MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail

Confservizi Cispel Toscana
MERCATO DEL LAVORO: RIFORMA DA COMPLETARE ANCHE PER IL SETTORE DEI SERVIZI PUBBLICI
De Girolamo: “Anche le aziende dei servizi pubblici sono alla ricerca dell’ottimizzazione del fattore lavoro. La riforma Fornero risponde solo in parte alle esigenze”
“Il settore dei servizi pubblici, a forte intensità di lavoro, si è sempre caratterizzato per la tenuta dell’occupazione e la fortissima prevalenza di lavoro stabile, quindi per il basso ricorso alle forme di flessibilità conosciute in questi anni. Ora, di fronte alle sfide dell’apertura dei mercati, la nostra competitività, rispetto agli altri operatori che si presenteranno alle gare, dovrà essere giocata anche se non soprattutto sull’ottimizzazione del fattore lavoro”.

Lo ha detto Alfredo De Girolamo, presidente di Confservizi Cispel Toscana (le cui aziende associate contano complessivamente circa 14000 dipendenti), aprendo oggi a Firenze un seminario di approfondimento sulla legge Fornero. Nel ricordare le statistiche sulla disoccupazione in fase di peggioramento a livello nazionale (10,5%), anche se migliore in Toscana (7,7%) con qualche aumento proprio nel settore dei servizi, De Girolamo ha affermato che l’associazione di imprese ha da sempre condiviso la necessità e l’urgenza di una profonda riforma del mercato del lavoro, “con una politica tesa a tutelare “il lavoro” e non il “posto di lavoro”, secondo le migliori esperienze europee”.

Il provvedimento del Governo, tuttavia, “risponde solo in parte a questa esigenza, introducendo alcune novità positive, ma anche alcune scelte discutibili in termini di efficacia e di perseguimento degli obiettivi di un mercato del lavoro meno rigido”, ha aggiunto il presidente di Confservizi Cispel Toscana.

In primo luogo – ha osservato ancora De Girolamo – “non potranno esserci due mercati del lavoro paralleli, uno per le imprese pubbliche e uno per le imprese private. In questo senso vanno gli sforzi fatti in questi anni per riallineare i nostri contratti di lavoro nazionale con gli equivalenti contratti delle imprese private. Uno sforzo che andrà completato, a partire dalle vertenze in corso nel settore trasporto, casa e farmacie”.
11/09/2012 11:31
Confservizi Cispel Toscana

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V