MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail

Comune di Firenze
Consiglio comunale e Giornata della Memoria a Firenze, il programma dei lavori
Convegno mercoledì 27 gennaio su “Dalla Shoah negata al Porrajmos dimenticato: i prodotti dell’odio” in diretta sul canale Youtube
All’interno del Consiglio comunale di lunedì 25 gennaio (dalle 16 circa) verrà celebrata la Giornata della Memoria. Dopo l’introduzione del presidente del Consiglio comunale Luca Milani interverrà la maestra di pianoforte Sofia Tapinassi che ha lavorato al progetto “Lasciammo il campo cantando” sulla divulgazione delle attività musicali nel campo di concentramento di Theresienstadt.

Interverrà anche la Vice Presidente dell’Aned Sara Burberi. A seguire ci saranno gli interventi dei consiglieri.

“L’Olocausto e la Shoah – spiega il presidente del Consiglio comunale Luca Milani – sono stati genocidio perpetrato con metodi scientifici, messo in atto da parte della Germania nazista fino al 27 gennaio 1945. Da quel giorno Auschwitz è diventato il luogo simbolo della sofferenza e della discriminazione di chi è stato internato solo perché ebreo o zingaro o omosessuale o anche, semplicemente, perché si trattava di una persona con idee politiche diverse da quelle di chi era al potere. La Giornata della Memoria non serve solo a commemorare quei milioni di persone uccise crudelmente e senza nessuna pietà. Serve a ricordare che ogni giorno esistono tante piccole discriminazioni verso chi ci sembra diverso da noi. Alla strage dei“Porrajmos”, parola sconosciuta ai più e che sta a significare nella lingua rom, “grande divoramento” e cioè dello sterminio di Rom, Sinti e Camminanti avvenuto nei lager nazista, dedicheremo una tavola rotonda proprio il 27 gennaio. Le stime stime ufficiali parlano di circa 500.000 vittime, ma siccome nella tradizione “itinerante” delle famiglie rom, molto spesso i bambini non venivano registrati all’anagrafe, il numero reale sarebbe vicino al milione e mezzo di persone.

Anche se non c’è modo di accertarlo, non ci sono molti sopravvissuti di quell’epoca per le condizioni di vita comunque precarie anche dopo la fine della guerra, e quelli che restano sono restii a ricordare questa pagina del loro passato, sarà un incontro – conclude il presidente del Consiglio comunale Luca Milani – molto interessante e che cercherà di fare luce su tragici eventi per troppo tempo dimenticati. Una sfida più che mai impellente viste le nuove forme di negazionismo sempre più emergenti”.

Mercoledì 27 gennaio, alle 17, in modalità on line in diretta streaming sul canale Youtube all’indirizzo https://www.youtube.com/DirettestreamingdelComunediFirenze la tavola rotonda dal titolo “Dalla Shoah negata al Porrajmos dimenticato: i prodotti dell’odio”.

Saluti iniziali di Luca Milani, Presidente del Consiglio comunale di Firenze.

Saranno presenti:

Alessandro Martini, Assessore ai rapporti con le confessioni religiose e alla cultura della memoria del Comune di Firenze.

Donata Bianchi, Presidente della 7° Commissione consiliare: pace e diritti umani del Comune di Firenze.

Luca Bravi, Università degli Studi di Firenze.

Eva Rizzin, Centro di Ricerche Etnografiche e di Antropologia applicata “Francesca Cappelletto” (CREAa) dell’Università degli Studi di Verona.

Enrico Fink, Presidente del Consiglio della Comunità Ebraica di Firenze.

Claudio Vercelli, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. (s.spa.)
23/01/2021 12:44
Comune di Firenze

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V