MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail

Guardia di Finanza - Comando regionale
GdF. Truffa del pellet, pagato e mai consegnato
Concluse le indagini preliminari, oltre 220 truffati
GdF. Truffa del pellet, pagato e mai consegnato
Si sono concluse le indagini preliminari, coordinate dalla locale Procura della Repubblica, in ordine ad un’attività fraudolenta realizzata ai danni di oltre 220 ignari cittadini residenti in Toscana ed altre regioni limitrofe.

I fatti hanno inizio alcuni anni orsono allorché apparve, su diverse testate giornalistiche locali e sui social network, la pubblicità di un’allettante offerta di fornitura di pellet a prezzi concorrenziali, con tanto di consegna a domicilio gratuita.

In molti aderirono all’iniziativa, sottoscrivendo i moduli di acquisto predisposti e versando, tramite bonifico bancario, le somme richieste. Senza tuttavia - nella quasi totalità dei casi - ricevere alcunché in cambio.

I Finanzieri del Gruppo di Prato hanno ricostruito l’attività illecita, realizzata - con artifizi e raggiri - ad opera di una società con sede in Calabria ed unità locale a Prato, i cui amministratori - madre e figlio originari del cosentino - erano gravati da precedenti di polizia per ricettazione e truffa. L’uomo risultava inoltre indagato per fatti analoghi, precedentemente commessi in Lombardia avvalendosi di un’altra società.

L’attenzione degli investigatori si è concentrata sul principale conto corrente utilizzato dall’impresa, sul quale - a fronte di più di mille operazioni in entrata, per un totale di oltre 400.000 euro in soli 5 mesi di operatività - sono corrisposti acquisti di merce per soli 36.000 euro.

Il denaro accreditato era poi rapidamente prelevato per finalità non attinenti all’attività societaria, con l’evidente intenzione di “svuotare il conto” e far perdere le tracce degli introiti illeciti.

Cospicui i debiti maturati nei confronti dell’erario, per oltre 600.000 euro, oltre ad un’esposizione debitoria, di oltre 200.000 euro, per le attività utili ad accreditare la società nel territorio ed infondere fiducia nei potenziali clienti.
Anche in virtù delle investigazioni svolte, il Tribunale di Cosenza, competente per territorio, ha potuto dichiarare il fallimento della società.

L’attività fraudolenta ha suscitato l’interesse mediatico di alcune importanti trasmissioni televisive a livello nazionale; numerose vittime avevano peraltro condiviso un apposito gruppo di “truffati” spontaneamente creato su un social network.
16/09/2020 10:25
Guardia di Finanza - Comando regionale

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V