MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail

Diocesi di Pistoia
PISTOIA: BIANCHI: ESISTONO ANCORA CATTOLICI IN POLITICA?
Appello alle comunità cristiane toscane: “Riappropriatevi della dottrina sociale, mettete in gioco nuove identità cristiane”. Il saluto del vescovo di Pistoia e vicepresidente CET

“Dobbiamo chiederci, noi per primi, con verità che non ha difese, se ci siano ancora dei cattolici in politica e nell’impegno sociale, se le nostre chiese abbiano la forza e la sensibilità per generarne”. Così, Mansueto Bianchi vescovo di Pistoia e vicepresidente dei vescovi toscani, nel saluto alla prima Settimana Sociale dei cattolici toscani che si è aperta oggi a Pistoia e che vedrà convenire, nei tre giorni di lavoro, circa 400 fra delegati e responsabili di associazioni ecclesiali toscane.

“Dobbiamo chiederci – ha proseguito – se viviamo di residualità, se cerchiamo di prolungare una luce vespertina oppure se, come credo, la dottrina sociale della chiesa è una potenzialità di motivazioni e di scelte che può e deve generare presenze incisive di laici cattolici nell’impegno sociale e politico, nella elaborazione culturale”.
“Stiamo attraversando una stagione drammatica – ha aggiunto – una stagione che sta sgretolando progetti e futuro di persone e di famiglie, che sta ponendo intere fasce sociali sotto il segno di una angosciosa incertezza, evidenzia il fallimento di modelli di sviluppo e di relazioni economiche, la debolezza delle istituzioni, lancia nuove sfide di respiro antropologico ed infine espone l’umiliante povertà di percorsi politici”.

Ricordato come fu proprio Pistoia, nel 1907, a ospitare la prima delle Settimane Sociali dei cattolici italiani, il vescovo Mansueto ha sottolineato “la dimensione sociale della fede” e la necessità che i cattolici “siano portatori di una visione evangelica della storia, capaci di spirituale discernimento, di dare nuovo e vigoroso significato alle nostre antiche parole, di collaborazione con identità culturali diverse, di mediazione e realismo, di porsi ove occorra come segno di contraddizione”.
Forte l’invito del vicepresidente CET (Conferenza Episcopale Toscana) alle comunità cristiane della regione affinché “si riapproprino del pensiero sociale cristiano, ne impastino la loro cultura e la loro coscienza, la rendano mentalità di popolo perché nuove identità cristiane si mettano in gioco, a vari livelli, nel presente e nel futuro della Regione”.
03/05/2013 16:04
Diocesi di Pistoia

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V