MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail

Società della Salute Sud Est
SDS SUD: ESTPROROGATO FINO AL 31 AGOSTO IL PROGETTO ESTATE SICURA ANZIANI NELLA ZONA
la SdS zona fiorentina Sud Est ha deciso di prorogare il progetto “Estate Sicura Anziani” fino al 31 agosto. Il progetto che, prevede una serie di interventi a favore dei cittadini ultrasettantacinquenni, per contrastare i disagi e le difficoltà causate dall’ innalzamento della temperatura nel periodo estivo, sarà attivo in tutti i Comuni della zona per tutti i casi già in carico, cioè per tutte le persone che stanno già beneficiando del progetto.
Da oggi non sarà più attivo il numero verde, ma le person
Viste le necessità delle persone che hanno usufruito dei servizi del progetto “Estate Sicura Anziani” la SdS zona fiorentina Sud Est ha deciso di prorogarlo fino al 31 agosto. Il progetto che, prevede una serie di interventi a favore dei cittadini ultrasettantacinquenni, per contrastare i disagi e le difficoltà causate dall’ innalzamento della temperatura nel periodo estivo, sarà attivo in tutti i Comuni della zona ((Bagno a Ripoli, Barberino Val d’Elsa, Figline Valdarno, Greve in Chianti, Impruneta, Incisa Val d’Arno, Londa, Pelago, Pontassieve, Reggello, Rignano sull’Arno, Rufina, San Casciano Val di Pesa, San Godenzo, Tavarnelle Val di Pesa) per tutti i casi già in carico, cioè per tutte le persone che stanno già beneficiando del progetto.
Da oggi non sarà più attivo il numero verde, ma le persone anziane che avessero necessità di aiuto possono rivolgersi ai servizi sociali dei propri Comuni di residenza, che attiveranno la segnalazione.
Nello specifico si ricorda che il progetto prevede eventuali visite e contatti periodici, aiuto nelle azioni quotidiane e nella cura personale, compagnia, disbrigo pratiche, consegna spesa e pasti a domicilio, aiuti nei servizi a domicilio etc.. L’invito per tutti è comunque di seguire delle regole di buon senso, come bere molto, stare in casa nelle ore più calde della giornata, usare indumenti in fibre naturali etc..come si evince dal “Decalogo per combattere il caldo”
Estate Sicura Anziani nasce ad integrazione e sviluppo delle attività socio-sanitarie nell’ambito della SdS Sud Est in collaborazione con i Medici di famiglia, i Servizi Sociali dei Comuni, le Associazioni di Volontariato, le Cooperative Sociali e le Reti di Solidarietà locali.
CONSIGLI PER GLI ANZIANI - “IL DECALOGO PER COMBATTERE IL CALDO”
1. Per compensare la perdita di sodio, senza affaticare l’apparato digerente, è bene mangiare poco, preferendo il pesce alla carne e il formaggio fresco a quello stagionato. Pasta sì ma solo una volta al giorno e senza esagerare, inoltre è bene limitarsi alla crosta del pane, per evitare i grassi contenuti nella mollica.
2. Bere spesso, almeno dieci bicchieri d’acqua al giorno. Bere anche il tè, mentre sono da evitare le bevande gassate (specie se contengono caffeina) e troppo caffè: sono diuretiche e causano una perdita di liquidi anziché rimpiazzarli.
3. Vietato l’alcool, che è un vasodilatatore e aumenta la frequenza cardiaca, con tutti i rischi che derivano per persone avanti negli anni.
4. No alle bevande ghiacciate: il pericolo congestione è dietro l’angolo.
5. Bene i frullati, sorbetti e gelati alla frutta. Gli esperti mettono in guardia però da quelli alla crema: dopo una sensazione iniziale di fresco, questi dolci ricchi di burro e più pesanti, provocano più sete.
6. L’afa si può combattere anche con gli abiti: quando fa più caldo è bene preferire le fibre naturali, come lino e cotone, perché il sintetico scalda.
7. Quando si va fuori casa, poi, è bene coprirsi il capo e fare attenzione agli occhi: le congiuntiviti sono in agguato; mai dimenticare gli occhiali da sole.
8. Nei giorni più torridi è meglio uscire di casa solo al mattino presto e dopo il tramonto, arieggiare la casa nelle prime ore del giorno e poi chiudere vetri e imposte.
9. Occhio ai condizionatori: sono utili, ma è bene non creare uno sbalzo di temperatura troppo elevato (al massimo cinque o sei gradi). Gli anziani dovrebbero evitare il ventilatore, che aumenta la disidratazione. Bene, invece, il deumidificatore.
10. Se si prova una sensazione di svenimento o mancamento, è bene distendersi subito, se possibile, in ambiente fresco e rimanere un po’ a riposo.

19/08/2013 14:28
Società della Salute Sud Est

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V