MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail

Carabinieri-Comando provinciale di Firenze
Bagno a Ripoli, i carabinieri del Nucleo Radiomobile di Firenze hanno arrestato due fratelli originari del Marocco per evasione dagli arresti domiciliari
Manette anche per un 20enne egiziano, destinatario di un ordine di carcerazione, sorpreso con tronchesi in via Pietrapiana
20.30 di ieri, nel corso dei frequenti controlli alla circolazione stradale, in via Chiantigiana di Bagno a Ripoli un equipaggio del Nucleo Radiomobile di Firenze impone l’alt ad un veicolo; a bordo due persone che evidenziano nervosismo ed insofferenza alla richiesta dei militari di esibire i documenti per l’identificazione.
La spiegazione di tale atteggiamento arrivava mediante gli accertamenti effettuati nelle banche dati in uso alle FF.PP.: i due, fratelli di 26 e 23 anni originari del Marocco, risultavano entrambi sottoposti agli arresti domiciliari, per fatti differenti, presso la loro abitazione sita nella frazione San Polo di Greve in Chianti. Venivano pertanto dichiarati in stato di arresto per il reato di evasione; saranno giudicati con rito direttissimo nella mattinata di lunedì.
Nel corso della nottata, invece, in via Pietrapiana, militari del Nucleo Radiomobile hanno proceduto a fermare e sottoporre a controllo un egiziano di 20anni che, munito di una grossa tronchese, si stava aggirando tra le biciclette lì parcheggiate verosimilmente cercando di rubarne una. Sottoposto a perquisizione personale venivano inoltre rinvenuti, nascosti all’interno del suo zaino, una carta bancomat, una tessera sanitaria ed un telefono cellulare, il tutto non di sua proprietà.
Emergeva, altresì, che lo stesso risultava destinatario di un ordine di carcerazione a 2 anni e 3 mesi di reclusione, per i reati di lesioni personali, resistenza a pubblico ufficiale e detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti, risalenti al 2016 ed al 2019; veniva pertanto associato alla casa circondariale di Sollicciano ove sconterà la sua pena e denunciato per il tentato furto della bicicletta e per la ricettazione dei documenti e del cellulare.
26/01/2020 10:59
Carabinieri-Comando provinciale di Firenze

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V