MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail

Comune di Castelfiorentino
CASTELFIORENTINO: ARRIVA CARLO MONNI
“Da Bukowsky al Chianti” è il titolo dello spettacolo che si tiene ella villa della fattoria di Coiano, vicino a Castelnuovo d’Elsa
Carlo Monni
“L’amore è quel che conta” dice Bukowsky in una delle sue poesie. Ed è proprio l’amore ad ispirare Carlo Monni nel suo nuovo spettacolo “Da Bukowsky al Chianti”, di scena nella storica Villa della fattoria di Coiano (vicino a Castelnuovo d’Elsa) venerdì sera, a partire dalle 21.30.
Al secondo appuntamento gratuito della kermesse estiva di “Sapori..di musica e teatro”, itinerari musicali e teatrali promossi dal Comune di Castelfiorentino e sotto la direzione artistica del Gat, gruppo amici del Teatro di Castelnuovo d’Elsa, il famoso comico toscano si esibirà con la fisarmonica in uno spettacolo itinerante fatto di poesia e buoni sentimenti, interpretati con la proverbiale ironia che da sempre lo contraddistingue. E che da diversi anni, ormai, l’accompagna per rivolgere i suoi strali nei confronti della TV, la famigerata madame la television, accusata di aver soffocato il teatro, anzi, monsieur le theatre.
Del resto, chi lo conosce sa che il teatro di Carlo Monni è un po’ come lui stesso: genio e sregolatezza. Un teatro in cui la poesia e la comicità vi giocano un ruolo centrale, ma dove trova spazio anche una filosofia di vita basata sul rifiuto della modernità, almeno nei suoi aspetti più deteriori.
Ed anche se il cinema ha occupato nella sua vita una parte importante (ha recitato accanto ad attori del calibro di Benigni, Troisi e Pieraccioni) Carlo Monni ha sempre preferito la creatività del teatro, quell’entusiasmante laboratorio che lo ha spinto a combinare la poesia di Dante con le canzoni di Battisti (insieme, ovvio, all’immancabile Mogol), reinterpretate con esilarante ironia.
Dunque, tutti a Coiano venerdì sera per seguire le gags di questo filosofo viaggiante che della libertà ha fatto una precisa scelta di vita. E per approfittare dell’opportunità di visitare la villa e le cantine dove sono previsti anche assaggi enogastronomici.
Si ricorda che per le persone che si trovano nell’assoluta impossibilità di servirsi del mezzo proprio esiste un servizio navetta con partenza dalla Stazione ferroviaria alle 20.45 e con fermate in Piazza Grandi (20.55), ai Palazzi Marroni (21.00), alla Madonna della Tosse (21.10): basta prenotare telefonando al n. 0571-686338.
01/08/2003 09:11
Alessandro Spinelli

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V