita alla Galleria degli Uffizi nel 1996 e poi, a Palazzo Strozzi, Bronzino. Pittore e poeta alla corte dei Medici nel 2010, Pontormo e Rosso. Divergenti vie della “maniera” nel 2014 e Il Cinquecento a Firenze. “Maniera moderna” e controriforma nel 2017.

DA CIMABUE A MORANDI. Si tratta di saggi di storia della pittura italiana scelti e ordinati da Gianfranco Contini. La scelta dei testi curata da Contini vuole mettere in luce le straordinarie qualità letterarie di Longhi, la sua sensibilità di scrittore, accanto alla sua magistrale capacità di analisi dell’opera d’arte: da Giotto a Leonardo, ai “suoi” Caravaggio e Piero della Francesca, a Morandi e Carrà. il volume si apre con quattro studi sulla prosa longhiana firmati da Cecchi, De Robertis, Mengaldo e dallo stesso Contini.

LA CITAZIONE «L'arte non è imitazione della realtà, ma interpretazione individuale di essa». (da Breve ma veridica storia della pittura italiana, Sansoni Editore, 1988).

ROBERTO LONGHI. (Alba, 28 dicembre 1890 - Firenze, 3 giugno 1970) è stato uno storico dell'arte italiano. Nel 1924 si sposa con la scrittrice Anna Banti, di cui era stato professore di liceo. Fu docente di Storia dell'arte prima presso l'Università di Bologna (dove insegnò, tra gli altri, a Pier Paolo Pasolini, influenzandone la formazione estetica) poi in quella di Firenze, città dove si spense nel 1970. Si impegnò nella rivalutazione internazionale di Caravaggio e nella valorizzazione della sua influenza sulla pittura barocca del ‘600. Celebri le due mostre milanesi da lui curate sull'artista bergamasco e sui suoi seguaci, Caravaggio e i caravaggeschi nel 1951 e I pittori della realtà in Lombardia nel 1953. Intenso anche il suo impegno nel diffondere l'opera di Piero della Francesca, grazie alla pubblicazione nel 1927 dell'omonima monografia tradotta in francese ed inglese. Fu anche critico d'arte contemporanea, tenendo in particolar stima l'opera del pittore bolognese Giorgio Morandi, del quale è opera fondamentale la sua monografia Giorgio Morandi al Fiore. In contatto dal 1927 con l'artista Antonietta Raphael, diede una prima definizione al movimento pittorico della scuola romana, chiamandola inizialmente Scuola di via Cavour. Dedicò alcuni studi anche ai Futuristi.

I LIBRI CHE TROVERETE. Roberto Longhi, Da Cimabue a Morandi. Antonio Natali, Il Museo. Pagine da una stagione agli Uffizi.

GLI APPUNTAMENTI DEL LIBRO DELLA VITA - IV EDIZIONE

Domenica 5 novembre 2017, 11
EMANUELE MACALUSO parla di I MISERABILI di Victor Hugo (con Sergio Staino)

Domenica 19 novembre 2017, 11
MARIA CASSI parla di LA PORTA APERTA di Peter Brook

Domenica 3 dicembre 2017, 11
MAURIZIO VIROLI parla di IL PRINCIPE di Machiavelli

Domenica 17 dicembre 2017, 11
STEFANO BARTEZZAGHI parla di ESERCIZI DI STILE di Raymond Queneau

Domenica 14 gennaio 2018, 11
ERALDO AFFINATI parla di PENNY WIRTON E SUA MADRE di Silvio D'Arzo

Domenica 28 gennaio 2018, 11
NADA MALANIMA parla di POESIE E LETTERE di Emily Dickinson (con Sergio Staino)

Domenica 11 febbraio 2018, 11
SIMONA BALDANZI parla di LA BATTAGLIA di John Steinbeck

Domenica 11 marzo 2018, 11
ANTONIO NATALI parla di DA CIMABUE A MORANDI di Roberto Longhi

Domenica 18 marzo 2018, 11
PUPI AVATI parla di IL VANGELO (con Sergio Staino)

EVENTO STRAORDINARIO Domenica 6 maggio 2018, 11
IGOR SIBALDI parla di RESURREZIONE di Lev Tolstoj
09/03/2018 10:56
Comune di Scandicci

[ foto ] 

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V