MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail

Conservatorio Cherubini
Conservatorio Luigi Cherubini: “Vetrina di libri”
Torna il ciclo di presentazioni con interventi musicali di docenti e studenti del Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze, da sabato 17 febbraio
sabato 17 febbraio alle ore 16:30

Sala del Buonumore – Pietro Grossi (ingresso libero)

presentazione di:
Mario Castelnuovo-Tedesco.Un fiorentino a Beverly Hills, di Angelo Gilardino

Mario Castelnuovo-Tedesco, La penna perduta. Scritti 1919-1936, di Mila De Santis

Alla Sala del Buonumore – Pietro Grossi torna “Vetrina di libri”, la rassegna curata dalla Prof.ssa Anna Menichetti, con interventi musicali di docenti e studenti del Conservatorio a cura della Prof.ssa Donata Bertoldi (sabato 17 febbraio, inizio ore 16:30, ingresso libero – Piazza delle Belle Arti 2, Firenze).

In occasione del cinquantesimo anniversario della morte del compositore fiorentino Mario Castelnuovo Tedesco sarà presentato il libro di Angelo Gilardino Mario Castelnuovo Tedesco - Un fiorentino a Beverly Hills (Milano, Curci Editore Cidim, 2018).

La biografia di Angelo Gilardino su Mario Castelnuovo-Tedesco apre un capitolo nuovo per l’analisi di un autore che visse con dolore il periodo dell’esilio per le leggi razziali, di cui quest'anno ricorre il 60° anniversario della promulgazione, e che a causa di esso fu a lungo dimenticato e finalmente oggi riscoperto. Gilardino riporta, così, a galla, l’uomo e l’artista secondo un proprio e approfondito modo di osservazione, sostenuto da una ravvicinata conoscenza che lo vedeva suo amico e collega stimato. Come sempre nelle sue pubblicazioni, ci troviamo immersi in un racconto dettagliato, competente e affettuoso del personaggio, visioni accompagnate in questo caso anche dalla presenza sommessa ma determinante della nipote Diana Castelnuovo-Tedesco che ne ha redatto la Prefazione. Il libro si avvale di un importante apparato iconografico rappresentativo dell’epoca e dell’autore e di una “schematica cronologia intitolata La mia vita” che Castelnuovo-Tedesco scrisse nel 1996 e che Gilardino rielabora e propone per rendere ancor più vivo l’aspetto umano e psicologico del grande compositore, senza contare l’approfondimento analitico e storico del suo sofferto tragitto compositivo. Inoltre, sottolinea l’autore nel Prologo, “oggi non meno di allora, il razzismo, l’intolleranza … occupano la scena politica, sociale e artistica italiana” e questo volume possiede, perciò, un peso qualitativo e ideologico sostanziale nel panorama attuale.


In questa occasione sarà inoltre presentato, alla presenza dell'autrice, il testo Mario Castelnuovo-Tedesco, La penna perduta. Scritti 1919-1936, Edizione critica e saggio introduttivo della Prof.ssa Mila De Santis (Ariccia Roma, Ed. Aracne, 2017).

Mila De Santis ((Università di Firenze – SAGAS) ci porta a leggere un aspetto importantissimo dell’attività artistica di Mario Castelnuovo-Tedesco: la sua presenza di critico musicale tra il 1919 e il 1936: anni cruciali per l’Europa tutta e per il compositore che da lì a breve sarà colpito dalle leggi razziali e dovrà vivere, come tanti artisti, l’esilio negli Stati Uniti. La penna perduta è dunque la raccolta di saggi critici che De Santis ci sottopone con la sua revisione ed edizione critica, accompagnate da un’ampia introduzione che osserva tutta l’area italiana di azione degli anni presi in considerazione, riguardanti le radici, la formazione e le storie appartenenti a un momento specifico del Novecento. Dagli scritti dell’autore si possono visionare il suo pensiero, il raggio d’azione e i costumi del trattamento critico della musica di quegli anni in un panorama vasto non solo italiano ma internazionale: scritti dedicati a Casella, Stravinskij, De Falla ma anche Mozart a Firenze, Pizzetti alla Scala: un mondo di creazioni e spettacoli che, malgrado le serie difficoltà storiche affrontate fra le due guerre, rendeva quello spaccato di secolo un crogiolo di infinita creatività. Il libro si avvale di indici generali e indici degli scritti dell’autore, accurati e utilissimi per lo studio e la fruizione.

