MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail

Consorzio Bonifica Toscana Centrale
UNA NUOVA CASSA DI ESPANSIONE E TANTI INTERVENTI PER IL TORRENTE VINGONE
Il Consorzio di Bonifica a lavoro per il secondo lotto di opere per la difesa idraulica della piana di Scandicci e di Lastra a Signa.
I lavori per la realizzazione della Cassa di Villa Antinori
A un anno dal completamento della nuova cassa di espansione di Piazza Kennedy, prende il via anche il secondo lotto di lavori previsto dal progetto conseguente al protocollo d’intesa per il Torrente Vingone, siglato tra la Provincia di Firenze, i comuni di Scandicci e di Lastra a Signa e il Consorzio.

L’area interessata è il tratto del Torrente Vingone che si estende da Scandicci fino allo sbocco in Arno. Nel maggio 2010 è stata inaugurata la cassa di espansione di Santa Maria in Piazza Kennedy a Vingone, quale primo stralcio del progetto a difesa dell'abitato di Scandicci dai rischi di esondazione del piccolo ma pericoloso torrente. L’obiettivo questa volta è la realizzazione della cassa di espansione di Villa Antinori e l’adeguamento del sistema di drenaggio minore: tutti quegli scoli dell’acqua che seppur piccoli sono fondamentali per evitare ristagni e fuoriuscite d’acqua.

L'intervento si articola in diverse lavorazioni che riguardano l’area destinata ad accogliere l’acqua in caso di superamento dei livelli di guardia e tutto il sistema di drenaggio interno e circostante.

Per entrare nello specifico i tecnici procederanno dapprima con la demolizione di parte del Fosso Rialdoli nel tratto che attraversa l'area destinata a cassa di espansione realizzando una nuova confluenza nel t. Vingone; poi con la realizzazione di uno sfioratore che serva a catturare l’ondata di piena del Vingone e farla entrare nell’area di laminazione; poi ancora con la realizzazione di due scarichi di fondo con tubazioni di polietilene e muretti rivestiti in pietra; e infine con la realizzazione di argini di delimitazione adeguati a contenere l’acqua che potrebbe entrare nella cassa. In un secondo momento poi si procederà alla realizzazione di fossetti di raccolta delle acque a piede argine e all’interno della cassa e all’adeguamento del sistema di drenaggio minore che si estende da Via di Rinaldi fino alla prossimità del ponte di Castelpulci.

“Ci stiamo avviando alla conclusione di un importantissimo progetto” commentano dal Consorzio di Bonifica della Toscana Centrale “che ha visto la collaborazione di numerosi soggetti, tutti altamente interessati, secondo le proprie possibilità e competenze a garantire maggiore sicurezza contro le alluvioni alla piana di Scandicci e di Lastra a Signa”.
06/07/2011 12:15
Consorzio Bonifica Toscana Centrale

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V