MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail


Comune di Firenze
Unity in diversity, firmato il protocollo d’intesa per la realizzazione della Scuola fiorentina per l’educazione al dialogo interreligioso e interculturale
È stato sottoscritto dal sindaco Nardella, dal cardinale Betori, dal rabbino Levi e da un delegato dell’imam Elzir
Un luogo di alta formazione culturale e professionale che promuoverà occasioni di studio e d’incontro per giovani dirigenti culturali e politici di tutto il mondo, soprattutto coloro che provengono da zone di conflitto. È la Scuola fiorentina per l’educazione al dialogo interreligioso e interculturale che fonda le sue radici nel forum Unity in diversity. Stamani è stato firmato lo schema del protocollo d’intesa tra i capi delle comunità cattolica, ebraica e islamica per la realizzazione dell’istituto da parte del sindaco Dario Nardella, del cardinale arcivescovo Giuseppe Betori, del rabbino Joseph Levi e da Musa Mohammad, delegato dall’imam Izzedin Elzir.
La Scuola fiorentina per l’educazione al dialogo interreligioso avrà come scopo fondamentale “lo studio e la promozione del dialogo tra culture”, la “comprensione e l’interazione positiva e cooperativa fra persone appartenenti a differenti tradizioni religiose” e il “conseguente rispetto e valorizzazione interculturale”. L’istruzione, la conoscenza e “la condivisione delle ricchezze etiche, religiose e identitarie, custodite in ogni cultura del mondo saranno i valori e le leve attraverso le quali la Scuola si farà portavoce di concetti inalienabili” di crescita e sviluppo umano come la coesione, la pace, lo scambio, il dialogo sociale. Contro “ogni stereotipo culturale e intolleranza etnica e religiosa”.
“Il progetto di realizzare in città questa Scuola conferma e promuove il ruolo di Firenze come città simbolo della cultura e della crescita umanistica” ha detto il sindaco Dario Nardella. “L’amministrazione comunale intende favorire lo sviluppo sul proprio territorio di azioni utili all’integrazione delle varie realtà culturali presenti nella città e alla realizzazione dei diritti reali di cittadinanza di tutte le comunità - ha aggiunto Nardella -, contribuendo all’eliminazione degli ostacoli che si frappongono alla loro integrazione sociale e culturale, anche attraverso lo studio e la promozione del dialogo tra culture, la comprensione e l'interazione positiva e cooperativa fra persone appartenenti a differenti tradizioni religiose, ed il conseguente rispetto e valorizzazione interculturale”.
“La firma di questo progetto, che vorrà comunicare pace e istruzione, è un’occasione che ci permette di far conoscere il lavoro che stiamo facendo giorno per giorno - ha detto il rabbino Joseph Levi -. A Firenze il dialogo tra le nostre comunità va avanti da tempo ma adesso, con la firma di questo protocollo, vogliamo fare un passo in avanti proponendo canali di educazione e formazione per il dialogo interreligioso a tutti, compresi i rappresentanti delle istituzioni pubbliche. La lotta per il dialogo e la pace deve passare attraverso la conoscenza e l’educazione, dinamiche sociali positive e la formazione psicologica e sociologica e attraverso valori di umanità, di democrazia, di ascolto dell’altro”.
“È un atto importante che dobbiamo all’intuizione e alla volontà del rabbino Levi che ha voluto far fare un passo ulteriore alla collaborazione tra le religioni che ha una lunga storia in questa città - ha affermato il cardinale Giuseppe Betori -. Le religioni non possono fare molto dal punto di vista politico per la pace ma possono, e debbono, fare molto dal punto di vista della formazione e dell’educazione. Perché senza formazione ed educazione non ci saranno né trattati né iniziative che potranno rendere stabile la pace nel mondo. Perché quest’ultima nasce dalle menti e dai cuori delle persone e solo cuori formati potranno diffondere pace nel mondo. Abbiamo aderito con molto piacere a questa iniziativa e alla quale contribuiremo con tutte le nostre possibilità e forze”.
“Ringraziamo il sindaco per Unity in diversity - ha detto Musa Mohammad - un convegno ricco che porta avanti il dialogo per la pace”.
La Scuola, si legge nel protocollo d’intesa, “offrirà ai giovani che la frequenteranno gli strumenti e la metodologia per poter diffondere, nei paesi di origine e a livello internazionale, il patrimonio di conoscenze e di cultura interreligiosa e interculturale acquisite durante la frequentazione dei corsi e la permanenza nella scuola fiorentina”.
In base al protocollo sottoscritto nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, il Comune e i capi delle comunità religiose cattolica, ebraica e islamica “si impegnano a proseguire il percorso di collaborazione già iniziato, seguendo un iter condiviso e sviluppando la progettualità” con “un gruppo di lavoro comune”. (fp)
08/11/2015 18:33
Comune di Firenze

[ foto ] 

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V