MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail

Carabinieri-Comando provinciale di Firenze
Via Maragliano. Bar sequestrato
Cerreto Guidi. Tentato furto all’ATM dell’istituto bancario “Credit Agricole”
I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Firenze, nel quadro delle attività che lo scorso 20 settembre avevano già portato al sequestro di società e rapporti finanziari riconducibili ad un pluripregiudicato fiorentino di 62 anni, quest’oggi hanno sottoposto a sequestro di prevenzione un esercizio commerciale sito in Firenze, via Maragliano nr.14/a, precedentemente contraddistinto dall’insegna “Bar Megalli”.

L’atto si è reso necessario poiché gli accertamenti svolti successivamente alle operazioni del 20 settembre hanno consentito di dimostrare che il bar era tornato nella disponibilità di prestanome del pregiudicato, che stavano per perfezionare la vendita del bene, dal quale avrebbero ottenuto ulteriori ricavi economici. La misura ablativa emessa dal locale Tribunale – Ufficio Misure di Prevenzione, si ricorda, recepisce specifica richiesta avanzata dalla Procura della Repubblica di Firenze con la quale si è evidenziata l’attuale pericolosità sociale del destinatario, che, per un lasso rilevante della sua vita, ha commesso un’impressionante sequela di delitti idonei a produrre ricchezza illecita.

Gli accertamenti patrimoniali svolti hanno consentito di verificare la notevole sperequazione tra il patrimonio nella disponibilità dell’interessato (anche intestato a familiari o prestanome) e le attività economiche e lavorative svolte, nonché i relativi redditi dichiarati: da tale discrasia si è dedotta la natura illecita delle risorse utilizzate per acquisire la disponibilità dei beni. In particolare, l’analisi ha consentito di evidenziare una rilevante sproporzione nel corso degli anni, calcolata in 420.000,00 Euro nel periodo dal 1978 al 2018. È emerso come, nel solo anno 2015, in assenza di adeguate retribuzioni percepite, il proposto abbia effettuato investimenti per 90.000,00 Euro, acquistando le quote della società Bar Megalli S.n.c.

In sostanza, i redditi percepiti non sono risultati sufficienti a giustificare l’acquisto dei compendi aziendali a lui riconducibili e, per converso, il proposto è risultato beneficiare di significative risorse finanziarie di provenienza delittuosa.

L’attività svolta s’inquadra in una più ampia strategia che, basata sul coordinamento dell’ufficio di nuova costituzione per le misure di prevenzione e per il contrasto ai patrimoni illeciti della Procura della Repubblica di Firenze, è proiettata a contrastare l’illecito arricchimento anche attraverso l’applicazione della normativa antimafia.

Empoli. Arrestato un marocchino per spaccio di stupefacente.

Nel pomeriggio di ieri, i Carabinieri dell’Aliquota Operativa hanno tratto in arresto in flagranza di reato il marocchino ventinovenne E.Z.Y., con precedenti per reati in materia di immigrazione, irregolare sul territorio nazionale e senza fissa dimora, per aver spacciato una dose di hashish all’interno del parco “Mariambini” di Empoli.

Durante un servizio svolto in abiti civili e finalizzato alla prevenzione e repressione di reati inerenti agli stupefacenti, i carabinieri si sono appostati all’interno del parco.

Immediatamente dopo aver assistito allo scambio tra il nordafricano e l’acquirente, i militari operanti sono intervenuti cogliendo in flagranza di reato lo spacciatore che aveva ancora tra le mani una banconota da dieci euro. La droga, successivamente sottoposta a sequestro, è stata invece rinvenuta nella tasca dei pantaloni del tossicodipendente, nuovamente segnalato alla Prefettura di Firenze.

E.Z.Y. nella mattinata odierna sarà giudicato con il rito direttissimo


Cerreto Guidi. Tentato furto all’ATM dell’istituto bancario “Credit Agricole”.

