MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail

Confservizi Cispel Toscana
TARES, APPELLO DI DE GIROLAMO AL NUOVO PARLAMENTO: “LA REVISIONE DEL TRIBUTO SIA AFFRONTATA FRA LE PRIMISSIME PRIORITÀ DELLA LEGISLATURA”
“Urgente una soluzione per evitare gravi conseguenze per le aziende e i cittadini dall’entrata in vigore delle regole di applicazione del nuovo tributo introdotto dal Governo Monti per la copertura dei costi del servizio di gestione dei rifiuti urbani e di altri servizi locali indivisibili”, ha detto il presidente di Confservizi Cispel Toscana, avvertendo che “il mantenimento delle scadenze previste dalla legge rischia di portare al collasso il servizio in molte città italiane ed anche in Toscana”
“E’ urgente che il nuovo Parlamento affronti subito il problema della Tares, il nuovo tributo introdotto dal Governo Monti per la copertura dei costi del servizio di gestione dei rifiuti urbani e di altri servizi locali indivisibili come la manutenzione stradale, l’illuminazione pubblica e la polizia locale, chiedendo al Governo di rinviarla al 2014”. Questo l’appello rivolto ai parlamentari, e in particolare a quelli toscani, che oggi si sono riuniti per la prima volta in assemblea, dal presidente di Confservizi Cispel Toscana, Alfredo De Girolamo, per impedire che le scadenze previste dalla legge per il pagamento della Tares da parte dei comuni provochino gravi squilibri finanziari nei bilanci delle aziende di gestione dei rifiuti nonché ulteriori pesanti problemi agli utenti siano essi commercianti, piccole medie imprese, fino alle utenze domestiche.

La conversione in legge del decreto prevede, infatti, per il mese di luglio l'emissione da parte dei comuni della prima rata della Tares 2013, che è anche più onerosa per i cittadini e per le aziende, che non potranno scaricare più l'Iva. Le aziende riceveranno perciò il primo pagamento da parte dei comuni nei mesi di agosto o settembre: “Il mantenimento di questa scadenza rischia di portare al collasso il servizio in molte città italiane ed anche in Toscana”, avverte De Girolamo.

“Nell’ambito delle sue prerogative e nelle forme che riterrà più opportune – ha aggiunto il presidente di Confservizi Cispel Toscana – fra i primi atti della legislatura il nuovo Parlamento dovrebbe quindi convocare il Governo in carica, in particolare il Ministro Clini, per verificare le intenzioni a prendere in esame un immediato intervento di rinvio della Tares al 2014, cosi come richiesto anche dalle Regioni nella conferenza unificata di mercoledì 13 marzo”.

Al tempo stesso è necessario valutare l'opportunità di rivedere il meccanismo stesso di applicazione della Tares: “Il ritorno ad un tributo, infatti, nel caso dei comuni passati negli anni scorsi alla tariffa (quasi tutti in Toscana) – ha spiegato De Girolamo - rappresenta un passo indietro nel processo di industrializzazione della gestione dei rifiuti, processo che vedeva nella tariffa emessa e riscossa dal gestore la base per una gestione economica responsabile che superasse il meccanismo di finanza derivata”.
15/03/2013 13:06
Confservizi Cispel Toscana

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V