MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail

Comune di Vicchio
Venerdì 26 Maggio alle 17 alla biblioteca Comunale di Vicchio doppio appuntamento tra letteratura e teatro alla vigilia della XVI Marcia di Barbiana

Il processo intentato al priore di Barbiana al centro del libro di Mario Lancisi. Anche Papa Francesco renderà onore al “reo” Don Milani il prossimo 20 Giugno
La vigilia della Marcia di Barbiana sarà caratterizzata a Vicchio da due importanti eventi, inseriti nel programma dei 50 anni dalla morte di Don Lorenzo Milani. Il Comune di Vicchio in collaborazione con l’Istituzione Don Milani, la Fondazione Don Milani ed il Centro Documentazione di Don Lorenzo Milani e Scuola di Barbiana e grazie all’impegno della Regione Toscana ha infatti promosso una serie di iniziative per celebrare al meglio la figura di Don Lorenzo Milani nel cinquantenario dalla sua scomparsa.
Venerdì 26, dalle ore 17, la giornata si aprirà alla Biblioteca Comunale con la presentazione di un libro che farà luce su uno dei momenti più importanti della vita di Don Lorenzo Milani. Mentre si avvicina la data storica della visita del papa a Barbiana, il 20 giugno prossimo, in questo libro si ricorda che cinquant'anni fa, dopo la morte, avvenuta il 26 giugno 1967, don Lorenzo Milani fu condannato dalla corte di appello per la sua lettera ai cappelani militari. La sentenza non potè essere eseguita, ma di don Milani fu scritto: reo.
"Ad indicare il suo essere prete scomodo per la sua famiglia, la Chiesa, ma anche lo Stato, che lo condannò nell'ambito del processo sull'obiezione di coscienza", racconta il giornalista e biografo Mario Lancisi, autore di Processo all'obbedienza. La vera storia di don Milani, edito da Laterza. Il libro verrà presentato alla Biblioteca comunale di Vicchio alla presenza dell’autore che ripercorrerà le tappe di quel processo, conclusosi il 15 febbraio del 1966 a Roma, destinato a segnare la storia politica e culturale del nostro paese, nel quale don Lorenzo Milani venne processato per il reato di apologia e incitamento alla diserzione e alla disobbedienza civile.
La colpa del priore di Barbiana era quella di aver scritto la Lettera ai cappellani militari in cui aveva difeso l'obiezione di coscienza al servizio militare e il dovere della disobbedienza a ordini sbagliati. Nel pieno della guerra fredda, questa provocazione doveva essere punita in modo esemplare. Don Lorenzo, già gravemente malato, si difese con una Lettera ai giudici poi pubblicata in “L'obbedienza non è più una virtù”, uno dei testi antesignani del '68 italiano. Assolto in primo grado, il priore di Barbiana fu condannato nel processo di appello, tenutosi nell'ottobre del 1967 ma la pena fu estinta per la morte del "reo" avvenuta il 26 giugno dello stesso anno. Disobbediente alla sua famiglia, alla Chiesa e allo Stato in nome di un'obbedienza a Dio e ai poveri, questa condanna conferisce, mezzo secolo dopo la sua morte, dolore e stupore alla vera storia di don Milani, vissuta come ha scritto Mario Luzi, «nel fuoco della controversia».
Seguendo il filo della vicenda processuale, il libro ricostruisce il clima di quegli anni cruciali, i dibattiti e le polemiche intorno al Concilio Vaticano II, il ruolo e il peso di personalità straordinarie come il teologo del dissenso Ernesto Balducci, il 'sindaco-santo' Giorgio La Pira e il cardinale di Firenze Ermenegildo Florit. E soprattutto ricorda a tutti noi la grande lezione di don Milani: non esiste obbedienza vera, profonda, non formale, senza disobbedienza come processo critico di assunzione di responsabilità.

Sempre Venerdì 26 Maggio alle ore 21, l’appuntamento sarà al Teatro Giotto di Vicchio con la prima assoluta dello spettacolo di Claudio Ascoli “Lettera a una professoressa”. Lo spettacolo teatrale, liberamente ispirato al libro-creazione collettiva degli allievi di Barbiana, vedrà la partecipazione di Sissi Abbondanza e Monica Fabbri ed è un omaggio della Compagnia Chille de la Balanza nel 50esimo della scomparsa di Don Milani e della stesura di Lettera a una professoressa.
24/05/2017 15:47
Comune di Vicchio

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V