MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail

Comitato Provinciale CONI Firenze
Sanzo (CONI Toscana): "Pene severissime per gli pseudo-tifosi, il calcio ha il dovere di dare il buon esempio"
"Finché gli autori di simili gesti rimarranno quasi impuniti o riceveranno lievi condanne, il calcio e lo sport in generale saranno solo sconfitti"
“Il calcio italiano deve avere il coraggio di imboccare una nuova strada, non può più permettersi di continuare a convivere con questa deplorevole atmosfera di violenza. Deve riacquistare una propria dimensione etica ed educativa, e farlo soprattutto per il bene dei giovani. Trattandosi del primo movimento sportivo nazionale è chiamato a dare il buon esempio, allontanando per sempre dagli stadi chi non accetta il rispetto di certi valori”. Lo dice Salvatore Sanzo, presidente del CONI Toscana e olimpionico di scherma, nel commentare gli ormai abituali episodi di cronaca che stanno facendo da triste corredo ai weekend calcistici. Ultimo in ordine di tempo quello accaduto sabato scorso a Firenze prima della sfida tra Fiorentina e Juventus quando nei pressi dello stadio Artemio Franchi sono comparse scritte oltraggiose indirizzate alle vittime dell’Heysel (la tragedia del 1985 nella quale morirono 39 tifosi bianconeri durante la finale di Coppa Campioni) e all’ex difensore della Juventus e della Nazionale Gaetano Scirea. “Ormai abbiamo la dimostrazione che certi episodi di violenza verbale e scritta appartengono a una buona parte del mondo del calcio – continua Sanzo – E’ un problema grave e ampiamente diffuso, non localizzato in aree geografiche o legato a certi club o a certe tifoserie. Finché gli autori di simili gesti rimarranno quasi impuniti o riceveranno lievi condanne, il calcio e lo sport in generale saranno solo sconfitti e non potranno riacquistare credibilità. Dobbiamo individuare e rendere noti i colpevoli, infliggere loro pene severissime, proibire loro di continuare ad agire indisturbati. Dobbiamo finirla con l’assurdo teatrino del rimpallo di responsabilità. Non potremo tornare a vantarci del prestigio del calcio italiano se non saremo in grado di eliminare la violenza, una piaga sociale e culturale dalla quale lo sport deve mantenere la totale estraneità”.

La Segreteria
CR CONI Toscana
04/12/2018 13:41
Comitato Provinciale CONI Firenze

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V