MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail

Redazione di Met
Ultima giornata per la XII edizione dello Schermo dell'arte Film Festival
Il programma di domenica 17 novembre al Cinema La Compagnia di Firenze
Ultima giornata per la XII edizione dello Schermo dell'arte Film Festival domenica 17 novembre al Cinema La Compagnia di Firenze, dove alle 17.30 Robert Trafford del collettivo Forensic Architecture presenterà la prima italiana del loro ultimo lavoro Triple-Chaser (2019), ricerca che tenta di analizzare l'utilizzo delle granate contro la popolazione. Alle 18 anteprima di Walled Unwalled (2018) in cui l'artista giordano Lawrence Abu Hamdan analizza tre celebri casi legali accomunati dal tema del suono, seguita alle 18.30 dall'anteprima di Les Extraordinaires mésaventures de la jeune fille de pierre di Gabriel Abrantes (2019) su una statua del Louvre che prende vita.
Alle 19 in prima italiana The Proposal (2018) dell'artista americana Jill Magid sul suo progetto mai terminato ispirato al visionario architetto messicano Luis Barragàn.Closing Night con la prima mondiale di Nelson-Jorit e il condominio dei diritti (2019) alla presenza dell'autore Omar Rashid alle 21, che segue la realizzazione su un condominio fiorentino del murale con il volto di Nelson Mandela da parte dello street artist Jorit. Per finire alle 22 l'autore Andrea Bettinetti introdurrà Cy Dear (2019), omaggio all'artista americano Cy Twombly.

La giornata conclusiva dello Schermo dell'arte Film Festival 2019, domenica 17 novembre, inizia alle 17.30 con la prima italiana alla presenza di Robert Trafford di Triple-Chaser di Forensic Architecture (2019), ultimo lavoro del collettivo londinese candidato al Turner Prize nel 2018, che racconta una ricerca volta ad identificare le granate esaminando, attraverso una speciale tecnologia digitale, milioni di immagini condivise sul web così da conoscerne l’effettivo utilizzo contro la popolazione.

Alle 18.00 prima italiana di Walled Unwalled (2018), in cui l’artista giordano Lawrence Abu Hamdan, quest’anno candidato al Turner Prize, analizza in una video-performance tre celebri casi legali, tra i quali quello di Oscar Pistorius, accomunati dal tema del suono.

Ore 19.00 The Proposal, film dell’artista americana Jill Magid in cui ripercorre la complessa vicenda di un suo progetto che sarebbe dovuto confluire in una mostra ispirata all’opera del visionario architetto messicano Luis Barragàn.

Alle 21.00 la prima mondiale di Nelson-Jorit e il condominio dei diritti di Omar Rashid (2019) che segue le fasi dell’esecuzione del grande murale con il volto di Mandela, realizzato nel 2018 a Firenze dallo street artist Jorit, registrando la maestria e l’affabilità dell’artista napoletano nei confronti degli abitanti e le reazioni entusiastiche dei cittadini.

A seguire, alle 22.00, Cy Dear di Andrea Bettinetti (2019), che rende omaggio ad uno degli artisti americani più prolifici e influenti del XX secolo. Scomparso a Roma nel 2011, Cy Twombly, pittore, illustratore, scultore e fotografo, appartenente alla generazione di Robert Rauschenberg e Jasper Johns, ha vissuto gran parte della sua vita tra gli Stati Uniti e l’Italia e ha influenzato molti artisti fra cui Jean Michel Basquiat, Anselm Kiefer, Francesco Clemente e Julian Schnabel.

Prosegue dalle 19 al termine delle proiezioni Lo scherzo dell’arte, progetto speciale realizzato dagli artisti Roberto Fassone e Kasia Fudakowski, che sta coinvolgendo gli spettatori nel Foyer del Cinema La Compagnia. Un breve film festival performativo che si concentra sul ruolo dell’umorismo e della comicità nell’arte contemporanea, con opere di Julian Rosefeldt e Piero Steinle, Pilvi Takala, David Horvitz e Lukas Geronimas, Martin Skauen (Slideshow Johnny), Marie von Heyl, Kasia Fudakowski e Roberto Fassone.

Fino al 1 dicembre a Palazzo Strozzi è visitabile la mostra VISIO. Moving Images After Post-Internet a cura di Leonardo Bigazzi, con le opere di 12 artisti under 35 che offrono una riflessione sulle trasformazioni dei linguaggi delle Moving Images e dei loro modelli espositivi al seguito della rivoluzione digitale.

Lo schermo dell'arte è realizzato con il contributo di Regione Toscana, Comune di Firenze, La Compagnia / progetto realizzato nell’ambito del Programma Sensi Contemporanei Toscana per il Cinema, Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, con il patrocinio della Città metropolitana di Firenze, e con il sostegno di In Between Art Film, Fondazione Palazzo Strozzi, Accademia di Belle Arti di Firenze, Institut Ramon Llull.
16/11/2019 11:05
Redazione di Met

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V