MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail

Ufficio Stampa Associato del Chianti
Anima e materia di Leto Fratini. Opere inedite del Futurismo italiano esposte a Barberino Val d'Elsa

La mostra, che si compone di progetti artistici e saggi storici, accende per la prima volta i riflettori sull’antifascista Leto Fratini, scultore della prima metà del ‘900
Da sabato 21 aprile opere inedite raccolte dal nipote Marco Borgianni esposte allo Spedale dei Pellegrini di Barberino Val d’Elsa. La mostra ospita opere di noti artisti del Novecento tra cui Giannino Castiglioni, Vanni Rossi, Carlo Paganini, Emilio Montagnani, Mario Ballocco, padre dell'astrattismo italiano


I Comuni di Barberino Val d’Elsa e Tavarnelle Val di Pesa riscoprono Leto Fratini, uno dei protagonisti del Futurismo italiano con un progetto storico-artistico unico nel suo genere in Italia che intreccia arte, memoria locale e antifascismo. Si apre sabato 21 aprile alle ore 17 la mostra “Leto Fratini anima e materia” a cura di Federica Chezzi, allestita in uno degli spazi più prestigiosi del territorio, il trecentesco Spedale dei Pellegrini, nel cuore medievale di Barberino. E’ la prima retrospettiva che ambisce a situare l’artista, originario di Vico d’Elsa, nella storia della scultura. “Dedichiamo a Leto Fratini – annunciano i sindaci Giacomo Trentanovi e David Baroncelli - una retrospettiva inedita che ripercorre l’intera parabola artistica, conclusa a soli 31 anni. L’Unione Comunale del Chianti fiorentino promuove e sostiene un’operazione culturale di respiro nazionale che attesta l’impegno e l’obiettivo condiviso di lavorare insieme sui temi della contemporaneità”.

L’evento offre un lavoro di contestualizzazione storica e stilistica nella vicenda espositiva dell'artista, collocata in un periodo florido per l’arte italiana e in cui si affacciano le avanguardie dell’inizio ‘900. Uno scultore che intrattenne, come tanti altri, artisti e intellettuali del suo tempo, relazioni con lo stato fascista, lavorando su commissione di Benito Mussolini. E’ quanto attesta il ritratto realizzato nel 1942, una delle sue ultime opere, perdute, prima di essere tradito da quella stessa mano che lo aveva innalzato sull’olimpo dell’arte. Pochi mesi dopo, infatti, Leto fu carcerato come cospiratore antifascista, in quanto ritenuto troppo vicino agli ambienti culturali delle riviste “Corrente” e “Vita giovanile” che ruotavano intorno alla Milano dissidente, in posizione di rottura con il regime.

Leto Fratini, di cui mancava fino ad oggi un percorso attento e un’indagine ampia ed estesa sull’officina delle invenzioni plastiche scaturite dalla sua attività, è esposto e valorizzato per la prima volta in maniera organica e in un confronto con le sue fonti di ispirazione e i modelli della scultura antica e coeva. Grazie alla passione e all’impegno del nipote Marco Borgianni che ha messo a disposizione molte delle opere di proprietà della famiglia, la mostra accende i riflettori su un’ottantina di opere, testimoni di un periodo storico complesso, nel decennio 1935-1942, tra sculture e documenti vari di Leto Fratini, alcuni dei quali realizzati dagli amici del giovane artista, come il maestro Giannino Castiglioni e gli artisti Vanni Rossi, Carlo Paganini, Emilio Montagnani. Molti i lavori legati alla ritrattistica, provenienti dalla collezione di famiglia e da raccolte private, bassorilievi e bozzetti tra cui quello relativo alla Pala d’Altare per la Chiesa dell’Angelicum di Milano. Opere che documentano i modelli e i punti di riferimento artistici dell’artista di Vico d’Elsa. A Leto futurista, piaceva rivolgere lo sguardo all’arte antica, dall’armonia compositiva della statuaria greca alla sintesi di quella etrusca, all’espressività della scultura del Rinascimento toscano. Il vacuo della materia lo amava riempire con l’umanità, con l’arte che vivifica e dona espressività al soggetto.

L’evento si articola in due momenti, organizzato in collaborazione con l'Istituto Storico Toscano della Resistenza e dell'Età Contemporanea e sostenuto da varie aziende e istituti di credito del territorio. Sabato 21 aprile alle ore 17.00 è prevista l’Inaugurazione della mostra Leto Fratini. Anima e materia negli spazi dello Spedale dei Pellegrini (Barberino Val d’Elsa). L’evento sarà accompagnato dalla presentazione del saggio artistico a cura di Federica Chezzi. Martedì 24 aprile alle ore 21.00 si terrà nei locali del Palazzo comunale di Barberino Val d’Elsa la presentazione del saggio storico Leto Fratini, Scultore. Percorsi esistenziali e traiettorie dell'antifascismo tra Firenze e Milano a cura di Carmelo Albanese. La presentazione del progetto di ricerca su Leto Fratini è promosso dall'Unione Comunale del Chianti Fiorentino in collaborazione con l'Istituto Storico Toscano della Resistenza e dell'Età Contemporanea e con il patrocinio della Regione Toscana. La mostra resterà visitabile fino al 26 agosto 2018.
19/04/2018 13:13
Ufficio Stampa Associato del Chianti

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V