La scorsa notte, in località Lazzeretto del comune di Cerreto Guidi, tre uomini travisati con un passamontagna hanno danneggiato uno sportello atm della Banca “Credit Agricole”, in via 2 Settembre, inserendo un piccone all’interno della fessura che eroga il denaro contante. Il colpo è stato sventato dalle urla di un residente che ha messo in fuga i malfattori immediatamente allontanatisi a bordo di un veicolo blu scuro in direzione Cerreto Guidi. Le indagini in corso, tese ad acquisire elementi utili all’individuazione degli autori del reato, sono condotte dal Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Empoli e dal Comando Stazione di Cerreto Guidi

FIRENZE, VIA BARACCA: DROGA NASCOSTA NELLA SCARPA. ARRESTATO UN TUNISINO PER DETENZIONE AI FINI DI SPACCIO DI STUPEFACENTI.

La scorsa notte i Carabinieri della Stazione di Firenze Peretola hanno tratto in arresto M.L., tunisino, cl.'91 per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Erano le 4.00 circa quando i militari, impegnati in un servizio di pattuglia finalizzato alla prevenzione e alla repressione dei reati, transitando in via Baracca, venivano fermati da una donna straniera che, in lingua italiana, riferiva di essere stata poco prima intimorita da un uomo armato di coltello, allontanatosi in bicicletta per le vie limitrofe. Acquisita una descrizione sommaria del soggetto, gli operanti si ponevano subito sulle sue tracce, riuscendo, poco distante, a rintracciare un uomo che, vestito come descritto dalla donna, stava percorrendo in bicicletta la via Baracca in direzione di via Pratese. Sottoposto ad immediata perquisizione sul posto i militari non trovavano sulla sua persona il coltello segnalato, del quale evidentemente il soggetto si era già disfatto, bensì, occultato interno di una scarpa, un involucro contenete hashish del peso complessivo di 15 grammi circa, nonché la somma contante di euro 200 circa, il tutto posto sotto sequestro. I militari lo hanno tratto in arresto per il reato di detenzione ai fini di spaccio e ristretto in camera di sicurezza, in attesa del rito direttissimo che si svolgerà nella mattinata odierna.

PONTASSIEVE: UOMO COLPITO CON IL CALCIO DI UNA PISTOLA-GIOCATTOLO. DUE DENUNCIATI.

I Carabinieri della Stazione di Rufina, a conclusione di un’attività d’indagine su una movimentata lite verificatasi nel corso di una festa di compleanno all’interno di una struttura ricettiva del comprensorio, hanno denunciato a piede libero due persone per lesioni aggravate. La vicenda, avvenuta pochi giorni fa, nasce dall’alterco tra 2 uomini per motivi di gelosia nei confronti di una ragazza: il primo dei due, un albanese di 38 anni, invaghito della giovane, ha aggredito un 20enne che si era intrattenuto a parlare con lei, colpendolo con il calcio di una pistola-giocattolo che aveva portato con sé alla festa. Nel parapiglia che ne è scaturito, l’uomo, dopo essersi liberato dell’arma lanciandola nel boschetto esterno alla struttura, è stato a sua volta aggredito da un amico del 20enne, che lo ha colpito alla testa con una bottiglia di spumante ed al volto con un pugno. Entrambi i contendenti hanno dovuto fare ricorso alle cure mediche, con lievi prognosi; dopo un’attenta ricostruzione dei fatti, i militari, che nel frattempo hanno rinvenuto e sequestrato l’arma giocattolo, hanno denunciato sia l’albanese, anche per minaccia, che l’amico del 20enne, un 21enne di origini nigeriane.

FIRENZE: ARRESTATO PER RAPINA IMPROPRIA ALLA “COIN”.

Nella serata di ieri, i Carabinieri della Stazione di Firenze Campo Marte unitamente ai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Firenze, intervenivano presso la “Coin”, in via de' Calzaiuoli poiché, poco prima, P.P., 32enne, di Empoli, pregiudicato, dopo aver rotto la placca antitaccheggio, aveva occultato una confezione di un profumo di una nota marca all’interno della tasca del giubbotto, tentando poi di allontanarsi senza pagare. L’addetto alla sicurezza lo aveva notato e quando si è avvicinato è stato offeso e minacciato dall'uomo che nella circostanza riferiva anche di essere un pugile. Tempestivamente giungevano sul posto le pattuglie dei Carabinieri che traevano in arresto il soggetto e restituivano la refurtiva al responsabile.

Per l’arrestato è stato disposto il rito direttissimo che si svolgerà nella mattinata odirna.
03/10/2019 11:07
Carabinieri-Comando provinciale di Firenze

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V