MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail

Teatro del Maggio Musicale Fiorentino
La Nona sinfonia di Ludwig van Beethoven, diretta da Zubin Mehta, in omaggio alla Città di Firenze
Cavea del Maggio, 13 luglio ore 21
Mercoledì 13 luglio 2022 alle ore 21 il direttore emerito Zubin Mehta alla guida del Coro e dell’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino nella Cavea del Teatro per un importante e significativo appuntamento dell’84º Festival del Maggio Musicale: il concerto sinfonico corale dedicato e offerto alla Città di Firenze.

In programma la celebre e maestosa Sinfonia n.9 di Ludwig van Beethoven

Il direttore emerito Zubin Mehta torna per la terza volta nel corso dell’84º Festival del Maggio Musicale Fiorentino alla guida del Coro e dell’Orchestra del Maggio, mercoledì 13 luglio alle ore 21, per un appuntamento molto atteso: il concerto offerto alla Città di Firenze. Sui leggii, nella Cavea, la Sinfonia n. 9 in re minore op. 125 per soli, coro e orchestra di Ludwig van Beethoven; ultima e in assoluto fra le più celebri delle sinfonie beethoveniane composta dal genio di Bonn tra l'autunno del 1823 e il febbraio 1824.

I solisti impegnati nell’esecuzione sono il soprano Mandy Fredrich, il mezzosoprano Marie-Claude Chappuis, il tenore AJ Glueckert e il baritono Florian Boesch. Il maestro del Coro è Lorenzo Fratini.



La serata, a ingresso gratuito, è dedicata alla Città di Firenze. Per poter accedere al concerto è necessario richiedere il biglietto, attualmente non ne risultano più disponibili, presso la Biglietteria del Maggio (martedì 12 e mercoledì 13: dalle ore 11 alle 13 e dalle 15 alle 18) o presso il Servizio Cortesia (+39 055 2001278 – cortesia@maggiofiorentino.com martedì 12, mercoledì 13: dalle ore 11 alle 18). La durata del concerto è di circa un’ora e venti minuti.



Mandy Fredrich formatasi artisticamente alla Universität der Künste di Berlino e alla Hochschule für Musik und Theater di Lipsia è una presenza costante nelle programmazioni dei più importanti teatri lirici come la Staatsoper di Berlino, il Teatro alla Scala di Milano o il San Carlo di Napoli. Nel corso della sua carriera ha inoltre preso parte ad alcuni dei più prestigiosi festival, tra i quali quello di Salisburgo dove ha debuttato nel 2012. Dotata di un repertorio che abbraccia sia le composizioni liriche che sinfoniche, Recentemente, oltre al Concerto di fine anno, si è esibita insieme al maestro Zubin Mehta nel concerto del 24 novembre 2021.

Marie-Claude Chappuis, che torna anche lei al Maggio dopo il Concerto di fine anno del 2021, ha studiato presso l’Universität Mozarteum di Salisburgo ed è già un nome di grande rilievo internazionale: ha collaborato con alcuni dei più prestigiosi festival e teatri lirici al mondo, oltre ad aver lavorato con alcuni fra i più grandi direttori d’orchestra quali René Jacobs, Riccardo Muti, John Eliot Gardiner e Riccardo Chailly.

AJ Glueckert ha debuttato al Maggio nello scorso Concerto di fine anno ed è stato fra i protagonisti della recente e applaudita Ariadne auf Naxos, andata in scena a giugno al Teatro alla Pergola con la direzione del maestro Daniele Gatti per la regia di Matthias Hartmann. Il tenore americano è diplomato al San Francisco Conservatory of Music, ha vinto due volte le “Metropolitan Opera National Auditions” e il suo repertorio abbraccia numerosi compositori fra cui Puccini, Wagner e Donizetti.

Florian Boesch è al suo debutto al Maggio: fra i più apprezzati interpreti della sua generazione, nel corso della sua carriera, Boesch si è inoltre distinto come uno dei più autorevoli esecutori di Lieder a livello internazionale. Si è esibito nei più prestigiosi palcoscenici al mondo insieme ad orchestre come i Wiener e i Berliner Philharmoniker, la Royal Concertgebouw,la Bavarian Radio Symphony Orchestra, la Staatskapielle di Dresda e la London Symphony Orchestra sotto la direzione di maestri del calibro di Riccardo Chailly, Gustavo Dudamel, Daniel Harding e Sir Simon Rattle.





La scheda:



Ludwig Van Beethoven

Sinfonia n. 9 in re minore op. 125 per soli, coro e orchestra



Ultima creatura sinfonica beethoveniana, la Sinfonia n. 9 in re minore op. 125 “Corale” segnò un punto di non ritorno nella storia della musica; dopo la Nona nessun compositore poté più cimentarsi nel genere senza fare i conti con quel modello di arte insuperabile lasciato in eredità dal Maestro di Bonn. La genesi dell’ultima sinfonia di Beethoven parte da lontano, da quando, nel 1793, l’autore espresse il desiderio di voler mettere in musica l’Ode alla gioia di Friedrich Schiller. Il messaggio di libertà e fratellanza contenuto nei versi dell’ode si sedimentò nella mente del giovane compositore tanto che nel 1795 compose un lied, Gegenliebe, in cui compare allo stato embrionale quella melodia che in seguito avrebbe preso forma definitiva nell’Inno alla gioia della Sinfonia n. 9. Analogie ancora più evidenti si ritrovano anni dopo nella Fantasia corale op. 80, una sorta di laboratorio preparatorio della Nona Sinfonia alla cui composizione Beethoven si dedicò dal 1822 ai primi mesi del 1824. Il debutto - al Theater an der Wien il 7 maggio 1824 - fu preceduto da prove estenuanti, rese ancor più difficili dal fatto che a dirigere fosse Beethoven stesso, ormai completamente sordo e non più in grado di guidare l’orchestra. Tuttavia questo non inficiò il successo della sua ultima sinfonia, che da subito fu salutata come un capolavoro assoluto. Quale cartina di tornasole, la Sinfonia n. 9 compendia infatti tutte le conquiste musicali maturate negli anni da Beethoven: dalla libertà di forma - con il quarto movimento in cui per la prima volta nella cornice sinfonica la musica strumentale cede il passo alla voce umana - all’uso magistrale della variazione e del contrappunto, dalle affinità tematiche che si rincorrono nell’opera dando un senso di ciclicità e unitarietà alla partitura, fino al messaggio universale di fratellanza cantato dai solisti e dal coro nel movimento finale.



La locandina:



LUDWIG VAN BEETHOVEN

Sinfonia n. 9 in re minore op. 125
per soli, coro e orchestra su testo di Friedrich Schiller



Allegro ma non troppo, un poco maestoso/Molto vivace. Presto/Adagio molto e cantabile. Andante moderato. Adagio/Finale: Presto. Recitativo. Allegro assai. Allegro assai vivace. Alla Marcia. Andante maestoso. Allegro energico, sempre ben marcato. Allegro ma non troppo. Poco Adagio. Prestissimo



Direttore Zubin Mehta



Soprano Mandy Fredrich

Mezzosoprano Marie-Claude Chappuis

Tenore AJ Glueckert

Baritono Florian Boesch



Coro e Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino

Maestro del Coro Lorenzo Fratini



CAVEA DEL TEATRO

Mercoledì 13 luglio 2022, ore 21
12/07/2022 11:46
Teatro del Maggio Musicale Fiorentino

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V