MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail


Diocesi di Prato
Diocesi di Prato: al via il Triduo Pasquale

Calendario con le celebrazioni in cattedrale presiedute da Mons. Agostinelli e alcuni riti suggestivi promossi in diocesi
Per i cristiani questa è la settimana più importante dell’anno. Secondo il calendario liturgico vivremo passione, morte e risurrezione, i tre passaggi culminanti nella vita di Cristo saranno ricordati nel Triduo pasquale.

Nei prossimi giorni in tutte le chiese di Prato si celebrano i riti tipici della tradizione: giovedì santo la messa «nella Cena del Signore», con il gesto della lavanda dei piedi; venerdì santo è in programma l’azione liturgica della passione e morte del Signore e a sera in molte parrocchie si svolgono le processioni della Via Crucis. Sabato ci sarà la solenne veglia pasquale mentre la domenica di Pasqua la tradizione è tutta pratese con l’ostensione del Sacro Cingolo mariano, che sarà mostrato ai fedeli nel pomeriggio.

Di seguito pubblichiamo il calendario con le celebrazioni in duomo e la segnalazione di alcune suggestive rappresentazioni che si svolgono in diocesi.

Giovedì santo, 24 marzo

La mattina del Giovedì Santo, in ogni cattedrale del mondo viene celebrata la messa crismale. Nel duomo di Prato solenne concelebrazione alle 10 presieduta dal vescovo Agostinelli con la partecipazione del clero diocesano. Nel giorno in cui Cristo istituì il sacramento dell’Eucaristia, la Chiesa fa memoria dell’istituzione del sacerdozio. Per questo motivo tutto il clero è chiamato a rinnovare le promesse sacerdotali, e in particolare verranno ricordati alcuni importanti anniversari di ordinazione che cadono nel 2016: i 25 anni di sacerdozio di don Simone Vannini (parroco di San Pier Forelli); festeggiano invece 50 anni dalla prima messa il canonico Luciano Pelagatti (parroco di Santa Maria della Pietà), il canonico Lorenzo Lenzi (per molti anni direttore dell’ufficio di pastorale familiare) e don Mauro Bruni (incaricato diocesano per la pieve di Montecuccoli). La celebrazione sarà trasmessa in diretta da Tv Prato.

Alla sera, in tutte le chiese, con orari diversi, si tiene la messa «in cena Domini», con il tradizionale rito della lavanda dei piedi, ricordo del gesto compiuto da Gesù nei confronti degli apostoli durante l’ultima cena. In duomo la celebrazione si svolge alle 17,30, anch’essa presieduta dal Vescovo. Al termine Reposizione del Santissimo Sacramento per l’adorazione.

A sera torna un appuntamento molto amato dai pratesi: il «giro delle sette chiese», una pratica romana nata nel Cinquecento con San Filippo Neri, ma vissuta ormai da tempo anche nella nostra città. In questo giorno i fedeli si raccolgono in adorazione davanti al Santissimo in quelli che vengono chiamati i «sepolcri». Per l’occasione gli altari delle parrocchie vengono abbelliti e sistemati con lumi e composizioni di fiori. Nelle parrocchie del centro storico e quelle vicine, moltissime persone, a sera, si recano nelle chiese per una sosta e una preghiera.

Venerdì santo, 25 marzo

In questo giorno si ricordano la passione e la morte di Gesù Cristo. Solitamente i riti sono due: nel pomeriggio la «celebrazione della morte del Signore» in serata la Via Crucis. Ecco il programma in duomo. Alle 9,30: Ufficio delle Letture e canto delle Lodi. Alle 17,30: celebrazione della Passione del Signore.

Alle 21,15, con partenza dalla basilica di Santa Maria delle Carceri, si tiene la Via Crucis promossa dal vicariato del centro storico. La processione girerà intorno al Castello dell’Imperatore dove si terranno le scene della Passione, e terminerà in San Francesco. Testi e canti sono a cura dell’oratorio di Sant’Anna e del gruppo scout Prato 4.

