MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail

Prefettura di Firenze
PREFETTURA DI FIRENZE: PROTOCOLLO D'INTESA SULLA SICUREZZA NEI CANTIERI
Firmato oggi in Prefettura l'accordo per la regolarità e sicurezza del lavoro nei cantieri delle opere pubbliche.
Sicurezza nei luoghi di lavoro, contrasto della manodopera irregolare, prevenzione di infiltrazioni della criminalità organizzata. Questi gli obiettivi principali dell’innovativo protocollo d’intesa firmato oggi dal Prefetto Gian Valerio Lombardi e dal Sindaco di Firenze Leonardo Domenici, insieme alla Direzione Provinciale del Lavoro, all’ASL di Firenze e alle confederazioni sindacali dei lavoratori CGIL CISL e UIL e di settore FILLEA CGIL, FILCA CISL e FENEAL UIL.

La contemporanea apertura di numerosi cantieri edili nell’area metropolitana fiorentina per la realizzazione di importanti opere pubbliche ripropone alle istituzioni la necessità di intervenire, con iniziative coordinate e sinergiche, per garantire la trasparenza e regolarità nelle procedure di appalto e il rispetto della normativa vigente in tema di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro.

Obiettivo del protocollo sottoscritto oggi quello di individuare una serie di misure di prevenzione e controllo che riguarderanno le opere pubbliche di valore superiore a un milione di euro e che, comunque, rappresenteranno un punto di riferimento per gli appalti di valore inferiore.

L’accordo prevede la costituzione di un gruppo tecnico presso la Direzione Provinciale del Lavoro, di cui faranno parte rappresentanti del Comune, dell’Ufficio Provinciale del Lavoro, dell’ASL 10 e un delegato di ciascuna organizzazione sindacale firmataria.
Lo scopo sarà quello di assicurare un reciproco scambio di informazioni sulla conduzione dei cantieri, verificare il livello di sicurezza, lo stato di avanzamento dei lavori, le modifiche progettuali, la regolarità contributiva e contrattuale delle imprese coinvolte e la corretta attivazione di eventuali subappalti e subcontratti.
Il Comune di Firenze comunicherà al gruppo di lavoro ogni genere di informazione sugli affidamenti di lavori, sulle concessioni di opere pubbliche e sulle finanze di progetto di valore superiore a un milione (oggetto dell’appalto, luogo, generalità dell’impresa aggiudicataria, valore contrattuale netto, ribasso d’asta, inizio e fine dei lavori, eventuale previsione di subappalti e subcontratti, modalità di verifica dell’idoneità tecnico-professionale delle imprese esecutrici e dei lavoratori autonomi).

Per prevenire il lavoro irregolare, alle imprese affidatarie delle opere verrà richiesto di attivare sistemi di rilevazione in tempo reale delle presenze dei lavoratori. Lo stesso obbligo varrà per tutte le imprese presenti all’interno dei cantieri, indipendentemente dai rapporti contrattuali (forniture, trasporti, servizi, ecc.). Inoltre i lavoratori dovranno essere muniti di un cartellino di riconoscimento. Per una ulteriore maggiore tutela, in tutti i capitolati di appalto, sarà inserita la clausola che l’impiego di manodopera non in regola con gli obblighi contributivi costituirà grave inadempimento e causa di risoluzione del contratto.

Il protocollo prevede anche una serie di misure per prevenire tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata negli appalti di opere pubbliche e assicurare la massima trasparenza e regolarità delle procedure di aggiudicazione dei lavori. Al Gruppo Interforze, organismo di controllo già operativo in Prefettura - di cui fanno parte rappresentanti di Questura, Carabinieri, GICO della Guardia di Finanza, DIA, Direzione Provinciale del Lavoro e Servizio Integrato Infrastrutture e Trasporti (ex Provveditorato alle Opere Pubbliche) - sarà messa a disposizione tutta la documentazione relativa agli appalti, subappalti e subaffidamenti. Nel caso emergessero tentativi di infiltrazione ci sarà l’automatico e immediato scioglimento del vincolo contrattuale o la revoca dell’autorizzazione al sub-contratto e sub-affidamento. Il protocollo d’intesa recepisce, inoltre, le indicazioni date dall’Autorità per la Vigilanza sui lavori Pubblici con la Determinazione n. 6 del 27 febbraio 2003, emanata al fine di assicurare una rete di protezione per gli appalti pubblici.

Massima attenzione sarà, infine, riservata all’applicazione della normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro e verranno effettuati periodici controlli per verificare i piani che le imprese affidatarie devono predisporre per legge.(s.l.)
06/05/2005 19:49
Prefettura di Firenze

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V