MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail

Carabinieri-Comando provinciale di Firenze
Carabinieri forestali, campagna di controlli nella “Zona del tartufo bianco"
Elevate sanzioni per circa 1000 euro
In base agli accordi convenzionali con la Regione Toscana è stata disposta dal Gruppo Carabinieri Forestale di Firenze, una campagna di controlli nella “Zona del tartufo bianco (Tuber magnatum Pico) delle Colline Sanmianatesi” (Certaldo, Barberino Val d’Elsa, Montespertoli), per accertare la regolarità della raccolta di questo pregiato fungo, considerato da molti l’oro bianco della gastronomia. E’ opportuno ricordare che il tartufo è un fungo, nello specifico ipogeo (che cresce sottoterra) e che fa parte della famiglia delle Tuberacee. La zona delle Colline Sanmianatesi in provincia di Firenze e Pisa è una delle 6 zone vocate per la presenza del tartufo bianco, insieme alla zona delle Crete Senesi, del Casentino, del Mugello, della Val Tiberina e del litorale della Maremma Grossetana (Bianchetto).
I Militari della Stazione CC Forestale di Tavarnelle in Val di Pesa (FI) hanno effettuato una serie di accertamenti anche notturni sottoponendo a controllo circa 15 persone per la quasi totalità cercatori di tartufo. Complessivamente sono state elevate sanzioni per circa 1000 euro. I controlli in questo periodo sono finalizzati ad evitare che i tartufai scorretti prelevino il tartufo bianco immaturo danneggiando la tartufaia. Alcuni tartufai effettuano questa pratica non corretta per allenare i cani ancora cuccioli nella fase di ricerca, ma la maggior parte lo vendono in questa fase prematura. Il tartufo bianco immaturo detto “marcia” si presenta molto molle, tanto che viene messo subito sul mercato sigillato o invasettato per evitare che marcisca. L’immissione sul mercato di questo prodotto immaturo nel periodo antecedente alla normale raccolta (dal 10 settembre al 31 dicembre), incide sulle valutazioni del mercato abbassando i prezzi.
Si ritiene opportuno richiamare la Legge Regionale 50 del 1995 che disciplina la raccolta e la commercializzazione del tartufo fresco e conservato che prevede il sequestro amministrativo del tartufo bianco immaturo ed una sanzione amministrativa aggiuntiva di 100 euro per ogni tartufo irregolare.
29/07/2019 17:14
Carabinieri-Comando provinciale di Firenze

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V