A Galciana da sedici anni per il venerdì santo si tiene la tipica processione del Gesù morto. La partenza è fissata per le ore 21 presso la chiesa della Visitazione, in via Lastruccia; la cerimonia si concluderà con l’arrivo alla parrocchia di San Pietro. Come sempre ad aprire la processione ci saranno figuranti a cavallo; saranno presenti i Cavalieri del Santo Sepolcro, i Cavalieri del Sacro Cingolo, la famiglia Carmelitana e i confratelli della locale Misericordia.

Come ogni anno ci sarà la consueta processione della reliquia della Santa Croce a San Giusto. Il ritrovo è alle 21 in chiesa, poi la Compagnia inizierà il corteo per le vie del paese trainando il suggestivo carro illuminato. La processione si concluderà con la benedizione finale nella piazza della chiesa.

A guidare la Via Crucis di Figline saranno i giovani e i ragazzi nella tradizionale ascesa al Poggiolo. Il ritrovo è alle ore 21 nel chiostrino, anche la Brigata dei fratelli della Misericordia prenderà parte al corteo. Prima dell’ascesa alla croce del Poggiolo, è prevista una cena povera alle 19,30 in parrocchia.

Anche a Mercatale di Vernio si tiene la tipica processione del venerdì santo con il Gesù morto: alle 21 parte la che condurrà i fedeli per le vie del paese fino al termine della celebrazione nella parrocchia. A presenziare e animare il sacro appuntamento è la Compagnia del Crocefisso con le statue del Cristo deposto e della Madonna Addolorata.

A Vaiano, dopo la celebrazione della Via Crucis per le strade del paese, la parrocchie e il gruppo scout, organizzano «Dalle tenebre alla Luce». I fedeli interessati partono a piedi dalla badia per arrivare all’alba a San Leonardo, toccando le chiese di Sofignano, Savignano, Fabio e Faltugnano. Ad ogni sosta viene proposto un brano di Vangelo ed una riflessione..

Sabato santo, 26 marzo

In duomo, alle 9,30 si tiene l’Ufficio delle Letture e il Canto delle Lodi. Alle 22,30 ha inizio la solenne Veglia pasquale; tutte le celebrazioni sono presiedute dal Vescovo.

Nella basilica di S. Maria delle Carceri si tiene, alle ore 9,30, una preghiera particolare, «l’Ora della Madre»: con l’Addolorata si medita sul mistero della Croce. Poi, alla mezzanotte, si scioglieranno in diocesi tutte le campane.

Domenica di Pasqua, 27 marzo

Al mattino del giorno di Pasqua, il vescovo Agostinelli prosegue la consuetudine diocesana celebrando la prima messa della domenica al carcere della Dogaia alle 8,30, mentre alle 10,30 presiede in duomo la solenne messa del mattino. In cattedrale alle 17,30, dopo la recita dei vespri solenni della festa si tiene l’ostensione del Sacro Cingolo mariano. Intorno alle 18 monsignor Agostinelli mostrerà la preziosa reliquia prima all’interno del duomo e poi sulla piazza, affacciandosi dal pulpito di Donatello.

Il rito è preceduto, oltre che dai vespri, dalle musiche d’organo eseguite dal canonico Romano Faldi (inizio alle 16,30), poi alle 19 ci sarà l’ultima celebrazione eucaristica della giornata. Quello del giorno della Risurrezione è il primo dei cinque appuntamenti in cui, durante l’anno, viene mostrata ai fedeli la Cintura della Madonna, insieme a primo maggio, 15 agosto, 8 settembre e Natale.

Lunedì dell’Angelo, 28 marzo

Nella basilica di San Vincenzo Ferreri alle 8 canto delle lodi e a seguire (ore 8,30), celebrazione della messa animata dalle monache domenicane. A Migliana ci sarà la benedizione di tutti i bambini durante la santa messa delle 9,30.
23/03/2016 11:58
Diocesi di Prato

[ foto ] 

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V