MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail

IBIMET - CNR
Cnr-Ibimet. La Toscana nel passato
Domani, mercoledì 28 gennaio alle ore 16:30 - Sala Nesti, Villa Montalvo
La Toscana nel Passato (replica) Quando gli antenati di daniza vivevano in pace in toscana – ominidi, orsi ed altre belve nella antica toscana
Mercoledì 28 gennaio - Caffè-scienza Campi 16:30
Sala Nesti, Villa Montalvo - Via di Limite 15 Campi Bisenzio

In collaborazione con Auser Campi Bisenzio
Con: Saverio Bartolini e Omar Cirilli - Paleontologi

Modera Aldo Piombino, blogger scientifico

I due relatori, giovani paleontologi freschi di laurea, ci parleranno dei mammiferi fossili in due ambienti completamente diversi, facendoci vedere l'incredibile biodiversità degli ultimi 8 milioni di anni della storia della Toscana: lontani parenti degli umani vivevano a contatto con leoni, cervi anche giganteschi, elefanti e tantissimi altri animali fra cui gli orsi. Poi con l'arrivo del freddo delle glaciazioni parte di questa fauna scompare e ne arriva altra più adatta al nuovo clima più rigido, compresi gli Homo.
In Maremma, a Baccinello (uno dei siti paleontologici più interessanti e ricchi d’Italia) 8 milioni di anni viveva un insieme di animali preistorici ricchissimo, il cui simbolo è un nostro lontano parente, l'Oreopiteco. In seguito ad un cambio faunistico arriveranno poi animali comuni in altre zone europee come rinoceronti, cavalli ed altri erbivori.
Nella più recente grotta di Equi Terme, tra le Apuane e la Lunigiana, fino a poco più di 30 mila anni fa vivevano giganteschi orsi delle caverne, insieme a pipistrelli, caprioli, cervi, capre, cinghiali e uccelli ma anche camosci, stambecchi, marmotte e predatori come linci, leoni e leopardi! Tutti questi animali usarono la grotta per come tana e riparo dal clima rigido dei periodi glaciali. Insieme a loro i Neandertaliani, di cui si trovano manufatti litici e sepolture. Successivamente l’uomo moderno vi ha abitato più volte, usandola come luogo di sepoltura, riparo e, in tempi recenti, perfino come santuario rupestre.
Insomma, orsi, leoni e leopardi abitavano la Toscana di poche decine di migliaia di anni fa, fino a quando il clima e la convivenza con gli umani hanno portato queste faune a scomparire.
27/01/2015 11:52
IBIMET - CNR

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V