MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail

Università di Firenze
All’Università di Firenze il primo laboratorio italiano di didattica immersiva per la produzione di video 360
L’iniziativa è a cura del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agrarie, Alimentari, Ambientali e Forestali
La realtà aumentata esce dal grande schermo e dai videogames per entrare nelle aule dell’Università di Firenze. Presso la sede delle Cascine è stato allestito il primo laboratorio di didattica immersiva per la produzione di video 360 gradi per l’insegnamento, una novità nel panorama universitario nazionale, che ospiterà già dalla fine di settembre i corsi del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agrarie, Alimentari, Ambientali e Forestali (DAGRI). Lo spazio è dotato di 20 postazioni dotate di appositi visori, di cui 10 già disponibili. All’inaugurazione erano presenti Alessandra Petrucci, rettrice dell’Ateneo fiorentino, Ersilia Menesini, prorettrice alla Didattica, Simone Orlandini, direttore del DAGRI, Erminio Monteleone docente di Scienze e Tecnologie Alimentari e coordinatore del progetto TraINing, Maria Ranieri, docente di Didattica e Tecnologie dell’Istruzione presso il Dipartimento FORLILPSI e coordinatrice del progetto europeo SEPA360.

Il video 360 viene realizzato a partire da una ripresa panoramica a cui è possibile aggiungere contenuti con differenti gradi di interattività. Attraverso l’impiego di particolari videocamere è possibile acquisire e combinare le immagini in modo da ottenere una visuale completa di un ambiente. L’utente finale potrà orientare lo sguardo a proprio piacimento, proprio come farebbe se si trovasse fisicamente presente. Ad aumentare la sensazione immersiva, contribuiscono i visori che rilevano i movimenti della testa e adattano, in base a questi, il punto di osservazione.

“Questo laboratorio rappresenta una risorsa di assoluto valore per l’Università di Firenze – spiega la rettrice Alessandra Petrucci - l’esperienza pionieristica di Agraria, che ha avuto il merito di investire in questa sfida, è destinata a germogliare in altre Scuole del nostro Ateneo e a proiettare Firenze come realtà all’avanguardia nella sperimentazione delle forme più innovative della didattica. Queste frontiere offrono alle università l’opportunità di esplorare alcune nuove soluzioni in termini di sostenibilità e innovazione per far fronte alle esigenze sempre più complesse e diversificate degli studenti”.

“Guardiamo con molta attenzione e interesse a questa sperimentazione in corso ad Agraria e ne faremo tesoro per valorizzare queste esperienze in uno scenario di formazione di qualità per il futuro – spiega la prorettrice alla didattica Ersilia Menesini - Il laboratorio è un’occasione pilota per capire in quale direzione andare dal punto di vista del rinnovamento della didattica. Lo è per Agraria e per tutte le discipline che hanno bisogno di simulare in termini laboratoriali alcune attività di formazione. Per questo abbiamo costituto anche un gruppo di lavoro che dovrebbe riflettere sui percorsi e le esperienze innovative attivate nell’Ateneo per metterle a sistema e stabilire una progettualità per il futuro”

“Siamo fieri di questo primo esperimento multimediale nato all’interno di Agraria che costituisce un innovativo strumento di apprendimento per l’Università di Firenze e in ambito nazionale – aggiunge Simone Orlandini – saremo ben lieti di mettere a fattor comune questa esperienza con altri docenti dell’Ateneo per potenziare la sperimentazione nell’ambito dell’attività laboratoriale di altri corsi”.

Il laboratorio è stato finanziato dal DAGRI nell’ambito del progetto per l’innovazione nella didattica universitaria TraINing con il supporto di SIAF. “L’obiettivo del progetto - spiega Monteleone - è quello di arricchire le potenzialità della lezione tradizionale con strumenti che promuovano l’interazione tra docenti e studenti e anche tra studenti stessi”.

La decisione di investire su un laboratorio didattico immersivo è nata con l’adesione al progetto europeo SEPA360 (Supporting Educators Pedagogical Activities with 360 video) che ha visto la partecipazione dell’Università di Firenze insieme ad altri quattro atenei europei (University of Hull – Gran Bretagna, XL University – Hasselt, Belgio, Wirtschaftsuniversität – Vienna, Austria e Thessaloniki University – Grecia). L’iniziativa ha coinvolto docenti delle Scuole di Agraria, Ingegneria, Studi Umanistici e della Formazione sotto il coordinamento scientifico di Maria Ranieri, docente di Didattica e Tecnologie dell’Istruzione presso il Dipartimento FORLILPSI.

“Il sistema integrato di apprendimento offerto dal laboratorio di didattica aumentata – spiega Maria Ranieri - definisce un nuovo paradigma tra sviluppo cognitivo e capacità sensoriale aprendo scenari ancora tutti da scoprire. Basti pensare alle potenzialità degli ambienti immersivi che permettono di effettuare esperienze vicarie della realtà. Attraverso il progetto SEPA, che si concluderà tra poco più di un anno, contiamo di esplorare questa frontiera e di creare le premesse perché dalla fase sperimentale si possa passare ad una implementazione su larga scala”.

In allegato una foto di gruppo di coloro che sono intervenuti, una studentessa che indossa il visore durante una simulazione;
includo anche una brevissima clip che dà un'idea di cosa rappresenti questa modalità di fruizione;
17/09/2021 14:24
Università di Firenze

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V