MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail

Unione dei Comuni Circondario Empolese Valdelsa
Dall’emergenza all’integrazione tramite il progetto Sprar
Salto di qualità nell’accoglienza grazie ad un finanziamento di oltre tre milioni di euro ottenuto dall’Unione dei Comuni dell’Empolese Valdelsa e dall’ATI composta da Oxfam Italia, CO&SO Empoli, Misericordie di Empoli e di Certaldo
Nei Comuni dell’Empolese Valdelsa inizia la fase due dell’accoglienza dei richiedenti protezionale internazionale. Dai diritti e dall’emergenza si passa ai doveri dei nuovi cittadini e ad un lavoro di integrazione che prevede l’inserimento di coloro che hanno già ottenuto lo status di rifugiato.
Questo deciso salto di qualità lo si avrà grazie alla vittoria di un bando alla quale l’Unione dei Comuni ha partecipato insieme ad un’ATI, un’associazione temporanea di impresa, formata da Oxfam Italia, CO&SO Empoli, e dalle Misericordie di Empoli e di Certaldo.

Grazie al finanziamento di oltre tre milioni di euro ottenuto dal Ministero dell’Interno si potrà dar vita ad un sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (SPRAR) della durata di tre anni che garantisca interventi di “accoglienza integrata” che prevedano in modo complementare anche misure di informazione, accompagnamento, assistenza e orientamento, attraverso la costruzione di percorsi individuali di inserimento socio-economico.
Il progetto punta infatti sull’inclusione lavorativa e sociale di 75 richiedenti asilo o rifugiati che saranno accolti in alcuni appartamenti tra Empoli, Castelfiorentino, Certaldo e Fucecchio.

Le azioni principali promosse sono: corsi di italiano avanzato, servizi di mediazione linguistico-culturale, formazione professionale specifica, orientamento e accompagnamento all’inserimento lavorativo ed ai servizi del territorio, misure per l’inserimento abitativo e sociale, oltre ad un supporto legale in merito alle pratiche con le Prefetture.
Collaborano alla buona riuscita del progetto educatori, avvocati, mediatori linguistici, orientatori professionali e docenti di italiano.

“Ora il nostro territorio – ha detto Claudio Freschi, presidente di CO&SO Empoli – la nostra comunità e noi tutti saremo messi alla prova. Per fare cosa? Dovremo dimostrare la volontà, la capacità, e le competenze di aiutare questi ragazzi a crescere in autonomia per integrarsi nella nostra società civile. L’Empolese Valdelsa si è sempre dimostrato capace di coniugare bisogni e risorse. Nessuno è escluso da questa responsabilità: noi terzo settore per primi, i politici, gli imprenditori, la Chiesa locale, i sindacati, i media e ogni cittadino e famiglia. Come sempre riusciremo”
“Questo – ha detto Alessandro Bechini, direttore della cooperativa Oxfam Italia Intercultura - è il risultato di uno sforzo collettivo portato avanti dagli uffici comunali e dal terzo settore. Credo che rappresenti il meglio di quello che c’è sul territorio in merito all’accoglienza. Si tratta del naturale sbocco di un’attività sul campo che ha come focus l’inclusione lavorativa e sociale”.
02/06/2017 14:12
Unione dei Comuni Circondario Empolese Valdelsa

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V