MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail

Carabinieri-Comando provinciale di Firenze
Nigeriana sottoposta a fermo per lesioni aggravate in Piazza Indipendenza: ha gettato dell’acido addosso ad un somalo
Altri interventi sul territorio
Carabinieri (foto Antonello Serino Redazione Met)
FIRENZE – Nigeriana sottoposta a fermo per lesioni aggravate in Piazza Indipendenza: ha gettato dell’acido addosso ad un somalo.

Verso le ore 22.30 di ieri 13 marzo, nella centrale Piazza Indipendenza, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Firenze hanno sottoposto a fermo d’indiziato di delitto per lesioni aggravate una 49enne nigeriana, nullafacente, con pregiudizi di polizia, irregolare sul territorio nazionale.
Una pattuglia di pronto intervento è intervenuta nella piazza in quanto la nigeriana lamentava di essere stata rapinata. Sul posto però i militari non hanno avuto riscontri di quanto asserito dalla donna, che appariva in stato di alterazione psicofisica dovuta ad assunzione di sostanze alcooliche. Ai Carabinieri, nel frattempo, si sono avvicinati due cittadini somali con regolare permesso di soggiorno, che hanno subito lamentato che poco prima la donna li aveva aggrediti immotivatamente con calci e pugni, accusandoli di averla rapinata, tant’è che erano stati costretti ad allontanarsi per evitare ulteriori violenze. Uno in particolare si è presentato con il volto sporco di sangue, lamentando dei forti bruciori poiché la nigeriana, oltre a colpirlo, gli aveva gettato in faccia probabilmente dell’acido. I militari allora hanno fatto delle verifiche sul luogo dell’aggressione e in un cespuglio hanno trovato una confezione di un prodotto commerciale a base di acido utilizzato per sturare bagni e lavandini, utilizzato proprio contro il somalo e che pertanto è stato sequestrato. Immediatamente l’uomo, molto sofferente, tramite 118, è stato portato all’ospedale Careggi, dove è stato ricoverato per ustioni di 3 grado al volto, nonché di primo e secondo al tronco ed alle mani, con una prognosi iniziale di 20 giorni.
La donna, sentito il PM di turno, stante la gravità della sua condotta ed anche perché priva di dimora e clandestina sul territorio nazionale, è stata sottoposta a fermo e tradotta al carcere di Solliciano.

FIRENZE – I Carabinieri della Compagnia Oltrarno arrestano un altro spacciatore di eroina nei pressi di una scuola lungo la linea 1 della tramvia.

I Carabinieri della Compagnia di Firenze-Oltrarno assestano un altro colpo agli spacciatori di eroina sul tratto della linea 1 della Tramvia che va dalle fermate di “Aldo Moro” a quella di “Paolo Uccello”- Dall’autunno scorso sono ben 12 gli spacciatori tratti in arresto, 9 quelli denunciati a piede libero e 23 gli assuntori segnalati agli uffici della Prefettura, dati quest’ultimi che denotano l’efficacia dell’azione repressiva in atto.
Nella tarda mattinata di ieri 13 marzo, a cadere nella rete tesa dai militari in borghese del Nucleo Operativo è stato l’ennesimo immigrato irregolare proveniente dalla Nigeria, M.E., 26enne pregiudicato, che – notato aggirarsi con fare sospetto nei pressi della fermata Arcipressi – è stato prima seguito in una strada limitrofa e poco dopo osservato mentre cedeva, nelle immediate vicinanze ove sorge l’Istituto Tecnico Meucci, una dose di circa mezzo grammo di eroina ad un consumatore italiano, M.S. 53enne di Barberino del Mugello (FI), quest’ultimo segnalato quale assuntore alla locale Prefettura.
I militari appostati a breve distanza dal luogo della cessione sono intervenuti arrestando nella flagranza lo spacciatore che, a seguire, è stato condotto presso in camera di sicurezza della Compagnia Oltrarno in attesa del giudizio direttissimo previsto nella mattinata odierna. Oltre allo stupefacente, a seguito di perquisizione personale, a carico dell’arrestato è stato anche operato il sequestro della somma in contante di € 80, giudicata provento dell’illecita attività di spaccio.

BORGO SAN LORENZO – Arrestato per spaccio di stupefacenti un cittadino gambiano ospite di un centro di accoglienza di Scarperia.

Questa mattina i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Borgo San Lorenzo e della Stazione di Scarperia hanno tratto in arresto I.A., 26enne cittadino del Gambia, dal 2016 ospite di un centro di accoglienza straordinaria ubicato nel comune di Scarperia e San Piero, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP Dott. Sara Farini.
Gli operanti, nel corso delle attività di controllo del territorio volte a contrastare la diffusione delle droghe tra i giovani ed i giovanissimi, hanno condotto un’attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Firenze (Sost.Proc. Dott. Leopoldo De Gregorio), che ha portato all’identificazione del 26enne gambiano quale spacciatore di sostanze stupefacenti del tipo marijuana a minorenni del luogo.
Gli elementi raccolti hanno permesso di rilevare un’attività continuativa e mirata di spaccio di droghe leggere, da dicembre 2017 a febbraio 2018, che avveniva nei comuni di Borgo San Lorenzo e Scarperia. I militari hanno documentato che almeno otto diversi clienti minorenni del luogo contattavano periodicamente il giovane straniero per rifornirsi della marijuana.
Il piccolo business messo in piedi fruttava allo spacciatore dalle cinque alle dieci euro a dose, per una media di almeno dieci cessioni settimanali.
L’accusa nei suoi confronti è spaccio di sostanze stupefacenti con l’aggravante di aver ceduto la droga a persone minorenni. Per lui si sono aperte le porte del carcere di Sollicciano.

SCANDICCI - Arrestato 37enne pregiudicato per evasione dagli arresti domiciliari

Nel pomeriggio di ieri, i Carabinieri della Stazione di Scandicci, durante un servizio di controllo del territorio, hanno arrestato un 37enne pregiudicato del luogo per evasione dagli arresti domiciliari, sorpreso mentre passeggiava nel centro cittadino quando invece avrebbe dovuto trovarsi agli arresti domiciliari presso la sua abitazione. La misura era stata disposta dal Tribunale di Firenze per reati contro il patrimonio. L’uomo, dopo essere stato dichiarato in arresto per evasione dagli arresti domiciliari, è stato trattenuto in camera di sicurezza in attesa del giudizio direttissimo che si terrà nella mattinata odierna
14/03/2018 12:09
Carabinieri-Comando provinciale di Firenze

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V