MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail

Prefettura di Firenze
PREFETTURA DI FIRENZE: SARA' FATTO BRILLARE DOMENICA L'ORDIGNO BELLICO RINVENUTO A FIRENZE
Al lavoro da settimane la protezione civile della Prefettura e del Comune di Firenze per organizzare la rimozione della bomba aerea riemersa durante alcuni lavori edili.
Si svolgerà domenica 25 maggio la bonifica dell’ordigno bellico inesploso rinvenuto in via Paisiello a Firenze. Si tratta di una bomba d’aereo del peso di 100 libbre (circa 30 kg) di fabbricazione statunitense, risalente al secondo conflitto mondiale.
La Prefettura è impegnata da settimane per organizzare tutti gli interventi tra i vari soggetti coinvolti nelle operazioni che si svolgeranno in due fasi: prima il “dispolettamento” del residuato bellico sul posto e poi il brillamento nell’area “Osmannoro 2000” nel comune di Sesto Fiorentino, dove l'ordigno sarà trasportato, una volta messo in sicurezza, con un convoglio scortato.
Il coordinamento è affidato alla dirigente della Protezione Civile della Prefettura Livia Benelli e la direzione degli interventi sarà costituita presso il centro di Protezione Civile del Comune di Firenze in via dell’Olmatello, dove sarà operativo un gruppo di lavoro composto dai delegati dei Comuni di Firenze e Sesto Fiorentino (Polizia Municipale, Protezione civile, ufficio tecnico), Vigili del Fuoco, Questura, Carabinieri, Corpo Forestale dello Stato, Asl 10, 118, Rete Ferroviaria Italiana, Trenitalia, Toscana Energia, Enel, Telecom, Publiacqua, Ataf e Linea, Lazzi, Sita.
Il sindaco di Firenze ha già disposto, per domenica 25 maggio dalle 9 alle 13, l’allontanamento di persone e animali da abitazioni e immobili, la sospensione di attività commerciali, artigiane e professionali, il divieto di transito (anche pedonale) e di sosta per auto e motoveicoli.
Per motivi di sicurezza infatti è stata individuata una “zona di pericolo” del raggio di 100 metri dal luogo del ritrovamento, all’interno della quale domenica saranno sgombrati edifici e strade con evacuazione della popolazione residente, stimata in 189 persone. La Protezione Civile del Comune di Firenze ha già fatto affiggere un volantino per avvisare la cittadinanza e ha avviato anche un’attività di informazione porta a porta. Le strade interessate sono: via Luciano Bausi (numeri civici 35, 37, 39, 41), via Paisiello (1d, 1f, 2, 3, 4, 5), via Ponte alle Mosse 105 e via Nicola Porpora 6.
I cittadini che non dispongono di un luogo dove trascorrere il tempo necessario allo svolgimento dell’operazione potranno essere ospitati nel centro di accoglienza predisposto presso il circolo Dopolavoro Ferroviario (via Paisiello 131). Per coloro che saranno impossibilitati a raggiungere autonomamente il centro di accoglienza, sarà a disposizione un servizio di bus-navetta con ritrovo in via Paisiello davanti al numero civico 19. Per le eventuali necessità dei cittadini non autosufficienti, ai quali è necessaria assistenza per il trasferimento, si può contattare il numero verde 800 015161 (il 23 e 24 maggio dalle 8 alle 20 e il 25 maggio dalle 6 alle 9).
Non è prevista l’interruzione di alcun servizio pubblico essenziale (energia elettrica, gas, acqua, linee telefoniche, trasporti pubblici).
Gli interventi tecnici di disinnesco e brillamento saranno effettuati dal Reggimento Genio Ferrovieri, Nucleo E.O.D. di stanza a Castel Maggiore (Bologna). (sl)

22/05/2008 16:40
Prefettura di Firenze

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V