A seguire (ore 18) concerto con musiche di Mario Castelnuovo Tedesco a cura delle classi di canto, chitarra e musica da camera del Conservatorio Cherubini.


Per ulteriori informazioni http://www.conservatorio.firenze.it , infoline al numero 055.2989311

Programma concerto omaggio a Mario Castelnuovo-Tedesco (1895-1968):


da Les guitares bien tempérées op. 199 (1962)
Per due chitarre
Preludio e Fuga in La minore
- Preludio, Andante molto mosso, Fuga, Moderato e Tranquillo
Preludio e Fuga in Sib Maggiore
- Preludio, Allegretto scherzando, alla rumba, Fuga, Allegretto burlesco - alla Marcia

Daniele Mugelli e Luca Scofano, duo di chitarre
Classe di Musica da camera prof. Fulvio Caldini

da The Divan of Moses-Ibn-Ezra, A cycle of Songs for Voice and Guitar
op. 207
Quattro Songs per voce e chitarra
- The Dove that nests in the Tree-top
- Wrung with anguish
- Fate has blocked the
- Wouldst thou look upon me me in My grave

Francesca Scarsi, soprano
Ilaria Pratesi, chitarra
Doriana Tavano, voce recitante

(Estratto Progetto Omaggio a Mario Castelnuovo-Tedesco (1968-2018)
Classe di Canto prof.ssa Ester Castriota
Classi di chitarra proff. Francesco Romano e Francesco Cuoghi

Sonatina op. 205 per flauto e chitarra (1965)
Allegretto grazioso
Tempo di Siciliana (Andantino grazioso e malinconico)
Scherzo-Rondò
Feyza Nur Sagliksever, flauto
Tommaso Tarsi, chitarra
Classe di musica da camera prof.ssa Daniela De Santis


CALENDARIO VETRINA DI LIBRI

Sabato 17 febbraio Sala del Buonumore "Pietro Grossi"
Mario Castelnuovo Tedesco a cinquant'anni dalla morte

Angelo Gilardino, Mario Castelnuovo-Tedesco. Un fiorentino a Beverly Hills, Milano, Ed. Curci – Cidim, 2018.
Mario Castelnuovo-Tedesco, La penna perduta. Scritti 1919-1936, Edizione critica e saggio introduttivo di Mila De Santis, Ariccia Roma, Ed. Aracne, 2017

Martedì 13 marzo
Biblioteca del Conservatorio

Maurizio Agamennone, Cantar ottave, per una storia culturale dell’intonazione cantata in ottava rima, Roma, ed. Squilibri, 2017
F. Giannattasio e G. Giuriati, Perspectives on a 21st century comparative musicology: Ethnomusicology or trans cultural musicology?, Udine, ed. Nota, 2017.

Mercoledì 28 marzo
Sala del Buonumore "Pietro Grossi"

Mirio Cosottini, Metodologia dell'improvvisazione musicale, Pisa, ed. ETS, 2017.

Mercoledì 11 aprile Sala del Buonumore "Pietro Grossi"
Vania Dal Maso, Teoria e pratica della musica italiana del Rinascimento, Lucca, Lim, 2017

Mercoledì 18 aprile Biblioteca del Conservatorio
Lauro Graziosi, La qualità del sentire. Ovvero critica della “ragion” musicale, Milano-Udine, Mimesis, 2017.

Mercoledì 9 maggio Biblioteca del Conservatorio
Anna Giust, Cercando l’opera russa. La formazione di una coscienza nazionale nel teatro musicale del Settecento, Premio per la ricerca in discipline musicologiche, Milano, Edizioni Amici della Scala – Feltrinelli, 2014.

Mercoledì 23 maggio
Sala del Buonumore "Pietro Grossi"

Stefano Zenni, Che razza di musica. Jazz blues soul e le illusioni del colore, Torino, EDT, 2016.

Mercoledì 6 giugno
Sala del Buonumore "Pietro Grossi"
Teodulo Mabellini, Maestro dell’Ottocento musicale fiorentino, a cura di Claudio Paradiso, Roma, SEdM, 2017
13/02/2018 16:46
Conservatorio Cherubini

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V