MET

News dalle Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Firenze



Reg. Tribunale Firenze
n. 5241 del 20/01/2003

Provincia di Firenze
Via Cavour, 1 - Firenze
tel. 055 2760346
fax 055 2761276

Direttore responsabile:
Gianfrancesco Apollonio

Redazione:
Loriana Curri,
Simone Spadaro,
Claudia Nielsen,
Michele Brancale
Segreteria di redazione
Antonello Serino

e-mail

Consorzio Bonifica Toscana Centrale
EMERGENZA METEO: SITUAZIONE SOTTO CONTROLLO IN TOSCANA CENTRALE
Nessuna criticità è stata registrata sui corsi d’acqua del Chianti e della Valdelsa, ma la pioggia continua e i tecnici del Consorzio restano in allerta
Una foto d'archivio della Pesa in piena
E’ successo tutto in una notte: una paurosa ondata di maltempo ha interessato tutta la Toscana, creando purtroppo vittime e alcuni disagi e nelle zone maggiormente interessate dall’evento meteo che si è concentrato al confine con la Liguria. Nella mattinata del 26 ottobre la perturbazione sta continuando a spostarsi verso est, interessando al momento anche il territorio della Toscana Centrale, dove è piovuto abbondantemente, ma con una certa regolarità nel corso della notte e delle prime ore della mattinata e sta ancora continuando a piovere.
I millimetri cumulati di pioggia caduti finora dall’inizio della perturbazione sul bacino della Pesa sono stati 62 a Turbone (Montelupo F.no), 55 a Sambuca (Tavarnelle V.P.) e 59 a Radda in Chianti, facendo così raggiungere alla Pesa a Turbone un livello delle acque pari a circa 1 m e 20 cm.
Sul bacino della Greve si sono misurati a San Giusto (Scandicci): 49 mm di pioggia che hanno fatto alzare la Greve a Tavarnuzze di circa mezzo metro.
Situazione tutto sommato tranquilla anche in Val d’Elsa dove i pluviometri hanno segnato: 62 mm di pioggia a Castelfiorentino, 45 mm a Certaldo e 74 a Poggibonsi. Il fiume Elsa ha così aumentato le proprie acque di 90 cm a Certaldo, 68 cm a Castelfiorentino e 70 cm a Poggibonsi.
Nel pomeriggio è prevista comunque una lenta attenuazione dei fenomeni a partire dalle zone più occidentali con totale cessazione dei fenomeni intorno alle 15.
I tecnici del Consorzio non hanno ricevuto, in mattinata, alcuna segnalazione di pericolo dal territorio ma la vigilanza sulle opere idrauliche (argini, portelle, casse di espansione) e sui corsi d’acqua di propria competenza continuerà per tutto il giorno fino alla fine dell’allerta della Protezione Civile.
“Nel periodo estivo abbiamo regolarmente effettuato le manutenzioni di sfalcio e controllo della vegetazione su oltre 120 km di corsi d’acqua in modo da avere torrenti, fossi e canali nelle migliori condizioni possibili per accogliere le piogge autunnali” spiegano i tecnici del Consorzio. Il Consorzio, pur non avendo compiti diretti di Protezione Civile è infatti in costante contatto con gli uffici tecnici e le strutture di emergenza degli enti regionali, provinciali e comunali, in modo da offrire il proprio contributo sia in termini di prevenzione, che in caso di necessità. “Molte segnalazioni sullo stato dei corsi d’acqua ci arrivano direttamente dai Consorziati” spiega il Commissario Straordinario del Consorzio. “Ai nostri contribuenti chiediamo di indicare eventuali le criticità prima delle emergenze, in modo da effettuare interventi di prevenzione capaci di ridurre sensibilmente il rischio esondazioni e allagamenti”.
26/10/2011 12:20
Consorzio Bonifica Toscana Centrale

 

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, Partecipazione, E-Government, Quotidiano Met

Le notizie vengono riportate nel testo integrale trasmesso dalle amministrazioni

Elaborato con Web Publishing System
© copyright 2009 Studio Luca Maddalena - Tutti i diritti sono riservati
Studio Luca Maddalena

Grafica logo: CD&V